MONS CISPIUS - COLLE CISPIO



CHIESA DI SAN VITO IN MACELLO CON L'ARCO DI GALLIENO
Il Colle Cispio è una delle tre alture che, con Fagutal e Oppius costituivano il Mons Esquilinus. Si veda, oltre  al dato del saggio  nel settore Nord-Est dell'Ospedale Militare, anche quello menzionato sopra e riguardante la prima fase di massicciata  del  vicus Capitis Africae post-classico.

Festo, secondo notizie dateci da Varrone, racconta che il colle Oppio e il colle Cispio che si trovano sull'Esquilino furono chiamati così perché durante una battaglia per difendere Roma dai ribelli Albani, il colle Oppio fu difeso dal condottiero omonimo, Oppius, che capeggiava i Tuscolani e il colle Cispio fu difeso dal condottiero Levio Cispio che capeggiava gli Anagnini. Qui, sulla sommità del colle si estendeva il Lucus Poetelius, uno dei boschi sacri di Roma, nominato appunto in un passo di Varrone, giusto dove sorge Santa Maria Maggiore.

Il colle è una propaggine del colle Esquilino, e su questa propaggine sorge la Basilica di Santa Maria Maggiore e sul lato dell'abside a piazza dell'Esquilino, sorge l'obelisco Liberiano o dell'Esquilino. L'obelisco di S. Maria Maggiore, poggia sul terreno spianato che un tempo era il mons Cipsius, portato a quel livello da Sisto V.

Infatti la via Cavour, all'incrocio con la via Urbana, e che si trova a solo 75 metri più a sud rispetto a piazza dell'Esquilino, poggia sopra un avvallamento nascosto dal manto stradale, che va dai 13 ai 17 metri, infatti le case che si trovano su via Urbana hanno cantine molto profonde, molte delle quali insistono su volte romane di età imperiale, che testimoniano l'altezza della modificata altura del mons Cispius.


Il Cispio è alto 55 metri alla sua sommità, giusto dove si trova la Basilica di Santa Maria MaggioreTale edificio era comunque poco distante da altri luoghi del colle Cispio ricordati in diversi documenti: il Forum Esquilinum, il Macellum Liviae, la basilica di Giunio Basso trasformata nella chiesa di Sant'Andrea Catabarbara, il santuario di Giunone Lucina molto frequentato dalle partorienti.

Sotto la chiesa della basilica vi sono i resti, scoperti negli anni 1966-1971, di un edificio porticato dove fra l'altro si possono vedere parti di un affresco tardo imperiale dedicato ad un calendario con scene agresti. Del porticato invece restano numerose tegole esposte in un ampio ambiente. In uno degli spazi scavati, fra l'altro, sono stati rinvenuti alcuni graffiti fra i quali uno con il quadrato del Sator.

L'edificio con porticato rinvenuto sotto il pavimento di Santa Maria Maggiore è una grande costruzione con cortile a portici, interpretabile, secondo alcuni, come il Macellum Liviae, il mercato inaugurato da Tiberio nel 7 d.c. e dedicato alla madre. La particolarità più interessante di questo edificio è la presenza di calendario dipinto inframmezzato da scene che rappresentano i lavori agricoli connessi con i relativi mesi: si tratta di uno dei migliori esempi della pittura di paesaggio della tarda età imperiale.

L'AUDITORIUM DI MECENATE

IL FORUM ESQUILINUM

Il Forum Esquilinum era il più antico e importante mercato dell'Esquilino, di cui però non resta traccia. Ne parla lo storico Appiano (bell. civ. 1.58), durante l'attacco di Silla nell'88 a.c.: quando gli assedianti avevano occupato le mura e la Porta Esquilina, i partigiani di Mariosi rifugiarono nel Forum Esquilinum. Si pensa che piazza del mercato fosse posta immediatamente all'interno della Porta Esquilina, dove nell'Ottocento sono emerse iscrizioni che lo menzionano.

Alcune epigrafi specificano la presenza del magister vici, un magistrato incaricato della gestione di aree pubbliche, e di due argentarii a foro Esquilino, artigiani orafi, di cui conosciamo una delle botteghe di quest'area commerciale. Il Forum Esquilinum rimase in uso fino al V sec. d.c., come dimostra una iscrizione che ricorda un restauro fatto a metà di quel secolo. da parte del praefectus urbi, il prefetto urbano che tutelava l'ordine pubblico in città.

MACELLUM LIVIAE

MACELLUM LIVIAE

“Hic fecit basilicam nomini suo iuxta Macellum Liviae”. Così il Liber Pontificalis si riferisce alla Basilica romana di Santa Maria Maggiore, fondata, si dice, da Papa Liberio (352-366) sul luogo di una miracolosa nevicata, del 5 Agosto del 352.

Ma la costruzione attuale della Basilica patriarcale, è ormai accertato, non è anteriore a Sisto III che la dedicò alla Maternità divina di Maria, definita dal Concilio di Efeso del 431 d.c.. Però effettivamente la Basilica sorse giusto sul Macellum Liviae, il grande mercato dove si vendeva ogni genere di viveri, di cui non si conosce ancora l’esatta posizione.

Si pensa si trovasse presso il Forum Esquilinum, fuori ma parallelo alle Mura Serviane, visto il nome della Chiesa di S.Vito "in Macello" accanto all’Arco di Gallieno. Quando negli anni 1964-71 i Servizi Tecnici Vaticani fecero smantellare, per ragioni di umidità, il pavimento in marmo della basilica onde creare un solaio in cemento armato, scavato per 6 metri di profondità, videro emergere numerosi ambienti romani dal II sec a.c. al IV d.c.

Si evidenziarono un ambiente principale di età augustea, in gran parte ricostruito in epoca Adrianea e Costantiniana, circondato da un muro lungo il quale rimangono tracce di un calendario stagionale, “uno straordinario-menologio, corredato, mese per mese, da una serie di grandiose scene di paesaggio che, per quanto è possibile leggere nelle parti conservate, illustrano i lavori campestri propri per ogni stagione”.

Lungo il percorso sotterraneo si incontrano anche tracce di un piccolo stabilimento termale, con mosaici ed intercapedini per il riscaldamento, tracce di affreschi geometrici, un piccolo ambiente semicircolare con nicchie, resti di un pavimento in opus sectile su suspensurae (probabilmente pertinente all’ambiente termale ) e una parete libera con graffiti romani, tra cui il famoso quadrato palindromo del sator, simile a quello di Pompei.

SOTTERRANEI DI SAN VITO

CHIESA DI SAN VITO IN MACELLO


La chiesa dei Santi Vito e Modesto si trova in via Carlo Alberto, addossata all’Arco di Gallieno. Fu edificata nel 1477 da Sisto IV, sopra antichi ruderi romani che si presuppone facessero parte del Macellum Liviae, il Macello di Livia.

L'EPIGRAFE DI ELIO TERZIO
All’interno della chiesa, dietro una grata antica posizionata nella navata destra, si trova un cippo marmoreo, la cosiddetta “pietra scellerata” cui sarebbe legato il ricordo della uccisione di numerosi primi cristiani. 

La tradizione popolare riteneva per questo motivo che la pietra avesse il potere di curare dall’idrofobia, e quindi da essa veniva grattata via la polvere da utilizzare come medicamento in casi di idrofobia.

La stele funeraria romana ricordava semplicemente Elio Terzio Causidico, cittadino di Piacenza che, con le sue benemerenze, si era meritato l’onore di una statua che lo raffigurava sedutoCome fu "grattata" è visibile dalla foto.

Naturalmente su di essa non fu torturato nè ucciso nessuno.

Quello di creare pietre miracolose era un tentativo di sostituire da una lato la mancanza della classe medica che non esisteva più data la chiusura delle scuole, e dall'altro il tentativo di sostituire la miracolistica attribuita agli Dei con la miracolistica attribuita ai santi.

BASILICA DI IUNIUS BASSUS

BASILICA DI GIUNIO BASSO

La basilica di Giunio Basso (basilica Iunii Bassi) era una basilica civile, un'aula rettangolare absidata, situata sul Cispio dove oggi è il seminario pontificio di Studi Orientali, in via Napoleone III 3.

Fu edificata nel 331 dal console Giunio Annio Basso e nella seconda metà del V secolo, all'epoca di papa Simplicio (468-483), venne trasformata nella chiesa di Sant'Andrea Catabarbara.

Nel 1930 furono scoperti i resti dell'edificio e definitivamente demoliti. L'interno era rivestito di incrostazioni marmoree figurate (opus sectile), visibile fino al XVI secolo, quando fu copiato da Giuliano da Sangallo e altri artisti. 

PROCESSUS CONSULARIS
Delle lastre superstiti, la più grande è quella a palazzo Massimo alle Terme, con un "drappo" inferiore ornato da scene egittizzanti, un "vela Alexandrina", e una scena del mito di Ila e le ninfe (il giovane amato da Ercole che recatosi a una fonte viene sedotto e rapito dalle ninfe). 

La seconda lastra di Palazzo Massimo, priva del velum, è quella del processus consularis di Giunio Basso, raffigurato frontalmente mentre procede su un cocchio, seguito da 4 aurighi a cavallo, che portano un frustino e i colori delle quattro fazioni dei giochi nel Circo Massimo, probabilmente finanziati dal console. I due pannelli di palazzo Drago raffigurano simmetricamente due tigri che sbranano dei buoi bianchi.


0 comment:

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero