MUZIO SCEVOLA





Nome completo: Mucius Scaevola
Nascita: 525 A.C.
Morte: 481 A.C.


Secondo lo storico Tito Livio, nella sua Ab Urbe Condita, Caius Mucius Scaevola, o Caio Muzio Scevola, il cui vero nome era Caio Muzio Cordoba, fu il protagonista di una eroica leggenda romana, da Livio commentata: Et facere et pati fortia Romanum est. L'operare e il soffrire da forte è degno di un romano.

Nella Roma antica saper soffrire e morire per la patria era il valore massimo che un uomo potesse avere, molto più dell'essere colto, filosofo o capace di creare opere architettoniche o di arte.

La storia andò così: si narra che nel 508 a.c., durante l'assedio di Roma da parte degli Etruschi comandati da Porsenna, proprio mentre nella città cominciavano a scarseggiare i viveri, un giovane aristocratico romano, Muzio Cordoba, propose al Senato di uccidere il comandante etrusco.

Lui da solo avrebbe operato il blitz, un po' difficile da comprendere ma uno solo era di certo meno visibile di un drappello.

MUZIO SCEVOLA
Non appena ottenne l’autorizzazione, uscì solo soletto, si infiltrò nelle linee nemiche e, armato di un pugnale, raggiunse l’accampamento di Porsenna, mentre lo scriba del re pagava gli stipendi ai soldati.

La veste dello scriba era simile agli abbigliamenti del re, cosa strana perchè gli etruschi erano molto raffinati nelle vesti, fatto sta che Muzio uccise il ministro al posto del re.

Subito le guardie catturarono Muzio e lo condussero da Porsenna.

Non appena fu di fronte al re, Muzio disse così: "Lo splendido vestito del tuo scriba ha indotto in errore la mia mano destra, che io adesso punirò nel fuoco".

Dopo aver detto tali parole, pose la mano destra in un braciere dove ardeva il fuoco dei sacrifici e senza nessun lamento sopportò le ferite dell'ustione.

Porsenna rimase tanto impressionato dal gesto, che decise di liberare il giovane. Muzio, allora, rimasto lucido pur essendosi carbonizzato una mano. disse:
"Per ringraziarti della tua clemenza, voglio rivelarti che trecento giovani nobili romani hanno solennemente giurato di ucciderti. Il fato ha stabilito che io fossi il primo, e ora sono qui davanti a te perché ho fallito. Ma prima o poi qualcuno degli altri duecentonovantanove riuscirà nell’intento".

Questa rivelazione era pura invenzione del giovane romano, non sappiamo se concertata in caso di fallimento o come lampo di genio improvviso.

Però questa falsa rivelazione spaventò Porsenna, pensando che se erano tutti valorosi come Muzio la sua vita era davvero in pericolo.

Ma spaventò pure tutta l'aristocrazia etrusca che riflettè fosse molto più importante salvaguardare il futuro del re di Chiusi piuttosto che preoccuparsi del destino dei Tarquini.

Sempre secondo la leggenda, così Porsenna prese la decisione di intavolare trattative di pace con i romani, colpito positivamente del loro valore.

Naturalmente è una leggenda, perchè sembra che Porsenna vinse e governò Roma per due anni, dopodichè, e non si sa perchè, abbandonò il territorio e Roma divenne repubblica.


Nota 

Nella zona in cui oggi si trova via Bissolati un tempo vi era il vicolo delle Fiamme, il cui nome sembra derivasse da una scultura che raffigurava una mano tra le fiamme e che si trovava nel muro dell’antica villa Massimo, poi venduta all’Istituto Nazionale delle Assicurazioni che vi fece la sua sede.

Secondo alcuni studiosi tale opera ricorderebbe appunto il personaggio di Muzio Scevola.

Una copia della scultura si trova nel cortile di palazzo Massimo di Rignano all’Aracoeli ora palazzo Colonna.

La celebre espressione “mettere la mano sul fuoco” risalirebbe proprio alla vicenda di Scevola, (Mucius Scaevola) ossia mancino, proprio per aver sacrificato il braccio destro all’allora Repubblica romana.

E' da ricordare che il nome scevola poteva dipendere dal fatto che coll'aver perso l'uso della mano destra fosse diventato mancino, oppure che fosse davvero mancino per cui sarebbe stato meno grave perdere l'uso della mano meno abile.




ARTICOLI CORRELATI



4 comment:

lilliegioinlove on 5 luglio 2010 22:11 ha detto...

Ciao volevo dirti che il vero nome di Muzio era Muzio Caio inftt era discendente della famiglia Caio

Lucius on 6 luglio 2010 07:57 ha detto...

Ciao Lilliegioinlove. Interessante, potresti dirmi la fonte?

Anonimo ha detto...

Caius Marcus Mucius soprannominato prima Cordus e successivamente Scaevola, nobile romano appartenente alla Gens Mucia, una delle più antiche gentes latine

Anonimo ha detto...

Bello

Posta un commento

Post più popolari

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero