GENS CAECILIA



GENS CAECILIA

I PLEBEI

Fu una gens di origine plebea; e per ciò che riguarda il nome di Titus Caecilius in Livio (iv. 7, comp. 6), il tribuno consolare patrizio, nel 444 a.c., è un'errata lettura di T. Cloelius. I membri di questa gens sono menzionati nella storia già nel V sec. a.c., ma il primo dei Cecilii che ottenne il consolato fu Lucius Caecilius Metellus Denter, nel 284.



LA MITICA DISCENDENZA

Come altre famose famiglie romane nella tarda repubblica, essi si fabbricarono antenati famosi e mitici, pretendendo discendere da Caeculus, il fondatore di Praeneste, che si diceva essere il figlio di Vulcano e nato da una scintilla.

L'ALBERO GENEALOGICO DEI CAECILII (INGRANDIBILE)
Una storia simile a quella che venne riferita a Servio Tullio. Come lui infatti era esposto da neonato e quindi condannato a morire, ma venne salvato dal padre divino e allevato da alcune fanciulle. Crebbe dunque tra i pastori e divenne un viaggiatore. Diventato adulto, invitò gli abitanti della campagna a costruire con lui una nuova città, convincendoli con l'aiuto di un miracolo.

In un'altra versione i Cecilii si dissero discendenti da Caecas, il compagno di Enea, venuto con lui in suolo italico dopo la distruzione di Troia. (Festus, s. v. Caeculus.} 
La famiglia dei Metelli divenne a quest'epoca una delle più importanti e gloriose famiglie romane. 



I COGNOMINA

I cognomi usati da questa gens durante la repubblica furono:
Bassus (Basso), Denter (Dentato), Metellus (Metello), Niger (Negro), Pinna (Pinna) e Rupus (Rupo). Di questi più famosi furono i Metelli.



I PRAENOMINA

Invece i praenomina usati durante la Repubblica furono:
Lucio, Quinto, Gaio e Marco. Tito appare solo verso la fine della Repubblica ma non sembra sia stato utilizzato dalla grande casa dei Caecilii Metelli.

A partire dal consolato di Lucio Caecilio Metello Dentato, la famiglia dei Metelli divenne una delle gentes più famose a Roma. Nell'ultima metà del II secolo a.c., questa gens ottenne un gran numero di cariche pubbliche negli uffici più alti dello stato.

Quinto Metello, che era console nel 143 a.c., ebbe quattro figli, che vennero ammessi al consolato in successione; E suo fratello, Lucio Metello, che era console nel 142 a.c., aveva due figli, ugualmente elevati alla dignità di console.

I Metelli sono stati distinti come una famiglia per il loro sostegno incrollabile al partito degli ottimati (patrizi). L'etimologia del loro nome è abbastanza incerta. Festus lo connette, probabilmente dalla semplice somiglianza del suono, con i mercenari. La storia della famiglia è molto difficile da tracciare, e in molte parti desunta con varie congetture.

CASA CECILIO GIOCONDO POMPEI
I MEMBRI DELLA GENS CECILIA


CECILII PINNA

- Caecilius Pinna -
Cecilio Pinna, uno dei comandanti romani durante la guerra sociale, si dice abbia sconfitto i Marsi in diverse battaglie, insieme a Lucio Licinio Murena. Poiché non è menzionato in altri registri, potrebbe essere che il suo nome proprio fosse Caecilio Pio, dal momento che Quinto Caecilio Metellus Pio ha giocato una parte distinta in questa guerra. 



CECILII NIGRI

- Quintus Caecilius Niger -
Quinto Cecilio Negro, un siciliano e questore di Gaio Verres (120 - 43 a.c.) durante la sua amministrazione di Sicilia. Verres era un magistrato romano, famigerato per la sua estorsione sugli agricoltori locali e il saccheggio di templi che portarono Cicerone a delle accuse così devastanti che il suo difensore avrebbe potuto raccomandare solo che Verres dovesse lasciare il paese. I discorsi di procura di Cicero sono stati poi pubblicati come  "Verrine".
Cecilio Nigro contendeva con Cicero per l'accusa di Verres, fingendo di essere nemico del suo ex maestro, ma in realtà voleva togliere ai siciliani la difesa di Cicerone. L'orazione di Cicero Divinatio in Caecilium è stata consegnata contro questo Caecilio quando i giudici dovevano decidere quale dovrebbe essere dato l'accusa.
La Divinazione di Cicero in Caecilium è l'orazione di Cicerone contro Quinto Cecilio nel processo di selezione di un procuratore per Gaius Verres (70 a.c). Cicerone affermò che egli stesso, piuttosto che Q. Caecilius, sarebbe il migliore procuratore di Verres. È l'unico testo sopravvissuto di un genere retorico.
Il sostenitore di Verres, nei confronti del quale l'oratore scelto deve piegare le proprie capacità retoriche, era Quintus Hortensius Hortalus, alleato degli ottimisti e principale oratore della giornata.



CECILII RUFI

Lucius Caecilius Rufus -
Lucio Cornelio Rufo, fratellastro di Publius Cornelius Sulla (un politico della tarda Repubblica Romana e nipote di Lucio Cornelio Silla), fu tribuno della plebe nel 63 a.c. e propose che sia Sulla che Publius Autronius Paetus (politico della tarda Repubblica Romana che era coinvolto nella cospirazione di Catilina), eletti dei consoli nel 66 a.c., ma condannati per corruzione e condannati, dovessero ancora rimanere in carica.
Tuttavia, Sulla lo convinse a ritirare la proposta. Rufus era un sostenitore di Cicerone e del partito aristocratico e si opponeva alla riforma agraria. Fu pretore a 57 anni, e propose il richiamo di Cicerone dall'esilio, causando l'ira di Publius Clodius Pulcher (ucciso da Tito Annius Milo, difeso poi da Cicerone nel Pro Milone).

- Gaius Caecilius Rufus -
Gaio Cecilio Rufo, console del 17 a.c. 



CECILII BASSI

- Quintus Caecilius Bassus -
Quinto Cecilio Basso, militare equestre di stanza in Siria, presso Tiro, militante sotto sotto Giulio Cesare. Promosse una rivolta contro Cesare nell'estate del 46 a.c. Dopo aver eliminato il legittimo governatore della provincia, Sesto Giulio Cesare ( cugino di Giulio Cesare), e assegnatosi la carica di pretore, si sostituì a quest'ultimo istituendo un dominio personale dalla città di Apamea, divenendo partigiano di Gneo Pompeo (106 - 48 a.c.).



CECILII DENTATI

- Lucius Caecilius Denter -
Lucio Cecilio Dentato, pretore nel 182 a.c., riceve la Sicilia per la sua provincia. 

- Marcus Caecilius Denter -
Marco Cecilio Dentato, uno degli ambasciatori inviati a Perseo nel 173 a.c., per ispezionare gli affari della Macedonia e ad Alessandria per rinnovare l'amicizia con Tolomeo.

METELLUS VICTORIATUS (194-190 a.c.)

CECILII METELLI

- Gaius Caecilius (Metellus) -
Gaio Caecilio (Metello), nonno del console del 251 a.c. e forse il padre di Lucius Caecilius Metellus Denter.

- Lucio Cecilio Metello Denter -
Lucio Cecilio Metello Denter. console nel 284 e pretore nel 283 a.c., ucciso in battaglia contro i Senones.

- Lucius_Caecilius_Metellus -
Lucio Cecilio Metello (morto nel 221 a.c.) console nel 251 e 247 a.c., durante la I guerra punica, e poi Pontifex Maximus.

Lucius_Caecilius_Metellus -
Lucio Cecilio Metello, tribunus plebis nel 213 a.c., precedentemente degradato dai censori per aver proposto l'abbandono dell'Italia e di stabilire una nuova colonia dopo la battaglia di Canne .

Quinto Caecilio Metello -
Quintus Caecilius Metellus (circa 250 a.c. - 175 a.c.) console nel 206 a.c., durante la II guerra punica. Era figlio di Lucio Cecilio Metello. Fu Pontefice nel 216 a.c., edile dei Plebei nel 209 a.c. e 208 a.c., Console nel 206 a.c., Dittatore nel 205 a.c. e Ambasciatore presso la Corte di Filippo V di Macedone nel 185 a.c.

- Marcus Caecilius Metellus -
Marco Cecilio Metello, figlio di Lucio Cecilio Metello, deportato dopo la sconfitta di Canne, prima di Annibale, nel 216 a.c., per aver cospirato con altri ufficiali per trasferirsi insieme alle loro truppe in altro posto, ma il loro comandante, Lucio Emilio Paullo, lo impedì Alla fine Metello fu riabilitato e ricondotto a Roma, dove fu eletto Questore nel 214 a.c. e Tribuno dei Plebei nel 213 a.c., poi Edile dei Plebei nel 209 a.c., pretore urbano nel 206 a.c. Nel 205 a.c. fu inviato come Ambasciatore presso la Corte di Attalo I Soter.

- Quintus Caecilius Metellus -
Quinto Cecilio Metello, soprannominato Macedonicus, trionfò su Andrisco (ultimo re di Macedonia) e divenne console nel 143 e censurò nel 131 a.c..

Lucio Caecilio  Metello -
Lucius Caecilius Metellus, soprannominato Calvus , console nel 142 a.c.. statista romano. Fu pretore, poi Console e governatore di Hispania nel 142 a.c., dove combatté, senza successo, contro Viriathus, poi divenne Proconsole della Gallia Cisalpina nel 141 a.c. e nel 140 a.c.-139 a.c. un legato. Nel 140 a.c.-139 a.c. Calvus partecipò ad un'ambasciata in alcuni stati orientali.

Quintus Caecilius Metellus -
Quinto Cecilio Metello, statista romano, figlio maggiore di Quinto Cecilio Metello Macedonico, console in 123 e censura nel 120 a.c., conquistò le Isole Baleari, ricevendo il cognome Balearico e fondò diverse città.

- Lucius Caecilius Metellus -
Lucio Cecilio Metello, soprannominato Dalmaticus, figlio di Lucio Cecilio Metello Calvus . Fu console nel 119 a.c., quindi Pontificio Massimo. Combatté Saturnino, contribuendo così al ritorno a Roma, nel 99 a.c., di suo fratello Quinto Cecilio Metello Numidico console in 119 e censura nel 115 a.c., trionfò sui Dalmati, e successivamente diventò Pontifex Maximus.

Lucius Caecilius Metellus -
Lucio Cecilio Metello soprannominato Diadematus, console nel 117 a.c.. secondo figlio del politico e generale Quinto Caecilius Metellus Macedonicus. Durante il suo consolato sostenne lo sviluppo delle strade in Italia e costruì la Via Caecilia. Un anno dopo fu Proconsole della Gallia Cisalpina. Nel 115 a.c. fu eletto Censore e durante la sua censura con Gneo Domizio Ahenobarbus espulse 32 senatori dal Senato. Era un avversario di Lucio Appuleio Saturnino e quando Saturno nel 100 a.c. cercò di opporsi al Senato con la forza, insieme ad altri senatori andarono ad arrestarlo.

Marcus Caecilius Metellus -
Marco Cecilio Metello, console nel 115 a.c., uno dei quattro figli di Quinto Cecilio Metello Macedonico. Fu monetario nel 127 a.c., pretore nel 118 a.c., console nel 115 a.c. e dal 114 a.c. al Proconsole di Corsica e Sardegna dove trionfò sui sardi.

Gaius Caecilius Metellus -
Gaio Cecilio Metello, soprannominato Caprarius, console in 113 e censura del 102 a.c., servì sotto lo Scipione Emiliano a Numantia verso il 133 a.c. e trionfò sui Traci.

CASA CECILIO GIOCONDO
- Caecilia  Metella -
sposata a Gaius Servilius Vatia .

- Caecilia Metella -
sposata a Publius Cornelius Scipio Nasica Serapio.

Quintus Caecilius Metellus -
Quinto Cecilio Metello, soprannominato Numidico, console in 109 e censura nel 102 a. c, trionfò su Jugurtha, aspro oppositore politico di Gaio Mario. Espulso dal senato e esiliato da Lucio Appuleio Saturnino, e non ricordato per vent'anni.

Caecilia Metella -
Cecilia metella, figlia di Calvus, moglie di Lucius Licinius Lucullus e madre del giovane Lucullus, il conquistatore di Mithradates. Invece di interpretare il ruolo di una donna sposata virtuosa, Calva si impegnò in una serie di affari scandalosi, principalmente con schiavi, che alla fine portarono al divorzio.

Quintus Caecilius Metellus -
Quinto Cecilio Metello, soprannominato Nepos, console nel 98 a.c.. Combatté nella penisola iberica contro i Celtiberiani e i Vaccaei, subendo da questi una sconfitta memorabile.

Caecilia Metella -
figlia di Quinto Cecilio Metello Balearico, console nel 123 a.c., madre di Clodius Pulcher, sposata ad Appius Claudio Pulcher. Una delle matrone più apprezzate di Roma.

Caecilia Metella -
Cecilia Metella, figlia del Dalmaticus, sposò prima Marcus Aemilius Scaurus e poi Lucius Cornelius Sulla, il dittatore.

Quintus Caecilius Metellus -
Quinto Cecilio Metello, suo padre Metello Numidico fu bandito da Roma a causa di Gaio Mario e dei Popolari. Per i suoi costanti e incessanti tentativi di far richiamare ufficialmente suo padre dall'esilio, ricevette l'agnomen (soprannome) Pio, uno dei generali più riusciti di Sulla, console dell'80 a.c. e poi Pontifex Maximus.

Quinto Caecilio Metellus -
Quinto Cecilio Metello pretore nel 71 a.c. Succedette a Caio Verres come governatore della Sicilia nel 70 a.c.; console nel 69 a.c., fu soprannominato Cretico perchè trionfò sui Cretesi.

- Lucius Caecilius Metellus -
Lucio Cecilio metello, pretore nel 71 a.c. Succedette a Caio Verres come governatore della Sicilia nel 70 a.c.;  console nel 68 a.c., è morto all'inizio del suo anno di carica.

Marcus Caecilius Metellus -
Marco Cecilio Metello pretore nel 69 a.c., presiedette il quaestio de repetundis, un tribunale permanente di sentenze senatoriali (giurati-giudici) per indagare e decidere casi di estorsione. Verres, che fu perseguito da Cicerone, aveva sperato di rinviare il processo fino a quando Cecilio Metello presiedeva il tribunale.

- Quintus Caecilius Metellus Creticus -
Quinto Cecilio Metello Cretico, forse quaestore circa 60 a.c. con Gaius Trebonius.

Quintus Caecilius Metellus -
Quinto Cecilio Metello, soprannominato Celer, console nel 60 a.c., morì improvvisamente nel 59 a.c. secondo alcuni avvelenato da sua moglie, notoriamente dissoluta, ritenuta l'amante incestuosa di suo fratello Clodio, di Celio, probabilmente del grande poeta Catullo (molti studiosi lo identificano come soggetto della sua Lesbia) e molti altri.
- Quintus Caecilius_Metellus_Nepos_Iunior -
Quinto Cecilio Metello Nepote il giovane, console nel 57 a.c.

- Quinto Caecilio Metellus -
Quinto Cecilio Metellio, un eques, diventò ricco come usuraio, e morì nel 57 a.c, lasciando la sua fortuna al nipote Titus Pomponius Atticus.

- Quintus Caecilius Metellus Pius Scipio Nasica -
figlio di Publius_Cornelius_Scipio_Nasica_Serapio_(console nel 111 a.c.), adottato da Quinto Caecilio Metellus Pio; Consul Ex Kal. Sesta. Nel 52 a.c. fu partigiano di Pompeo.

- Lucius Caecilius Metellus -
tribunus plebis nel 49 a.c, si oppose al tentativo di Cesare di prendere possesso dell'erario.

- Marcus Caecilius Metellus -
menzionato da Cicerone nel 60 a.c.

- Quintus Caecilius Metellus Creticus -
console nel 7 d.c..

- Sextus Caecilius Jucundus Metellus -
figlio del banchiere pompeiano Cecilius Iucundus (I sec. d.c.).

LUCIUS CAECILIUS JUCUNDUS

CAECILII VARI

Gaia Caecilia -
personificazione in parte leggendaria della matrona romana, spesso identificata con Tanaquil, la moglie di Tarquinius Prisco, il quinto re di Roma.

- Quintus Caecilius -
tribunus plebis nel 439 a.c.

- Caecilius Statius -
Cecilio Stazio, poeta comico e commediografo romano del II secolo a.c. (Mediolanum 230 a.c. – 168 a.c.).

Quinto Caecilio -
Quintus_Caecilius, (cavaliere), ucciso dal cognato, Catilina, al tempo di Sulla.

Tito Cecilio -
Titus Caecilius, primus pilus nell'esercito di Lucio Afrani, ucciso alla battaglia di Ilerda nel 49 a.c.

Cecilia -
Caecilia, moglie del giovane Publius_Cornelius_Lentulus_Spinther (nata il 74 a.c.) che divorzò da lei nel 45 a.c.

Cecilia Attica -
Caecilia Attica, figlia di Titus Pomponius Atticus, sposò Marcus Vipsanius Agrippa.

- Quintus Caecilius Epirota -
grammatico di Titus Pomponius Atticus.

- Titus Caecilius Eutychides -
liberato di Titus Pomponius Atticus, poi adottato da Quintus Caecilius.

- Caecilius Calactinus -
un retorico greco ebreo a Roma nel tempo di Augusto.

- Caecilius Cornutus -
 un uomo di rango pretoriano nel regno di Tiberius Tiberio, accusato ingiustamente in connessione con un complotto contro l'Imperatore, pose fine alla propria vita.

- Caecilius Bion -
scrittore sulle proprietà delle piante medicinali, usata da Gaius Plinius.

- Lucius Caecilius Jucundus -
banchiere di Pompei durante il I sec. d.c., di cui si è rinvenuta la domus.

- Quintus Caecilius -
figlio del banchiere pompeiano.

Caecilio Rufino -
cacciato dal senato da Domiziano perché ballava.

Caecilius Simplex -
nominato console suffectus Ex Kal. Nov. dall'imperatore Vitellius.

- Caecilio di Elvira o San Caecilio -
fondatore tradizionale dell'arcidiocesi di Granada.

- Aulus Caecilius Faustinus -
console suffetto nel 99.

- Gaius Plinius Caecilius Secundus - (Plinio il Giovane)
scrittore romano della fine del primo e dell'inizio del II secolo. Era membro delle geni Caecilia dalla nascita, figlio di Lucius Caecilius Cilo, e nipote di Gaius Caecilius. È stato adottato dal suo zio materno Gaius Plinius Secundus e ha cambiato il suo nome di conseguenza.

- Sestus Caecilius -
un giurista, che può, o non, essere identico a Sesto Caecilio Africano.

- Sestus Caecilius Africanus -
giurista durante la seconda metà del II secolo.

- Caecilius -
uno scrittore di Argos sull'arte della pesca.

- Caecilia -
Santa Cecilia, martire cristiana semi-leggendaria di Roma, sotto Alexandro Severo (ca 230). Gli storici moderni sospettano che sia stata effettivamente eseguita durante un regno precedente, quello di Marco Aurelio.

- Caecilia Paulina -
Imperatrice romana durante la crisi del III secolo. Era la moglie dell'imperatore Maximinus Thrax (Massimino Trace regnante 235-238) e madre del suo cesare Gaius Julius Verus Maximus. Probabilmente è morta durante l'anno 236, visto che il suo vedovo l'ha deificata quell'anno. Non si conosce quasi nulla di lei, e le opere storiche romane che si occupano del regno di suo marito includono per lo più opere andate perdute.

- Caecilius Natalis -
la persona che mantenne la causa del paganesimo nel dialogo di Marcus Minucius Felix Octavius.

- Thascius Caecilio Cyprianus -
un filosofo cristiano, diventato vescovo di Cartagine, è stato martirizzato e santificato come Santo Cipriano.

- Lucius Caecilius Firmianus Lactantius -
autore e consigliere cristiano dell'imperatore Costantino il Grande (regno 306-337)



0 comment:

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero