CASA DEL PRINCIPE DI NAPOLI



PERISTILIO
Scavata per la prima volta nel Gennaio del 1897, quindi senza i moderni accorgimenti, come si apprende dalle "Notizie degli Scavi", iscritta come Insula 12 della Reg. VI, che venne poi cambiata in Insula 15 sempre della Reg. VI.

Questa casa aveva due ingressi, entrambi sul lato ovest della strada tra Insulae VI 15 e VI 16. Aveva una superficie al piano terra di c. 270 mq, quindi appartenente al Quartile 3 di Wallace-Hadrill (1994: 81). 


Si chiama così perché venne scavata tra il 1896 e il 1898 alla presenza del Principe di Napoli, il futuro re d’Italia Vittorio Emanuele III, che era un erede al trono italiano e aveva un titolo di principe di Napoli essendo nato a Napoli.

Recentemente sottoposta a restauro, si tratta di una domus a pianta quadrata, che secondo gli studiosi della SANP apparteneva a una famiglia di ceto medio basso, in cui viveva una dozzina di persone, compresi eventuali schiavi e affittuari.

Contiene due larari (le nicchie che ospitavano le immagini dei Lari, le divinità protettrici della famiglia): uno, nel giardino, a forma di tempietto, così che i Lari potessero tenere d’occhio tutti i locali dell’abitazione; l’altro invece si trova nella cucina.
La casa si conformava a un piano di ingresso / giardino, tranne per il fatto che l'area del giardino si trovava su un lato dell'area del corridoio anteriore, altrimenti la sala anteriore non aveva stanze laterali.

Il fulcro della casa è il settore posteriore, su cui si affacciano gli ambienti di rappresentanza e dove è collocata l' edicola votiva per i sacrifici domestici. Le immagini di Bacco e Venere a grandezza naturale sono dipinte sui pannelli delle pareti a fondo bianco dell'esedra.

PERSEO E ANDROMEDA
Le due divinità si dividono la piccola esedra dalle pareti bianche che da luce agli affreschi. Ambedue sono iscritte in cornici, quasi dei portali. Quello di Bacco sormontato da due grifoni contrapposti.Il dio del vino è rappresentato con i suoi attributi: il tirso (bastone contorto sormontato da un’edera) e la tazza.

Una tunica è posta sulla sua spalla e si appoggia nell’incavo del gomito.Venere è anch’essa in piedi, nuda. E’ colta nell’atto di pettinare i suoi lunghi capelli. Indossa solo una collana, due bracciali e due cavigliere.Se le due divinità sono lì per lasciarsi ammirare, altrettanto attraente è lo sfondo.

Si tratta di un’architettura che dona prospettiva alla scena, un "trompe l'oeil" che offre rifugio ad una popolazione variegata. Il cervo ed il pavone sono le figure principali ma altre piccole creature ed un albero popolano la scena.

Vi è poi una pittura con una scena misteriosa e probabilmente simbolica, vi sono delle statue, una colonna, un edificio ed un lungo colonnato sullo sfondo, il tutto in un tono azzurrino. Un portatore d’acqua fa il suo ingresso nella scena con i contenitori in equilibrio alle estremità di un lungo bastone posto di traverso sulle spalle.



LA CASA

Gli stipiti delle porte di entrata erano in pietra calcarea. All'esterno un graffito VI.15.8 Pompei. Trovato sul gesso a sinistra della porta, che ricorda un po' l'Imperatore Galba.

Le pareti delle fauci, ovvero il corridoio d'ingresso, presentavano decori vari su uno sfondo bianco, che era poi diviso in due parti con linee nere e rosse. L'alto dado, o 'zoccolo' era dipinto interamente di nero.

La presenza di cibo  e uno scheletro nella stanza c indica che la casa era stata probabilmente occupata fino al momento dell'eruzione. I reperti in quasi tutte le stanze della casa erano in gran parte di carattere domestico. 

Eventuali eccezioni sono i vasi di stoccaggio nella sala anteriore e i pesi del telaio nella stanza i, che potrebbero indicare alcune attività commerciali / industriali, anche se non necessariamente. 

La scoperta di utensili da cucina ovunque tranne che in cucina. Anche se la decorazione può essere mostrata fino ad oggi prima del 62 d.c., la casa non sembra essere rimasta nello stesso stato di occupazione da quella catastrofe fino all'eruzione del 79 d.c.

In teoria ha sperimentato ulteriori alterazioni nelle condizioni di vita. Ciò è più evidente nella stanza c e nella stanza k, dove la ristrutturazione grossolana implica il declassamento. I reperti nella stanza c indicano un palinsesto di attività, mentre quelli nella stanza k mostrano che se questa stanza non era stata usata per intrattenere, allora doveva essere utilizzata per lo stoccaggio.
L'ATRIO

L'ATRIO

Nel centro dell'atrio (d) tuscanico c'era un impluvio quadrato di 1,55 m, ricoperto di opus signinum e in testa c'era un tavolo di marmo sorretto da due grifoni alati con zampe di leone.
Il pavimento dell'atrio, di colore scuro, era disseminato di cubetti di mosaico bianco disposti in linee parallele.

Guardando a ovest attraverso l'atrio si vedono il tablinum e la cucina. Vicino all'impluvio dell'atrio c'è l'imboccatura di una cisterna che convogliava sicuramente l'acqua dell'impluvio.

La parete nord dell'atrio aveva un'ottima conservazione della decorazione murale, per un'altezza di 5,70 m a simulare, con una simulazione di bugnato.

I DUE EROTI
Nella parte inferiore, aveva uno sfondo rosso diviso da linee verdi in pannelli delineati in giallo.
Nei pannelli erano dipinti cigni, pavoni, altri uccelli e grifoni, mentre al livello più basso, lo zoccolo era dipinto di nero.

Nella stanza a nord dell'ingresso c'erano dei gradini di pietra e una scalinata saliva poggiandosi sulla parete degli intonaci del muro nord. Guardando ci sono tracce di un piccolo piano mezzanino, sostenuto da travi a nord e sud.

C'era un focolare con una panca nell'angolo nord-ovest della cucina, eppoi una latrina nel lato nord est. I romani ponevano in genere vicine la cucina e la latrina, al contrario di noi moderni che cerchiamo di tenere la cucina lontana dal bagno. Nel muro sopra il focolare c'è una piccola nicchia ad arco di cui è ormai invisibile il contenuto. A est della cucina c'era un piccolo magazzino.


IL CUBICULUM

Il tablinum, che era posto sul lato ovest dell'atrio aveva una finestra affacciata sul giardino. Sul muro occidentale del tablino si apriva la porta al cubicolo, (f) il quale era fornito anch'esso di una finestra che si affacciava sul giardino.

Sopra detta finestra però se ne apriva un'altra molto alta, non grande e a forma circolare. Sul muro ovest del cubicolo, le pareti erano dipinte con uno sfondo bianco e nei pannelli erano rappresentati cigni in volo e capre. 

Questa stanza aveva un soffitto voltato a botte, e l'area vicino al muro nord aveva una seconda area a volta, con una proiezione di 1,40 m. Nella parte superiore di questa area a volta, si poteva vedere il dipinto di un pavone che si dirigeva verso un frutto, su uno sfondo bianco.

TABLINIUM

IL TABLINIUM

Il tablinum aveva pareti decorate con i delicati e grotteschi motivi architettonici su uno sfondo bianco. Il dado era nero. In uno dei pannelli sulla parete ovest c'era un dipinto di pesce su uno sfondo bianco incorniciato da un bordo viola dipinto.

Questa stanza era coperta da un soffitto a volta a botte e sulla parete ovest, l'area superiore a volta era dipinta con un ippocampo tra i delfini sullo sfondo bianco. I due pannelli dipinti sulla parete nord avevano sfondi viola.

Uno mostrava un cervo che fuggiva a sinistra seguito da un cane, a sinistra un idolo di Priapo.
L'altro mostrava un cervo attaccato da un cane, anche a sinistra forse era un idolo di Priapo. Sulla parete nord del tablinio c'era dipinta una scena di caccia con un cane che insegue un cervo e una pianta e un albero sullo sfondo. 



IL LARARIO

Nel giardino della villa c'era un larario domestico, un'edicola sacra addossata alla parete ovest del giardino.

L'edicola venne edificata su un alto podio in muratura rivestito di stucco giallo, con quattro colonne e due ante applicate alla parete stessa. Le colonne supportavano un tettuccio di mattoni fornito di frontone.

Le colonne, eseguite in laterizio, sono rivestite di stucco e dipinte, le due esterne sono gialle, le due interne sono rosse, rispettando i classici colori che caratterizzarono Roma: il rosso e il giallo.

La parete posteriore del santuario era invece dipinta di bianco, come era usuale per ogni dipinto del genere, ma del dipinto  non rimane traccia.

La base è anch'essa dipinta in rosso e giallo. Rosso alla base e giallo sopra. Al suo centro venne ricavata una grande rientranza ad arco, dipinta di rosso all'interno.



IL GIARDINO

Nel giardino (o) si conserva un puteal di terracotta con bordo decorato a rilievo tutto intorno, e con sopra teste di leoni e umboni. Il puteal era un pozzo da cui si attingeva acqua per i residenti, per altri usi come innaffiare il giardino e altro si ricorreva alla cisterna. 

Il giardino era munito secondo la consuetudine di un porticato continuo, con colonne dipinte sotto in rosso e sopra in giallo. Nella parete nord del portico vi è dipinto un pannello con uccelli e frutta. Il giardino del peristilio a sinistra dell'atrio aveva un portico sul lato est, con cinque colonne di mattoni ricoperte di stucco, due di colore giallo sopra, rosse sotto.

Dei quattro spazi tra le colonne, due furono in seguito lasciati aperti; il terzo era chiuso da un muretto in muratura. Il quarto fu incorporato nella parete ovest della piccola stanza costruita a sud del portico.
Sul porticato si affacciavano le porte dell' oecus e del triclinium estivo.

Dal giardino è emerso una stretta base di marmo, da cui usciva una grossa zampa di leone. In cima alla zampa c'erano foglie d'acanto dalle quali emergeva la figura di Sileno dal ventre in su, con il piccolo Bacco poggiato sul braccio sinistro.

VENERE

TRICLINIO ESTIVO

La parete sud del triclinio a est del portico era sontuosamente decorata e questa piccola stanza, coperta da una volta, riceveva luce anche da due piccole finestre che si aprivano nelle pareti laterali.
Vi è un affresco di Bacco e uno di probabile Venere, nuda ma con al collo una collana e due cavigliere in oro ai piedi.

La parte inferiore del triclinio è dipinta di rosso e decorata con diverse immagini. Nella parete est del triclinio estivo, c'è una finestrella aperta ricavata da una piccola nicchia o armadietto dove si poteva riporre qualche oggetto.

Al centro sulla parete est c'era un piccolo dipinto che mostrava degli amorini che prendevano oggetti da una piccola scatola per la toilette di Venere, il che lascerebbe presupporre che la fanciulla nuda sia appunto Venere.  L'amorino a destra aveva già uno specchio circolare, l'altro a sinistra stava forse prendendo un gioiello.

A sud del portico ci sono due piccoli recessi, uno a est e uno a ovest, uno dei due contenente delle anfore, una specie di piccolo magazzino dover riporre anfore i cui contenuti stavano al fresco nell'ombra. Anche i recessi sono decorati, sia pure con semplicità.

BACCO

OECUS

L'Oecus si trova nell'angolo sudorientale del portico, secondo gli studiosi questa stanza era o un triclinium o un oecus. Aveva pareti dipinte con decorazioni suddivise con i soliti motivi architettonici, su uno sfondo bianco. Il dado (la parte inferiore del muro), invece era era viola.

A parere dei critici la decorazione voleva essere ricca e vibrante, ma in realtà era pasticciata, pesante e volgare; faceva un'impressione triste come se si fosse in una catacomba.
Originariamente avrebbe contenuto tre dipinti centrali, ma ne sono rimasti solo due, mentre il terzo è caduto insieme al muro meridionale. Sulla parete nord c'erano Perseo e Andromeda. Sulla parete est, si pensa che il dipinto mostrasse Elena e Parigi a Sparta.

Sulla parete nord dell'oecus c'è l'affresco di Perseo e Andromeda, dove Perseo tiene la testa mozzata della gorgone Medusa. Ambedue stanno guardando il riflesso della testa nell'acqua sotto di loro, visto che la Medusa non poteva essere guardata direttamente pena la pietrificazione dell'osservatore.

Il pavimento dell'oecus era decorato con un pannello di marmi colorati posti in opus sectile. La parete ovest dell'oecus aveva una porta  che dava sul porticus.


GROTTESCHE

ENTRATA

Ingresso VI.15.7 nella stanza sul lato est del portico, questa stanza avrebbe avuto la scala per il piano superiore indipendente adiacente ad essa. Questo avrebbe portato dalla porta alla VI.15.7, sulla sinistra.

Soglia della porta al cubicolo sul lato sud delle fauci, nell'angolo sud-est dell'atrio, guardando verso est verso il piano del cubicolo.

Guardando verso la parete est del cubicolo con la finestra su Vicolo dei Vettii. Questa stanza era stata coperta da un soffitto a volta a botte e aveva una rientranza per un letto.
Le pareti erano decorate con uno sfondo bianco e avevano una cornice in stucco che correva intorno alle pareti ad un'altezza di circa 2 metri dal pavimento.

Nell'angolo nord-est del cubicolo con rientranza del letto, un teschio umano insieme ad alcune delle ossa dello scheletro sono stati trovati in questa stanza.





0 comment:

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero