PRISCIANO - PRISCIANUS CAESARIENSIS



PRISCIANO E LA GRAMMATICA - RILIEVO DI LUCA DELLA ROBBIA - FIRENZE

Nome: Priscianus Caesariensis
Nascita: Cesarea 512 d.c.
Morte: dopo il 527
Professione: Grammatico romano

Prisciano Caesariensis (VI secolo d.c.), più comunemente conosciuto come Prisciano, è stato un  grammatico latino nonchè l'autore delle "Istituzioni di grammatica", che divenne l'abituale libro di testo per lo studio del latino durante il Medioevo. E' stato anche colui che fondò le basi della  grammatica speculativa.  



LA VITA

Prisciano  (Priscianus Caesariensis; Cesarea in Mauritania, 512  – dopo il 527) è nato e cresciuto lontano da Roma, nella città nordafricana di Cesarea (moderna Cherchell, in Algeria ), la capitale della provincia romana della Mauritania Caesariensis. Forse la lontananza dalle beghe politiche aiutò il suo amore per l'insegnamento e per la linguistica, e Cassiodoro (485 - 585) ci riferisce che insegnò il latino a Costantinopoli dll'inizio del VI secolo.

Le sue opere minori includono un panegirico ad Anastasio (491-518), scritto circa 512, che aiuta a stabilire il suo periodo di tempo. Inoltre, i manoscritti delle sue Istitutiones indicano che l'opera di Prisciano è stata trascritta (526, 527) da Flavio Teodoro, un impiegato della segreteria imperiale. 



ISTITUZIONI DI GRAMMATICA

L'opera più famosa di Prisciano, le Istituzioni di Grammatica (in latino : Institutiones Grammaticae), è una sistematica esposizione per un organizzato insegnamento della grammatica e della lingua latina.. In essa ha ampio svolgimento la morfologia, mentre la sintassi occupa solo gli ultimi due libri.La grammatica è divisa in diciotto libri, di cui i primi sedici trattano principalmente di suoni, formazione di parole e inflessioni; gli ultimi due, che vanno da un quarto a un terzo dell'intero lavoro, trattano la sintassi. 

La grammatica di Prisciano è basata sulle precedenti opere di Elio Erodiano e Apollonio Discolo. Gli esempi che include per illustrare le regole preservano numerosi frammenti di autori latini che altrimenti sarebbero andati perduti, tra cui Quinto Ennio, Marco Pacuvio, Lucio Accio, Gaio Lucilio, Marco Porcio Catone e Marco Terenzio Varrone. Moltissime sono poi le citazioni di Virgilio, Terenzio, Cicerone, Plauto, Lucano, Orazio, Giovenale, Sallustio, Stazio, Ovidio, Livio e Persio.

ISTITUTIONES GRAMMATICAE
Esistono a tutt'oggi circa un migliaio di manoscritti, tutti derivati ​​dalla copia di Flavius Theodorus. La maggior parte delle copie contiene solo libri I-XVI, a volte conosciuti come Priscianus Major (Prisciano Maggiore). Altri contengono solo libri XVII e XVIII insieme ai tre libri di Simmaco; questi sono noti come il suo lavoro sulla costruzione (De Constructione ) o il Priscianus Minor (Prisciano Minore). Alcune copie contengono entrambe le parti. I primi manoscritti risalgono al IX secolo, anche se alcuni frammenti sono precedenti.

L'opera è preceduta da una praefatio, con una dedica a un certo Giuliano, probabilmente un ignoto console e patrizio, ma non l'autore del compendio delle Novellae di Giustiniano, in quanto vissuto più tardi di Prisciano.

Nei libri I-XVI, si tratta di:

- generalia et varia,
- de litteris,
- de syllabis (etiam metrica ratione),
- de oratione eiusque partibus,
- de nomine,
- de verbo,
- de participio,
- de pronomine,
- de praepositione,
- de adverbio,
- de interiectione,
- de coniunctione.
- de constructione vel syntaxi (che sono gli ultimi due libri, che vanno da un quarto a un terzo dell'intero lavoro)


I CAPITOLI

I - Voce e lettera
II - Sillaba
III - Comparativi e superlativi
IV - Parole derivate
V - Generi, numeri e figure
VI - Caso nominativo
VII - Casi obliqui
VIII - Verbo
IX - Coniugazioni
X - Passato perfetto
XI - Participio
XII - Pronome
XIII - Pronome
XIV - Preposizione
XV - Avverbio e interiezione
XVI - Congiunzione
XVII - Parti del discorso
XVIII - Parti del discorso



LE OPERE MINORI

- Tre trattati dedicati a Simmaco (il suocero di Anicio Manlio Severino Boezio): su pesi e misure; sui metri di Publio Trenzio Afro; e la Praeexercitamina , una traduzione in latino di esercizi retorici greci di Ermogene.
- De nomine, pronomine, et verbo (Su nome, pronome e verbo), un riassunto di parte dei suoi
- Istituti per l'insegnamento della grammatica nelle scuole
- Partizioni XII. Versuum Aeneidos principioum: altro sussidio didattico, usando domande e risposte per sezionare le prime righe di ciascuno dei dodici libri dell'Eneide. Il metro è discusso per primo, ogni verso è scansionato e ogni parola accuratamente e istruttivamente esaminata.
Il poema su Anastasio di cui sopra, in 312 esametri con una breve introduzione giambica
- Una traduzione in 1087 esametri del rilievo geografico in esametri greci di Dionisio Periegeta.



0 comment:

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero