TOMBA DI GIULIA PRISCA SECONDA



SANTA MARIA NOVA
Per tornare, però, alla "Regina delle Strade", tra le tante scoperte che si sono svolte nei cimiteri che lo fanno, il 16 aprile 1485, durante il pontificato di Innocenzo VIII, rimane senza precedenti.

Ci sono stati tanti articoli pubblicati dagli scrittori moderni in riferimento a questo straordinario evento che potrebbe interessare i miei lettori a imparare la verità rivedendo le prove, come si trova nella sua semplicità originale. Mi limiterò a citare tali autorità perché ci permettono di accertare che cosa è avvenuto veramente in quel giorno memorabile. Il caso è di per sé così unico che non ha bisogno di amplificazione o di aggiunta di dettagli immaginari.



IL SARCOFAGO 
(Rodolfo Lanciani)


Ed ora consultiamo il diario di Antonio di Vaseli:

"Oggi, 19 aprile 1485, è giunta a Roma la notizia che un corpo seppellito mille anni fa è stato trovato in una fattoria di Santa Maria Nova, nella Campagna, nei pressi del Casale Rotondo. ... I Conservatori di Roma inviarono una bara a Santa Maria Nova molto elaborata e una compagnia di uomini per il trasporto del corpo nella città. 
Il corpo è stato posto per la mostra nel palazzo dei Conservatori, E grandi folle di cittadini e nobili sono andati a vederlo, il corpo sembra essere coperto da una sostanza gelatinosa, una miscela di mirra e di altri preziosi odori che attirano parecchie api. 
Le ciglia spesse, gli occhi, il naso e le orecchie sono perfetti, così come le unghie: sembra essere il corpo di una donna di buona dimensione, e la sua testa è coperta da un copricapo chiaro di filo d'oro intrecciato. 
I denti sono bianchi e perfetti, la carne e la lingua conservano il loro colore naturale, ma come la sostanza gelatinosa venne tolta via, la carne divenne nera in meno di un'ora. Molta cura è stata presa nella ricerca della tomba in cui il cadavere è stato trovato, nella speranza di scoprire l'epitaffio, con il suo nome; Deve essere un'illustre, perché nessuno, tranne una persona nobile e ricca, poteva permettersi di essere sepolto in un tale sarcofago costoso, così pieno di preziosi odori ".


Traduzione della lettera di messer Daniele da San Sebastiano, datata MCCCCLXXXV:

"Nel corso degli scavi eseguiti sulla Via Appia, per trovare pietre e marmi, sono state scoperte tre tombe di marmo durante questi ultimi giorni, a circa 12 piedi sotto il mantello stradale. Una era di Terentia Tulliola, figlia di Cicerone; l'altra non aveva epitaffi. Una di loro conteneva una giovane donna, intatta in tutte le sue membra, coperta dalla testa ai piedi con una veste di pasta aromatica, una sorta di inchiostro denso. Rimuovendo tale veste, che supponiamo fosse composta da mirra, incenso, aloe, e altre droghe preziose, apparve un volto, così amabile, piacevole, attraente, che, nonostante la ragazza era certamente morta 5500 anni prima, sembrava posta a riposare quel giorno stessa. Le spesse masse di capelli, raccolte in cima alla testa nell'antico stile, sembravano essere state pettinate allora e là.

Le palpebre potevano venire aperte e chiuse; Le orecchie e il naso erano così ben conservate che, dopo essere state piegate a un lato o all'altro, hanno subito ripreso la loro forma originale. Premendo la carne delle guance, il colore scompariva come in un corpo vivo. La lingua poteva essere intravista attraverso le labbra rosa; Le articolazioni delle mani e dei piedi continuavano a mantenere la loro elasticità. Tutta Roma, uomini e donne, nel numero di ventimila, visitarono quel giorno la meraviglia di Santa Maria Nova. Mi affido a informarti di questo evento, perché voglio che tu capisca come gli antichi si occupassero di preparare non solo le loro anime, ma anche i loro corpi per l'immortalità. Sono sicuro che se avessi avuto il privilegio di vedere quel bel giovane volto, il tuo piacere avrebbe uguagliato il tuo stupore ".


Traduzione di una lettera, datata Roma, 15 aprile 1485, tra le schede di Schedel in Cod. 716 della biblioteca di Monaco:

"Conoscendo la tua voglia di notizie, ti invio la notizia di una scoperta realizzata sulla Via Appia, a cinque miglia dal cancello, in un luogo chiamato Statuario (uguale a S. Maria Nova). Alcuni operai impegnati nella ricerca di pietre e marmi hanno scoperto una bara di marmo di grande bellezza, con un corpo femminile in esso, che conserva un nodo di capelli sul dorso della sua testa, nella moda ora popolare tra gli Ungheresi, coperta da un cappello di oro intrecciato, e legato con cordicelle dorate.
Il cappello e le corde furono rubate al momento della scoperta, insieme ad un anello che portava sul secondo dito della mano sinistra. 

Gli occhi erano aperti, e il corpo conservava tale elasticità che la carne produrrebbe alla pressione e riprendeva subito la sua forma naturale. La forma del corpo era bello all'estremo; L'aspetto era quello di una ragazza di venticinque anni. 

Molti la identificano con Tulliola, figlia di Cicerone, e sono pronto a credere così, perché ho visto, vicino lì, una lapide con il nome di Marcus Tullius; E perché Cicerone è conosciuto per aver posseduto terre nel quartiere. Non importa che fosse la figlia; Era certamente nobile e ricca di nascita. Il corpo doveva la sua conservazione a un rivestimento di unguento spesso due cm, composto di mirra, balsamo e olio di cedro.

La pelle era bianca, morbida e profumata. Le parole non possono descrivere il numero e l'eccitazione delle moltitudini che si precipitano per ammirare questa meraviglia. Per rendere le cose più semplici, i Conservatori hanno accettato di rimuovere il bellissimo corpo al Campidoglio. Si potrebbe pensare che ci sia una grande indulgenza e una remissione dei peccati che si guadagnano salendo su quella collina, così grande è la folla, specialmente delle donne, attratte dalla vista.

"La bara di marmo non è ancora stata rimossa nella città, ma mi è stato detto che le lettere seguenti sono incise:" Qui si trova Julia Prisca Secunda, ha vissuto ventisei anni e un mese. morire."  Sembra che un altro nome sia inciso sulla stessa bara, quella di un Claudio Hilarus, morto a quarantasei anni. Se vogliamo credere alle voci attuali, gli scopritori del corpo sono fuggiti, portando con sé grandi tesori ".

E ora lasciate che il lettore guardi la misteriosa signora.

Il taglio accompagnato rappresenta il suo corpo come è stato esposto nel palazzo dei Conservatori ed è tratto da un originale schizzo del Codex di Ashburnham, 1174, f. 134.

Il corpo di una ragazza trovato nel 1485.


Celio Rodigino, Leandro Alberti, Alexander di Alexandro e Corona danno altri particolari interessanti:

Gli scavi furono intrapresi dai monaci di Santa Maria Nuova (ora S. Francesca Romana), 5 miglia dalla porta. La tomba era situata sul lato sinistro o orientale della strada, in alto sopra il suolo. Il sarcofago è stato inserito nelle pareti della fondazione, e la sua copertura è stata sigillata con piombo fuso.

Appena il coperchio è stato rimosso, un forte odore di trementina e mirra è stato osservato da quelli presenti. Il corpo è descritto ben disposto nella bara, con le braccia e le gambe ancora flessibili. I capelli erano biondi e legati da un filetto (infula) tessuto d'oro. Il colore della carne era assolutamente vivo. Gli occhi e la bocca erano parzialmente aperti, e se uno lo avesse mosso leggermente, tornerebbe al suo posto.

Durante i primi giorni della mostra sul Campidoglio questa splendida reliquia non mostrava segni di decadenza; Ma dopo un tempo l'azione dell'aria cominciò a intaccarla, e il volto e le mani diventarono nere. La bara sembra essere stata collocata vicino alla cisterna del palazzo dei Conservatori, in modo da permettere alla folla di visitatori di muoversi e di vedere la meraviglia con più facilità. 

Celio Rodigino afferma che i primi sintomi della putrefazione vennero notati il terzo giorno; e attribuisce il decadimento alla rimozione del rivestimento di unguenti piuttosto che all'azione dell'aria. Alexander di Alexandro descrive l'unguento che ha riempito il fondo della bara come avente l'aspetto e il profumo di un profumo fresco.
Questi diversi dettagli sono senza dubbio scritti sotto l'eccitazione del momento, e da uomini naturalmente inclini all'esagerazione; Ancora, sono tutti d'accordo nei principali dettagli della scoperta, nella data, nel luogo della scoperta e nella descrizione del cadavere. Chi era, quindi, la ragazza per la conservazione dei cui resta tanto cura era stata presa?

Pomponio Leto, il principale archeologo dell'epoca, ha espresso l'opinione che fosse Tulliola, figlia di Cicerone o Priscilla, moglie di Abascantus, la cui tomba sulla Via Appia è descritta da Statous (Sylv. ). 

Ma la supposizione è sbagliata. Il primo è invalidato dal fatto che il corpo era di giovane e tenera ragazza, mentre Tulliola è noto per esser morta di parto all'età di trentadue anni. Inoltre, non esiste alcun documento per dimostrare che Cicerone avesse una tomba di famiglia alla sesta tappa della Via Appia.

La tomba di Priscilla, moglie di Abascantus, un libertino preferito di Domitiano, è posta da Statius, vicino al ponte dell'Almo (Fiume Almone, Acquataccio), quattro miglia e mezzo più vicine alla porta; dove, di fronte alla Cappella di Domine quo vadis, è stato trovato e scavato due volte: la prima volta nel 1773 da Amaduzzi; La seconda nel 1887, sotto la mia supervisione. L'unica cosa che merita di seguire è quella data nella lettera di Pehem del 15 aprile, ora nella biblioteca di Monaco; ma anche questo non porta ad alcun risultato.

L'iscrizione, che si parlava del nome e dell'età della ragazza, è perfettamente autentica e debitamente registrata nel "Corpus Inscriptionum", n. 20.634.

È come segue:

D · M
IVLIA · L · L · PRISCA
VIX · ANN · XXVI · M · I · D · I
Q · CLODIVS · HILARVS
VIX · ANN · XXXXVI
NIHIL · VNQVAM · PECCAVIT
NISI · QVOD · MORTVA · EST

"Agli Dei Mani. [Qui giace] Julia Prisca, liberta di Lucius Julius, che visse 26 anni, un mese e un giorno; [ed anche] Q. Clodius Hilarus, che visse 40 anni. Ella non commise alcun peccato se non quello di morire."

IL SARCOFAGO IN CUI RIPOSAVA DA MILLENNI
Pehem, Malaguy, Fantaguzzi, Waelscapple e tutti gli altri, sostengono che l'iscrizione fu trovata con il corpo nell'Aprile 16 del 1485, ma sbagliano. Essa fu vista e copiata, almeno 22 anni prima, da Felix Felicianus di Verona, e fu trovata nella collezione MSS. di antichi epitaffi, che egli dedicò ad Andrea Mantegna nel 1463.

Il numero di iscrizioni false scritte per l'occasione è veramente notevole. Georges di Spalato (1484-1545) dà la seguente versione di questo nel suo MSS. Diario, ora a Weimar

"Qui giace la mia unica figlia Tulliola, che non ha mai commesso errori, tranne quello di morire. Marcus Tullius Cicero, il suo infelice padre, ha fatto affiggere questo memoriale."

La povera ragazza, di cui il nome e la condizione in vita non vennero mai scoperti, e il cui corpo per 12 secoli era così meravigliosamente scampato alla distruzione, fu trattato nel modo più abominevole dalla sua scoperta nel 1485. Vi sono due versioni sul destino di questo corpo. Secondo la prima versione, Papa Innocente VIII., per fermare l'eccitamento e le superstizioni dei cittadini, fece rimuovere il corpo perfettamente conservato dal palazzo dei Conservatori e lo fece portare di notte fuori della Porta Salaria, facendolo bruciare segretamente ai piedi delle mura della città. In una seconda versione esso fu disperso nel Tevere. Le due versioni hanno la stessa probabilità."


IL COMMENTO

Papa Innocente VIII ebbe le sue brave ragioni per distruggere il prezioso reperto. La Chiesa Cattolica ha sempre sostenuto che il corpo di un defunto incorrotto fosse una prova di santità, e lo sostiene tuttora (ragione probante ma non sufficiente).

Che una fanciulla non cristiana, perchè era evidente che nella bara e sulla fanciulla non vi fossero emblemi cristiani, avesse un corpo così perfettamente conservato era un insulto alla religione. Grande fu il fastidio del papa nel sapere che al sarcofago della fanciulla accorresse una enorme folla come quando si trattava di un santo ufficiale cristiano.

Siccome la Chiesa raccontava, e racconta tutt'ora, che a visitare le reliquie di un santo si ottenevano delle considerevoli indulgenze, la folla accorse sia per curiosità sia per beneficiare della santità di quel corpo.

Ma il Papa si adirò non poco per quei fenomeni di credulità che se rivelati dalla Chiesa erano miracoli, ma aldifuori di essa, come in questo caso, erano superstizioni. Così non solo l'ignoranza fece togliere lo strato di resine che proteggevano il corpo dalla corruzione, ma l'ignoranza e la malafede unite fecero distruggere un antico ed inestimabile reperto romano del III sec. a.c.



0 comment:

Posta un commento

Contenuti sponsorizzati

Mappa dei monumenti, città e ville romane

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero