DOMUS TRAIANI



TERME TRAIANE ALL'AVENTINO

PRIVATA TRAIANI DOMUS

La Domus Traiana, costruita probabilmente su un terreno di proprietà familiare, era più raffinata di quella fatta edificare da Caracalla pochi decenni prima, essendo destinata agli illustri personaggi dell'epoca, come dimostrano alcune iscrizioni rinvenute in loco che attestano anche il suo uso almeno fino al V sec. (l'ultimo restauro avvenne nel 414, dopo l'incursione gotica).

La pianta dell'edificio è conosciuta da un disegno del Palladio, scoperto dal Lanciani nella collezione Devonshire. In essa si nota uno sviluppo simmetrico dei vari ambienti: ninfei, palestre e spogliatoi, ai lati di una grande sala centrale comprendente il frigidarium o il tepidarium. Le sue rovine erano ancora visibili all'epoca del Nolli che le disegnò in una pianta nel 1748.

RIPRODUZIONE DELLA DOMUS TRAIANI
Le terme si possono localizzare con certezza nella zona occupata attualmente dalla piazza del tempio di Diana e dai vicini fabbricati, sorti nell'area dell'antica Vigna Torlonia.

Le rovine dell'edificio furono viste più volte a seguito di ritrovamenti fortuiti e scavi: nel XVII secolo fu scoperta una sala con mosaici e con le pareti decorate da pitture e stucchi; altre rovine riemersero durante i lavori di sistemazione della piazza nei primi decenni del '900.

Alcuni avanzi rimangono tuttora nei sotterranei del Casale Torlonia e un tratto della muratura, ancora oggi visibile, sotto la piazza.
Tale muro taglia un vano di una domus preesistente che fu utilizzata come fondazione delle terme stesse. Gli ambienti della domus ora accessibili, particolarmente imponenti per l'altezza delle pareti dipinte, sono situati a 10,20 m sotto il livello stradale.

Sugli intonaci bianchi sono affrescati, con partiture lineari a strisce rosse e verdi, piccoli riquadri nei quali sono dipinti paesaggi, maschere, candelabri, fiori ed altri elementi fitomorfi. Di particolare interesse la soluzione pittorica dei soffitti, che sono decorati con un motivo concentrico che trasforma le volte a crociera in cupole ottagonali.
In base a bolli laterizi e allo stile pittorico, gli ambienti possono essere attribuiti alla prima metà del II sec. d.C. (fra l'epoca tardo-adrianea e quella degli Antonini).

MITREO DI SANTA PRISCA
In questo edificio furono inglobate strutture più antiche con murature in opera quasi reticolata, ancora parzialmente ricoperte da pitture di primo stile pompeiano, attribuibili al II sec. a.C., che appartenevano ad una casa privata tardo repubblicana.

Altri ambienti dello stesso complesso furono visti negli anni 1867-72 nella vigna Torlonia, durante lavori di fortificazione per la difesa dell'Aventino contro i Garibaldini.

Tali ambienti appartengono probabilmente allo stesso nucleo che aveva inglobato case più piccole risalenti fino all'età repubblicana (a circa 70 m sotto "Casa Bellezza" a largo Arrigo VII, è stata riportata alla luce un'altra ricca domus dello stesso periodo).

Diversi studiosi riconoscono in questo insieme di edifici i Privata Traiani, la casa di Traiano che le fonti localizzano sull'Aventino e da altri identificata con i resti sotto la chiesa di S. Prisca. E' probabile, comunque, che la ricca domus facesse parte del patrimonio imperiale, poi parzialmente inglobata da Decio nella costruzione delle terme.



SANTA PRISCA

IL MITREO
Al di sotto dell’edificio si sviluppano una serie di ambienti di epoca romana datati all’età imperiale, dalla prima metà del I sec. d.c. alla prima metà del III sec. d.c., pertinenti a diversi edifici a destinazione abitativa, l’identificazione dei quali è ancora dibattuta dagli archeologi.

Molti sostengono che in parte sovrasti la Domus Traiani. Qui si impiantò all’inizio del III sec d.c. un mitreo, il culto dedicato al dio Mithra, particolarmente venerato dall’esercito romano.



Visualizzazione ingrandita della mappa


ARTICOLI CORRELATI



0 comment:

Posta un commento

Post più popolari

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero