GIULIO OSSEQUIENTE - IULIUS OBSEQUENS



GIULIO OSSEQUIENTE

Nome: Iulius obsequens
Nascita: Roma -
Morte: IV secolo d.c.
Professione: Storico


Iulius obsequens è uno storico romano del IV sec. d.c.. Secondo altri del III sec.. d.c. Nella sua opera, "Libro dei Prodigi" (De prodigiis) descrive eventi anomali avvenuti a Roma e nei suoi domini, definiti prodigia. Insomma una specie di miracoli come se ne contano a iosa in tutte le religioni.

Essi sono tutti tratti dalla storia narrata da Tito Livio o forse da una sua successiva epitome.
Il suo libro riporta, quindi, tutte le calamita’ e i prodigi avvenuti dal 190 a.c. all’11 a.c. e caso vuole che sono proprio i testi di Tito Livio di questo periodo che sono andati perduti.
Per i romani il "prodigio" veniva letto come evento straordinario da cui si potevano trarre auspici futuri, buoni o nefasti. Tuttavia questa lettura non poteva essere effettuata dal popolo ma bensì dai sacerdoti addetti. Anche questo in tutte le religioni.

Tra i prodigi possiamo ritrovare calamità naturali, epidemie, eclissi, nascite deformi, ma anche descrizioni fantasiose e pure fantastiche, considerate in ogni caso come manifestazione del favore o della collera divina. E anche questo come nelle altre religioni.

Il compito dei sacerdoti era cercare di interpretare questi segni premonitori per potersi preparare, e magari per intervenire presso gli Dei. Dell'opera ci è giunta la parte tra il 249 a.c. ed il 12 a.c. cioè senza la parte iniziale, e porta il titolo "Ab anno .." Giulio descrisse gli eventi prodigiosi avvenuti in territorio romano in regolare ordine cronologico, utilizzando la lista dei consoli per le date.
L'opera venne stampata per la prima volta, a Venezia, dall'editore Aldo Manuzio, nel 1508, in un'edizione ricavata da un manoscritto rinvenuto e copiato in Francia dall'umanista Giovanni Giocondo di Verona (Giovanni Monsignori, o Ognibene,- 1433-1515 - umanista, architetto, ingegnere militare, frate domenicano), andato poi perduto.

Le fonti da cui Ossequente prende le sue storie sono le più varie, alcune inevitabilmente sconosciute altre più note come l'opera Ab Urbe condita libri di Tito Livio. La parte del libro di Ossequente che comprendeva i primi secoli di Roma è perduta e ciò che rimane si estende dal consolato di Lucio Scipione e C. Lelio a quello di P. Fabio e Quinto Elio, vale a dire dall'anno 562 fino anno 741 di Roma.

Nel libro dei prodigi si riconoscono fenomeni atmosferici come fulmini, semplici o globulari, cirrostrati e cirrocumuli, tempeste, incendi e fasi lunari. Questi venivano letti come segni del cielo, premonizioni e fatti inspiegabili, oggi invece scientificamente spiegabili.

I santuari pagani, erano pieni di piedi, mani, viscere e di ogni parte del corpo in argilla, dedicati a testimonianza di migliaia di 'per grazia ricevuta'. Scriveva Voltaire nel Dizionario filosofico: " Noi rimproveriamo agli antichi i loro oracoli, e i loro troppi prodigi: se essi ritornassero al mondo, e si riuscisse a contare i miracoli della Madonna di Loreto per paragonarli a quelli della loro Madonna di Efeso, in favore di chi penderebbe la bilancia? "

Risultati immagini per Prodigia di Roma antica
LA SIBILLA

ECCO ALCUNI PRODIGI

- Iunonis Lucinae templum fulmine ictum ita ut fastigium valvaeque deformarentur. In finitimis pleraque de caelo icta.
- Nursiae sereno nimbi orti et homines duo exanimati.
- Tusculi terra pluit.
- Mula Reate peperit.
- Supplicatio per decem pueros patrimos matrimos totidemque virgines habita.
- Il tempio di Giunone Lucina fu colpito da un fulmine: furono danneggiati il tetto e le porte. Nelle vicinanze molte cose furono colpite dal fulmine. 
- A Norcia nel cielo sereno arrivarono delle nuvole e due uomini furono uccisi. 
- A Tuscolo piovve terra. 
- A Rieti partorì una mula. 
- Una pubblica preghiera fu recitata da dieci ragazzi e dieci ragazze con padri e madri viventi.

- Luce inter horam tertiam et quartam tenebrae ortae.
- In Aventino lapidum pluviae novendiali expiatae.
- In Hispania prospere militatum.
- Tra la terza e la quarta ora del giorno calarono le tenebre. 
- Furono espiate delle piogge di pietre sull'Aventino con un rito sacro della durata di nove giorni. 
- In Spagna si combatté con esito favorevole.

- Sacrum novendiale factum quod in Piceno lapidibus pluit ignesque caelestes multifariam orti levi afflatu complurium vestimenta adusserunt.
- Aedes Iovis in Capitolio fulmine icta. In Umbria semimas duodecim ferme annorum inventus aruspicumque iussu necatus.
- Galli qui Alpes transierunt in Italiam sine proelio eiecti.
- Furono osservati nove giorni di preghiera poiché nel Piceno erano piovute pietre e in molti luoghi fuochi celesti con un leggero soffio avevano bruciato gli abiti di più persone. 
- Il tempio di Giove nel Campidoglio fu colpito da un fulmine. 
- In Umbria fu trovato un ermafrodito di circa dodici anni e per ordine degli aruspici fu messo a morte. 
- I Galli, che erano entrati in Italia attraverso le Alpi, furono respinti senza combattere.

- Procellosa tempestas strage in urbe facta signa aenea in Capitolio deiecit, signa in circo maximo cum columnis evertit, fastigia templorum aliquot a culmine abrupta dissipavit.
- Mulus tripes Reate natus.
- Aedes Apollinis Caietae fulmine icta.
- Una furiosa tempesta, dopo aver fatto una strage in città, abbatté le statue di bronzo sul Campidoglio, capovolse statue e colonne nel Circo Massimo, disperse i tetti di alcuni templi strappandoli dalla cima. 
- A Rieti nacque un mulo con tre zampe. 
- Il tempio di Apollo a Gaeta fu colpito da un fulmine.

- Nimbis continuis in Capitolio signa aliquot deiecta.
- Fulmine Romae et circa plurima decussa.
- In lectisternio Iovis terrae motu deorum capita se converterunt; lanx cum integumentis quae Iovi erant apposita decidit. De mensa oleas mures praeroserunt.
- Furono abbattute dalle continue tempeste alcune statue sul Campidoglio. Molte cose vennero colpite a Roma e nei dintorni dai fulmini. 
- Al banchetto di Giove le teste degli dei si mossero a causa di un terremoto; un piatto cadde con quello che era stato preparato in onore di Giove. I topi rosicchiarono le olive dal tavolo.

- Incendio circa forum cum plurima essent deusta, aedes Veneris sine ullo vestigio cremata.
- Vestae penetralis ignis extinctus. Virgo iussu M. Aemilii pontificis maximi flagro caesa negavit ulterius interiturum.
- Supplicationibus habitis in Hispania et Histria bella prospere administrata.
- Molti edifici attorno al Foro furono devastati da un incendio: anche il tempio di Venere fu bruciato senza lasciare alcuna traccia. 
- Il fuoco all'interno del tempio di Vesta si spense. Una Vestale, colpita con la frusta per ordine del pontefice massimo Marco Emilio, disse che non si sarebbe spento una seconda volta. 
- Fatte le supplicationes, i combattimenti in Spagna e Istria furono coronati dal successo.

- Cum immolassent victimas consules, iecur extabuit.
Cornelius ex monte Albano rediens membris captus ad aquas Cumanas mortuus, Petillius contra Ligures dimicans occisus est.
- Il fegato delle vittime che erano state immolate dai consoli si consumò. 
- Cornelio, tornando dal monte Albano, fu colpito da paralisi e morì presso le Acque Cumane, Petillio fu ucciso combattendo contro i Liguri.

- Gravi pestilentia hominum bonumque cadavera non sufficiente Libitina cum iacerent, vulturius non apparuit. Celtiberi deleti.
- Anche se non era possibile seppellire adeguatamente tutti i cadaveri, a causa di un grave contagio di uomini e buoi, non apparvero avvoltoi. I Celtiberi furono annientati.

- Romae aliquot loca sacra profanaque de caelo tacta. Anagniae terra pluit. Lanuvi fax ardens in caelo visa. Calatiae in agro publico per triduum et duas noctes sanguis manavit.
- Rex Illyrici Gentius et Macedoniae Perses devicti.
- A Roma alcuni luoghi sacri e profani furono colpiti da fulmini. Ad Anagni piovve terra. A Lanuvio fu vista nel cielo una fiaccola ardente. A Calazia in un campo pubblico per tre giorni e tre notti sgorgò sangue. 


Risultati immagini per miracoli degli Dei pagani
GLI DEI PAGANI
- Genzio, re degli Illiri, e Perseo, re di Macedonia, furono sconfitti.

- In Campania multis locis terra pluit.
- In Praenestino cruenti ceciderunt imbres.
- Veienti lana ex arboribus nata.
- Terracinae in aede Minervae mulieres tres, quae operatae sedebant, exanimatae.
- Ad lucum Libitinae in statua equestri aenea ex ore et pede aqua manavit diu.
- Galli Ligures deleti.
- Comitia cum ambitiosissime fierent et ob hoc senatus in Capitolio haberetur, milvus volans mustelam raptam de cella Iovis in medio consessu patrum misit.
- Sub idem tempus aedes Salutis de caelo tacta.
- In colle Quirinali sanguis terra manavit.
- Lanuvii fax in caelo nocte conspecta.
- Fulmine pleraque discussa Cassini et sol per aliquot horas noctis visus.
- Teani Sidicini puer cum quattuor manibus et totidem pedibus natus.
- Urbe lustrata pax domi forisque fuit.
- In molte località della Campania piovve terra. 
- Nel territorio di Preneste piovve sangue. 
- A Veio spuntò lana dagli alberi. 
- A Terracina nel tempio di Minerva morirono tre donne che avevano celebrato dei riti. 
- Nel bosco sacro a Libitina, dalla bocca e dal piede della statua equestre di bronzo, a lungo sgorgò acqua. 
- I Galli Liguri furono sconfitti. 
- C'era turbolenza nei Comizi e per questo il Senato si era trasferito in Campidoglio: un nibbio volando, dopo aver catturato una donnola nel tempio di Giove, la lasciò al centro dell'assemblea dei senatori. 
- Allo stesso tempo il tempio della Salute fu colpito da un fulmine. 
- Sul colle Quirinale sgorgò sangue dalla terra. 
- A Lanuvio nella notte fu vista una fiaccola nel cielo. 
- A Cassino molte costruzioni furono distrutte da un fulmine e nella notte fu visto il sole per alcune ore. 
A Teano Sidicino nacque un bambino con quattro mani e altrettanti piedi. Dopo la purificazione, ci fu la pace in città e fuori.

- Pestilentia fameque ita laboratum ut ex Sibyllinis populus circa compita sacellaque operaturus sederit.
- In aede Penatium valvae nocte sua sponte adapertae, et lupi Esquiliis et in colle Qurinali meridie apparuerunt exagitatique fuerunt.
- Urbe lustrata nihil triste accidit.
- A causa di una pestilenza e della carestia si soffrì così tanto che, obbedendo alle prescrizioni dei libri Sibillini, il popolo si recò nei luoghi sacri e fece sacrifici. 
- Nel tempio dei Penati durante la notte le porte si spalancarono da sole; nell'Esquilino e nel colle Quirinale a mezzogiorno apparvero dei lupi e furono scacciati. In seguito la città fu purificata e non accadde nessuna disgrazia.

- Capuae nocte sol visus. In agro Stellati fulgure vervecum de grege pars exanimata.
- Terracinae pueri trigemini nati.
- Formiis duo soles interdiu visi.
- Caelum arsit.
- Antii homo ex speculo acie orta combustus.
- Gabiis lacte pluit.
- Fulmine pleraque decussa in Palatio.
- In templum Victoriae cygnus inlapsus per manus capientium effugit.
- Priverni puella sine manu nata.
- In Cephallenia tuba in caelo cantare visa.
- Terra pluit.
- Procellosa tempestate tecta diruta stragesque agrorum facta.
- Crebro fulminavit.
- Nocte species solis Pisauri adfulsit.
- Caere porcus humanis manibus et pedibus natus, et pueri quadrupes et quadrumanes nati.
- Ad forum Aesi bovem flamma ex ipsius ore nata non laesit.
- A Capua fu visto il sole di notte. 
- Nel Campo Stellato una parte dei montoni di un gregge fu uccisa da un fulmine. 
- A Terracina nacquero tre gemelli. 
- A Formia durante il giorno furono visti due soli. 
- Il cielo bruciò. 
- Un uomo fu bruciato da un raggio di luce uscito da uno specchio. 
- A Gabi piovve latte. 
- Nel Palatino parecchie costruzioni furono colpite dai fulmini. 
- Nel tempio della Vittoria entrò un cigno e sfuggì dalle mani di chi voleva catturarlo. 
- A Priverno una fanciulla nacque senza una mano. 
- A Cefalonia si vide una tromba che suonava in cielo. 
- Piovve terra. 
- A causa di una violenta tempesta furono distrutte case e devastati campi. 
- Spesso caddero dei fulmini. 
- Durante la notte a Pesaro brillò una specie di sole. 
- A Cere nacque un maiale con mani e piedi umani e fanciulli con quattro piedi e quattro mani. 
- A Foro Esino una fiamma, uscita dalla bocca di un bue, non lo ferì.

- Anagniae caelum nocte arsit. Fulmine pleraque decussa. Frusinone bos locutus. Reate mulus tripes natus. Cn. Octavius, legatus in Syria, per Lysiam, tutorem Antiochi pueri, in gymnasio occisus.
- Ad Anagni durante la notte il cielo bruciò. Molte costruzioni furono colpite dai fulmini. A Frosinone un bue parlò. A Rieti nacque un mulo con tre zampe. Gneo Ottavio, ambasciatore in Siria, fu assassinato in una palestra da Lisia, tutore del piccolo Antioco.

- Procellosa tempestate in Capitolio aedes Iovis et circa omnia quassata. Pontificis maximi tectum cum columnis in Tiberim deiectum. In circo Flaminio porticus inter aedem Iunonis Reginae et Fortunae tacta, et circa aedificia pleraque dissipata.
- Taurus ad immolationem cum duceretur ob haec ipsa corruit.
- Dalmatae Scordisci superati.
- A causa di una violenta tempesta nel Campidoglio il tempio di Giove e le costruzioni nelle vicinanze furono danneggiati. Il tetto della casa del Pontefice Massimo fu scaraventato sul Tevere con le sue colonne. Nel Circo Flaminio un colonnato tra il tempio della Regina Giunone e quello della Fortuna fu colpito (da un fulmine) e molti edifici circostanti furono danneggiati. 
- Il toro che era stato destinato al sacrificio per espiare questi prodigi stramazzò al suolo mentre veniva condotto. 
- I Dalmati Scordisci furono sconfitti.

- In provinciam proficiscens Postumius consul cum immolaret, in plurimis victimis caput in iocinere non invenit; profectusque post diem septimum aeger Romam relatus expiravit. Compsae arma in caelo volare visa. Fulmine pleraque decussa.
- A Gallis et a Lusitanis Romani per arma graviter vexati.
- Il console Postumio che faceva un sacrificio prima di partire per la provincia, non trovò la parte superiore del fegato in un gran numero di vittime; e dopo essersi messo in cammino, fu riportato malato a Roma, dove morì dopo sette giorni. A Compsa furono viste volare in cielo armi. Molte costruzioni furono colpite dai fulmini. 
- I Romani furono sconfitti rovinosamente dai Galli e dai Lusitani.

- Turbinis vi in campo columna ante aedem Iovis decussa cum signo aurato; cumque aruspices respondissent magistratuum et sacerdotum interitum fore, omnes magistratus se protinus abdicaverunt.
- Quod Ariciae lapidibus pluerat, supplicatio habita, item quod Romae multis locis species togatorum visae adpropinquantium oculos eludebant.
- In Lusitania varie, in Gallia prospere pugnatum.
-  Nel Campo Marzio una colonna con una statua dorata davanti al tempio di Giove venne abbattuta dalla forza di una tempesta; e, poiché gli aruspici avevano annunciato la morte dei magistrati e dei sacerdoti, tutti i magistrati abdicarono immediatamente. 
- Poiché in Aricia erano piovute pietre, fu celebrata una supplicatio, anche perché in molti luoghi di Roma erano state viste immagini di uomini in toga, che svanivano davanti allo sguardo di coloro che si avvicinavano. 
- In Lusitania si combatté con alterna fortuna, in Gallia favorevolmente.

- Vasto incendio Romae cum regia quoque ureretur, sacrarium et ex duabus altera laurus ex mediis ignibus inviolatae steterunt.
- Pseudophilippus devictus.
- Scoppiò a Roma un grande incendio e bruciò anche la Reggia: tuttavia il sacrario e uno dei due alberi di alloro, pur trovandosi in mezzo alle fiamme, rimasero illesi. 
- Il falso Filippo fu sconfitto.

-  Amiterni puer tribus pedibus, una manu natus.
- Romae et circa fulmine pleraque icta.
- Caere sanguinis rivi terra fluxerunt et nocte caelum ac terra ardere visum.
- Frusinone aurum sacrum mures adroserunt.
- Lanuvii inter horam tertiam et quintam duo discolores circuli solem cinxerunt rubente alter, alter candida linea.
- Stella arsit per dies triginta duos.
- Et cum Carthago obsideretur, in captivos Romanorum per Hasdrubalem barbaro more saevitum, mox Carthago per Aemilianum diruta.
- Un bambino di Amiterno nacque con tre piedi e una mano.
- A Roma e nei dintorni molte costruzioni furono colpite dai fulmini.
- A Cere sgorgarono fiumiciattoli di sangue e nella notte furono visti ardere cielo e terra.
- A Frosinone i topi rosicchiarono sacri oggetti d'oro.
- A Lanuvio tra la terza e la quinta ora due cerchi di diverso colore circondarono il sole, uno rosso, l'altro bianco.
- Mentre Cartagine era assediata, per ordine di Asdrubale ci si accanì contro i prigionieri romani con barbarici maltrattamenti; in seguito Cartagine fu distrutta per ordine di Publio Cornelio Scipione Emiliano.

- Amiterni puer tribus pedibus natus.
- Caurae sanguinis rivi e terra fluxerunt.
- Cum a Salassis illata clades esset Romanis, decemviri pronuntiaverunt se invenisse in Sibyllinis, quotiens bellum Gallis illaturi essent, sacrificari in eorum finibus oportere.
- Ad Amiterno nacque un bimbo con tre piedi. 
- A Caura fiumiciattoli di sangue sgorgarono dalla terra. 
- Avendo i Salassi sconfitto i Romani, i decemviri sostennero di aver trovato nei libri Sibillini una prescrizione: ogni volta che si fosse combattuto contro i Galli, si doveva fare un sacrificio nel territorio nemico.

- Fames et pestilentia cum essent, per decemviros supplicatum.
- Lunae androgynus natus praecepto aruspicum in mare deportatus.Tanta fuit Lunensibus pestilentia ut iacentibus in publicum passim cadaveribus, qui funerarent defuerint.
- In Macedonia exercitus Romanus proelio vexatus: adversus Viriathum dubie dimicavit.
- Essendoci carestie ed epidemie, si tenne una supplicatio per ordine dei decemviri. 
- A Luni nacque un ermafrodito: per ordine degli aruspici fu gettato in mare. Ci fu un'epidemia così grande tra gli abitanti di Luni che i cadaveri giacevano ovunque nei luoghi pubblici ed erano venuti meno coloro che davano sepoltura. 
- In Macedonia l'esercito Romano fu sconfitto in battaglia; contro Viriato combatté con esito incerto.

- Praeneste et in Cephallenia signa de caelo cecidisse visa.
- Mons Aetna ignibus abundavit.
- Prodigium maioribus hostiis quadraginta expiatum.
- Annus pacatus fuit Viriatho victo.
- A Preneste e a Cefalonia furono viste stelle cadere dal cielo. 
- Il monte Etna abbondava di fiamme. 
- Il prodigio fu espiato da quaranta vittime maggiori. 
- Fu un anno di pace dopo la vittoria su Viriato.

- Cum Lavinii auspicaretur, pulli e cavea in silvam Laurentinam evolarunt neque inventi sunt. - Praeneste fax ardens in caelo visa, sereno intonuit.
- Terracinae M. Claudius praetor in nave fulmine conflagravit.
- Lacus Fucinus per milia passuum quinque quoquo versum inundavit.
- In Graecostasi et comitio sanguine fluxit. Esquiliis equuleus cum quinque pedibus natus. Fulmine pleraque decussa.
- Hostilius Mancinus consul in portu Herculis cum conscenderet navem petens Numantiam, vox improviso audita "Mane, Mancine." Cumque egressus postea navem Genuae conscendisset, anguis in navi inventus e manibus effugit. Ipse consul devictus, mox Numantinis deditus.
- Mentre si prendevano gli auspici a Lavinio, i polli scapparono dalla gabbia nella Selva Laurentina e non furono ritrovati. 
- A Preneste fu vista una fiaccola ardente in cielo e tuonò a ciel sereno. 
- A Terracina il pretore Marco Claudio bruciò nella sua nave a causa di un fulmine. 
- Il lago Fucino uscì dal suo alveo per cinque miglia in tutte le direzioni. 
- Nella Grecostasi e nel Comizio sgorgò sangue. Nell'Esquilino nacque un puledro con cinque zampe. I fulmini colpirono molte cose. 
- Quando il console Ostilio Mancino stava salendo sulla nave a Porto d'Ercole, diretto a Numanzia, all'improvviso si sentì un grido: "Fermati, Mancino." Sbarcò e salì su una nave a Genova: fu trovato un serpente nella nave che sfuggì dalle mani. Lo stesso console venne sconfitto e successivamente fu consegnato ai Numantini.

- Regium paene totum incendio consumptum sine ullo humano fraudis aut neglegentiae vestigio.
- Puer ex ancilla quattuor pedibus manibus oculis auribus et duplici obsceno natus. Puteolis in aquis calidis rivi manarunt sanguine. Fulmine pleraque deiecta. Puer aruspicum iussu crematus cinisque eius in mare deiectus.
- A Vaccaeis exercitus Romanus caesus.
- Reggio fu completamente distrutta da un incendio senza alcuna traccia di frode o noncuranza umana. 
- Nacque da una serva un bambino con quattro piedi, quattro mani, quattro occhi, quattro orecchie e due parti intime. A Pozzuoli in sorgenti calde sgorgarono ruscelli di sangue. I fulmini colpirono molte cose. Il bambino fu bruciato per ordine degli aruspici e le sue ceneri vennero gettate in mare. 
- Un esercito romano fu disfatto dai Vaccei.

LE NINFAE
- Mons Aetna maioribus solito arsit ignibus. Romae puer solidus posteriore naturae parte genitus. Bononiae fruges in arboribus natae.
- Bubonis vox primum in Capitolio dein circa urbem audita. Quae avis praemio posito ab aucupe capta combustaque; cinis eius in Tiberim dispersus. Bos locutus.
- In Numantinis res male gestae, exercitus Romanus oppressus.
- Il monte Etna arse con più fiamme del solito. A Roma nacque un bimbo senza apertura naturale nella parte posteriore. A Bologna nacque grano sugli alberi. 
- Il verso del gufo fu sentito prima in Campidoglio: fu promessa una ricompensa e quell'uccello fu catturato da un aucupio (pania), quindi bruciato; le sue ceneri furono disperse nel Tevere. Un bue parlò. 
- A Numanzia le operazioni militari furono disastrose e un esercito romano venne sconfitto.

- In Amiterno sol noctu visus, eiusque lux aliquamdiu fuit visa. Bos locutus et nutritus publice. Sanguine pluit.
- Anagniae servo tunica arsit et intermortuo igne nullum flammae apparuit vestigium.
- In Capitolio nocte avis gemitus similes hominis dedit. In aede Iunonis Reginae scutum Ligusticum fulmine tactum.
- Fugitivorum bellum in Sicilia exortum, coniuratione servorum in Italia oppressa.
- Ad Amiterno durante la notte si vide il sole; la sua luce fu vista per parecchio tempo. Un bue parlò e fu mantenuto a spese pubbliche. Piovve sangue. 
- Ad Anagni una tunica bruciò addosso ad un servo e, spento il fuoco, non rimase alcun segno della fiamma. 
- Nel Campidoglio un uccello emise un gemito simile a quello dell'uomo. Nel tempio di Giunone Regina lo scudo ligustico fu colpito da un fulmine. 
- In Sicilia ci fu una ribellione di schiavi e anche in Italia fu soffocata un congiura di schiavi.

- Tiberius Gracchus . . . legibus ferendis occisus. Proditum est memoria Tiberium Gracchum, quo die periit, tristia neglexisse omina, cum domi et in Capitolio sacrificanti dira portenderentur, domoque exiens sinistro ad limen offenso pede decusserit pollicem, et corvi fragmentum tegulae ante pedes eius proiecerint ex stillicidio.
- In lacu Romano lacte rivi manarunt.
- Lunae terra quattuor iugerum spatio in profundum abiit et mox de caverna lacum reddidit.
- Ardeae terra pluit.
- Minturnis lupus vigilem laniavit et inter tumultum effugit. Romae bubo et alia avis ignota visa. In aede Iunonis Reginae clausis per biduum valvis infantis vox audita.
- Scuta novo sanguine maculata.
- Puella quadrupes nata.
- In Agro Ferentino androgynus natus et in flumen deiectus.
- Virgines ter novenae canentes urbem lustraverunt.
- Tiberio Gracco... fu ucciso mentre proponeva leggi. Si tramanda che Tiberio Gracco, il giorno che morì, non prese in considerazione i tristi presagi che si erano mostrati mentre sacrificava a casa e in Campidoglio: uscendo da casa, colpì la soglia con il piede sinistro, sbattendo l'alluce; i corvi lanciarono un pezzo di tegola davanti ai suoi piedi. 
- Nel lago romano sgorgarono fiumiciattoli di latte. 
- A Luni la terra in un'area di quattro iugeri sprofondò e la cavità fu subito occupata da un lago. 
- Ad Ardea piovve terra. 
- A Minturno un lupo sbranò una sentinella e nella confusione riuscì a scappare. 
- A Roma furono visti un gufo ed un altro uccello sconosciuto. 
- Nel tempio di Giunone Regina fu udito il pianto di un bambino per due giorni nonostante le porte chiuse. 
- Gli scudi si macchiarono con nuovo sangue. 
- Nacque una bimba con quattro piedi. 
 - Nel territorio ferentino nacque un ermafrodito e fu gettato nel fiume. 
- Tre gruppi di vergini che cantavano, nove in ciascun gruppo, purificarono la città.

- In Italia multa milia servorum quae coniuraverant aegre comprehensa et supplicio consumpta.
- In Sicilia fugitivi Romanos exercitus necaverunt.
- Numantia diruta.
- In Italia molte migliaia di schiavi che avevano cospirato furono a fatica arrestati e suppliziati. - In Sicilia gli schiavi distrussero eserciti romani. 
- Numanzia fu distrutta.

- Reate mulus cum quinque pedibus natus.
- Romae in Graecostasi lacte pluit.
- Lupus et canis Hostiae pugnantes fulmine exanimati.
- Grex ovium in Apulia uno ictu fulmine exanimatus.
- Praetor populi Romani fulmine exanimatus.
- Terracinae sereno navis velum fulmine in aqua deiectum, et impensas omnis quae ibi erant ignis absumpsit.
- Publius Crassus adversus Aristonicum dimicans occisus.
- Apollinis simulacrum lacrimavit per quadriduum. Vates portenderunt Graeciae fore exitium, unde deductum esset. Sacrificatum tum a Romanis donaque in templo posita.
- Phrygia recepta Asia Attali testamento legata Romanis.
- Antiocho regi Syriae ingenti exercitu dimicanti hirundines in tabernaculo nidum fecerunt. Quo prodigio neglecto proelium commisit et a Parthis occisus est.
- A Rieti nacque un mulo con cinque zampe. 
- A Roma nella Grecostasi piovve latte. 
- Ad Ostia un lupo ed un cane che combattevano furono uccisi da un fulmine. 
- Un gregge di pecore in Apulia venne distrutto con un solo fulmine. 
- Il pretore del popolo romano morì per un fulmine. 
- A Terracina con il cielo sereno, la vela di una nave fu gettata in acqua da un fulmine e il fuoco bruciò tutte le cose che erano lì. 
- Publio Crasso fu ucciso mentre combatteva contro Aristonico. 
- La statua di Apollo lacrimò per quattro giorni. Gli indovini pronosticarono che ci sarebbe stata la sconfitta della Grecia, da dove la statua era stata portata. Furono fatti allora sacrifici dai Romani e portati doni nel tempio. 
- Fu annessa la Frigia; l'Asia venne assegnata ai Romani dal testamento di Attalo. 
- Mentre Antioco, re di Siria, stava combattendo con un numeroso esercito, le rondini fecero un nido nella tenda. Dopo aver trascurato questo segno, attaccò battaglia e fu ucciso dai Parti.

-  M. Fulvii Flacci triumviri . . . dissensione in legibus ferendis . . . Angues duo nigri in cella Minervae allapsi civilem caedem portenderunt. …
- Sotto il triumviro M. Fulvio Flacco…discordia nel presentare la proposta di legge…Due serpenti neri entrati nella cella di Minerva preannunciarono la strage dei cittadini.

- Nocturna tempestate in Capitolio aliquot templa concussa sunt.
- Romae et circa fulmine pleraque deiecta sunt.
- Aetna mons terrae motu ignes super verticem late diffudit, et ad insulas Liparas mare efferbuit et quibusdam adustis navibus vapore plerosque navalis exanimavit, piscium vim magnam exanimem dispersit, quos Liparenses avidius epulis appetentes contaminatione ventris consumpti, ita ut nova pestilentia vastarentur insulae.
- Quod prodigium aruspicum responso seditionem, quae post tempora ea fuit, portendit.
- Durante una tempesta notturna alcuni templi furono scossi nel colle Capitolino. 
- A Roma e nelle vicinanze molti edifici Vennero colpiti dai fulmini. 
- Il monte Etna diffuse largamente fiamme dalla sommità; ci fu un terremoto e il mare ribollì vicino alle isole Lipari: furono bruciate alcune navi, vennero uccisi parecchi marinai col fumo, fu dispersa una grande quantità di pesci morti. Gli abitanti di Lipari, desiderandoli alquanto avidamente per i banchetti, furono uccisi da una malattia dello stomaco, così che le isole furono svuotate dalla nuova pestilenza. Per gli aruspici questo prodigio preannunciava la ribellione, che avvenne dopo quel tempo.

- In arboribus fruges natae sunt.
- Oleo et lacte in Veiente pluit.
- Bubo in Capitolio visus.
- Arpis lapideus imber triduo . . . apparuit locustarum ingenti agmine in Africa, quae a vento in mare deiectae fluctibusque eiectae odore intolerabili Cyrenis mortiferoque vapore gravem pestilentiam fecerunt pecori; hominumque DCCC milia consumpta tabe proditum est.
- Fregellae, quae adversus Romanos coniuraverunt, dirutae.
- Ligures Sallyes trucidati.
- Sugli alberi nacquero messi. 
- Nel territorio di Veio piovvero olio e latte. 
- Si vide un gufo sul Campidoglio. 
- Ad Arpi una pioggia di pietre per tre giorni. 
- In Africa apparve una grande quantità di cavallette che, gettate dal vento in mare e spinte a riva dalle onde, provocarono a Cirene, con il loro intollerabile odore e con la mortifera esalazione, una grave moria di bestiame; si tramanda che ottocentomila uomini furono uccisi dall'epidemia. 
- La città di Fregelle, che aveva cospirato contro i Romani, fu distrutta. 
- I Liguri Salli furono trucidati.

- In Graecostasi lacte pluit.
- Fulmine Crotone grex ovium cum cane et tribus pastoribus exanimatus.
- Saturae vitulus biceps natus. Tumultus in urbe fuit C. Graccho leges ferente.
- Piovve latte sulla Grecostasi. 
- Un gregge di pecore, un cane e tre pastori furono uccisi da un fulmine a Crotone. 
- A Satura nacque un vitello con due teste. 
- Ci fu un tumulto nella città di Roma mentre Gaio Gracco proponeva le leggi.

- In foro Vessano androgynus natus in mare delatus est. In Gallia tres soles et tres lunae visae.
- Vitulus biceps natus. Bubo in Capitolio visus.
- Aetnae incendio Catina consumpta. Sallyes et Allobroges devicti.
- A Foro Vessano nacque un ermafrodito e fu gettato in mare. 
- In Gallia furono visti tre soli e tre lune. 
- Nacque un vitello con tre teste. 
- Un gufo fu visto sul Campidoglio. 
- Catania fu distrutta da un incendio provocato dall'Etna. 
- I Salli e gli Allobrogi furono vinti.


VITTORIA
- Grex luporum limites qui in agrorum divisione per C. Gracchum depositi erant dissipavit. Ipse Gracchus in Aventino occisus.
- Un branco di lupi abbatté i confini che erano stati posti da Gaio Gracco nella divisione dei campi. Gaio Gracco stesso fu ucciso nell'Aventino.

- Androgynus in agro Romano annorum octo inventus et in mare deportatus. Virgines ter novenae in urbe cantarunt.
- Un ermafrodito di otto anni fu trovato nell'Agro Romano e venne gettato in mare. Tre gruppi di nove fanciulle cantarono in città.

- Catone consule immolante exta tabuerunt, caput iocineris inventum non est.
- Lacte pluit.
- Terra cum mugitu tremuit.
- Examen apum in foro consedit.
- Sacrificium ex Sibyllinis.
- Mentre il console Catone compiva un sacrificio, le viscere si consumarono e non fu trovata l'estremità del fegato. 
- Piovve latte. 
- La terra tremò con un boato. 
- Uno sciame di api si stabilì nel foro. 
- Fu offerto il sacrificio obbedendo alle prescrizioni dei Libri Sibillini.

-  Fulmine Romae et circa pleraque tacta.
- Praeneste lacte pluit. Hastae Martis in regia motae.
- Priverni terra septem iugerum spatio in caverna desedit.
- Saturniae androgynus annorum decem inventus et mari demersus.
- Virgines viginti septem urbem carmine lustraverunt. Reliquum anni in pace fuit.
- Molte cose furono colpite da un fulmine a Roma e nelle vicinanze. 
- A Preneste piovve latte. 
- Nella Reggia si mossero le lance di Marte. 
- A Priverno la terra sprofondò in una caverna in un'area di sette iugeri. 
- A Saturnia fu trovato e fu gettato in mare un ermafrodito di dieci anni. 
- Ventisette vergini purificarono la città con un canto. Il resto dell'anno trascorso in pace.

- P. Elvius eques Romanus a ludis Romanis cum in Apuliam reverteretur, in agro Stellati filia eius virgo equo insidens fulmine icta exanimataque, vestimento deducto in inguinibus, exserta lingua, per inferiores locos ut ignis ad os emicuerit. Responsum infamiam virginibus et equestri ordini portendi, quia equi ornamenta dispersa erant. Tres uno tempore virgines Vestales nobilissimae cum aliquot equitibus Romanis incesti poenas subierunt. Aedes Veneri Verticordiae facta.
- Mentre il cavaliere romano Publio Elvio, che era stato ai Ludi Romani, ritornava il Puglia, sua figlia vergine fu colpita e uccisa da un fulmine mentre stava a cavallo: i vestiti erano stati portati via dall'inguine, la bocca era spalancata, come se il fuoco fosse passato attraverso le parti inferiori fino alla bocca. Si interpretò il fatto in questo modo: era stata predetta infamia alle vergini e all'ordine equestre, poiché erano stati dispersi gli ornamenti del cavallo. Nello stesso tempo tre nobilissime vergini Vestali con alcuni cavalieri romani subirono le pene per l'incesto. Fu costruito un tempio a Venere Verticordia (= che muta i cuori).

- Albanus mons nocte ardere visus. Aedicula et signum de caelo tacta. Ara Salutis interrupta.
- Terra in Lucanis et Privernati late hiavit.
- In Gallia caelum ardere visum.
- Cimbri Teutonique Alpes transgressi foedam stragem Romanorum sociorumque fecerunt.
- Il monte Albano sembrò ardere nella notte. Un'edicola e una statua furono colpite dal cielo. Si ruppe l'altare della Salute. 
- La terra si aprì ampiamente in Lucania e nel territorio di Priverno. 
- In Gallia si vide ardere il cielo. 
- I Cimbri e i Teutoni, oltrepassate le Alpi, fecero una brutale strage di Romani e loro alleati.

- Maxima pars urbis exusta cum aede Matris Magnae. Lacte per triduum pluit, hostiisque expiatum maioribus. Iugurthinum bellum exortum.
- Una grandissima parte della città fu bruciata con il tempio della Grande Madre. Piovve latte per tre giorni: questo prodigio fu espiato con vittime maggiori. Ebbe inizio la guerra contro Giugurta.

- Avis incendiaria et bubo in urbe visae. In latomiis homo ab homine adesus. Ex Sibyllinis in insula Cimolia sacrificatum per triginta ingenuos patrimos et matrimos totidemque virgines.
- Multa milia hominum intumescente Pado et stagno Arretino obruta. Bis lacte pluit.
- Nursiae gemini ex muliere ingenua nati, puella integris omnibus membris, puer a parte priore alvo aperto ita ut nudum intestinum conspiceretur, idem posteriore natura solidus natus, qui voce missa expiravit.
- Contra Iugurtham prospere dimicatum.
- Un'avis incendiaria e un gufo furono visti in città. In una cava di pietra un uomo fu divorato da un altro. In base ai Libri Sibillini nell'isola Cimolia fu fatto un sacrificio da parte di trenta ragazzi e altrettanti vergini che avevano padri e madri viventi. 
- Molte migliaia di persone furono sommerse dal Po in piena e dallo stagno Aretino. Piovve latte per due volte. 
- A Norcia nacquero due gemelli da una donna libera: una fanciulla con tutte le membra intatte, un fanciullo con il ventre aperto nella parte anteriore, cosicché si poteva vedere l'intestino scoperto, e senza apertura nella parte posteriore; il bambino, dopo aver vagito, morì. - Si combatté favorevolmente contro Giugurta.

- Amiterni cum ex ancilla puer nasceretur, ave dixit. In agro Perusino et Romae locis aliquot lacte pluit.
- Inter multa fulmine icta Atellis digiti hominis quattuor tamquam ferro praecisi. Argentum signatum afflatu fulminis diffluxit.
- In agro Trebulano mulier nupta civi Romano fulmine icta nec exanimata.
- Fremitus caelestis auditus et pila caelo cadere visa. Sanguine pluit. Romae interdiu fax sublime volans conspecta. In aede Larum flamma a fastigio ad summum columen penetravit innoxia. Per Caepionem consulem senatorum et equitum iudicia communicata. Cetera in pace fuerunt.
- Ad Amiterno un bambino appena nato da una ancella disse "Ave!". 
- Nel territorio perugino e in alcuni luoghi di Roma piovve latte. 
- Tra le varie cose colpite da un fulmine, ad Atella quattro dita di un uomo furono tagliate come da una spada. Una moneta di argento si sciolse con il calore di un fulmine. Nel territorio di Trebula una donna sposata con un cittadino romano fu colpita da un fulmine ma sopravvisse. 
- Nel cielo si sentì un rumore e si vide cadere una palla dal cielo. Piovve sangue. A Roma di giorno fu possibile vedere una fiamma che fluttuava nell'aria. Nel tempio dei Lari una fiamma entrò dal tetto. e arrivò alla sommità della colonna senza far danno. Su proposta del console Cepione le giurie furono divise tra senatori e cavalieri. Le altre cose rimasero in pace.

- Trebulae Mutuscae ante quam ludi commiterentur, canente tibicine angues nigri aram circumdederunt, desinente cantare dilapsi. Postero die exorti a populo lapidibus enecati. Foribus templi adapertis simulacrum Martis ligneum capite stans inventum. A Lusitanis exercitus Romanus caesus.
- A Trebula Mutusca, prima che i giochi fossero aperti, mentre il flautista suonava, dei serpenti neri circondarono l'altare; quando smise di suonare si dispersero. Il giorno dopo spuntarono fuori e furono uccisi con le pietre dal popolo. Aperte le porte del tempio, fu trovata una statua di legno di Marte che si appoggiava sulla testa. Un esercito romano fu fatto a pezzi dai Lusitani.

- Bubo extra urbem visus. Bos locuta. Trebulae Mutuscae simulacrum in templo, quod capite adaperto fuit, opertum inventum. Nuceriae ulmus vento eversa sua sponte erecta in radicem convaluit. In Lucanis lacte, Lunae sanguine pluit. Arimini canis locutus. Arma caelestia tempore utroque ab ortu et occasu visa pugnare et ab occasu vinci.
- Aruspicum responso populus stipem Cereri et Proserpinae tulit. Virgines viginti septem dona canentes tulerunt.
- Luna interdiu cum stella ab hora tertia usque ad horam septinam apparuit. A fugitivis et desertoribus in Thurinis regiones vastatae. Cimbri Alpes transgressi post Hispaniam vastatam iunxerunt se Teutonis. Lupus urbem intravit. Fulminis ictu vultures super turrem exanimati. Hora diei tertia solis defectus lucem obscuravit. Examen apium ante aedem Salutis consedit. In comitio lacte pluit.
- In Piceno tres soles visi. In agro Vulsiniensi flamma e terra orta caelumque visa contingere. In Lucanis duo agni equinis pedibus nati, alter siminino capite. In Tarquinensi lactis rivi terra scaturienti exorti.
- Aruspicum responso signa oleaginea duo armata statuta supplicatumque.
- In Macedonia Thraces subacti.
- Un gufo fu visto fuori città. Una mucca parlò. A Tremula Mutusca fu trovata con il capo coperto una statua, che era a capo scoperto. A Nocera un olmo, rovesciato dal vento, si ristabilì eretto sulle radici di sua spontanea volontà. In Lucania piovve latte, a Luni sangue. A Rimini una cane parlò. Armi celesti furono viste combattere in un certo momento dall'est all'ovest e prevalse quella occidentale. 
- In base al responso degli aruspici il popolo portò un'offerta a Cerere e a Proserpina. Ventisette vergini portarono i doni cantando. 
- La Luna e una stella apparvero dall'ora terza all'ora settima durante il giorno. Il territorio vicino a Turi fu devastato dai fuggitivi e dai disertori. I Cimbri dopo aver oltrepassato le Alpi e aver devastato la Spagna si unirono ai Teutoni. Un lupo entrò a Roma. Alcuni avvoltoi furono colpiti e uccisi da un fulmine su una torre. All'ora terza ci fu un'eclissi. Uno sciame di api si stabilì davanti al tempio della Salute. Piovve latte. sul Comizio. 
- Nel Piceno furono visti tre soli. Nei campi di Volsini si vide una fiamma, spuntata dalla terra, toccare il cielo. In Lucania due agnelli nacquero con zampe equine; uno dei due aveva la testa di scimmia. Nei pressi di Tarquinia sgorgarono dalla terra fiumi di latte. 
- In base al responso degli aruspici furono collocate due statue di legno armate e si tenne una supplicatio. 
- In Macedonia i Traci furono sottomessi.

- Novemdiale sacrum fuit, quod in Tuscis lapidibus pluerat. Urbs aruspicum iussu lustrata. Hostiarum cinis per decemviros in mare dispersus, et per dies novem per magistratus circa omnia templa et municipia pompa ducta supplicantum.
- Hastae Martis in regia sua sponte motae. Sanguine circa amnem Anienem pluit. Examen apium in foro boario in sacello consedit. In Gallia in castris lux nocte fulsit. Puer ingenuus Ariciae flamma comprehensus nec ambustus. Aedes Iovis clusa fulmine icta.
- Cuius expiationem quia primus monstraverat Aemilius Potensis aruspex, praemium tulit, ceteris celantibus, quod ipsis liberisque exitium portenderetur.
- Piratae in Cilicia a Romanis deleti. Teutoni a Mario trucidati.
- Ci fu un rito sacro di nove giorni, perché erano piovuti sassi. in Etruria. La città fu purificata per ordine degli aruspici. Le ceneri delle vittime furono disperse in mare dai decemviri, e per nove giorni una processione di supplicanti fu condotta dai magistrati attorno a tutti i templi e municipi. 
- Le lance di Marte si mossero di loro volontà nella Regia. Piovve sangue. attorno al fiume Aniene. Uno sciame di api si insediò in un tempietto nel foro Boario. Negli accampamenti in Gallia una luce brillò di notte. Un fanciullo libero di Aricia fu avvolto dalle fiamme ma non venne consumato. Il tempio di Giove fu colpito da un fulmine mentre era chiuso. 
- L'aruspice Emilio Potense ebbe un premio, poiché per primo aveva indicato l'espiazione di questo prodigio, mentre gli altri lo celavano, perché annunciava la morte di loro stessi e dei figli. 
- I pirati furono annientati dai Romani in Cilicia. I Teutoni furono sterminati da Mario.

- Ancilia cum crepitu sua sponte mota. Servus Q. Servilii Caepionis Matri Idaeae se praecidit, et trans mare exportatus, ne umquam Romae reverteretur. Urbs lustrata. Capra cornibus ardentibus per urbem ducta, porta Naevia emissa relictaque. In Aventino luto pluit. Lusitanis devictis Hispania ulterior pacata. Cimbri deleti.
- Gli scudi si mossero con un crepitio di loro volontà. Il servo di Quinto Servilio Cepio si evirò in devozione alla Grande Madre, e fu trasportato al di là del mare, affinché non tornasse mai a Roma. La città fu purificata. Una capra con le corna ardenti fu condotta per la città, espulsa da porta Nevia e abbandonata. Piovve fango. sull'Aventino. I Lusitani furono sconfitti e la Spagna Ulteriore fu pacificata. I Cimbri furono sterminati.

- Fax ardens Tarquiniis late visa subito lapsu cadens. Sub occasu solis orbis clipei similis ab occidente ad orientem visus perferri. In Piceno terrae motu domicilia ruinis prostrata, quaedam convulsa sede sua inclinata manserunt. Fremitus armorum ex inferno auditus. Quadrigae aureatae in foro a pedibus sudaverunt.
- Fugitivi in Sicilia proeliis trucidati.
- A Tarquinia si vide una fiaccola ardente improvvisamente scendere. Al calare del Sole si vide un oggetto circolare simile a uno scudo dirigersi da ovest a est.. Nel Piceno le abitazioni furono ridotte in rovine da un terremoto, mentre alcune rimasero inclinate nella loro sede sconvolta. Un fremito di armi fu udito dal fondo della terra. Le Quadrighe dorate nel foro sudarono nella parte inferiore. 
- Gli schiavi fuggitivi in Sicilia furono trucidati in battaglia.

- Bubone in urbe visa urbs lustrata. Nimbis et procella plurima dissipata, fulmine pleraque tacta. Lanuvii in aede Iunonis Sospitae in cubiculo deae sanguinis guttae visae. Nursiae aedes sacra terrae motu disiecta. Lusitani rebellantes subacti. Sex. Titius tribunus plebis de agris dividendis populo cum repugnantibus collegis pertinaciter legem ferret, corvi duo numero in alto volantes ita pugnaverunt supra contionem ut rostris unguibusque lacerarentur.
- Aruspices sacra Apollini litanda et de lege, quae ferebatur, supersedendum pronuntiarunt. Fremitus ab inferno ad caelum ferri visus inopiam famemque portendit. Populus stipem, matronae thesaurum et virgines dona Cereri et Proserpinae tulerunt. Per virgines viginti septem cantitatum. Signa cupressea duo Iunoni Reginae posita.
- In Lusitania prospere a Romanis pugnatum.
- La città venne purificata dopo che era stato visto un gufo a Roma. Molti oggetti furono dispersi da nuvole e vento, molti altri colpiti dai fulmini. A Lanuvio nel tempio di Giunone Sospita, furono viste nella stanza della dea delle macchie di sangue. A Norcia un luogo sacro fu distrutto dal terremoto. I Lusitani che si erano ribellati furono sottomessi. Mentre Sesto Tizio tribuno della plebe proponeva una legge per la divisione dei campi al popolo, mentre i colleghi si opponevano tenacemente, due corvi che volavano in alto combatterono sopra l'assemblea a tal punto che si lacerarono con i becchi e gli artigli. 
- Gli aruspici dissero che bisognava fare sacrifici ad Apollo e che non si dovesse più parlare della legge che veniva proposta. Un rumore, che dalla profondità della terra sembrò alzarsi in cielo, preannunciò carestia e fame. Il popolo portò a Cerere e Proserpina un'offerta, le matrone oggetti preziosi, le vergini doni. Ventisette vergini cantarono. Furono poste due statue di cipresso a Giunone Regina. 
- In Lusitania i Romani combatterono favorevolmente.


DANZA RITUALE
- Bubone in Capitolio supra deorum simulacra viso cum piaretur, taurus victima exanimis concidit. Fulmine pleraque decussa. Hastae Martis in regia motae. Ludis in theatro creta candida pluit; fruges et tempestates portendit bonas. Sereno tonuit.
- Apud aedem Apollinis decemviris immolantibus caput iocineris non fuit, sacrificantibus anguis ad aram inventus. Item androgynus in mare deportatus. In circo inter pila militum ignis fusus.
- Hispani pluribus proeliis devicti.
- Essendo stato fatto un rito propiziatorio a causa di un gufo visto sopra le immagini degli Dei nel Campidoglio, la vittima, un toro, cadde esanime. Molte cose furono colpite dai fulmini. Nella Reggia si mossero le lance di Marte. In teatro durante i giochi piovve terra candida, preannunciò buon raccolto e buon tempo. Tuonò a cielo sereno. 
- Presso il tempio di Apollo, mentre i decemviri offrivano un sacrificio, non fu trovata la parte superiore del fegato; mentre sacrificavano, un serpente fu trovato presso l'altare. Parimenti un ermafrodito fu gettato in mare. Il fuoco arse tra i giavellotti dei soldati nel circo. 
- Gli Ispani furono sconfitti in più combattimenti.

- Supplicatum in urbe quod androgynus inventus et in mare deportatus erat. Pisuri terrae fremitus auditus. Muri pinnae sine terrae motu passim deiectae civiles portendere discordias. Nursiae simulacrum Iovis in partem sinistram conversum.
- Cupressea simulacra Iunonis Reginae posita per virgines viginti septem, quae urbem lustraverunt.
- Celtiberi Maedi Dardani subacti.
- A Roma vennero offerte delle preghiere perché un ermafrodito fu trovato e gettato in mare. A Pesaro fu udito un fremito della terra. I pinnacoli delle mura caduti in tutte le direzioni senza il terremoto preannunciarono discordia tra i cittadini. A Norcia la statua di Giove si girò verso sinistra. 
- Statue di cipresso furono innalzate in onore di Giunone Regina da ventisette vergini, che purificarono la città. 
- I Celtiberi, i Medi e i Dardani furono sottomessi.

-  Lupus urbem ingressus in domo privato occisus. Bubo in Capitolio occisus. Fulmine pleraque decussa. Signa aurata Iovis cum capite columnaque disiecta. Faesulis sanguine terra manavit. Arretii mulieri e naso spicae farris natae, eadem farris grana vomuit.
- Urbe lustrata Ptolemaeus, rex Aegypti, Cyrenis mortuus S.P.Q. Romanum heredem reliquit.
- Un lupo entrò a Roma e fu ucciso in una casa privata. Un gufo fu ucciso nel Campidoglio. Molte cose furono colpite dai fulmini. La statua dorata di Giove fu distrutta con il capitello e la colonna. A Fiesole il sangue uscì dalla terra. Ad Arezzo nacquero spighe di farro dal naso di una donna; la stessa vomitò chicchi di farro. 
- Purificata la città, Tolomeo, re dell'Egitto, morto a Cirene, nominò suoi eredi il Senato e il Popolo romano.

- Caere lacte pluit. Lebadiae Eutychides in templum Iovis Trophonii degressus tabulam aeneam extulit, in qua scripta erant, quae ad res Romanas pertinent. Fulminis afflatu pleraque animalia exanimata. Venafri hiatu terra alte subsedit. Vultures canem mortuum laniantes occisi ab aliis et comesi vulturibus. Agnus biceps, puer tribus manibus totidemque pedibus natus Ateste. Hastae Martis in regia motae. Androgynus Urbino natus in mare deportatus.
- Pax domi forisque fuit.
- Piovve latte. a Cere. A Lebadea Eutichide entrò nel tempio di Giove Trofonio e portò fuori una tavola di bronzo sulla quale erano scritte informazioni riguardanti Roma. Molti animali furono uccisi dai fulmini. A Venafro si aprì una voragine e la terra sprofondò notevolmente. Alcuni avvoltoi furono uccisi e mangiati da altri avvoltoi mentre dilaniavano un cane morto. Ad Ateste nacquero un agnello con due teste e un fanciullo con tre mani e tre piedi. Nella Reggia si mossero le lance di Marte. Un ermafrodito nato a Urbino fu gettato in mare. 
- La pace regnò in città e fuori.

- Novemdiale sacrum fuit quod in Volsca gente lapidibus pluerat. Vulsiniis luna nova defecit et non nisi postero die hora tertia comparuit. Puella biceps, quadripes, quadrimana, gemina feminea natura mortua nata. Avis incendiaria visa occisaque. In Vestinis in villa lapidibus pluit. Fax in caelo apparuit et totum caelum ardere visum. Terra sanguine manavit et concrevit. Canes saxa tegulas vulgo roserunt. Faesulis ingens multitudo inter sepulcra lugubri veste, pallida facie interdiu ambulare gregatim visa.
- Per Nasicam Hispaniae principes qui rebellabant supplicio consumpti, urbibus dirutis.
- Si celebrò una cerimonia di nove giorni perché c'era stata una pioggia di pietre. nel territorio dei Volsci. A Bolsena la luna nuova scomparve e non riapparve fino alla terza ora del giorno dopo. Una bimba con due teste, quattro piedi e quattro mani e due parti femminili nacque morta. Un'avis incendiaria fu vista e uccisa. In una casa di campagna nel territorio dei Vestini .. Una fiaccola apparve in cielo. e si vide ardere tutto il cielo. Dalla terra uscì sangue e si raggrumò. I cani morsero pietre e tegole in varie parti. A Fiesole una grande folla fu a lungo vista camminare con vesti da lutto e visi pallidi. 
- I principi della Spagna che si erano ribellati furono uccisi con supplizi da Nasica e le loro città distrutte.

- Romae et circa fulmine pleraque decussa. Ancilla puerum unimanum peperit. Fregellis aedes Neptuni nocte patefacta. Maris vituli cum exta demerentur, gemini vitelli in alvo eius inventi. Arretii signum aeneum Mercurii sudavit. In Lucanis gregem vervecum cum pasceretur et nocte in stabulo, flamma circumdata nihil adussit. Carseolis torrens sanguinis fluxit. Lupi urbem ingressi. Praeneste lana volitavit. In Apulia mula peperit. Milvus in aede Apollinis Romae comprehensus.
- Herennio consuli bis immolanti caput iocineris defuit. In sacro novemdiali cena deae posita a cane adesa antequam delibaretur. Vulsiniis prima luce flamma caelo emicare visa; cum in unum coisset, os flamma ferrugineum ostendit, caelum visum discedere, cuius hiatu vertices flammae apparuerunt.
- Lustrationibus prospere expiatum. Nam totus annus domi forisque tranquillus fuit.
- A Roma e nei dintorni molte cose furono colpite dai fulmini. Una serva partorì un bambino con una mano sola. A Fregelle il tempio di Nettuno si aprì durante la notte. Quando le viscere di un vitello maschio vennero tolte, furono trovati due cuccioli nel suo ventre. Ad Arezzo una statua di bronzo di Mercurio sudò. In Lucania le fiamme circondarono, senza bruciare nulla, un gregge di montoni sia mentre stavano pascolando, sia, di notte, nella stalla. A Carseoli sgorgò un torrente di sangue. I lupi entrarono a Roma. A Preneste la lana volò nell'aria. In Puglia una mula partorì. Un nibbio fu catturato nel tempio di Apollo a Roma. 
- Mentre il console Erennio immolava per la seconda volta, non si trovò la parte superiore del fegato. Durante una cerimonia di nove giorni, il banchetto preparato per la Dea fu divorato da un cane prima che fosse assaggiato. Si vide una fiamma risplendere in cielo., all'alba, a Bolsena; successivamente la fiamma si riunì in un luogo e mostrò un'apertura color ferro; si vide il cielo dividersi. e nell'apertura apparvero vertici di fiamme. 
- L'espiazione fu con successo compiuta con una cerimonia di purificazione. Infatti tutto l'anno fu tranquillo a Roma e altrove.

-  Bubo in aede Fortunae Equestris comprehensus inter manus expiravit. Faesulis fremitus terrae auditus. Puer ex ancilla natus sine foramine naturae qua humor emittitur. Mulier duplici natura inventa. Fax in caelo visa. Bos locuta. Examen apium in culmine privatae domus consedit. Volaterris sanguinis rivus manavit. Romae lacte pluit. Arretii duo androgyni inventi. Pullus gallinaceus quadripes natus. Fulmine pleraque icta.
- Supplicatio fuit. Populus Cereri et Proserpinae stipem tulit. Virgines viginti septem carmen canentes urbem lustraverunt.
- Maedorum in Macedonia gens provinciam cruente vastavit.
- Un gufo fu catturato nel tempio della Fortuna Equestre e morì tra le mani. A Fiesole fu udito un fremito della terra. Un bambino nacque da una serva senza il foro naturale dal quale si emettono gli umori. Una donna fu trovata con due parti intime. Una fiaccola fu vista in cielo. Una mucca parlò. Uno sciame d'api si raggruppò insieme in una casa privata. A Volterra sgorgò un ruscello di sangue. A Roma piovve latte. Ad Arezzo vennero trovati due ermafroditi. Nacque una gallina con quattro zampe. Molte cose furono colpite dai fulmini. 
- Ci fu una preghiera. Il popolo portò un'offerta a Cerere e Proserpina. Ventisette vergini intonarono un canto e purificarono la città. 
- In Macedonia la tribù dei Medi devastò crudelmente la provincia.

- Livio Druso tr.pl. leges ferente cum bellum Italicum consurgeret, prodigia multa apparuerunt urbi.
- Sub ortu solis globus ignis a septemtrionali regione cum ingenti sono caeli emicuit. Arretii frangentibus panes cruor e mediis fluxit. In Vestinis per dies septem lapidibus testisque pluit. Aenariae terrae hiatu flamma exorta in caelum emicuit. Circa Regium terrae motu pars urbis murique diruta. In Spoletino colore aureo globus ignis ad terram devolutus, maiorque factus e terra ad orientem ferri visus magnitudine solem obtexit. Cumis in arce simulacrum Apollinis sudavit. Aedis Pietatis in circo Flaminio clausa fulmine icta. Asculo per ludos Romani trucidati. Cum ex agris in urbem pecora armentaque Latini agerent, strages hominum passim facta. Armenta in tantam rabiem concitata sunt ut vastando suos hostile imaginarentur bellum lacrimantesque canes multis affectibus calamitatem praesagirent suis.
- Mentre Lucio Druso, tribuno della plebe, proponeva le leggi facendo sorgere la guerra italica, avvennero a Roma molti prodigi. 
- All'alba brillò a nord un globo di fuoco che produsse un gran fragore nel cielo.. Ad Arezzo fuoriuscì sangue dal mezzo dei pani che venivano spezzati. A Vestini, per sette giorni piovvero sassi e cocc. i. Ad Enaria divampò fino al cielo una fiamma da una fenditura del terreno. A causa di un terremoto intorno a Reggio, una parte della città e una parte delle mura crollarono. A Spoleto scese a terra un globo di fuoco dorato. e, fattosi più grande, sembrò muoversi, alzatosi da terra, verso oriente, coprendo per la sua grandezza il sole. Nella rocca di Cuma sudò una statua di Apollo. Il tempio della Pietà nel circo Flaminio fu colpito da un fulmine mentre era chiuso. Ad Ascoli furono massacrati i Romani durante i giochi. Portando i Latini a Roma dai campi pecore e armenti, fu fatta in diversi luoghi strage di uomini. Gli armenti furono spinti a tanta rabbia che, attaccando i loro padroni, offrivano presagio della guerra: preannunziarono la calamità anche cani che piangevano.

- Metella Caecilia somnio Iunonem Sospitam profugientem, quod immunde sua templa foedarentur, cum suis precibus aegre revocatam diceret, aedem matronarum sordidis obscenisque corporis coinquinatum ministeriis, in qua etiam sub simulacro deae cubile canis cum fetu erat, commundatam supplicationibus habitis pristino splendore restituit.
- A Picentibus Romani barbaro more excruciati. Ubique in Latio clades accepta. Rutilius Lupus spretis religionibus cum in extis caput non invenisset iocineris, amisso exercitu in proelio occisus.
- Cecilia Metella raccontò di aver sognato che Giunone Sospita stava scappando perché il suo tempio era stato contaminato e che dalle sue preghiere era stata indotta con difficoltà a ritornare. Metella pulì il tempio, che era stato insozzato dai vili bisogni umani delle matrone, e nel quale - sotto la grande immagine della divinità - una cagna aveva la sua tana e i suoi cuccioli; furono (nuovamente) istituite le cerimonie di preghiera e il tempio ritornò al suo lustro originale. 
- I Romani furono barbaramente trucidati dai Piceni. Il disastro imperversò ovunque nel Lazio. Rutilio Lupo, disprezzati i segni religiosi, non avendo trovato la parte superiore del fegato nelle viscere, perso l'esercito, morì in battaglia.

- Pompedius Silo in oppido Bovianum, quod ceperat, triumphans invectus omen victoriae hostibus ostendit, quia triumphus in urbem victricem non victam, induci solet. Proximo proelio amisso exercitu occisus.
- Mithridati adversus socios bellum paranti prodigia apparuerunt. Stratopedo, ubi senatus haberi solet, corvi vulturem tundendo rostris occiderunt. In eundem locum sidus ingens caelo demissum. Isidis species visa sambucam fulmine petere. Lucum Furiarum cum Mithridates succenderet, risus exauditus ingens sine auctore. Cum aruspicum iussu virginem Furiis immolaret, e iugulo puellae risus ortus turbavit sacrificium.
- Classis Mithridatis in Thessalia a Romanis in proelio amissa.
- Pompedio Silone entrò nella città di Boiano con una trionfale processione, dopo averla conquistata; tramite ciò egli mostrò un auspicio di vittoria ai suoi nemici perché era consuetudine entrare con una processione trionfale nella città vincitrice, non in quella vinta. Nella successiva battaglia, infatti, egli perse l'esercito e morì. 
- Quando Mitridate si stava preparando per la guerra contro gli alleati di Roma, apparvero portenti. A Stratopedo, dove il Senato era solito incontrarsi, i corvi uccisero un avvoltoio picchiandolo con i becchi. Nello stesso posto un'enorme stella scese dal cielo. Sembrò che Iside avesse scagliato un fulmine contro la sambuca. Quando Mitridate appiccava il fuoco al bosco sacro delle Furie, fu udita un'enorme risata senza che nessuno l'avesse emessa. Mitridate allora decise, in base al responso di un indovino, di sacrificare una vergine alle Furie: dalla bocca della ragazza scaturì una risata che disturbò il sacrificio. 
- La flotta di Mitridate venne sconfitta in Tessaglia dai Romani in un combattimento.

NIKE
- Cinna et Mario per bella civilia crudeliter saevientibus Romae in castris Gnaei Pompei caelum ruere visum, arma signaque tacta, milites axanimati. Ipse Pompeius afflatus sidere interiit.
- Lectum eius populus diripuit, corpus unco traxit quod discrimine civili perseverasset periclitanti patriae non succurerere, cum et imperium et maximos haberet exercitus.
- Mentre Cinna e Mario dimostravano una crudele ira nel loro modo di condurre la guerra civile, a Roma - nell'accampamento di Gneo Pompeo- il cielo sembrò precipitare: furono colpiti armi e stendardi e furono uccisi alcuni soldati. Lo stesso Pompeo morì a causa di un corpo celeste. 
- Il popolo mise le mani sul suo letto funebre, estrasse il suo corpo con un uncino, poiché nella guerra civile lui non aveva mai difeso la patria in pericolo, anche se aveva il comando e possedeva grandi eserciti.

- Piraeum Sylla cum oppugnaret diuturno labore, unus miles eius aggerem ferens exanimatus fulmine. Aruspex respondit quod caput iacentis in oppidum versum esset, introitum et victoriam Romanis significare. Post breve tempus Athenae et Piraeum a Sylla capta.
- Ilio a C. Fimbria incenso cum aedes quoque Minervae deflagrasset, inter ruinas simulacrum antiquissimum inviolatum stetit spemque restitutionis oppido portendit.
- Mentre Silla assediava con molta difficoltà il Pireo, uno dei suoi soldati, che stava portando del materiale, fu colpito da un fulmine. Dato che la testa del cadavere era rivolta verso la città, l'aruspice disse che l'evento indicava l'entrata e la vittoria dei Romani: dopo poco tempo Atene e lo stesso Pireo furono presi da Silla. 
- Quando Troia fu incendiata da Gaio Fimbria, anche il tempio di Minerva fu distrutto, ma il fatto che fu ritrovato tra le rovine l'antichissimo simulacro di Minerva intatto mostrò la speranza della ricostruzione.

- D. Laelius legatus Pompei (cui prodigium Romae erat factum in lecto uxoris duo angues conspecti in diversumque lapsi, proxime Pompeio in castris sedenti accipiter super caput accesserat) in Hispania adversus Sertorium inter pabulatores occisus.
- Decimo Lelio, ufficiale di Pompeo, riscontrò un portento a Roma quando vide nel letto della moglie due serpenti che scivolarono via in differenti direzioni. Successivamente, mentre sedeva vicino a Pompeo nell'accampamento, giunse sopra la sua testa un avvoltoio. Lelio fu ucciso tra i foraggiatori in Spagna, mentre combatteva contro Sertorio.

- Reate terrae motu aedes sacrae in oppido agrisque commotae, saxa quibus in forum strata erat discussa, pontes interrupti, ripae praelabentis fluminis in aquam provolutae, fremitus inferni exauditi et post paucos dies, quae concussa erant corruerunt. Saxum vivum cum provolveretur, in praecipiti rupe immobile stetit.
- A Sertorio in Hispania exercitus Romani caesi. Adversum Maedos varie dimicatum.
- A Rieti un terremoto distrusse i templi nella città e nelle campagne, la pavimentazione del foro fu sconvolta, i ponti crollarono; gli argini del fiume che scorreva nella città caddero nell'acqua, si udirono rumori sotterranei e, dopo pochi giorni, le strutture che erano state scosse caddero al suolo. Un macigno che stava rotolando si fermò sull'orlo di un dirupo. 
- Eserciti romani furono distrutti da Sartorio in Spagna. Contro i Medi si combattè con varia sorte.

- Sertorio in Hispania exercitum ducenti tale prodigium est factum: scuta equitum parte exteriore iaculaque et pectora equorum cruenta visa. Quod prosperum sibi interpretatus est Sertorius, quia exteriora hostili sanguine maculari solent. Continua ei proelia cum successu fuerunt.
- A Sertorio che conduceva in Spagna le proprio truppe, accadde questo prodigio: furono visti cosparsi di sangue la parte esterna degli scudi dei suoi cavalieri, i giavellotti e i toraci dei cavalli. Sertorio interpretò questo prodigio come favorevole nei suoi confronti poiché, solitamente, i lati esterni sono sporcati dal sangue dei nemici. Infatti fu favorito da una serie ininterrotta di battaglie vittoriose.

- Cyzicum Mithridates cum oppugnaret, Aristagorae qui in summo magistratu erat Proserpina in quiete visa est dicere adversus tibicines se tubicinem comparasse. Postero die turres hostium vento disiectae sunt. Ad immolandum bos sacra iniussa de montibus per hostium classem adnatavit seque ad aras percutiendam obtulit.
- Mentre Mitridate assediava Cizico, Proserpina apparve in sogno ad Aristogora, che era un sommo magistrato, e disse che aveva provveduto a trovare un trombettiere da opporre ai flautisti. Il giorno dopo le torri dei nemici furono distrutte dal vento. La mucca destinata al sacrificio scese da sola dai monti, nuotò attraverso la flotta dei nemici e si presentò all'altare per l'uccisione.

- Fulmine pleraque decussa. Sereno Vargunteius Pompeiis de caelo exanimatus. Trabis ardens ab occasu ad caelum extenta. Terrae motu Spoletum totum concussum et quaedam corruerunt. Inter alia relatum, biennio ante in Capitolio lupam Remi et Romuli fulmine ictam, signumque Iovis cum columna disiectum, aruspicum responso in foro repositum. Tabulae legum aeneae caelo tactae litteris liquefactis.
- Ab his prodigiis Catilinae nefaria conspiratio coepta.
- Molte cose furono colpite da fulmini. Vargunteio fu colpito da un fulmine a Pompei mentre il cielo era sereno. Una trave ardente si estese verso il cielo da occidente. Per un terremoto tutta Spoleto fu scossa e alcuni edifici crollarono. Si riportò tra le altre cose che due anni prima al Campidoglio la lupa di Romolo e Remo fu colpita da un fulmine, e la statua di Giove con la colonna fu distrutto, ma fu riposta nel foro per consiglio degli aurispici. Le Tavole bronzee delle leggi furono colpite da un fulmine e le lettere si sciolsero. 
- Da questi prodigi nacque l'abominevole cospirazione di Catilina.

- C. Antonius procos. cum in agro Pistorensi Catilinam devicisset, laureatos fasces in provinciam tulit. Ibi a Dardanis oppressus amisso exercitu profugit. Apparuit eum hostibus portendisse victoriam, cum ad eos laurum victricem tulerit, quam in Capitolio debuerat deponere.
- Il proconsole Caio Antonio, dopo aver vinto Catilina nel territorio di Pistoia, portò nella provincia i fasci ornati d'alloro. Qui fu sconfitto dai Dardani e fuggì dopo aver perso il suo esercito. Sembrò che lui stesso avesse offerto la vittoria ai nemici, avendo portato nel loro territorio l'alloro vincitore, che avrebbe dovuto deporre nel Campidoglio.

- Die toto ante sereno circa horam undecimam nox se intendit, deinde restitutus fulgor. Turbinis vi tecta deiecta. Ponte sublapso homines in Tiberim praecipitati. In agris pleraque arbores eversae radicibus.
- Lusitani Gallaeci devicti.
- Mentre tutto il giorno era stato sereno, diventò notte all'ora undicesima, quindi tornò giorno.  I tetti furono scoperti dalla forza di un turbine. Crollato un ponte, alcuni uomini precipitarono nel Tevere. Nei campi molti alberi furono sradicati. 
- I Lusitani Galleci furono vinti.

- Lupi in urbe visi. Nocturni ululatus flebilies canum auditi. Simulacrum Martis sudavit. Fulmen tota urbe pervagatum pleraque deorum simulacra decussit, homines exanimavit. Urbs lustrata.
- Propter dictaturam Pompeii ingens seditio in urbe fuit.
- In città furono visti dei lupi. Nella notte si udirono flebili ululati di cani. La statua di Marte sudò. I fulmini colpirono tutta la città: distrussero molte statue di divinità e uccisero alcuni uomini. La città fu purificata. 
- A causa della dittatura di Pompeo ci fu nella città una grande sedizione.

- M. Crassus ad Parthos profectus cum Eufratem transiret, multa prodigia neglexit. Cum etiam coorta tempestas signifero signum abreptum mersisset gurgiti, et offundente se nimborum caligine prohiberentur transire, pertinaciter perseverans cum filio et exercitu interiit.
- Marco Crasso, attraversando il fiume Eufrate nella sua spedizione contro i Parti, trascurò molti prodigi. Anche se una tempesta aveva gettato in un gorgo l'insegna strappata al signifero, e veniva ostacolato dalle nebbie che gli impedivano di passare, continuando ostinatamente, provocò la rovina sua, di suo figlio e di tutto l'esercito.

- Mula pariens discordiam civium, bonorum interitum, mutationem legum, turpes matronarum partus significavit. Incendium quo maxima pars urbis deleta est prodigii loco habitum. Inter Caesarem et Pompeium bella civilia exorta.
- Il parto di una mula indicò le discordie civili, la fine dei buoni cittadini, il cambiamento delle leggi, vergognosi parti delle matrone. L'incendio che distrusse la maggior parte della città fu ritenuto un evento prodigioso. Iniziò la guerra civile tra Cesare e Pompeo.

- Adversus Caesarem Pompeius in Macedonia cum invitatis gentibus amicis instrueret aciem, a Dyrrhachio venientibus adversa fuerunt fulmina. Examen apium in signis perniciem portendit. Nocturni terrores in exercitu fuere. Ipse Pompeius pridie pugnae diem visus in theatro suo ingenti plausu excipi. Mox acie victus in Aegypto occisus. Eo ipso die plerisque locis signa sua sponte conversa constat, clamorem crepitumque armorum Antiochiae, bis ut curreretur in muros, auditum Ptolemaideque, sonum tympanorum Pergami. Palma viridis Trallibus in aede Victoriae sub Caesaris statua intra coagmenta lapidum magnitudine matura enata.
- C. Cornelius augur Patavii eo die, cum aves admitterent, proclamavit rem geri et vincere Caesarem.

- Pompeo schierò l'esercito in Macedonia contro Cesare e qui chiamò popoli alleati: a coloro che giungevano da Durazzo si mostrarono fulmini avversi. Uno sciame di api nelle insegne militari pronosticò la sventura. Nell'esercito ci fu panico nella notte. Allo stesso Pompeo il giorno prima della battaglia sembrò di vedersi nel suo teatro mentre riceveva ingenti applausi. Poi, vinto in battaglia, venne ucciso in Egitto. In quello stesso giorno si sa che di propria volontà in numerosi luoghi si girarono le insegne militari, fu ascoltato un clamore ed uno strepito di armi ad Antiochia e in Tolemaide (così che due volte si corse alle mura) e un suono di tamburi a Pergamo. Una palma verde nacque già grande a Tralle nel tempio della Vittoria sotto la statua di Cesare tra le giunture della roccia. 
- L'augure C. Cornelio quel giorno a Padova predisse, osservando il volo degli uccelli, che la battaglia era iniziata e che Cesare stava vincendo.

- Decem legionum aquilae Gnaeo, Cn. Pompeii filio, quae fulmina tenebant visae dimittere et in sublime avolare. Ipse adulescens Pompeius victus et fugiens occisus.
- Gneo, figlio di Pompeo, vide in sogno le aquile di dieci legioni lasciare i fulmini che tenevano i fulmini e fuggire in alto. Lo stesso adolescente Pompeo fu vinto e, nella fuga, fu ucciso.

- Caesari dictatori exta sine corde inventa. Calpurnia uxor somniavit fastigium domus, quod S.C. erat adiectum, ruisse. Nocte cum valvae cubiculi clausae essent, sua sponte apertae sunt, ita ut lunae fulgore, qui intro venerat, Calpurnia excitaretur.
- Ipse Caesar viginti tribus vulneribus in curia Pompeiana a coniuratis confossus.
- Durante un sacrificio il dittatore Cesare trovò delle viscere senza cuore. La moglie Calpurnia sognò che la cima della casa, aggiunta per decisione del senato, era crollata. Nella notte i battenti della camera da letto, che erano stati chiusi, si aprirono spontaneamente, così che la luce della luna, entrando dentro, svegliò Calpurnia. 
- Lo stesso Cesare fu colpito dai congiurati della curia pompeiana da ventitrè pugnalate.

- C. Octavius testamento Caesaris patris Brundisii se in Iuliam gentem adscivit. Cumque hora diei tertia ingenti circumfusa multitudine Romam intraret, sol puri ac sereni caeli orbe modico inclusus extremae lineae circulo, qualis tendi arcus in nubibus solet, eum circumscripsit. Ludis Veneris Genetricis, quos pro collegio fecit, stella hora undecima crinita sub septentrionis sidere exorta convertit omnium oculos. Quod sidus quia ludis Veneris apparuit, divo Iulio insigne capitis consecrari placuit. Ipsi Caesari monstrosa malignitate Antonii consulis multa perpesso generosa fuit ad restistendum constantia.
- C. Ottavio per il testamento del padre Cesare si inserì a Brindisi nella gens Iulia. Mentre, verso le nove, entrava a Roma circondato da una grande moltitudine di persone, il sole chiuso da un piccolo cerchio di cielo puro e sereno, lo circondò con un arco come è solito stendersi l'arcobaleno tra le nuvole. Durante i giochi di Venere Genitrice, che Ottavio organizzò per il collegio, una stella cometa, sorta all'ora undicesima, verso nord, attirò gli occhi di tutti. Poiché questa stella era apparsa ai giochi di Venere, decise di consacrarla come segno della divinizzazione di Giulio Cesare. Lo stesso Cesare (Ottaviano) ebbe una grande fermezza nel sopportare le numerose offese provocate dalla grande malizia del console Antonio. 

- Terrae motus crebri fuerunt. Fulmine navalia et alia pleraque tacta. Turbinis vi simulacrum, quod M. Cicero ante cellam Minervae pridie quam plebiscito in exilium iret posuerat, dissipatum membris pronum iacuit, fractis humeris bracchiis capite; dirum ipsi Ciceroni portendit.
- Tabulae aeneae ex aede Fidei turbine evulsae. Aedis Opis valvae fractae. Inter Caesarem et Antonium civilia bella exorta arbores radicitus et pleraque tecta eversa. Fax caelo ad occidentem visa ferri. Stella per dies septem insignis arsit.
- Ci furono frequenti terremoti. I cantieri navali e altri luoghi furono colpiti dai fulmini. Per la violenza di un turbine una statua, che Marco Tullio Cicerone aveva posto davanti alla cella di Minerva il giorno prima che il plebiscito lo mandasse in esilio, giacque a terra con gli arti sparsi, con le spalle, le braccia e le gambe rotte: mostrò allo stesso Cicerone un presagio funesto. 
- Delle tavole di bronzo furono sradicate a causa del turbine dal tempio della Fede.
Si ruppero i battenti del santuario di Ops. Durante la guerra civile tra Cesare e Antonio, furono sradicati diversi alberi dalle radici e numerosi tetti scoperchiati. Una fiaccola fu vista passare nel cielo ad ovest. Una grande stella brillò per sette giorni.  



- Soles tres fulserunt, circaque solem imum corona spiceae similis in orbem emicuit, et postea in unum circulum sole redacto multis mensibus languida lux fuit.
- In aede Castoris nominum litterae quaedam Antonii et Dolabellae consulum excussae sunt, quibus utrisque alienatio a patria significata. - Canum ululatus nocte ante domum auditi, ex his maximus a ceteris laniatus turpem infamiam Lepido portendit.
- Hostiae grex piscium in sicco reciproco maris fluxu relictus.
- Padus inundavit et intra ripam refluens ingentem viperarum vim reliquit.
- Tre soli splendettero. e, attorno al sole più basso, divampò nel cerchio una corona come di spighe.; quando il sole tornò in un solo cerchio, la sua luce si indebolì per molti mesi. 
- Nel tempio di Castore alcune lettere dei nomi dei consoli Antonio e Dolabella furono distrutte: da ciò si capì che entrambi sarebbero stati espulsi dalla patria. 
- Nella notte, davanti alla casa del Pontefice Massimo, si sentirono ululati di cani; il più grande di questi, dilaniato dagli altri, profetizzò una turpe infamia a Lepido. 
- Un branco di pesci ad Ostia fu lasciato in secco dal riflusso della marea. 
- Il Po uscì dagli argini e, ritornando nel suo letto, lasciò un'ingente quantità di vipere. 

- Caesari cum honores decreti essent et imperium adversus Antonium, immolanti duplica exta apparuerunt. Secutae sunt eum res prosperae.
- C. Pansae cos. statua equestris Antonii domi corruit. Equus phaleratus in ipsius conspectu festinans concidit. Quidam e populo sanguine victimarum prolapsus respersam cruore palmam proficiscenti dedit. Funesta haec ipsi prodigia fuerunt, qui mox adversus Antonium dimicans in mortem vulneratus est. Armorum teleorumque species a terra visa cum fragore ad caelum ferri. Signa legionis quae relicta a Pansa ad urbis praesidium erat veluti longo situ inductis araneis vestiri visa. Fulmine pleraque icta. In castris Caesaris luce prima in culmine praetorii super linteum consedit aquila, inde circumvolantibus minoribus avibus excita de conspectu abiit. Oraculo Apollinis vox audita: lupis rabies hieme, aestate frumentum non demessum. Veteranis Caesari consulatum flagitantibus terribilis tumultus Romae fuit. Caesar cum in campum Martium exercitum deduceret, sex vultures apparuerunt. Conscendenti deinde rostra cerato consuli iterum sex vultures conspecti veluti Romuli auspiciis novam urbem condituro signum dederunt. Reconciliatione inter Caesarem Antonium Lepidum facta foeda principum fuit proscriptio.
- Durante un sacrificio, apparvero a Cesare (scil. Ottaviano), a cui erano stati decretati onori e il comando contro Antonio, due interiora. Lo seguì il successo. 
- La statua equestre del console Pansa crollò a casa di Antonio. Il console vide un cavallo ornato di falere cadere mentre avanzava. Un popolano, scivolato nel sangue delle vittime, consegnò al console la mano sporca di sangue. Questi stessi prodigi furono funesti poiché in seguito, combattendo contro Antonio, fu ferito a morte. Immagini di armi e di giavellotti furono viste muoversi con fragore in cielo. Le insegne delle legioni che erano state lasciate da Pansa a presidio della città si ricoprirono di ragnatele come se fossero state lasciate da lungo tempo. Molti luoghi furono colpiti dai fulmini. Nell'accampamento di Cesare all'alba si posò un'aquila sulla cima della tenda del generale, sopra il linteum; quindi, disturbata da piccoli uccelli che gli volavano intorno, sparì dalla vista. Fu ascoltata la voce dell'oracolo di Apollo: "la rabbia dei lupi in inverno, in estate il frumento non sarà raccolto". Chiedendo i veterani il consolato per Cesare, ci fu un terribile tumulto a Roma. Quando Cesare condusse l'esercito nel Campo Marzio apparvero sei avvoltoi. Quindi, mentre saliva sui rostri, dopo esser stato nominato di nuovo console, gli avvoltoi apparvero e offrirono lo stesso presagio che avevano offerto a Romolo mentre fondava Roma. Una volta riconciliatisi Cesare, Antonio e Lepido, iniziò l'orribile proscrizione dei principali cittadini.

- Mula Romae ad duodecim portas peperit.
- Canis aeditui mortua a cane tracta.
- Lux ita nocte fulsit ut tamquam die orto ad opus surgeretur.
- In Mutinensi victoriae Marianae signum meridiem spectans sua sponte conversum in septentrionem hora quarta.
- Cum haec victimis expiarentur, soles tres circiter hora tertia diei visi, mox in unum orbem contracti. - Latinis in Albano monte cum sacrificaretur, ex humero et pollice Iovis cruor manavit.
- Per Cassium et Brutum in provinciis direptionibus sociorum bella gesta.
- A Roma una mula partorì alle Dodici Porte. 
- Da un cane fu portato via la cagna morta ad un guardiano di un tempio. 
- Una luce brillò quella notte come all'alba. quando le persone vanno al lavoro. 
- Nei pressi di Modena il segnale della vittoria di Mario, che era rivolto a sud, di sua volontà si volse a nord nell'ora quarta. 
- Avendo purificato questo prodigio con le vittime, furono visti tre soli. intorno alle nove, che poi si unirono in un unico cerchio. 
- Mentre i Latini facevano il sacrificio sul monte Albano sgorgò dal sangue dalla spalla e dal pollice di Giove. 
- Da Cassio e Bruto furono intraprese campagne nelle province con il saccheggio degli alleati.

- Constat neminem qui magistratum collegae abstulerat annum vixisse. - Notatum est prodigii loco fuisse, quod P. Titius praetor propter dissensiones collegae magistratum abrogavit; et ante annum est mortuus. Abrogaverunt autem hi: Lucius Iunius Brutus consul Tarquinio Collatino, Tib. Gracchus M. Octavio, Cn. Octavius L. Cinnae, C. Cinna tr.pl. C. Marullo, Tullius . . .
- Bruto et Cassio pugnam adversus Caesarem et Antonium molientibus in castris Cassii examen apium consedit. Locus aruspicum iussu interclusus interius ducto vallo.
- Vulturum et aliarum alitum quibus strages cadaverum pabulo est ingens vis exercitum advolavit.
- Puer in pompa Victoriae cultu cum ferretur, ferculo decidit. Lustratione lictor perversis fascibus lauream imposuit.
- Brutianis in proelium egredientibus Aethiops in porta occurrit et a militibus confossus.
- Cassius et Brutus interierunt.
- Fu ricordato come prodigio il fatto che il pretore P. Tizio revocò la magistratura del collega a causa di un'incomprensione: entro un anno morì. E' noto che nessuno che aveva abrogato la magistratura di un collega visse più di un anno. Questi agirono in questo modo: Lucio Giunio Bruto, console con Tarquinio Collatino, Tiberio Gracco con Marco Ottavio, Gneo Ottavio con Lucio Cinna, Gaio Cinna, tribuno della plebe con Gaio Marullo, Tullio… 
- Mentre Bruto e Cassio si preparavano a combattere contro Cesare ed Antonio, nell'accampamento di Cassio si posò uno sciame di api; il luogo per ordine degli aruspici fu chiuso internamente con un muro. 
- Un gran numero di avvoltoi e altri uccelli, che si nutrono di cadaveri, volò sopra l'esercito. 
- Un ragazzo mentre veniva portato nel corteo della vittoria cadde nella portantina. 
- Durante la lustratio il lettore mise una corona d'alloro sui fasci rovesciati. 
- Gli uomini di Bruto mentre stavano uscendo per andare a combattere incontrarono sulla porta un Etiope, che fu ucciso dai soldati. 
- Cassio e Bruto morirono.

- Sub Appennino in villa Liviae, uxoris Caesaris, ingenti motu terra intremuit.
- Fax caelesti a meridiano ad septentrionem extenta luci diurnae similem noctem fecit.
- Turris hortorum Caesaris ad portam Collinam de caelo tacta.
- Insidiis Germanorum Romani circumventi sub M. Lollio legato graviter vexati.
- Nei pressi degli Appennini, nella villa di Livia, moglie di Cesare, ci fu un grande terremoto. 
- Una fiaccola celeste, discese da sud verso nord con un'immensa luce rese la notte simile al giorno. 
- Una torre nel giardino di Cesare, presso Porta Collina, fu distrutta da un fulmine. 
- I Romani sotto il legato Marco Lollio, circondati in un'imboscata tesa dai Germani, furono gravemente maltrattati.

- In Germania in castris Drusi examen apium in tabernaculo Hostilii Rufi, praefecti castrorum, consedit ita ut funem praetendentem praefixamque tentorio lanceam amplecteretur.
- Multitudo Romanorum per insidias subiecta est.
- In Germania, nell'accampamento di Druso, uno sciame di api si posò nella tenda di Ostilio Rufo, prefetto dell'accampamento: la fune tesa e la lancia che fissava la tenda ne furono avvolte. 
- Un gran numero di Romani fu sconfitto in un'imboscata.





Suddivisione per anni

L. Scipione C. Laelio coss. - 190 a.c.

- Iunonis Lucinae templum fulmine ictum ita ut fastigium valvaeque deformarentur. In finitimis pleraque de caelo icta.
- Nursiae sereno nimbi orti et homines duo exanimati.
- Tusculi terra pluit.
- Mula Reate peperit.
- Supplicatio per decem pueros patrimos matrimos totidemque virgines habita.
- Il tempio di Giunone Lucina fu colpito da un fulmine: furono danneggiati il tetto e le porte. Nelle vicinanze molte cose furono colpite dal fulmine. 
- A Norcia nel cielo sereno arrivarono delle nuvole e due uomini furono uccisi. 
- A Tuscolo piovve terra. 
- A Rieti partorì una mula. 
- Una pubblica preghiera fu recitata da dieci ragazzi e dieci ragazze con padri e madri viventi.

M. Messala C. Livio coss. - 188 a.c.

- Luce inter horam tertiam et quartam tenebrae ortae.
- In Aventino lapidum pluviae novendiali expiatae.
- In Hispania prospere militatum.
- Tra la terza e la quarta ora del giorno calarono le tenebre. 
- Furono espiate delle piogge di pietre sull'Aventino con un rito sacro della durata di nove giorni. 
- In Spagna si combatté con esito favorevole.

Sp. Postulio Albino Q. Marcio Philippo coss. - 186 a.c.

- Sacrum novendiale factum quod in Piceno lapidibus pluit ignesque caelestes multifariam orti levi afflatu complurium vestimenta adusserunt.
- Aedes Iovis in Capitolio fulmine icta.
- In Umbria semimas duodecim ferme annorum inventus aruspicumque iussu necatus.
- Galli qui Alpes transierunt in Italiam sine proelio eiecti.
- Furono osservati nove giorni di preghiera poiché nel Piceno erano piovute pietre e in molti luoghi fuochi celesti con un leggero soffio avevano bruciato gli abiti di più persone. 
- Il tempio di Giove nel Campidoglio fu colpito da un fulmine. 
- In Umbria fu trovato un ermafrodito di circa dodici anni e per ordine degli aruspici fu messo a morte. 
- I Galli, che erano entrati in Italia attraverso le Alpi, furono respinti senza combattere.

M. Claudio Q. Fabio Labeone coss. - 183 a.c. -

- In area Vulcani per biduum, in area Concordiae totidem diebus sanguinem pluit.
- In Sicilia insula nova maritima.
- Hannibal in Bithynia veneno periit.
- Celtiberi subacti.
- Per due giorni nell'area di Vulcano piovve sangue e, in altri due giorni, nell'area della Concordia. 
- Attorno alla Sicilia emerse dal mare una nuova isola. 
- Annibale morì avvelenato in Bitinia. 
- I Celtiberi furono sottomessi.

L. Aemilio Paulo Cn. Baebio Tamphilo coss. - 182 a.c. -

- Procellosa tempestas strage in urbe facta signa aenea in Capitolio deiecit, signa in circo maximo cum columnis evertit, fastigia templorum aliquot a culmine abrupta dissipavit.
- Mulus tripes Reate natus.
- Aedes Apollinis Caietae fulmine icta.
- Una furiosa tempesta, dopo aver fatto una strage in città, abbatté le statue di bronzo sul Campidoglio, capovolse statue e colonne nel Circo Massimo, disperse i tetti di alcuni templi strappandoli dalla cima. 
- A Rieti nacque un mulo con tre zampe. 
- Il tempio di Apollo a Gaeta fu colpito da un fulmine.

P. Cornelio Cethego M. Baebio Tamphilo coss. - 181 a.c.

- In area Vulcani et Concordiae sanguinem pluit.
- Hastae Martis motae.
- Lanuvii simulacrum Iunonis Sospitae lacrimavit.
- Pestilentiae Libitina non suffecit.
- Ex Sibyllinis supplicatum cum sex mensibus non pluisset.
- Ligures proelio victi deletique.
- Nell'area di Vulcano e in quella della Concordia piovve sangue. 
- Si mossero le lance di Marte. 
- A Lanuvio lacrimò l'immagine di Giunone Salvatrice. 
- A causa dell'elevato numero dei morti, provocato dalla pestilenza, non fu possibile seppellire adeguatamente tutti i defunti. 
- Su avviso dei libri Sibillini, poiché non pioveva da sei mesi, si osservò un giorno di preghiera. 
- I Liguri furono vinti in battaglia e annientati.

 Q. Fulvio L. Manlio coss. - 179 a.c.

- Nimbis continuis in Capitolio signa aliquot deiecta.
- Fulmine Romae et circa plurima decussa.
- In lectisternio Iovis terrae motu deorum capita se converterunt; lanx cum integumentis quae Iovi erant apposita decidit. De mensa oleas mures praeroserunt.
- Furono abbattute dalle continue tempeste alcune statue sul Campidoglio. 
- Molte cose vennero colpite a Roma e nei dintorni dai fulmini. 
- Al banchetto di Giove le teste degli dei si mossero a causa di un terremoto; un piatto cadde con quello che era stato preparato in onore di Giove. I topi rosicchiarono le olive dal tavolo.

 M. Iunio A. Manlio coss. - 178 a.c.

- Incendio circa forum cum plurima essent deusta, aedes Veneris sine ullo vestigio cremata.
- Vestae penetralis ignis extinctus. Virgo iussu M. Aemilii pontificis maximi flagro caesa negavit ulterius interiturum.
- Supplicationibus habitis in Hispania et Histria bella prospere administrata.
- Molti edifici attorno al Foro furono devastati da un incendio: anche il tempio di Venere fu bruciato senza lasciare alcuna traccia. 
- Il fuoco all'interno del tempio di Vesta si spense. Una Vestale, colpita con la frusta per ordine del pontefice massimo Marco Emilio, disse che non si sarebbe spento una seconda volta. 
- Fatte le supplicationes, i combattimenti in Spagna e Istria furono coronati dal successo.

 Cn. Cornelio Q. Petillio coss. - 176 a.c.

- Cum immolassent victimas consules, iecur extabuit.
- Cornelius ex monte Albano rediens membris captus ad aquas Cumanas mortuus, Petillius contra Ligures dimicans occisus est.
- Il fegato delle vittime che erano state immolate dai consoli si consumò. 
- Cornelio, tornando dal monte Albano, fu colpito da paralisi e morì presso le Acque Cumane,  Petillio fu ucciso combattendo contro i Liguri.

 M. Lepido Q. Mucio coss. - 175 a.c.

- Gravi pestilentia hominum bonumque cadavera non sufficiente Libitina cum iacerent, vulturius non apparuit.
- Celtiberi deleti.
- Anche se non era possibile seppellire adeguatamente tutti i cadaveri, a causa di un grave contagio di uomini e buoi, non apparvero avvoltoi. 
- I Celtiberi furono annientati.

Q. Aelio Paeto M. Iunio coss. - 167 a.c.

- Romae aliquot loca sacra profanaque de caelo tacta.
- Anagniae terra pluit.
- Lanuvi fax ardens in caelo visa.
- Calatiae in agro publico per triduum et duas noctes sanguis manavit.
- Rex Illyrici Gentius et Macedoniae Perses devicti.
- A Roma alcuni luoghi sacri e profani furono colpiti da fulmini. 
- Ad Anagni piovve terra. 
- A Lanuvio fu vista nel cielo una fiaccola ardente. 
- A Calazia in un campo pubblico per tre giorni e tre notti sgorgò sangue. 
- Genzio, re degli Illiri, e Perseo, re di Macedonia, furono sconfitti.

M. Marcello C. Sulpicio coss. - 166 a.c.

- In Campania multis locis terra pluit.
- In Praenestino cruenti ceciderunt imbres.
- Veienti lana ex arboribus nata.
- Terracinae in aede Minervae mulieres tres, quae operatae sedebant, exanimatae.
- Ad lucum Libitinae in statua equestri aenea ex ore et pede aqua manavit diu.
- Galli Ligures deleti.
- Comitia cum ambitiosissime fierent et ob hoc senatus in Capitolio haberetur, milvus volans mustelam raptam de cella Iovis in medio consessu patrum misit.
- Sub idem tempus aedes Salutis de caelo tacta.
- In colle Quirinali sanguis terra manavit.
- Lanuvii fax in caelo nocte conspecta.
- Fulmine pleraque discussa Cassini et sol per aliquot horas noctis visus.
- Teani Sidicini puer cum quattuor manibus et totidem pedibus natus.
- Urbe lustrata pax domi forisque fuit.
- In molte località della Campania piovve terra. 
- Nel territorio di Preneste piovve sangue. 
- A Veio spuntò lana dagli alberi. 
- A Terracina nel tempio di Minerva morirono tre donne che avevano celebrato dei riti. 
- Nel bosco sacro a Libitina, dalla bocca e dal piede della statua equestre di bronzo, a lungo sgorgò acqua. 
- I Galli Liguri furono sconfitti. 
- C'era turbolenza nei Comizi e per questo il Senato si era trasferito in Campidoglio: un nibbio volando, dopo aver catturato una donnola nel tempio di Giove, la lasciò al centro dell'assemblea dei senatori. 
- Allo stesso tempo il tempio della Salute fu colpito da un fulmine. 
- Sul colle Quirinale sgorgò sangue dalla terra. A Lanuvio nella notte fu vista una fiaccola nel cielo. 
- A Cassino molte costruzioni furono distrutte da un fulmine e nella notte fu visto il sole per alcune ore. 
- A Teano Sidicino nacque un bambino con quattro mani e altrettanti piedi. 
- Dopo la purificazione, ci fu la pace in città e fuori.


MARTE
Cn. Octavio T. Manlio coss. -165 a.c.

- Pestilentia fameque ita laboratum ut ex Sibyllinis populus circa compita sacellaque operaturus sederit.
- In aede Penatium valvae nocte sua sponte adapertae, et lupi Esquiliis et in colle Qurinali meridie apparuerunt exagitatique fuerunt.
- Urbe lustrata nihil triste accidit.
- A causa di una pestilenza e della carestia si soffrì così tanto che, obbedendo alle prescrizioni dei libri Sibillini, il popolo si recò nei luoghi sacri e fece sacrifici. 
- Nel tempio dei Penati durante la notte le porte si spalancarono da sole; nell'Esquilino e nel colle Quirinale a mezzogiorno apparvero dei lupi e furono scacciati. 
- In seguito la città fu purificata e non accadde nessuna disgrazia.

Ti. Graccho M. Iuventio coss. - 163 a.c.

- Capuae nocte sol visus.
- In agro Stellati fulgure vervecum de grege pars exanimata. -
Terracinae pueri trigemini nati.
- Formiis duo soles interdiu visi.
- Caelum arsit. Antii homo ex speculo acie orta combustus.
- Gabiis lacte pluit. Fulmine pleraque decussa in Palatio.
- In templum Victoriae cygnus inlapsus per manus capientium effugit.
- Priverni puella sine manu nata.
- In Cephallenia tuba in caelo cantare visa.
-Terra pluit.
- Procellosa tempestate tecta diruta stragesque agrorum facta. - Crebro fulminavit.
- Nocte species solis Pisauri adfulsit.
- Caere porcus humanis manibus et pedibus natus, et pueri quadrupes et quadrumanes nati.
- Ad forum Aesi bovem flamma ex ipsius ore nata non laesit.
- A Capua fu visto il sole di notte. 
- Nel Campo Stellato una parte dei montoni di un gregge fu uccisa da un fulmine. 
 A Terracina nacquero tre gemelli. 
- A Formia durante il giorno furono visti due soli. 
- Il cielo bruciò. 
- Un uomo fu bruciato da un raggio di luce uscito da uno specchio.
- A Gabi piovve latte. 
- Nel Palatino parecchie costruzioni furono colpite dai fulmini. 
- Nel tempio della Vittoria entrò un cigno e sfuggì dalle mani di chi voleva catturarlo. 
- A Priverno una fanciulla nacque senza una mano. 
- A Cefalonia si vide una tromba che suonava in cielo. 
- Piovve terra. 
- A causa di una violenta tempesta furono distrutte case e devastati campi. 
- Spesso caddero dei fulmini. 
Durante la notte a Pesaro brillò una specie di sole. 
- A Cere nacque un maiale con mani e piedi umani e fanciulli con quattro piedi e quattro mani. - A Foro Esino una fiamma, uscita dalla bocca di un bue, non lo ferì.

 P. Scipione Nasica C. Marcio coss. - 162 a.c.

- Anagniae caelum nocte arsit.
- Fulmine pleraque decussa.
- Frusinone bos locutus.
- Reate mulus tripes natus.
- Cn. Octavius, legatus in Syria, per Lysiam, tutorem Antiochi pueri, in gymnasio occisus.
- Ad Anagni durante la notte il cielo bruciò. 
- Molte costruzioni furono colpite dai fulmini. 
- A Frosinone un bue parlò. 
- A Rieti nacque un mulo con tre zampe. 
- Gneo Ottavio, ambasciatore in Siria, fu assassinato in una palestra da Lisia, tutore del piccolo Antioco.

L. Lentulo C. Marcio coss. - 156 a.c.

- Procellosa tempestate in Capitolio aedes Iovis et circa omnia quassata.
- Pontificis maximi tectum cum columnis in Tiberim deiectum.
- In circo Flaminio porticus inter aedem Iunonis Reginae et Fortunae tacta, et circa aedificia pleraque dissipata.
- Taurus ad immolationem cum duceretur ob haec ipsa corruit.
- Dalmatae Scordisci superati.
- A causa di una violenta tempesta nel Campidoglio il tempio di Giove e le costruzioni nelle vicinanze furono danneggiati. 
- Il tetto della casa del Pontefice Massimo fu scaraventato sul Tevere con le sue colonne. 
- Nel Circo Flaminio un colonnato tra il tempio della Regina Giunone e quello della Fortuna fu colpito (da un fulmine) e molti edifici circostanti furono danneggiati. 
- Il toro che era stato destinato al sacrificio per espiare questi prodigi stramazzò al suolo mentre veniva condotto. 
- I Dalmati Scordisci furono sconfitti. 

Q. Opimio L. Postumio coss. - 154 a.c.

- In provinciam proficiscens Postumius consul cum immolaret, in plurimis victimis caput in iocinere non invenit; profectusque post diem septimum aeger Romam relatus expiravit.
- Compsae arma in caelo volare visa.
- Fulmine pleraque decussa.
- A Gallis et a Lusitanis Romani per arma graviter vexati.
- Il console Postumio che faceva un sacrificio prima di partire per la provincia, non trovò la parte superiore del fegato in un gran numero di vittime; e dopo essersi messo in cammino, fu riportato malato a Roma, dove morì dopo sette giorni. 
- A Compsa furono viste volare in cielo armi. Molte costruzioni furono colpite dai fulmini. 
- I Romani furono sconfitti rovinosamente dai Galli e dai Lusitani.

M. Claudio Marcello L. Valerio Flacco coss. - 152 a.c.

- Turbinis vi in campo columna ante aedem Iovis decussa cum signo aurato; cumque aruspices respondissent magistratuum et sacerdotum interitum fore, omnes magistratus se protinus abdicaverunt.
- Quod Ariciae lapidibus pluerat, supplicatio habita, item quod Romae multis locis species togatorum visae adpropinquantium oculos eludebant.
- In Lusitania varie, in Gallia prospere pugnatum.
- Nel Campo Marzio una colonna con una statua dorata davanti al tempio di Giove venne abbattuta dalla forza di una tempesta; e, poiché gli aruspici avevano annunciato la morte dei magistrati e dei sacerdoti, tutti i magistrati abdicarono immediatamente. 
- Poiché in Aricia erano piovute pietre, fu celebrata una supplicatio, anche perché in molti luoghi di Roma erano state viste immagini di uomini in toga, che svanivano davanti allo sguardo di coloro che si avvicinavano. 
- In Lusitania si combatté con alterna fortuna, in Gallia favorevolmente.

Spurio Postumio L. Pisone coss. - 148 a.c.

- Vasto incendio Romae cum regia quoque ureretur, sacrarium et ex duabus altera laurus ex mediis ignibus inviolatae steterunt.
- Pseudophilippus devictus.
- Scoppiò a Roma un grande incendio e bruciò anche la Reggia: tuttavia il sacrario e uno dei due alberi di alloro, pur trovandosi in mezzo alle fiamme, rimasero illesi. 
- Il falso Filippo fu sconfitto.  

P. Africano C. Livio coss. - 147 a.c.

- Amiterni puer tribus pedibus, una manu natus. Romae et circa fulmine pleraque icta.
- Caere sanguinis rivi terra fluxerunt et nocte caelum ac terra ardere visum.
- Frusinone aurum sacrum mures adroserunt.
- Lanuvii inter horam tertiam et quintam duo discolores circuli solem cinxerunt rubente alter, alter candida linea.
- Stella arsit per dies triginta duos.
- Et cum Carthago obsideretur, in captivos Romanorum per Hasdrubalem barbaro more saevitum, mox Carthago per Aemilianum diruta.
- Un bambino di Amiterno nacque con tre piedi e una mano. 
- A Roma e nei dintorni molte costruzioni furono colpite dai fulmini. 
- A Cere sgorgarono fiumiciattoli di sangue e nella notte furono visti ardere cielo e terra. 
- A Frosinone i topi rosicchiarono sacri oggetti d'oro. 
- A Lanuvio tra la terza e la quinta ora due cerchi di diverso colore circondarono il sole, uno rosso, l'altro bianco. 
- Una stella brillò per trentadue giorni. 
- Mentre Cartagine era assediata, per ordine di Asdrubale ci si accanì contro i prigionieri romani con barbarici maltrattamenti; in seguito Cartagine fu distrutta per ordine di Publio Cornelio Scipione Emiliano. 

Appio Claudio Q. Metello coss. - 143 a.c.

- Amiterni puer tribus pedibus natus.
- Caurae sanguinis rivi e terra fluxerunt.
- Cum a Salassis illata clades esset Romanis, decemviri pronuntiaverunt se invenisse in Sibyllinis, quotiens bellum Gallis illaturi essent, sacrificari in eorum finibus oportere.
- Ad Amiterno nacque un bimbo con tre piedi. 
- A Caura fiumiciattoli di sangue sgorgarono dalla terra. 
- Avendo i Salassi sconfitto i Romani, i decemviri sostennero di aver trovato nei libri Sibillini una prescrizione: ogni volta che si fosse combattuto contro i Galli, si doveva fare un sacrificio nel territorio nemico. 

L. Metello Q. Fabio Maximo coss. -142 a.c.

- Fames et pestilentia cum essent, per decemviros supplicatum.
- Lunae androgynus natus praecepto aruspicum in mare deportatus.
- Tanta fuit Lunensibus pestilentia ut iacentibus in publicum passim cadaveribus, qui funerarent defuerint.
- In Macedonia exercitus Romanus proelio vexatus: adversus Viriathum dubie dimicavit.
- Essendoci carestie ed epidemie, si tenne una supplicatio per ordine dei decemviri. 
- A Luni nacque un ermafrodito: per ordine degli aruspici fu gettato in mare. 
- Ci fu un'epidemia così grande tra gli abitanti di Luni che i cadaveri giacevano ovunque nei luoghi pubblici ed erano venuti meno coloro che davano sepoltura. 
- In Macedonia l'esercito Romano fu sconfitto in battaglia; contro Viriato combatté con esito incerto.

Q. Caepione C. Laelio coss. - 140 a.c.

- Praeneste et in Cephallenia signa de caelo cecidisse visa.
- Mons Aetna ignibus abundavit.
- Prodigium maioribus hostiis quadraginta expiatum.
- Annus pacatus fuit Viriatho victo.
- A Preneste e a Cefalonia furono viste stelle cadere dal cielo. 
- Il monte Etna abbondava di fiamme. 
- Il prodigio fu espiato da quaranta vittime maggiori. 
- Fu un anno di pace dopo la vittoria su Viriato.  

Aemilio C. Hostilio Mancino coss. - 137 a.c.

- Cum Lavinii auspicaretur, pulli e cavea in silvam Laurentinam evolarunt neque inventi sunt.
- Praeneste fax ardens in caelo visa, sereno intonuit.
- Terracinae M. Claudius praetor in nave fulmine conflagravit.
- Lacus Fucinus per milia passuum quinque quoquo versum inundavit.
- In Graecostasi et comitio sanguine fluxit.
- Esquiliis equuleus cum quinque pedibus natus.
- Fulmine pleraque decussa.
- Hostilius Mancinus consul in portu Herculis cum conscenderet navem petens Numantiam, vox improviso audita "Mane, Mancine." Cumque egressus postea navem Genuae conscendisset, anguis in navi inventus e manibus effugit. Ipse consul devictus, mox Numantinis deditus.
- Mentre si prendevano gli auspici a Lavinio, i polli scapparono dalla gabbia nella Selva Laurentina e non furono ritrovati. 
-A Preneste fu vista una fiaccola ardente in cielo e tuonò a ciel sereno. 
- A Terracina il pretore Marco Claudio bruciò nella sua nave a causa di un fulmine. 
- Il lago Fucino uscì dal suo alveo per cinque miglia in tutte le direzioni. 
- Nella Grecostasi e nel Comizio sgorgò sangue. 
- Nell'Esquilino nacque un puledro con cinque zampe. 
- I fulmini colpirono molte cose. 
- Quando il console Ostilio Mancino stava salendo sulla nave a Porto d'Ercole, diretto a Numanzia, all'improvviso si sentì un grido: "Fermati, Mancino." Sbarcò e salì su una nave a Genova: fu trovato un serpente nella nave che sfuggì dalle mani. Lo stesso console venne sconfitto e successivamente fu consegnato ai Numantini. 

 L. Furio S. Atilio Serrano coss. - 136 a.c.

- Regium paene totum incendio consumptum sine ullo humano fraudis aut neglegentiae vestigio.
- Puer ex ancilla quattuor pedibus manibus oculis auribus et duplici obsceno natus. Puteolis in aquis calidis rivi manarunt sanguine. Fulmine pleraque deiecta. Puer aruspicum iussu crematus cinisque eius in mare deiectus.
- A Vaccaeis exercitus Romanus caesus.
- Reggio fu completamente distrutta da un incendio senza alcuna traccia di frode o noncuranza umana. 
- Nacque da una serva un bambino con quattro piedi, quattro mani, quattro occhi, quattro orecchie e due parti intime. A Pozzuoli in sorgenti calde sgorgarono ruscelli di sangue. I fulmini colpirono molte cose. Il bambino fu bruciato per ordine degli aruspici e le sue ceneri vennero gettate in mare. 
- Un esercito romano fu disfatto dai Vaccei.

 Ser. Flacco Q. Calpurnio coss. - 135 a.c.

- Mons Aetna maioribus solito arsit ignibus.
- Romae puer solidus posteriore naturae parte genitus.
- Bononiae fruges in arboribus natae.
- Bubonis vox primum in Capitolio dein circa urbem audita.
- Quae avis praemio posito ab aucupe capta combustaque; cinis eius in Tiberim dispersus.
- Bos locutus.
- In Numantinis res male gestae, exercitus Romanus oppressus.
- Il monte Etna arse con più fiamme del solito. 
- A Roma nacque un bimbo senza apertura naturale nella parte posteriore. 
- A Bologna nacque grano sugli alberi. 
- Il verso del gufo fu sentito prima in Campidoglio: fu promessa una ricompensa e quell'uccello fu catturato da un aucupe, quindi bruciato; le sue ceneri furono disperse nel Tevere. 
- Un bue parlò. 
- A Numanzia le operazioni militari furono disastrose e un esercito romano venne sconfitto.


GIUNONE
P. Africano C. Fulvio coss. - 134 a.c.

- In Amiterno sol noctu visus, eiusque lux aliquamdiu fuit visa.
- Bos locutus et nutritus publice.
- Sanguine pluit.
- Anagniae servo tunica arsit et intermortuo igne nullum flammae apparuit vestigium.
- In Capitolio nocte avis gemitus similes hominis dedit.
- In aede Iunonis Reginae scutum Ligusticum fulmine tactum.
- Fugitivorum bellum in Sicilia exortum, coniuratione servorum in Italia oppressa.
- Ad Amiterno durante la notte si vide il sole; la sua luce fu vista per parecchio tempo. 
- Un bue parlò e fu mantenuto a spese pubbliche. 
- Piovve sangue. 
- Ad Anagni una tunica bruciò addosso ad un servo e, spento il fuoco, non rimase alcun segno della fiamma. 
- Nel Campidoglio un uccello emise un gemito simile a quello dell'uomo. 
- Nel tempio di Giunone Regina lo scudo ligustico fu colpito da un fulmine. 
- In Sicilia ci fu una ribellione di schiavi e anche in Italia fu soffocata un congiura di schiavi.

 P. Mucio L. Pisone coss. - 133 a.c.

- Tiberius Gracchus . . . legibus ferendis occisus.
- Proditum est memoria Tiberium Gracchum, quo die periit, tristia neglexisse omina, cum domi et in Capitolio sacrificanti dira portenderentur, domoque exiens sinistro ad limen offenso pede decusserit pollicem, et corvi fragmentum tegulae ante pedes eius proiecerint ex stillicidio.
- In lacu Romano lacte rivi manarunt.
- Lunae terra quattuor iugerum spatio in profundum abiit et mox de caverna lacum reddidit.
- Ardeae terra pluit.
- Minturnis lupus vigilem laniavit et inter tumultum effugit.
- Romae bubo et alia avis ignota visa.
- In aede Iunonis Reginae clausis per biduum valvis infantis vox audita.
- Scuta novo sanguine maculata.
- Puella quadrupes nata.
- In Agro Ferentino androgynus natus et in flumen deiectus.
- Virgines ter novenae canentes urbem lustraverunt.
- Tiberio Gracco fu ucciso mentre proponeva leggi. Si tramanda che Tiberio Gracco, il giorno che morì, non prese in considerazione i tristi presagi che si erano mostrati mentre sacrificava a casa e in Campidoglio: uscendo da casa, colpì la soglia con il piede sinistro, sbattendo l'alluce; i corvi lanciarono un pezzo di tegola davanti ai suoi piedi. 
- Nel lago romano sgorgarono fiumiciattoli di latte. 
- A Luni la terra in un'area di quattro iugeri sprofondò e la cavità fu subito occupata da un lago. 
- Ad Ardea piovve terra. 
- A Minturno un lupo sbranò una sentinella e nella confusione riuscì a scappare. 
- A Roma furono visti un gufo ed un altro uccello sconosciuto. 
- Nel tempio di Giunone Regina fu udito il pianto di un bambino per due giorni nonostante le porte chiuse. 
- Gli scudi si macchiarono con nuovo sangue. 
- Nacque una bimba con quattro piedi. 
- Nel territorio ferentino nacque un ermafrodito e fu gettato nel fiume. 
- Tre gruppi di vergini che cantavano, nove in ciascun gruppo, purificarono la città. 

P. Popillio P. Rupilio coss. - 132 a.c.

- In Italia multa milia servorum quae coniuraverant aegre comprehensa et supplicio consumpta.
- In Sicilia fugitivi Romanos exercitus necaverunt.
- Numantia diruta.
- In Italia molte migliaia di schiavi che avevano cospirato furono a fatica arrestati e suppliziati. - In Sicilia gli schiavi distrussero eserciti romani. 
- Numanzia fu distrutta.

 Ap. Claudio M. Perperna coss. - 130 a.c.

- Reate mulus cum quinque pedibus natus.
- Romae in Graecostasi lacte pluit.
- Lupus et canis Hostiae pugnantes fulmine exanimati.
- Grex ovium in Apulia uno ictu fulmine exanimatus.
- Praetor populi Romani fulmine exanimatus.
- Terracinae sereno navis velum fulmine in aqua deiectum, et impensas omnis quae ibi erant ignis absumpsit.
- Publius Crassus adversus Aristonicum dimicans occisus. Apollinis simulacrum lacrimavit per quadriduum.
- Vates portenderunt Graeciae fore exitium, unde deductum esset.
- Sacrificatum tum a Romanis donaque in templo posita.
- Phrygia recepta Asia Attali testamento legata Romanis.
- Antiocho regi Syriae ingenti exercitu dimicanti hirundines in tabernaculo nidum fecerunt. Quo prodigio neglecto proelium commisit et a Parthis occisus est.
- A Rieti nacque un mulo con cinque zampe. 
- A Roma nella Grecostasi piovve latte. 
- Ad Ostia un lupo ed un cane che combattevano furono uccisi da un fulmine. 
- Un gregge di pecore in Apulia venne distrutto con un solo fulmine. 
- Il pretore del popolo romano morì per un fulmine. 
- A Terracina con il cielo sereno, la vela di una nave fu gettata in acqua da un fulmine e il fuoco bruciò tutte le cose che erano lì. 
- Publio Crasso fu ucciso mentre combatteva contro Aristonico. 
- La statua di Apollo lacrimò per quattro giorni. 
- Gli indovini pronosticarono che ci sarebbe stata la sconfitta della Grecia, da dove la statua era stata portata. 
- Furono fatti allora sacrifici dai Romani e portati doni nel tempio. 
- Fu annessa la Frigia; l'Asia venne assegnata ai Romani dal testamento di Attalo. 
- Mentre Antioco, re di Siria, stava combattendo con un numeroso esercito, le rondini fecero un nido nella tenda. Dopo aver trascurato questo segno, attaccò battaglia e fu ucciso dai Parti.

Sempronio M'. Aquilio coss. - 129 a.c.

- M. Fulvii Flacci triumviri . . .  dissensione in legibus ferendis . . .
- Angues duo nigri in cella Minervae allapsi civilem caedem portenderunt.
- …del triumviro M. Fulvio Flacco… discordia nel presentare la proposta di legge…
- Due serpenti neri entrati nella cella di Minerva preannunciarono la strage dei cittadini.

M. Aemilio L. Aurelio coss. - 126 a.c.

- Nocturna tempestate in Capitolio aliquot templa concussa sunt.
- Romae et circa fulmine pleraque deiecta sunt.
- Aetna mons terrae motu ignes super verticem late diffudit, et ad insulas Liparas mare efferbuit et quibusdam adustis navibus vapore plerosque navalis exanimavit, piscium vim magnam exanimem dispersit, quos Liparenses avidius epulis appetentes contaminatione ventris consumpti, ita ut nova pestilentia vastarentur insulae.
- Quod prodigium aruspicum responso seditionem, quae post tempora ea fuit, portendit.
- Durante una tempesta notturna alcuni templi furono scossi nel colle Capitolino. 
- A Roma e nelle vicinanze molti edifici Vennero colpiti dai fulmini. 
- Il monte Etna diffuse largamente fiamme dalla sommità; ci fu un terremoto e il mare ribollì vicino alle isole Lipari: furono bruciate alcune navi, vennero uccisi parecchi marinai col fumo, fu dispersa una grande quantità di pesci morti per cui gli abitanti di Lipari, desiderandoli alquanto avidamente per i banchetti, furono uccisi da una malattia dello stomaco, così che le isole furono svuotate dalla nuova pestilenza. 
- Per gli aruspici questo prodigio preannunciava la ribellione, che avvenne dopo quel tempo.

M. Plautio M. Fulvio coss. - 125 a.c.

- In arboribus fruges natae sunt.
- Oleo et lacte in Veiente pluit. Bubo in Capitolio visus.
- Arpis lapideus imber triduo . . .
- Apparuit locustarum ingenti agmine in Africa, quae a vento in mare deiectae fluctibusque eiectae odore intolerabili Cyrenis mortiferoque vapore gravem pestilentiam fecerunt pecori; hominumque DCCC milia consumpta tabe proditum est.
- Fregellae, quae adversus Romanos coniuraverunt, dirutae.
- Ligures Sallyes trucidati.
- Sugli alberi nacquero messi. 
- Nel territorio di Veio piovvero olio e latte. 
- Si vide un gufo sul Campidoglio. 
- Ad Arpi una pioggia di pietre per tre giorni… 
- In Africa apparve una grande quantità di cavallette che, gettate dal vento in mare e spinte a riva dalle onde, provocarono a Cirene, con il loro intollerabile odore e con la mortifera esalazione, una grave moria di bestiame; si tramanda che ottocentomila uomini furono uccisi dall'epidemia. 
- La città di Fregelle, che aveva cospirato contro i Romani, fu distrutta. 
- I Liguri Salli furono trucidati.

 C. Cassio Longino C. Sextio coss. - 124 a.c.

- In Graecostasi lacte pluit.
- Fulmine Crotone grex ovium cum cane et tribus pastoribus exanimatus.
- Saturae vitulus biceps natus.
- Tumultus in urbe fuit C. Graccho leges ferente.
- Piovve latte sulla Grecostasi. 
- Un gregge di pecore, un cane e tre pastori furono uccisi da un fulmine a Crotone. 
- A Satura nacque un vitello con due teste. 
- Ci fu un tumulto nella città di Roma mentre Gaio Gracco proponeva le leggi.

Cn. Domitio C. Fannio coss. - 122 a.c.

- In foro Vessano androgynus natus in mare delatus est.
- In Gallia tres soles et tres lunae visae.
- Vitulus biceps natus.
- Bubo in Capitolio visus.
- Aetnae incendio Catina consumpta. Sallyes et Allobroges devicti.
- Al Foro Vessano nacque un ermafrodito e fu gettato in mare. 
- In Gallia furono visti tre soli e tre lune. 
- Nacque un vitello con tre teste. 
- Un gufo fu visto sul Campidoglio. 
- Catania fu distrutta da un incendio provocato dall'Etna. 
- I Salli e gli Allobrogi furono vinti.




L. Opimio Q. Fabio Maximo coss. - 121 a.c.

- Grex luporum limites qui in agrorum divisione per C. Gracchum depositi erant dissipavit. Ipse Gracchus in Aventino occisus.
- Un branco di lupi abbatté i confini che erano stati posti da Gaio Gracco nella divisione dei campi. Gaio Gracco stesso fu ucciso nell'Aventino.

L. Aurelio Cotta L. Caecilio coss. - 119 a.c.

- Androgynus in agro Romano annorum octo inventus et in mare deportatus. Virgines ter novenae in urbe cantarunt.
- Un ermafrodito di otto anni fu trovato nell'Agro Romano e venne gettato in mare. Tre gruppi di nove fanciulle cantarono in città.

 M. Catone Q. Marcio coss. - 118 a.c.

- Catone consule immolante exta tabuerunt, caput iocineris inventum non est.
- Lacte pluit.
- Terra cum mugitu tremuit.
- Examen apum in foro consedit.
- Sacrificium ex Sibyllinis.
- Mentre il console Catone compiva un sacrificio, le viscere si consumarono e non fu trovata l'estremità del fegato. 
- Piovve latte. 
- La terra tremò con un boato. 
- Uno sciame di api si stabilì nel foro. 
- Fu offerto il sacrificio obbedendo alle prescrizioni dei Libri Sibillini.

L. Caecilio L. Aurelio coss. - 117 a.c.

- Fulmine Romae et circa pleraque tacta.
- Praeneste lacte pluit.
- Hastae Martis in regia motae.
- Priverni terra septem iugerum spatio in caverna desedit.
- Saturniae androgynus annorum decem inventus et mari demersus.
- Virgines viginti septem urbem carmine lustraverunt.
- Reliquum anni in pace fuit.
- Molte cose furono colpite da un fulmine a Roma e nelle vicinanze. 
- A Preneste piovve latte. 
- Nella Reggia si mossero le lance di Marte. 
- A Priverno la terra sprofondò in una caverna in un'area di sette iugeri. 
- A Saturnia fu trovato e fu gettato in mare un ermafrodito di dieci anni. 
- Ventisette vergini purificarono la città con un canto. Il resto dell'anno trascorso in pace.

M'. Acilio C. Porcio coss. - 114 a.c.

- P. Elvius eques Romanus a ludis Romanis cum in Apuliam reverteretur, in agro Stellati filia eius virgo equo insidens fulmine icta exanimataque, vestimento deducto in inguinibus, exserta lingua, per inferiores locos ut ignis ad os emicuerit.
- Responsum infamiam virginibus et equestri ordini portendi, quia equi ornamenta dispersa erant.
- Tres uno tempore virgines Vestales nobilissimae cum aliquot equitibus Romanis incesti poenas subierunt.
- Aedes Veneri Verticordiae facta.
- Mentre il cavaliere romano Publio Elvio, che era stato ai Ludi Romani, ritornava il Puglia, sua figlia vergine fu colpita e uccisa da un fulmine mentre stava a cavallo: i vestiti erano stati portati via dall'inguine, la bocca era spalancata, come se il fuoco fosse passato attraverso le parti inferiori fino alla bocca. 
- Si interpretò il fatto in questo modo: era stata predetta infamia alle vergini e all'ordine equestre, poiché erano stati dispersi gli ornamenti del cavallo. 
- Nello stesso tempo tre nobilissime vergini Vestali con alcuni cavalieri romani subirono le pene per l'incesto. 
- Fu costruito un tempio a Venere Verticordia (= che muta i cuori).

C. Caecilio Cn. Papirio coss. - 113 a.c.

- Albanus mons nocte ardere visus.
- Aedicula et signum de caelo tacta.
- Ara Salutis interrupta. - Terra in Lucanis et Privernati late hiavit.
- In Gallia caelum ardere visum.
- Cimbri Teutonique Alpes transgressi foedam stragem Romanorum sociorumque fecerunt.
- Il monte Albano sembrò ardere nella notte. 
- Un'edicola e una statua furono colpite dal cielo. 
- Si ruppe l'altare della Salute. 
- La terra si aprì ampiamente in Lucania e nel territorio di Priverno. 
- In Gallia si vide ardere il cielo. 
- I Cimbri e i Teutoni, oltrepassate le Alpi, fecero una brutale strage di Romani e loro alleati. 

 P. Scipione L. Calpurnio coss. - 111 a.c.

- Maxima pars urbis exusta cum aede Matris Magnae.
- Lacte per triduum pluit, hostiisque expiatum maioribus.
- Iugurthinum bellum exortum.
- Una grandissima parte della città fu bruciata con il tempio della Grande Madre. 
- Piovve latte per tre giorni: questo prodigio fu espiato con vittime maggiori. 
- Ebbe inizio la guerra contro Giugurta. 

Servio Galba M. Scauro coss. - 108 a.c.

- Avis incendiaria et bubo in urbe visae.
- In latomiis homo ab homine adesus.
- Ex Sibyllinis in insula Cimolia sacrificatum per triginta ingenuos patrimos et matrimos totidemque virgines.
- Multa milia hominum intumescente Pado et stagno Arretino obruta.
- Bis lacte pluit.
- Nursiae gemini ex muliere ingenua nati, puella integris omnibus membris, puer a parte priore alvo aperto ita ut nudum intestinum conspiceretur, idem posteriore natura solidus natus, qui voce missa expiravit.
- Contra Iugurtham prospere dimicatum.
- Un'avis incendiaria e un gufo furono visti in città. 
- In una cava di pietra un uomo fu divorato da un altro. 
- In base ai Libri Sibillini nell'isola Cimolia fu fatto un sacrificio da parte di trenta ragazzi e altrettanti vergini che avevano padri e madri viventi. 
- Molte migliaia di persone furono sommerse dal Po in piena e dallo stagno Aretino. 
- Piovve latte per due volte. 
-A Norcia nacquero due gemelli da una donna libera: una fanciulla con tutte le membra intatte, un fanciullo con il ventre aperto nella parte anteriore, cosicché si poteva vedere l'intestino scoperto, e senza apertura nella parte posteriore; il bambino, dopo aver vagito, morì. 
- Si combatté favorevolmente contro Giugurta. 

Q. Servilio Caepione C. Atilio Serrano coss. - 106 a.c.

- Amiterni cum ex ancilla puer nasceretur, ave dixit.
- In agro Perusino et Romae locis aliquot lacte pluit.
- Inter multa fulmine icta Atellis digiti hominis quattuor tamquam ferro praecisi.
- Argentum signatum afflatu fulminis diffluxit.
- In agro Trebulano mulier nupta civi Romano fulmine icta nec exanimata.
- Fremitus caelestis auditus et pila caelo cadere visa.
- Sanguine pluit.
- Romae interdiu fax sublime volans conspecta.
- In aede Larum flamma a fastigio ad summum columen penetravit innoxia.
- Per Caepionem consulem senatorum et equitum iudicia communicata.
- Cetera in pace  fuerunt.
- Ad Amiterno un bambino appena nato da una ancella disse "Ave!". 
- Nel territorio perugino e in alcuni luoghi di Roma piovve latte. 
- Tra le varie cose colpite da un fulmine, ad Atella quattro dita di un uomo furono tagliate come da una spada. 
- Una moneta di argento si sciolse con il calore di un fulmine. 
- Nel territorio di Trebula una donna sposata con un cittadino romano fu colpita da un fulmine ma sopravvisse. 
- Nel cielo si sentì un rumore e si vide cadere una palla dal cielo. 
- Piovve sangue. 
- A Roma di giorno fu possibile vedere una fiamma che fluttuava nell'aria. 
- Nel tempio dei Lari una fiamma entrò dal tetto e arrivò alla sommità della colonna senza far danno. 
- Su proposta del console Cepione le giurie furono divise tra senatori e cavalieri. 
- Le altre cose rimasero in pace. 

P. Rutilio Cn. Manlio coss. - 105 a.c.

- Trebulae Mutuscae ante quam ludi commiterentur, canente tibicine angues nigri aram circumdederunt, desinente cantare dilapsi. Postero die exorti a populo lapidibus enecati. Foribus templi adapertis simulacrum Martis ligneum capite stans inventum.
- A Lusitanis exercitus Romanus caesus.
- A Trebula Mutusca, prima che i giochi fossero aperti, mentre il flautista suonava, dei serpenti neri circondarono l'altare; quando smise di suonare si dispersero. Il giorno dopo spuntarono fuori e furono uccisi con le pietre dal popolo. Aperte le porte del tempio, fu trovata una statua di legno di Marte che si appoggiava sulla testa. 
- Un esercito romano fu fatto a pezzi dai Lusitani. 

C. Mario C. Flavio coss. -104 a.c.

- Bubo extra urbem visus. Bos locuta.
- Trebulae Mutuscae simulacrum in templo, quod capite adaperto fuit, opertum inventum.
- Nuceriae ulmus vento eversa sua sponte erecta in radicem convaluit.
- In Lucanis lacte, Lunae sanguine pluit.
- Arimini canis locutus.
- Arma caelestia tempore utroque ab ortu et occasu visa pugnare et ab occasu vinci.
- Aruspicum responso populus stipem Cereri et Proserpinae tulit.
- Virgines viginti septem dona canentes tulerunt.
- Luna interdiu cum stella ab hora tertia usque ad horam septinam apparuit.
- A fugitivis et desertoribus in Thurinis regiones vastatae.
- Cimbri Alpes transgressi post Hispaniam vastatam iunxerunt se Teutonis.
- Lupus urbem intravit.
- Fulminis ictu vultures super turrem exanimati.
- Hora diei tertia solis defectus lucem obscuravit.
- Examen apium ante aedem Salutis consedit.
- In comitio lacte pluit.
- In Piceno tres soles visi.
- In agro Vulsiniensi flamma e terra orta caelumque visa contingere.
- In Lucanis duo agni equinis pedibus nati, alter siminino capite.
- In Tarquinensi lactis rivi terra scaturienti exorti.
- Aruspicum  responso signa oleaginea duo armata statuta supplicatumque.
- In Macedonia Thraces subacti.
- Un gufo fu visto fuori città. 
- Una mucca parlò. 
- A Tremula Mutusca fu trovata con il capo coperto una statua, che era a capo scoperto. 
- A Nocera un olmo, rovesciato dal vento, si ristabilì eretto sulle radici di sua spontanea volontà. - In Lucania piovve latte, a Luni sangue. 
- A Rimini una cane parlò. 
- Armi celesti furono viste combattere in un certo momento dall'est all'ovest e prevalse quella occidentale. 
- In base al responso degli aruspici il popolo portò un'offerta a Cerere e a Proserpina. 
- Ventisette vergini portarono i doni cantando. 
- La Luna e una stella apparvero dall'ora terza all'ora settima durante il giorno. 
- Il territorio vicino a Turi fu devastato dai fuggitivi e dai disertori. 
- I Cimbri dopo aver oltrepassato le Alpi e aver devastato la Spagna si unirono ai Teutoni. 
- Un lupo entrò a Roma. 
- Alcuni avvoltoi furono colpiti e uccisi da un fulmine su una torre. 
- All'ora terza ci fu un'eclissi. 
- Uno sciame di api si stabilì davanti al tempio della Salute. 
- Piovve latte sul Comizio. 
- Nel Piceno furono visti tre soli. 
- Nei campi di Volsini si vide una fiamma, spuntata dalla terra, toccare il cielo. 
- In Lucania due agnelli nacquero con zampe equine; uno dei due aveva la testa di scimmia. 
- Nei pressi di Tarquinia sgorgarono dalla terra fiumi di latte. 
- In base al responso degli aruspici furono collocate due statue di legno armate e si tenne una supplicatio. 
- In Macedonia i Traci furono sottomessi.

C. Mario Q. Lutatio coss. - 102 a.c.

- Novemdiale sacrum fuit, quod in Tuscis lapidibus pluerat.
- Urbs aruspicum iussu lusttrata.
- Hostiarum cinis per decemviros in mare dispersus, et per dies novem per magistratus circa omnia templa et municipia pompa ducta supplicantum.
- Hastae Martis in regia sua sponte motae.
- Sanguine circa amnem Anienem pluit.
- Examen apium in foro boario in sacello consedit.
- In Gallia in castris lux nocte fulsit.
- Puer ingenuus Ariciae flamma comprehensus nec ambustus.
- Aedes Iovis clusa fulmine icta.
- Cuius expiationem quia primus monstraverat Aemilius Potensis aruspex, praemium tulit, ceteris celantibus, quod ipsis liberisque exitium portenderetur.
- Piratae in Cilicia a Romanis deleti.
- Teutoni a Mario trucidati.
- Ci fu un rito sacro di nove giorni, perché erano piovuti sassi in Etruria. La città fu purificata per ordine degli aruspici. Le ceneri delle vittime furono disperse in mare dai decemviri, e per nove giorni una processione di supplicanti fu condotta dai magistrati attorno a tutti i templi e municipi. 
- Le lance di Marte si mossero di loro volontà nella Regia. 
- Piovve sangue attorno al fiume Aniene. 
- Uno sciame di api si insediò in un tempietto nel foro Boario. 
- Negli accampamenti in Gallia una luce brillò di notte. 
- Un fanciullo libero di Aricia fu avvolto dalle fiamme ma non venne consumato. 
- Il tempio di Giove fu colpito da un fulmine mentre era chiuso. 
- L'aruspice Emilio Potense ebbe un premio, poiché per primo aveva indicato l'espiazione di questo prodigio, mentre gli altri lo celavano, perché annunciava la morte di loro stessi e dei figli. 
- I pirati furono annientati dai Romani in Cilicia. 
- I Teutoni furono sterminati da Mario.  

- In area Vulcani et Concordiae sanguinem pluit.
- Hastae Martis motae.
- Lanuvii simulacrum Iunonis Sospitae lacrimavit.
- Pestilentiae Libitina non suffecit.
- Ex Sibyllinis supplicatum cum sex mensibus non pluisset.
- Ligures proelio victi deletique.
Nell'area di Vulcano e in quella della Concordia piovve sangue. 
- Si mossero le lance di Marte. 
- A Lanuvio lacrimò l'immagine di Giunone Salvatrice. 
- A causa dell'elevato numero dei morti, provocato dalla pestilenza, non fu possibile seppellire adeguatamente tutti i defunti. 
- Su avviso dei libri Sibillini, poiché non pioveva da sei mesi, si osservò un giorno di preghiera. 
- I Liguri furono vinti in battaglia e annientati.


CALLIOPE
C. Mario M'. Aquilio coss. - 101 a.c.

- Ancilia cum crepitu sua sponte mota.
- Servus Q. Servilii Caepionis Matri Idaeae se praecidit, et trans mare exportatus, ne umquam Romae reverteretur.
- Urbs lustrata.
- Capra cornibus ardentibus per urbem ducta, porta Naevia emissa relictaque.
- In Aventino luto pluit. Lusitanis devictis Hispania ulterior pacata.
- Cimbri deleti.
- Gli scudi si mossero con un crepitio di loro volontà. 
- Il servo di Quinto Servilio Cepio si evirò in devozione alla Grande Madre, e fu trasportato al di là del mare, affinché non tornasse mai a Roma. 
- La città fu purificata. 
- Una capra con le corna ardenti fu condotta per la città, espulsa da porta Nevia e abbandonata. - Piovve fango sull'Aventino. 
- I Lusitani furono sconfitti e la Spagna Ulteriore fu pacificata. 
- I Cimbri furono sterminati.

C. Mario L. Valerio coss. - 100 a.c.

- Fax ardens Tarquiniis late visa subito lapsu cadens.
- Sub occasu solis orbis clipei similis ab occidente ad orientem visus perferri.
- In Piceno terrae motu domicilia ruinis prostrata, quaedam convulsa sede sua inclinata manserunt.
- Fremitus armorum ex inferno auditus.
- Quadrigae aureatae in foro a pedibus sudaverunt.
- Fugitivi in Sicilia proeliis trucidati.
- A Tarquinia si vide una fiaccola ardente improvvisamente cadere. 
- Al calare del Sole si vide un oggetto circolare simile a uno scudo dirigersi da ovest a est. 
- Nel Piceno le abitazioni furono ridotte in rovine da un terremoto, mentre alcune rimasero inclinate nella loro sede sconvolta. 
- Un fremito di armi fu udito dal fondo della terra. 
- Le Quadrighe dorate nel foro sudarono nella parte inferiore. 
- Gli schiavi fuggitivi in Sicilia furono trucidati in battaglia.

M. Antonio A. Postumio coss. - 99 a.c.

- Bubone in urbe visa urbs lustrata.
- Nimbis et procella plurima dissipata, fulmine pleraque tacta.
- Lanuvii in aede Iunonis Sospitae in cubiculo deae sanguinis guttae visae.
- Nursiae aedes sacra terrae motu disiecta.
- Lusitani rebellantes subacti.
- Sextus Titius tribunus plebis de agris dividendis populo cum repugnantibus collegis pertinaciter legem ferret, corvi duo numero in alto volantes ita pugnaverunt supra contionem ut rostris unguibusque lacerarentur. Aruspices sacra Apollini litanda et de lege, quae ferebatur, supersedendum pronuntiarunt.
- Fremitus ab inferno ad caelum ferri visus inopiam famemque portendit.
- Populus stipem, matronae thesaurum et virgines dona Cereri et Proserpinae tulerunt.
- Per virgines viginti septem cantitatum.
- Signa cupressea duo Iunoni Reginae posita.
- In Lusitania prospere a Romanis pugnatum.
- La città venne purificata dopo che era stato visto un gufo a Roma. 
- Molti oggetti furono dispersi da nuvole e vento, molti altri colpiti dai fulmini. 
- A Lanuvio nel tempio di Giunone Sospita, furono viste nella stanza della Dea delle macchie di sangue. 
- A Norcia un luogo sacro fu distrutto dal terremoto. 
- I Lusitani che si erano ribellati furono sottomessi. 
- Mentre Sesto Tizio tribuno della plebe proponeva una legge per la divisione dei campi al popolo, mentre i colleghi si opponevano tenacemente, due corvi che volavano in alto combatterono sopra l'assemblea a tal punto che si lacerarono con i becchi e gli artigli. 
Gli aruspici dissero che bisognava fare sacrifici ad Apollo e che non si dovesse più parlare della legge che veniva proposta. 
- Un rumore, che dalla profondità della terra sembrò alzarsi in cielo, preannunciò carestia e fame. 
- Il popolo portò a Cerere e Proserpina un'offerta, le matrone oggetti preziosi, le vergini doni. 
- Ventisette vergini cantarono. 
- Furono poste due statue di cipresso a Giunone Regina. 
- In Lusitania i Romani combatterono favorevolmente.

Q. Metello T. Didio coss. - 98 a.c.

- Bubone in Capitolio supra deorum simulacra viso cum piaretur, taurus victima exanimis concidit. Fulmine pleraque decussa.
- Hastae Martis in regia motae.
- Ludis in theatro creta candida pluit; fruges et tempestates portendit bonas.
- Sereno tonuit.
- Apud aedem Apollinis decemviris immolantibus caput iocineris non fuit, sacrificantibus anguis ad aram inventus.
- Item androgynus in mare deportatus.
- In circo inter pila militum ignis fusus.
- Hispani pluribus proeliis devicti.
- Essendo stato fatto un rito propiziatorio a causa di un gufo visto sopra le immagini degli dei nel Campidoglio, la vittima, un toro, cadde esanime. 
- Molte cose furono colpite dai fulmini. 
- Nella Reggia si mossero le lance di Marte. 
- In teatro durante i giochi piovve terra candida: preannunciò buon raccolto e buon tempo. 
- Tuonò a cielo sereno. 
- Presso il tempio di Apollo, mentre i decemviri offrivano un sacrificio, non fu trovata la parte superiore del fegato; mentre sacrificavano, un serpente fu trovato presso l'altare. 
- Parimenti un ermafrodito fu gettato in mare. 
- Il fuoco arse tra i giavellotti dei soldati nel circo. 
- Gli Ispani furono sconfitti in più combattimenti.

 Cn. Cornelio Lentulo P. Licinio coss. - 97 a.c.

- Supplicatum in urbe quod androgynus inventus et in mare deportatus erat. Pisuri terrae fremitus auditus. Muri pinnae sine terrae motu passim deiectae civiles portendere discordias. Nursiae simulacrum Iovis in partem sinistram conversum. Cupressea simulacra Iunonis Reginae posita per virgines viginti septem, quae urbem lustraverunt. Celtiberi Maedi Dardani subacti.
- A Roma vennero offerte delle preghiere perché un ermafrodito fu trovato e gettato in mare. 
- A Pesaro fu udito un fremito della terra. I pinnacoli delle mura caduti in tutte le direzioni senza il terremoto preannunciarono discordia tra i cittadini. 
- A Norcia la statua di Giove si girò verso sinistra. 
- Statue di cipresso furono innalzate in onore di Giunone Regina da ventisette vergini, che purificarono la città. 
- I Celtiberi, i Medi e i Dardani furono sottomessi.

Cn. Domitio C. Cassio coss. - 96 a.c.

- Lupus urbem ingressus in domo privato occisus.
- Bubo in Capitolio occisus.
- Fulmine pleraque decussa.
- Signa aurata Iovis cum capite columnaque disiecta.
- Faesulis sanguine terra manavit.
- Arretii mulieri e naso spicae farris natae, eadem farris grana vomuit.
- Urbe lustrata Ptolemaeus, rex Aegypti, Cyrenis mortuus S.P.Q. Romanum heredem reliquit.
- Un lupo entrò a Roma e fu ucciso in una casa privata. 
- Un gufo fu ucciso nel Campidoglio. 
- Molte cose furono colpite dai fulmini. 
- La statua dorata di Giove fu distrutta con il capitello e la colonna. 
- A Fiesole il sangue uscì dalla terra. - 
- Ad Arezzo nacquero spighe di farro dal naso di una donna; la stessa vomitò chicchi di farro. 
- Purificata la città, Tolomeo, re dell'Egitto, morto a Cirene, nominò suoi eredi il Senato e il Popolo romano.

L. Crasso Q. Scaevola coss. - 95 a.c.

- Caere lacte pluit.
- Lebadiae Eutychides in templum Iovis Trophonii degressus tabulam aeneam extulit, in qua scripta erant, quae ad res Romanas pertinent.
- Fulminis afflatu pleraque animalia exanimata.
- Venafri hiatu terra alte subsedit. Vultures canem mortuum laniantes occisi ab aliis et comesi vulturibus.
- Agnus biceps, puer tribus manibus totidemque pedibus natus Ateste.
- Hastae Martis in regia motae.
- Androgynus Urbino natus in mare deportatus.
- Pax domi forisque fuit.
- Piovve latte a Cere. 
- A Lebadea, Eutichide entrò nel tempio di Giove Trofonio e portò fuori una tavola di bronzo sulla quale erano scritte informazioni riguardanti Roma. 
- Molti animali furono uccisi dai fulmini. 
- A Venafro si aprì una voragine e la terra sprofondò notevolmente. 
- Alcuni avvoltoi furono uccisi e mangiati da altri avvoltoi mentre dilaniavano un cane morto. 
- Ad Ateste nacquero un agnello con due teste e un fanciullo con tre mani e tre piedi. 
- Nella Reggia si mossero le lance di Marte. 
- Un ermafrodito nato a Urbino fu gettato in mare. 
- La pace regnò in città e fuori.

C. Caelio L. Domitio coss. - 94 a.c.

- Novemdiale sacrum fuit quod in Volsca gente lapidibus pluerat.
- Vulsiniis luna nova defecit et non nisi postero die hora tertia comparuit.
- Puella biceps, quadripes, quadrimana, gemina feminea natura mortua nata.
- Avis incendiaria visa occisaque.
- In Vestinis in villa lapidibus pluit.
- Fax in caelo apparuit et totum caelum ardere visum.
- Terra sanguine manavit et concrevit. Canes saxa tegulas vulgo roserunt.
- Faesulis ingens multitudo inter sepulcra lugubri veste, pallida facie interdiu ambulare gregatim visa. - Per Nasicam Hispaniae principes qui rebellabant supplicio consumpti, urbibus dirutis.
- Si celebrò una cerimonia di nove giorni perché c'era stata una pioggia di pietre nel territorio dei Volsci. 
- A Bolsena scomparve la Luna nuova e non riapparve fino alla terza ora del giorno dopo. 
- Una bimba con due teste, quattro piedi e quattro mani e due parti femminili nacque morta. - Un'uccello incendiario fu visto e ucciso. 
- In una casa di campagna nel territorio dei Vestini piovvero pietre. Una fiaccola apparve in cielo e si vide ardere tutto il cielo. Dalla terra uscì sangue e si raggrumò. I cani morsero pietre e tegole in varie parti. A Fiesole una grande folla fu a lungo vista camminare con vesti da lutto e visi pallidi. I principi della Spagna che si erano ribellati furono uccisi con supplizi da Nasica e le loro città distrutte.


C. Valerio M. Herennio coss. - 93 a.c.

- Romae et circa fulmine pleraque decussa.
- Ancilla puerum unimanum peperit.
- Fregellis aedes Neptuni nocte patefacta.
- Maris vituli cum exta demerentur, gemini vitelli in alvo eius inventi.
- Arretii signum aeneum Mercurii sudavit.
- In Lucanis gregem vervecum cum pasceretur et nocte in stabulo, flamma circumdata nihil adussit.
- arseolis torrens sanguinis fluxit.
- Lupi urbem ingressi.
- Praeneste lana volitavit. In Apulia mula peperit.
- Milvus in aede Apollinis Romae comprehensus.
- Herennio consuli bis immolanti caput iocineris defuit.
- In sacro novemdiali cena deae posita a cane adesa antequam delibaretur.
- Vulsiniis prima luce flamma caelo emicare visa; cum in unum coisset, os flamma ferrugineum ostendit, caelum visum discedere, cuius hiatu vertices flammae apparuerunt.
- Lustrationibus prospere expiatum.
- Nam totus annus domi forisque tranquillus fuit.
- A Roma e nei dintorni molte cose furono colpite dai fulmini. 
- Una serva partorì un bambino con una mano sola. 
- A Fregelle il tempio di Nettuno si aprì durante la notte. 
- Quando le viscere di un vitello maschio vennero tolte, furono trovati due cuccioli nel suo ventre. 
- Ad Arezzo una statua di bronzo di Mercurio sudò. 
- In Lucania le fiamme circondarono, senza bruciare nulla, un gregge di montoni sia mentre stavano pascolando, sia, di notte, nella stalla. 
- A Carseoli sgorgò un torrente di sangue. 
- I lupi entrarono a Roma. 
- A Preneste la lana volò nell'aria. In Puglia una mula partorì. 
- Un nibbio fu catturato nel tempio di Apollo a Roma. 
- Mentre il console Erennio immolava per la seconda volta, non si trovò la parte superiore del fegato. 
- Durante una cerimonia di nove giorni, il banchetto preparato per la dea fu divorato da un cane prima che fosse assaggiato. 
- Si vide una fiamma risplendere in cielo, all'alba, a Bolsena; successivamente la fiamma si riunì in un luogo e mostrò un'apertura color ferro; si vide il cielo dividersi e nell'apertura apparvero vertici di fiamme. 
- L'espiazione fu con successo compiuta con una cerimonia di purificazione. 
- Infatti tutto l'anno fu tranquillo a Roma e altrove.

C. Claudio M. Perpenna coss. - 92 a.c.

- Bubo in aede Fortunae Equestris comprehensus inter manus expiravit.
- Faesulis fremitus terrae auditus.
- Puer ex ancilla natus sine foramine naturae qua humor emittitur.
- Mulier duplici natura inventa.
- Fax in caelo visa.
- Bos locuta.
- Examen apium in culmine privatae domus consedit.
- Volaterris sanguinis rivus manavit.
- Romae lacte pluit.
- Arretii duo androgyni inventi.
- Pullus gallinaceus quadripes natus.
- Fulmine pleraque icta.
- Supplicatio fuit.
- Populus Cereri et Proserpinae stipem tulit. Virgines viginti septem carmen canentes urbem lustraverunt.
- Maedorum in Macedonia gens provinciam cruente vastavit.
- Un gufo fu catturato nel tempio della Fortuna Equestre e morì tra le mani. 
- A Fiesole fu udito un fremito della terra. 
- Un bambino nacque da una serva senza il foro naturale dal quale si emettono gli umori. 
- Una donna fu trovata con due parti intime. 
- Una fiaccola fu vista in cielo. 
- Una mucca parlò. 
- Uno sciame d'api si raggruppò insieme in una casa privata. 
- A Volterra sgorgò un ruscello di sangue. 
- A Roma piovve latte. 
- Ad Arezzo vennero trovati due ermafroditi. 
- Nacque una gallina con quattro zampe. 
- Molte cose furono colpite dai fulmini. 
- Ci fu una preghiera. 
- Il popolo portò un'offerta a Cerere e Proserpina. 
- Ventisette vergini intonarono un canto e purificarono la città. 
- In Macedonia la tribù dei Medi devastò crudelmente la provincia.

L. Marcio Sex. Iulio coss. - 91 a.c.

- Livio Druso tr.pl. leges ferente cum bellum Italicum consurgeret, prodigia multa apparuerunt urbi.
- Sub ortu solis globus ignis a septemtrionali regione cum ingenti sono caeli emicuit.
- Arretii frangentibus panes cruor e mediis fluxit.
- In Vestinis per dies septem lapidibus testisque pluit.
- Aenariae terrae hiatu flamma exorta in caelum emicuit.
- Circa Regium terrae motu pars urbis murique diruta.
- In Spoletino colore aureo globus ignis ad terram devolutus, maiorque factus e terra ad orientem ferri visus magnitudine solem obtexit.
- Cumis in arce simulacrum Apollinis sudavit.
- Aedis Pietatis in circo Flaminio clausa fulmine icta.
- Asculo per ludos Romani trucidati.
- Cum ex agris in urbem pecora armentaque Latini agerent, strages hominum passim facta.
- Armenta in tantam rabiem concitata sunt ut vastando suos hostile imaginarentur bellum lacrimantesque canes multis affectibus calamitatem praesagirent suis.
- Mentre Lucio Druso, tribuno della plebe, proponeva le leggi facendo sorgere la guerra italica,  avvennero a Roma molti prodigi. 
- All'alba brillò a nord un globo di fuoco che produsse un gran fragore nel cielo. 
- Ad Arezzo fuoriuscì sangue dal mezzo dei pani che venivano spezzati. 
- A Vestini, per sette giorni piovvero sassi e cocci. 
- Ad Enaria divampò fino al cielo una fiamma da una fenditura del terreno. 
- A causa di un terremoto intorno a Reggio, una parte della città e una parte delle mura crollarono. 
- A Spoleto scese a terra un globo di fuoco dorato e, fattosi più grande, sembrò muoversi, alzatosi da terra, verso oriente, coprendo per la sua grandezza il sole. 
- Nella rocca di Cuma sudò una statua di Apollo. 
- Il tempio della Pietà nel circo Flaminio fu colpito da un fulmine mentre era chiuso. 
- Ad Ascoli furono massacrati i Romani durante i giochi. 
- Portando i Latini a Roma dai campi pecore e armenti, fu fatta in diversi luoghi strage di uomini. 
- Gli armenti furono spinti a tanta rabbia che, attaccando i loro padroni, offrivano presagio della guerra: preannunziarono la calamità anche cani che piangevano.

L. Iulio Cesare P. Rutilio coss. - 90 a.c.

- Metella Caecilia somnio Iunonem Sospitam profugientem, quod immunde sua templa foedarentur, cum suis precibus aegre revocatam diceret, aedem matronarum sordidis obscenisque corporis coinquinatum ministeriis, in qua etiam sub simulacro deae cubile canis cum fetu erat, commundatam supplicationibus habitis pristino splendore restituit.
- A Picentibus Romani barbaro more excruciati. Ubique in Latio clades accepta. Rutilius Lupus spretis religionibus cum in extis caput non invenisset iocineris, amisso exercitu in proelio occisus.
- Cecilia Metella raccontò di aver sognato che Giunone Sospita stava scappando perché il suo tempio era stato contaminato e che dalle sue preghiere era stata indotta con difficoltà a ritornare. Metella pulì il tempio, che era stato insozzato dai vili bisogni umani delle matrone, e nel quale - sotto la grande immagine della divinità - una cagna aveva la sua tana e i suoi cuccioli; furono (nuovamente) istituite le cerimonie di preghiera e il tempio ritornò al suo lustro originale. 
- I Romani furono barbaramente trucidati dai Piceni. Il disastro imperversò ovunque nel Lazio. Rutilio Lupo, disprezzati i segni religiosi, non avendo trovato la parte superiore del fegato nelle viscere, perso l'esercito, morì in battaglia.

L. Sylla Q. Pompeio coss. - 88 a.c.

EUTERPE
- Pompedius Silo in oppido Bovianum, quod ceperat, triumphans invectus omen victoriae hostibus ostendit, quia triumphus in urbem victricem non victam, induci solet. Proximo proelio amisso exercitu occisus.
- Mithridati adversus socios bellum paranti prodigia apparuerunt. Stratopedo, ubi senatus haberi solet, corvi vulturem tundendo rostris occiderunt. In eundem locum sidus ingens caelo demissum. Isidis species visa sambucam fulmine petere. Lucum Furiarum cum Mithridates succenderet, risus exauditus ingens sine auctore. Cum aruspicum iussu virginem Furiis immolaret, e iugulo puellae risus ortus turbavit sacrificium. Classis Mithridatis in Thessalia a Romanis in proelio amissa.
- Pompedio Silone entrò nella città di Boiano con una trionfale processione, dopo averla conquistata; tramite ciò egli mostrò un auspicio di vittoria ai suoi nemici perché era consuetudine entrare con una processione trionfale nella città vincitrice, non in quella vinta. 
Nella successiva battaglia, infatti, egli perse l'esercito e morì. 
- Quando Mitridate si stava preparando per la guerra contro gli alleati di Roma, apparvero portenti. A Stratopedo, dove il Senato era solito incontrarsi, i corvi uccisero un avvoltoio picchiandolo con i becchi. Nello stesso posto un'enorme stella scese dal cielo. Sembrò che Iside avesse scagliato un fulmine contro la sambuca. Quando Mitridate appiccava il fuoco al bosco sacro delle Furie, fu udita un'enorme risata senza che nessuno l'avesse emessa. Mitridate allora decise, in base al responso di un indovino, di sacrificare una vergine alle Furie: dalla bocca della ragazza scaturì una risata che disturbò il sacrificio. La flotta di Mitridate venne sconfitta in Tessaglia dai Romani in un combattimento.

Cn. Octavio L. Cinna coss. - 87 a.c.

- Cinna et Mario per bella civilia crudeliter saevientibus Romae in castris Gnaei Pompei caelum ruere visum, arma signaque tacta, milites axanimati. Ipse Pompeius afflatus sidere interiit. Lectum eius populus diripuit, corpus unco traxit quod discrimine civili perseverasset periclitanti patriae non succurerere, cum et imperium et maximos haberet exercitus.
- Mentre Cinna e Mario dimostravano una crudele ira nel loro modo di condurre la guerra civile, a Roma - nell'accampamento di Gneo Pompeo - il cielo sembrò precipitare: furono colpiti armi e stendardi e furono uccisi alcuni soldati. Lo stesso Pompeo morì a causa di un corpo celeste. Il popolo mise le mani sul suo letto funebre, estrasse il suo corpo con un uncino, poiché nella guerra civile lui non aveva mai difeso la patria in pericolo, anche se aveva il comando e possedeva grandi eserciti.

 L. Cinna C. Mario coss. - 86 a.c.

- Piraeum Sylla cum oppugnaret diuturno labore, unus miles eius aggerem ferens exanimatus fulmine. Aruspex respondit quod caput iacentis in oppidum versum esset, introitum et victoriam Romanis significare.
- Post breve tempus Athenae et Piraeum a Sylla capta. Ilio a C. Fimbria incenso cum aedes quoque Minervae deflagrasset, inter ruinas simulacrum antiquissimum inviolatum stetit spemque restitutionis oppido portendit.
- Mentre Silla assediava con molta difficoltà il Pireo, uno dei suoi soldati, che stava portando del materiale, fu colpito da un fulmine. Dato che la testa del cadavere era rivolta verso la città, l'aruspice disse che l'evento indicava l'entrata e la vittoria dei Romani: dopo poco tempo Atene e lo stesso Pireo furono presi da Silla. 
- Quando Troia fu incendiata da Gaio Fimbria, anche il tempio di Minerva fu distrutto, ma il fatto che fu ritrovato tra le rovine l'antichissimo simulacro di Minerva intatto mostrò la speranza della ricostruzione.

L. Scipione C. Norbano coss. - 83 a.c.

- Per Syllana tempora inter Capuam et Vulturnum ingens signorum sonus armorumque horrendo clamore auditus, ita ut viderentur duae acies concurrere per plures dies. Rei miracolo intentius considerantibus vestigia equorum hominumque et recens protritae herbae et virgulta visa molem ingentis belli portendere.
- In Etruria Clusii mater familiae vivum serpentem peperit, qui iussu aruspicum in profluentem deiectus adversa aqua natavit.
- Lucius Sylla post quintum annum victor in Italiam reversus magno terrori fuit inimicis.
- Fraude aeditui Capitolium una nocte conflagravit.
- Sylla crudelitate foeda proscriptio principum fuit.
- Centena milia hominum consumpta Italico civilique bello relata sunt.
- Nel tempo di Silla tra Capua e Volturno si udì un forte rumore di stendardi e armi, con orrendo clamore: sembrava che si scontrassero da diversi giorni due eserciti. Quando gli uomini investigarono più a fondo tale prodigio, le orme dei cavalli e degli uomini, e l'osservazione di erba e cespugli da poco calpestati mostravano il pericolo di una grande guerra. 
- In Etruria, a Chiusi, una donna partorì un serpente vivo che, per volere degli aruspici, fu gettato in acqua e nuotò contro corrente. 
- Lucio Silla ritornò vittorioso in Italia dopo cinque anni e fu motivo di grande terrore per i nemici. 
- A causa dell'inganno di un guardiano del tempio, il Campidoglio bruciò interamente in una sola notte. 
- A causa della crudeltà di Silla ci fu un'orribile proscrizione dei principali cittadini. Si ricorda che centinaia di migliaia di persone furono uccise nelle guerra italica e in quella civile.

Mam. Aemilio D. Bruto coss. - 77 a.c.

- D. Laelius legatus Pompei (cui prodigium Romae erat factum in lecto uxoris duo angues conspecti in diversumque lapsi, proxime Pompeio in castris sedenti accipiter super caput accesserat) in Hispania adversus Sertorium inter pabulatores occisus.
- Decimo Lelio, ufficiale di Pompeo, riscontrò un portento a Roma quando vide nel letto della moglie due serpenti che scivolarono via in differenti direzioni. Successivamente, mentre sedeva vicino a Pompeo nell'accampamento, giunse sopra la sua testa un avvoltoio. Lelio fu ucciso tra i foraggiatori in Spagna, mentre combatteva contro Sertorio.

Cn. Octavio C. Scribonio coss. - 76 a.c.

- Reate terrae motu aedes sacrae in oppido agrisque commotae, saxa quibus in forum strata erat discussa, pontes interrupti, ripae praelabentis fluminis in aquam provolutae, fremitus inferni exauditi et post paucos dies, quae concussa erant corruerunt.
- Saxum vivum cum provolveretur, in praecipiti rupe immobile stetit.
- A Sertorio in Hispania exercitus Romani caesi.
- Adversum Maedos varie dimicatum.
- A Rieti un terremoto distrusse i templi nella città e nelle campagne, la pavimentazione del foro fu sconvolta, i ponti crollaron,; gli argini del fiume che scorreva nella città caddero nell'acqua, si udirono rumori sotterranei e, dopo pochi giorni, le strutture che erano state scosse caddero al suolo. 
- Un macigno che stava rotolando si fermò sull'orlo di un dirupo. 
- Eserciti romani furono distrutti da Sartorio in Spagna. 
- Contro i Medi si combattè con varia sorte.


C. Aurelio L. Octavio coss. - 75 a.c.

- Sertorio in Hispania exercitum ducenti tale prodigium est factum: scuta equitum parte exteriore iaculaque et pectora equorum cruenta visa.
- Quod prosperum sibi interpretatus est Sertorius, quia exteriora hostili sanguine maculari solent.
- Continua ei proelia cum successu fuerunt.
- A Sertorio che conduceva in Spagna le proprio truppe, accadde questo prodigio: furono visti cosparsi di sangue la parte esterna degli scudi dei suoi cavalieri, i giavellotti e i toraci dei cavalli. 
- Sertorio interpretò questo prodigio come favorevole nei suoi confronti poiché, solitamente, i lati esterni sono sporcati dal sangue dei nemici. 
- Infatti fu favorito da una serie ininterrotta di battaglie vittoriose.

 M. Varrone C. Cassio coss. - 73 a.c.

- Cyzicum Mithridates cum oppugnaret, Aristagorae qui in summo magistratu erat Proserpina in quiete visa est dicere adversus tibicines se tubicinem comparasse.
- Postero die turres hostium vento disiectae sunt.
- Ad immolandum bos sacra iniussa de montibus per hostium classem adnatavit seque ad aras percutiendam obtulit.
- Mentre Mitridate assediava Cizico, Proserpina apparve in sogno ad Aristogora, che era un sommo magistrato, e disse che aveva provveduto a trovare un trombettiere da opporre ai flautisti. 
- Il giorno dopo le torri dei nemici furono distrutte dal vento. 
- La mucca destinata al sacrificio scese da sola dai monti, nuotò attraverso la flotta dei nemici e si presentò all'altare per l'uccisione.

M. Cicerone C. Antonio coss. - 63 a.c.

- Fulmine pleraque decussa.
- Sereno Vargunteius Pompeiis de caelo exanimatus.
- Trabis ardens ab occasu ad caelum extenta.
- Terrae motu Spoletum totum concussum et quaedam corruerunt.
- Inter alia relatum, biennio ante in Capitolio lupam Remi et Romuli fulmine ictam, signumque Iovis cum columna disiectum, aruspicum responso in foro repositum.
- Tabulae legum aeneae caelo tactae litteris liquefactis.
- Ab his prodigiis Catilinae nefaria conspiratio coepta.
- Molte cose furono colpite da fulmini. 
- Vargunteio fu colpito da un fulmine a Pompei mentre il cielo era sereno. 
- Una trave ardente si estese verso il cielo da occidente. 
- Per un terremoto tutta Spoleto fu scossa e alcuni edifici crollarono. 
- Si riportò tra le altre cose che due anni prima al Campidoglio la lupa di Romolo e Remo fu colpita da un fulmine, e la statua di Giove con la colonna fu distrutto, ma fu riposta nel foro per consiglio degli aurispici. 
- Le Tavole bronzee delle leggi furono colpite da un fulmine e le lettere si sciolsero. 
- Da questi prodigi nacque l'abominevole cospirazione di Catilina.

D. Iunio L. Murena coss. - 62 a.c.

- C. Antonius procos. cum in agro Pistorensi Catilinam devicisset, laureatos fasces in provinciam tulit.
- Ibi a Dardanis oppressus amisso exercitu profugit.
- Apparuit eum hostibus portendisse victoriam, cum ad eos laurum victricem tulerit, quam in Capitolio debuerat deponere.
- Il proconsole Caio Antonio, dopo aver vinto Catilina nel territorio di Pistoia, portò nella provincia i fasci ornati d'alloro. 
- Qui fu sconfitto dai Dardani e fuggì dopo aver perso il suo esercito. 
- Sembrò che lui stesso avesse offerto la vittoria ai nemici, avendo portato nel loro territorio l'alloro vincitore, che avrebbe dovuto deporre nel Campidoglio.

Quinto Metello L. Afranio coss. - 60 a.c.

- Die toto ante sereno circa horam undecimam nox se intendit, deinde restitutus fulgor.
- Turbinis vi tecta deiecta.
- Ponte sublapso homines in Tiberim praecipitati.
-  In agris pleraque arbores eversae radicibus.
- Lusitani Gallaeci devicti.
- Mentre tutto il giorno era stato sereno, diventò notte all'ora undicesima, quindi tornò giorno. 
- I tetti furono scoperti dalla forza di un turbine. 
- Crollato un ponte, alcuni uomini precipitarono nel Tevere. 
- Nei campi molti alberi furono sradicati. 
- I Lusitani Galleci furono vinti.

Cn. Domitio M. Messala coss. - 53 a.c.

- Lupi in urbe visi.
- Nocturni ululatus flebilies canum auditi.
- Simulacrum Martis sudavit.
- Fulmen tota urbe pervagatum pleraque deorum simulacra decussit, homines exanimavit.
- Urbs lustrata.
- Propter dictaturam Pompeii ingens seditio in urbe fuit.
- In città furono visti dei lupi. 
- Nella notte si udirono flebili ululati di cani. 
- La statua di Marte sudò. 
- I fulmini colpirono tutta la città: distrussero molte statue di divinità e uccisero alcuni uomini. - La città fu purificata. 
- A causa della dittatura di Pompeo ci fu nella città una grande sedizione.

L. Domitio Appio Caludio coss. - 54 a.c.

- M. Crassus ad Parthos profectus cum Eufratem transiret, multa prodigia neglexit.
- Cum etiam coorta tempestas signifero signum abreptum mersisset gurgiti, et offundente se nimborum caligine prohiberentur transire, pertinaciter perseverans cum filio et exercitu interiit.
- Marco Crasso, attraversando il fiume Eufrate nella sua spedizione contro i Parti, trascurò molti prodigi. 
- Anche se una tempesta aveva gettato in un gorgo l'insegna strappata al signifero, e veniva ostacolato dalle nebbie che gli impedivano di passare, continuando ostinatamente, provocò la rovina sua, di suo figlio e di tutto l'esercito.

L. Paulo C. Marcello coss. - 50 a.c.

- Mula pariens discordiam civium, bonorum interitum, mutationem legum, turpes matronarum partus significavit. Incendium quo maxima pars urbis deleta est prodigii loco habitum. Inter Caesarem et Pompeium bella civilia exorta.
- Il parto di una mula indicò le discordie civili, la fine dei buoni cittadini, dei parti mostruosi delle matrone. 
- L'incendio che distrusse la maggior parte della città fu ritenuto un evento prodigioso. 
- Iniziò la guerra civile tra Cesare e Pompeo.

C. Caesare P. Servilio coss. - 48 a.c.

- Adversus Caesarem Pompeius in Macedonia cum invitatis gentibus amicis instrueret aciem, a Dyrrhachio venientibus adversa fuerunt fulmina.
- Examen apium in signis perniciem portendit.
- Nocturni terrores in exercitu fuere.
- Ipse Pompeius pridie pugnae diem visus in theatro suo ingenti plausu excipi.
- Mox acie victus in Aegypto occisus.
- Eo ipso die plerisque locis signa sua sponte conversa constat, clamorem crepitumque armorum Antiochiae, bis ut curreretur in muros, auditum Ptolemaideque, sonum tympanorum Pergami.
- Palma viridis Trallibus in aede Victoriae sub Caesaris statua intra coagmenta lapidum magnitudine matura enata.
- C. Cornelius augur Patavii eo die, cum aves admitterent, proclamavit rem geri et vincere Caesarem.

- Pompeo schierò l'esercito in Macedonia contro Cesare e qui chiamò popoli alleati: a coloro che giungevano da Durazzo si mostrarono fulmini avversi. 
- Uno sciame di api nelle insegne militari pronosticò la sventura. Nell'esercito ci fu panico nella notte. 
- Allo stesso Pompeo il giorno prima della battaglia sembrò di vedersi nel suo teatro mentre riceveva ingenti applausi. 
- Poi, vinto in battaglia, venne ucciso in Egitto. 
- In quello stesso giorno si sa che di propria volontà in numerosi luoghi si girarono le insegne militari, fu ascoltato un clamore ed uno strepito di armi ad Antiochia e in Tolemaide (così che due volte si corse alle mura) e un suono di tamburi a Pergamo. 
- Una palma verde nacque già grande a Tralle nel tempio della Vittoria sotto la statua di Cesare tra le giunture della roccia. 
- L'augure C. Cornelio quel giorno a Padova predisse, osservando il volo degli uccelli, che la battaglia era iniziata e che Cesare stava vincendo.

 C. Caesare M. Lepido coss. - 46 a.c.

- Decem legionum aquilae Gnaeo, Cn. Pompeii filio, quae fulmina tenebant visae dimittere et in sublime avolare.
- Ipse adulescens Pompeius victus et fugiens occisus.
- Gneo, figlio di Pompeo, vide in sogno le aquile di dieci legioni lasciare i fulmini che tenevano i fulmini e fuggire in alto. 
- Lo stesso adolescente Pompeo fu vinto e, nella fuga, fu ucciso.

 C. Caesare M. Antonio coss. - 44 a.c.

- Caesari dictatori exta sine corde inventa.
- Calpurnia uxor somniavit fastigium domus, quod S.C. erat adiectum, ruisse.
- Nocte cum valvae cubiculi clausae essent, sua sponte apertae sunt, ita ut lunae fulgore, qui intro venerat, Calpurnia excitaretur.
- Ipse Caesar viginti tribus vulneribus in curia Pompeiana a coniuratis confossus.
- Durante un sacrificio il dittatore Cesare trovò delle viscere senza cuore. 
- La moglie Calpurnia sognò che la cima della casa, aggiunta per decisione del senato, era crollata. 
- Nella notte i battenti della camera da letto, che erano stati chiusi, si aprirono spontaneamente, così che la luce della luna, entrando dentro, svegliò Calpurnia. 
- Lo stesso Cesare fu colpito dai congiurati della curia pompeiana da ventitrè pugnalate.

M. Antonio P. Dolabella coss. - 44 a.c.

- C. Octavius testamento Caesaris patris Brundisii se in Iuliam gentem adscivit. Cumque hora diei tertia ingenti circumfusa multitudine Romam intraret, sol puri ac sereni caeli orbe modico inclusus extremae lineae circulo, qualis tendi arcus in nubibus solet, eum circumscripsit.
- Ludis Veneris Genetricis, quos pro collegio fecit, stella hora undecima crinita sub septentrionis sidere exorta convertit omnium oculos. Quod sidus quia ludis Veneris apparuit, divo Iulio insigne capitis consecrari placuit.
- Ipsi Caesari monstrosa malignitate Antonii consulis multa perpesso generosa fuit ad restistendum constantia. Terrae motus crebri fuerunt. Fulmine navalia et alia pleraque tacta.
- Turbinis vi simulacrum, quod M. Cicero ante cellam Minervae pridie quam plebiscito in exilium iret posuerat, dissipatum membris pronum iacuit, fractis humeris bracchiis capite; dirum ipsi Ciceroni portendit.
- Tabulae aeneae ex aede Fidei turbine evulsae. Aedis Opis valvae fractae.  Arbores radicitus et pleraque tecta eversa. Fax caelo ad occidentem visa ferri. Stella per dies septem insignis arsit. Soles tres fulserunt, circaque solem imum corona spiceae similis in orbem emicuit, et postea in unum circulum sole redacto multis mensibus languida lux fuit.
- In aede Castoris nominum litterae quaedam Antonii et Dolabellae consulum excussae sunt, quibus utrisque alienatio a patria significata.
- Canum ululatus nocte ante domum auditi, ex his maximus a ceteris laniatus turpem infamiam Lepido portendit. Hostiae grex piscium in sicco reciproco maris fluxu relictus. Padus inundavit et intra ripam refluens ingentem viperarum vim reliquit. Inter Caesarem et Antonium civilia bella exorta.
- C. Ottavio per il testamento del padre Cesare si inserì a Brindisi nella gens Iulia. Mentre, verso le nove, entrava a Roma circondato da una grande moltitudine di persone, il sole chiuso da un piccolo cerchio di cielo puro e sereno, lo circondò con un arco come è solito stendersi l'arcobaleno tra le nuvole. 
- Durante i giochi di Venere Genitrice, che Ottavio organizzò per il collegio, una stella cometa, sorta all'ora undicesima, verso nord, attirò gli occhi di tutti. Poiché questa stella era apparsa ai giochi di Venere, decise di consacrarla come segno della divinizzazione di Giulio Cesare. 
- Lo stesso Cesare (Ottaviano) ebbe una grande fermezza nel sopportare le numerose offese provocate dalla grande malizia del console Antonio. Ci furono frequenti terremoti. I cantieri navali e altri luoghi furono colpiti dai fulmini. 
- Per la violenza di un turbine una statua, che Marco Tullio Cicerone aveva posto davanti alla cella di Minerva il giorno prima che il plebiscito lo mandasse in esilio, giacque a terra con gli arti sparsi, con le spalle, le braccia e le gambe rotte: mostrò allo stesso Cicerone un presagio funesto. 
- Delle tavole di bronzo furono sradicate a causa del turbine dal tempio della Fede. I battenti del tempio della Salute furono spezzati, furono sradicati diversi alberi dalle radici e numerosi tetti scoperchiati. Una fiaccola fu vista passare nel cielo ad ovest. Una grande stella brillò per sette giorni. Tre soli splendettero e, attorno al sole più basso, divampò nel cerchio una corona come di spighe; quando il sole tornò in un solo cerchio, la sua luce si indebolì per molti mesi. 
- Nel tempio di Castore alcune lettere dei nomi dei consoli Antonio e Dolabella furono distrutte: da ciò si capì che entrambi sarebbero stati espulsi dalla patria. 
- Nella notte, davanti alla casa del Pontefice Massimo, si sentirono ululati di cani; il più grande di questi, dilaniato dagli altri, profetizzò una turpe infamia a Lepido. Un branco di pesci ad Ostia fu lasciato in secco dal riflusso della marea. Il Po uscì dagli argini e, ritornando nel suo letto, lasciò un'ingente quantità di vipere. Iniziò la guerra civile tra Cesare e Antonio.

- Caesari cum honores decreti essent et imperium adversus Antonium, immolanti duplica exta apparuerunt.
- Secutae sunt eum res prosperae.
- C. Pansae cos. statua equestris Antonii domi corruit.
- Equus phaleratus in ipsius conspectu festinans concidit.
- Quidam e populo sanguine victimarum prolapsus respersam cruore palmam proficiscenti dedit.
- Funesta haec ipsi prodigia fuerunt, qui mox adversus Antonium dimicans in mortem vulneratus est.
- Quando le distinzioni e l'autorità militare contro Antonio furono conferite a Cesare, apparvero le doppie viscere mentre offriva il sacrificio. 
- Il successo nelle sue imprese procedette a seguirlo. 
- Una statua a cavallo del console Gaius Pansa crollò a casa sua. 
- Un cavallo con le trappole, mentre correva davanti ai suoi occhi, cadde morto. 
- Uno della popolazione scivolò nel sangue delle vittime e diede a Pansa, mentre stava partendo, una palma imbrattata di sangue. 
- Questi presagi erano mortali per il console stesso, perché attualmente mentre stava combattendo contro Antonio, fu ferito mortalmente.
- Armorum teleorumque species a terra visa cum fragore ad caelum ferri.
- Signa legionis quae relicta a Pansa ad urbis praesidium erat veluti longo situ inductis araneis vestiri visa.
- Fulmine pleraque icta. In castris Caesaris luce prima in culmine praetorii super linteum consedit aquila, inde circumvolantibus minoribus avibus excita de conspectu abiit.
- Oraculo Apollinis vox audita: lupis rabies hieme, aestate frumentum non demessum.
- Veteranis Caesari consulatum flagitantibus terribilis tumultus Romae fuit.
- Caesar cum in campum Martium exercitum deduceret, sex vultures apparuerunt.
- Conscendenti deinde rostra  cerato consuli iterum sex vultures conspecti veluti Romuli auspiciis novam urbem condituro signum dederunt.
- Reconciliatione inter Caesarem Antonium Lepidum facta foeda principum fuit proscriptio.
Una visione di armature e armi apparve con uno schianto dalla terra al cielo. 
- Gli standardi della legione che erano stati lasciati da Pansa come guarnigione per Roma vennero visti avvolti in ragnatele, come da un lungo disuso. 
- Diverse cose vennero colpite da un fulmine. 
- All'accampamento di Cesare all'alba, un'aquila scese sul crinale del quartier generale sopra la tenda, e poi, essendo disturbata da piccoli uccelli che volavano intorno a essa, scomparve alla vista. 
- All'oracolo di Apollo si udì un grido: la rabbia dei lupi in inverno, in estate, il grano non verrà raccolto. 
- I veterani di Cesare agitati fecero gran tumulto al consolato di Roma. 
- A Cesare, osservando che dovrebbe portare l'esercito nel campo di Marte, apparve il volo di sei avvoltoi. 
- Dopo essere salito sul podio del console ancora una volta si videro sei avvoltoi come un auspicio per l'avvento di un nuovo Romolo. 
- Una riconciliazione tra Cesare, Antonio e Lepido, e un trattato di alleanza, con uno schema di proscrizione.

M. Lepido Munatio Planco coss. - 42 a.c.

- Mula Romae ad duodecim portas peperit.
- Canis aeditui mortua a cane tracta.
- Lux ita nocte fulsit ut tamquam die orto ad opus surgeretur.
- In Mutinensi victoriae Marianae signum meridiem spectans sua sponte conversum in septentrionem hora quarta.
- Cum haec victimis expiarentur, soles tres circiter hora tertia diei visi, mox in unum orbem contracti. - Latinis in Albano monte cum sacrificaretur, ex humero et pollice Iovis cruor manavit. Per Cassium et Brutum in provinciis direptionibus sociorum bella gesta.
- Notatum est prodigii loco fuisse, quod P. Titius praetor propter dissensiones collegae magistratum abrogavit; et ante annum est mortuus.
- Constat neminem qui magistratum collegae abstulerat annum vixisse. Abrogaverunt autem hi: Lucius Iunius Brutus consul Tarquinio Collatino, Tib. Gracchus M. Octavio, Cn. Octavius L. Cinnae, C. Cinna tr.pl. C. Marullo, Tullius . . .
- Bruto et Cassio pugnam adversus Caesarem et Antonium molientibus in castris Cassii examen apium consedit. Locus aruspicum iussu interclusus interius ducto vallo.
- Vulturum et aliarum alitum quibus strages cadaverum pabulo est ingens vis exercitum advolavit.
- Puer in pompa Victoriae cultu cum ferretur, ferculo decidit.
- Lustratione lictor perversis fascibus lauream imposuit. Brutianis in proelium egredientibus Aethiops in porta occurrit et a militibus confossus. Cassius et Brutus interierunt.
- A Roma una mula partorì alle Dodici Porte. 
- Da un cane fu portato via la cagna morta ad un guardiano di un tempio. 
- Una luce brillò quella notte come all'alba quando le persone vanno al lavoro. 
- Nei pressi di Modena il segnale della vittoria di Mario, che era rivolto a sud, di sua volontà si volse a nord nell'ora quarta. 
- Avendo purificato questo prodigio con le vittime, furono visti tre soli intorno alle nove, che poi si unirono in un unico cerchio. 
- Mentre i Latini facevano il sacrificio sul monte Albano sgorgò dal sangue dalla spalla e dal pollice di Giove. 
- Da Cassio e Bruto furono intraprese campagne nelle province con il saccheggio degli alleati. 
- Fu ricordato come prodigio il fatto che il pretore P. Tizio revocò la magistratura del collega a causa di un'incomprensione: entro un anno morì. 
- E' noto che nessuno che aveva abrogato la magistratura di un collega visse più di un anno. Questi agirono in questo modo: Lucio Giunio Bruto, console con Tarquinio Collatino, Tiberio Gracco con Marco Ottavio, Gneo Ottavio con Lucio Cinna, Gaio Cinna, tribuno della plebe con Gaio Marullo, Tullio… 
- Mentre Bruto e Cassio si preparavano a combattere contro Cesare ed Antonio, nell'accampamento di Cassio si posò uno sciame di api; il luogo per ordine degli aruspici fu chiuso internamente con un muro. 
- Un gran numero di avvoltoi e altri uccelli, che si nutrono di cadaveri, volò sopra l'esercito. Un ragazzo mentre veniva portato nel corteo della vittoria cadde nella portantina. 
- Durante la lustratio il lettore mise una corona d'alloro sui fasci rovesciati. 
- Gli uomini di Bruto mentre stavano uscendo per andare a combattere incontrarono sulla porta un Etiope, che fu ucciso dai soldati. Cassio e Bruto morirono.

C. Furnio C. Silano coss. - 17 a.c.

- Sub Appennino in villa Liviae, uxoris Caesaris, ingenti motu terra intremuit.
- Fax caelesti a meridiano ad septentrionem extenta luci diurnae similem noctem fecit.
- Turris hortorum Caesaris ad portam Collinam de caelo tacta.
- Insidiis Germanorum Romani circumventi sub M. Lollio legato graviter vexati.
- Nei pressi degli Appennini, nella villa di Livia, moglie di Cesare, ci fu un grande terremoto. - Una fiaccola celeste, discese da sud verso nord con un'immensa luce rese la notte simile al giorno. 
- Una torre nel giardino di Cesare, presso Porta Collina, fu distrutta da un fulmine. 
- I Romani sotto il legato Marco Lollio, circondati in un'imboscata tesa dai Germani, furono gravemente maltrattati.

Paulo Fabio Q. Aelio coss. - 11 a.c.

- In Germania in castris Drusi examen apium in tabernaculo Hostilii Rufi, praefecti castrorum, consedit ita ut funem praetendentem praefixamque tentorio lanceam amplecteretur.
- Multitudo Romanorum per insidias subiecta est.
- In Germania, nell'accampamento di Druso, uno sciame di api si posò nella tenda di Ostilio Rufo, prefetto dell'accampamento: la fune tesa e la lancia che fissava la tenda ne furono avvolte. 
- Un gran numero di Romani fu sconfitto in un'imboscata.



0 comment:

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero