VILLA ARMIRA (Bulgaria)



RICOSTRUZIONE DELLA VILLA

Villa Armira (in lingua baulgara: Вила “Армира”) è una villa suburbana romana posta nella parte sud-est della Bulgaria, nei pressi della provincia di Ivaylovgrad, esattamente a 4 km a ovest di Ivailovgrad Haskovo. Villa "Armira" è uno dei più belli e accurati complessi dei limes romani, che siano stati rinvenuti e studiati in Bulgaria. La villa risale agli anni 50-70 del I sec. d.c.

La villa prende il nome dal vicino fiume Armira, che scorre lungo le pendici orientali dei monti Rodopi, una catena montuosa nell'Europa meridionale. I suoi resti furono scavati nel 1964, durante i lavori di costruzione della diga.

Gli scavi archeologici sono stati condotti sotto la direzione scientifica del Prof. Dr. Janka Mladenova e successivamente dal Prof. Dr. Gergana Kabakchieva dell'Istituto Archeologico Nazionale e del Museo di BAN. recuperando strutture destinate in parte alla produzione agricola e in parte di tipo residenziale, per un'area di quasi 3600 kmq.



Splendidi paesaggi, terreni fertili e clima mite hanno creato ottime condizioni di vita hanno spinto a edificare i n questo sito la splendida villa, di proprietà di un nobile trace, che venne edificata nella seconda metà del I sec.

Il nome della villa, derivato dal fiume, significa: "Villa Rinforzata". In età adrianea (76 - 130) la villa venne arricchita di decorazioni marmoree.

Durante il regno di Antonino Pio (86 - 161) venne ampliata con diversi ambienti di rappresentanza, tra cui una sala triclinare (sala da pranzo) sul lato orientale.

La villa venne utilizzata fino al terzo quarto del IV sec, finchè non venne probabilmente distrutta dalle devastazioni dell'esercito goto dopo la vittoria sull'imperatore Valente (328 - 368) nella battaglia di Adrianopoli con l'annientamento dell'esercito romano guidato dall'imperatore d'Oriente Valente ad opera dei Visigoti di Fritigerno nel 368.

Secondo alcuni studiosi potrebbe trattarsi della villa, citata dalle fonti, in cui l'imperatore romano ferito si sarebbe rifugiato dopo la battaglia, e che in seguito venne incendiata dai Goti.

Gli scavi del tumulo nei pressi del villaggio di Great Svirachi nel 2001-2002 hanno contribuito notevolmente alla prova della origine traciana della fondazione della villa il suo governatore era il successore di un re traciano (bazilevs), che ricevette, per servizio reso al potere romano, il privilegio di diventare cittadino romano, con il diritto di creare una fattoria di villeggiatura ben organizzata nei 50-70 anni del I sec. d.c. Questo solo venti anni dopo la conquista finale di Tracia di Roma.


Ciò dimostra la romanizzazione della Bulgaria, un mondo tribale dove nelle guerre difficilmente si facevano prigionieri in quanto i nemici venivano spesso torturati e poi uccisi. I romani invece rendevano schiavi i prigionieri facendoli fruttare nelle case e nelle tenute che potevano essere così ampie e splendide proprio grazie al lavoro degli schiavi.

Romanizzarsi significava non solo imparare la lingua e le leggi romane, ma poter godere di una bella domus con relativi giardini o poderi, di avere un riscaldamento, i bagni e le terme, e di godere dell'artigianato artistico per ornare la propria casa.

Gli archeologi hanno appurato che la villa deve essere costruita non sulla strada, ma su una stradina laterale a quella trafficata, in una bella zona, vicino all'acqua, con rapporti di buon vicinato con le ville adiacenti, sicuramente di altri nobili traci.

Lo stile romano dell'edificio e l'uso dell'architettura dei palazzi romani del Mediterraneo non contrasta con l'origine traciana dei suoi governanti e la loro appartenenza all'aristocrazia traciana. Le leggi locali e gli usi locali vennero rispettati, ma il desiderio di possedere una villa residenziale e rustica insieme permetteva di guadagnare bene e di vivere meglio, lontani dal caos delle città.




DESCRIZIONE

La parte residenziale della villa si articola, secondo l'uso romano, intorno ad un vasto peristilio ( il portico che cingeva il giardino interno posto al centro della casa) che, porticato su tre lati, alloggia una vasca centrale, e su cui si aprono su due piani gli ambienti, di cui alcuni dotati di ipocausto con mosaici e pitture parietali. Infatti parte dell'edificio ha un sistema di riscaldamento a pavimento, in cui il pavimento si trova su colonne in mattoni o tubi in ceramica, con aria calda circolante proveniente da camini appositamente costruiti.

L'imponente edificio a due piani è composto da un gran numero di locali - stanze da letto, camere di ricevimento, sala per feste, saloni per le donne, bagni, ecc. in cui le camere circondano da tre lati una grande piscina aperta, chiamata impluvium.

Il mosaico della camera da letto principale reca una raffigurazione del proprietario con i due figli. Elementi della decorazione della villa sono conservati presso il Museo Archeologico di Sofia (la capitale della Bulgaria) e si chiama in bulgaro l' "Arheologiceski Muzej":

Villa Armira è famosa per il suo rivestimento in marmo raramente trovato nelle province dell'impero romano, e il marmo bianco utilizzato venne cavato nelle vicinanze del sito e furono chiamati per la realizzazione i maestri artigiani provenienti da Afrodisia (Turchia).Grazie a loro, la villa acquisì gradualmente la lussuosa e brillante immagine di un palazzo.



Nella prima metà del II sec. la villa ha sviluppato dunque un laboratorio per la decorazione artistica del marmo bianco che giaceva nei suoi pressi. I maestri della città di Aphrodisias (Asia Minore), conosciuti con la più grande scuola di scultura in quel periodo, sono stati invitati a lavorare lì.

L'intero primo piano aveva lastre di marmo e rivestimenti in pannelli. I pavimenti di tutte le camere e i corridoi erano ricoperti di mosaici con elementi tradizionali tipici dell'antica arte, tutti di alto valore artistico. Di eccezionale valore sono considerati i mosaici del salotto, alla cui estremità nord è stato raffigurato il ritratto del proprietario insieme ai suoi due figli, nella prima metà del II sec.

Interessanti sono anche i più tardi mosaici della stanza degli ospiti con l'immagine della Medusa o Gorgone, un simbolo ripetuto costantemente per tutta la decorazione della villa. Considerando l'ambito, la varietà e la qualità delle decorazioni e la villa d'ornamento in marmo Armira rimane l'unico sito simile all'interno dei confini delle ex province romane dell'Europa sudorientale.


L'antica Villa venne eretta su una superficie di 3600 metri quadrati in una zona di proprietari di edifici residenziali e giardini per il relax e le passeggiate. Nell'angolo sud-est dell'edificio è stato costruito e un balcone da cui i residenti della villa e i loro ospiti hanno goduto del bellissimo paesaggio e del fiume. Con la guerra gotica la casa fu bruciata dopo la battaglia di Handrianopol (moderno Edirne, Turchia) il 9 agosto 378. 

L'imperatore romano Valente venne trovato morto dalle ferite in battaglia, da qualche parte vicino a Adrianopoli.La ricchezza economica dei proprietari dello spazio di casa nella Valle del fiume Armira era basata sulla produzione agricola ma pure il laboratorio di marmi. All'inizio del marmo è stato usato per decorare la casa stessa insieme ai mosaici nei corridoi attorno alla piscina e al fondo, poi se ne fece un commercio. La villa venne ancora ornata con squisite basi di colonnato, colonne e capitelli dello stile romano corinzio nel peristilio.





0 comment:

Posta un commento

Contenuti sponsorizzati

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero