ALBANIANA (Limes Retico)





RICOSTRUZIONE DEL FORTE DI ALBANIANA
Albaniana era il nome di un forte romano (castellum) nella moderna Alphen aan den Rijn, nei Paesi Bassi. La Tabula Peutingeriana la situa tra la castella di Matilo e Nigrum Pullum. E 'stata una parte dei  Limes basso germanici, che separava l'impero romano dai paesi tribali del nord.

L'origine del borgo Alphen aan den Rijn può essere fatta risalire a circa 2000 anni fa. Il paese attuale, che oggi si compone di circa un centinaio di migliaia di abitanti, un tempo era solo una frazione di quello. E 'stata una colonia romana, dal nome "Castellum Albaniana" che significa 'colonia dalle acque bianche '.

Queste acque bianche probabilmente si riferiscono al Vecchio Reno, dove era situato l'accampamento. Il Castellum, interamente in legno, è stato costruito nel tempo dell'imperatore Caligola, nel 37 a.c.. per proteggere i 'limes' e con l'idea di traversata per la Gran Bretagna; cosa che non venne compiuta durante il suo regno, ma solo in quello del suo successore, l'imperatore Claudio.

POSIZIONE DI ALBANIANA NEL LIMES GERMANICO-RETICO
L'edificio era un avamposto isolato, a parte alcune colonie che si trovavano nelle vicinanze. Il complesso aveva muri esterni e torri di guardia interamente in legno che del resto abbondava in zona, essendo il suolo coperto da foreste.  

Nella costruzione del forte si riconoscono almeno sei fasi. La più antica fortezza era circondata da un bastione di terra con infissi dei pali di legno legati tra loro probabilmente da liane. La parete era interrotta nei punti dove c'erano porte in legno e due torrette guardavano le entrate. 

In seguito vennero costruite torri ai quattro angoli e poi vennero edificate in quantità rispettando spazi equidistanti. La palizzata venne poi ripetuta a poca distanza riempiendola di terra e sassi.  Finalmente venne riedificata in muratura e venne scavato un canale fuori delle mura.

Si è scavato aldiqua e aldilà delle mura, che erano  larghe circa un metro e lunghe circa ottanta metri, scoprendo vari reperti. Durante la rivolta dei Batavi il muro fu demolito dai Cananefates; e venne successivamente ricostruito dopo che la rivolta era stata sedata.

Nel 160 d.c. le pareti di legno vennero sostituite dai muri di mattoni.  In questo periodo venne edificato anche un nuovo cancello d'ingresso. con un'iscrizione che fa riferimento all'imperatore Settimio Severo. Infatti fu Settimio ad ordinare il ripristino delle mura danneggiate. Molto probabilmente l'imperatore ha, circa nel 209 d.c.., fatto un viaggio di ispezione lungo il Limes.

In quest'epoca, i militari accampati nel forte erano circa 4000, e con loro c'erano tutte le loro famiglie, per concessione dell'imperatore.

RICOSTRUZIONE DELLE MURA


IL VICUS

Come gli altri fortini dei Limes, l'Albania disponeva di un villaggio e di un vicus. A est del forte un gruppo di mercanti, artigiani e prostitute, operanti sia all'interno che dall'esterno offrivano ai legionari dell'impero romano i loro beni e servizi.  

Per i soldati e le loro famiglie questa era una  terra privilegiata per lo shopping e l'intrattenimento. Inutile dire che il vicus forniva un terreno di incontro di culture, dove era inevitabile che i tedeschi e i Romani si influenzassero reciprocamente. Verso il 270 d.c., il Castellum e il vicus vennero evacuati.  

BORRACCIA DI LEGIONARIO RITROVATA
DURANTE GLI SCAVI
Le tribù germaniche attraversarono il Reno e invasero l'Impero Romano e saccheggiarono le castella. Nel medioevo i forti vennero utilizzati come cave di pietra, dopo di che i resti scomparvero coperte di terra ed erbacce. Questi resti sono stati riscoperti solo nel XX secolo. Da allora la maggior parte della zona era stata costruita sopra le vestigia demolendo un grande patrimonio archeologico.  

Nel 2001 un'ampia ricerca archeologica è stata iniziata nel centro di Alphen aan den Rijn realizzando molte scoperte. Vennero reperiti i resti del castellum, e le canabae che si trovano nelle vicinanze nonchè i cimiteri adiacenti.   Le canabae erano l'agglomerato civile (anche di non-cittadini romani), sviluppatosi fin dai tempi di Augusto, attorno alle fortezze legionarie permanenti (castra stativa).

Sono emersi pezzi di due edifici allungati che possono aver servito come deposito, eppoi, all'interno del Castellum sono stati trovati caserma, con pavimenti in legno, con oggetti militari e personali appartenenti ai soldati, come strumenti per la scrittura, degli utensili da cucina, resti di carbone, pezzi di tufo lavorati a cunei, rivestimenti di vimini, uno specchio, e oltre ottocento monete risalenti al regno di imperatori romani Tiberio, Caligola, Claudio e Nerone.  Questi imperatori regnarono consecutivamente da circa il 14 fino al 68 d.c..  

Inoltre emersero avanzi di cibo conservati e semi, che hanno reso possibile possibile la ricerca delle tecniche di coltivazione e le abitudini alimentari dei soldati. Esaminando le fondazioni si è potuto elaborare le conoscenze sulle tecniche di costruzione utilizzate dagli antichi romani. Vennero recuperati anche varie componenti in legno, tra cui una porta completa, lungo il Reno è stata recuperato un intero rivestimento in legno di una parete, che è stato costruito intorno al 94 e pezzi di capanne di fango.

Inoltre ad  Albania sono state rinvenute delle monete con l'immagine della 'Classis Germanica', una flotta militare romana. Un certo numero di questi artefatti scoperti attualmente può essere trovato nel Rijksmuseum di Oudheden a Leiden. Una pietra con iscrizioni romane si trova vicino alla riva sul Rijnplein a Alphen aan den Rijn. Inoltre, un parco storico di nome Archeon si trova a Alphen aan den Rijn. 



ALPHEN AAN DEN RIJN (Centro)  

PARTE DELL'ISCRIZIONE ALL'ENTRATA DEL FORTE
In Albaniana nel centro di Alphen si trovano i resti della frontiera Fort Albaniana, il villaggio del campo, le sue infrastrutture e la parte dei cimiteri. In direzione est della strada del Limes c'era la guardia romana. Nel 2001 e nel 2002 sono stati effettuati degli scavi per la costruzione di un nuovo centro commerciale e sono stati rinvenuti dei resti romani di importanza internazionale per la loro eccellente stato di conservazione. 

Questo forte venne utilizzato da circa il 41 al 270 d.c. e probabilmente venne costruito sotto l'imperatore Caligola (37 - 41 d.c.), che voleva fare la traversata in Gran Bretagna, ma alla fine ha lasciato il compito al suo successore Claudio (41-54 d.c.). 

Albaniana era nei primi anni un avamposto isolato, ma presto vennero costruiti i campi più vicini come il castellum pretorio di Agrippinae Valkenburg (S-H), il forte Flevium in Velsen alla foce del Rijntak a nord, e il Forte Vechten Fectio. Il forte era costituito da un bastione tra palizzate di legno infisse in terra e aveva una torre di legno ad ogni angolo. Intorno al 160 il forte venne ricostruito in pietra. Secondo la mappa di Peutinger, la distanza tra il forte e il vicino Nigrum Pullum Zwammerdam era meno di 5 km su questa strada
è stata ritrovata una stazione di guardia.
 


0 comment:

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero