KSAR GHILANE - TISAVAR (Limes Tripolitanus)




«Un popolo [quello dei Romani] che valuta le situazioni prima di passare all'azione e che, dopo aver deciso, dispone di un esercito tanto efficiente: non meraviglia se i confini del suo impero sono individuati, ad Oriente dall'Eufrate, dall'oceano ad occidente, a settentrione dal Danubio e dal Reno? Senza compiere esagerazioni, potremmo dire che le loro conquiste sono inferiori ai conquistatori.»
(Giuseppe Flavio, Guerra giudaica, III, 5.7.107.) 

Ksar Ghilane, conosciuta anche come Henchir Tébournouk, è un'oasi, cioè un'area coltivata, spesso con ricchi palmeti e piscine calde naturali intorno o all'interno di un deserto o di una zona semidesertica. Le oasi fungono anche da habitat per animali di allevamento e non, e di piante spontanee. 

Ma Ksar è pure in sito archeologico nonchè una città del Governatorato Tataouine, ai confini dell'Algeria e della Libia, uno dei 24 governatorati tunisini. Amministrativamente però Ksar Ghilane fa parte della provincia di Kebili (governatorato), sebbene sia molto vicino alla provincia di Tataouine. Quest'ultima ha come capitale una città della stesso nome con un abitato molto particolare e molto bello in stile berbero.


L'oasi di Ksar Ghilane è posta nella parte meridionale della Tunisia, sul limite orientale del Grande Erg Orientale. Famosa per essere la più meridionale delle oasi tunisine e una delle porte del deserto tunisino del Sahara, l'oasi è alimentata da una fonte di acqua calda in cui si può fare il bagno e che avrebbe virtù termiche.

Ksar Ghilane è stato a lungo difficile da raggiungere, ma ora è collegata da una strada asfaltata a Douz (80 chilometri a nord) o Matmata, che può essere utilizzato da veicoli fuoristrada o auto private o a noleggio.

Come suggerisce il nome (ksar è una parola araba che significa "castello"), ha rovine risalenti all'Impero romano, cioè un forte romano che proteggeva il confine del Sahara. Il suo nome era Tisavar, e seguiva il bordo del deserto. Il governo tunisino ha proposto, il 17 febbraio 2012, i resti del forte romano per una futura classificazione nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO.
PLANIMETRIA DEL FORTE ROMANO

I LIMES ROMANI

Il "limes romano" era la linea di confine dell'Impero romano al suo apice nel II secolo d.c. e si estendeva per oltre 5.000 km dalla costa atlantica a nord della Gran Bretagna, attraversando il L'Europa verso il Mar Nero e da lì verso il Mar Rosso e il Nord Africa per tornare sulla costa atlantica. 
Di codesti limes sono rimasti mura, fossati, fortezze, torri di guardia e abitazioni civili. Alcuni elementi della linea sono stati scoperti durante gli scavi, altri ricostruiti e alcuni distrutti. 
In Tunisia, il limes romano è più simile a un sistema di sorveglianza del territorio e controllo dei movimenti di persone che a una linea di difesa che si dovesse opporre a una vera e propria minaccia militare. Al culmine della dominazione romana, l'area delle fortificazioni si estendeva per non meno di 80.000 kmq dai monti Gafsa a nord fino al Grand Erg a sud.

I resti delle installazioni appartenenti ai dominatori romani rientrano in un'area di diversa profondità a seconda del settore. Trenta in numero, si tratta di campi, forti, fortezze, segmenti di mura o fossati. La loro distribuzione dà un'impressione di forte organizzazione.


Si trattava di un'opera complessa e di lunga durata, si sa che i romani costruivano per l'eternità, per cui poco è crollato ma molto è stato fatto crollare. La creazione del limes è stata un arricchimento perpetuo, pezzi di date diverse giustapposte in un sistema in cui tutte le epoche sono finalmente rappresentate.

Istituito gradualmente dal regno di Ottaviano Augusto (27 a.c .-- 14 d.c.) in seguito all'apertura nel 14 d.c. del raccordo strategico, via Capsa (Gafsa), campi invernali (castra hiberna) nel porto di Tacapes (Gabès) nel Golfo di Little Syrte, e anticipando la penetrazione romana nella regione pre-desertica, questo sistema di sorveglianza e controllo rimase funzionale per tutta la tarda antichità fino al V secolo, come attestato dalla Notitia Dignitatum.


Del limes tunisino restano due muraglie e quattro fortezze:
Muro di Bir Om Ali: 2 km da Khanguet Oum Ali, sulla collina omonima, attraverso la gola, i resti ben conservati di un "muro" che blocca il passaggio da una cima all'altra del gola. Spessa 3 metri e costruita in macerie, la struttura conserva buona parte di un'altitudine che supera i 5 m.
- Muro di Jebel Tebaga: si estende per 17 km da Jebel Tebaga ai piedi occidentali di Jebel Melab. È costruito in pietra e talvolta conservato a un'altezza di oltre 2 m con una larghezza totale della struttura di circa quindici metri.
Fortezza di Ksar Tarcine: sulla riva destra di Oued Hallouf che domina di dieci m. Comprendeva un recinto esterno che formava un quadrilatero irregolare di 110 m di lunghezza, un cortile interno e un cubicolo quadrato di 15 mx 15 m con un muro di rinforzo esterno. Uno stretto corridoio di 30 m, con dispositivo di chiusura, conduceva al cortile interno.
L'ENTRATA DEL FORTE VISTA DALL'INTERNO
Fortezza di Bénia Guedah Esseder: situata in una fertile pianura, di 60 m di lunghezza e 40 m di larghezza, con un recinto bastionato di un'altezza di 3 m. L'unica apertura, a sud-est, era da un corridoio guardato dall'interno da fessure orizzontali Vi si accedeva attraverso un corridoio di nicchia e una porta ad arco che si apriva su un atrio.
Fortezza di Bénia bel Recheb: domina la valle di Oued bel Recheb, con una pianta quadrata di 40 m su un lato e un recinto di pietra tagliata fiancheggiato da bastioni quadrati. Due bastioni incorniciavano l'ingresso che si apriva su un doppio corridoio girevole, da cui si accedeva al cortile interno.
E infine:

INTERNI DEL FORTE

LA FORTEZZA DI KSAR GHILANE / TISAVAR

Situata a 3 km dall'oasi di Bou Flija, su una collina rocciosa che domina le prime dune del Grande Erg Orientale, questo forte risale al regno dell'Imperatore Commodo (161 - 192).

Si tratta di una costruzione rettangolare, di 40m x 30m, con angoli arrotondati. Le pareti, costruite con pietre tagliate, che ora raggiungono un'altezza di 1,50 m, erano edificate con massi grandi sotto e macerie più piccole sopra, raggiungendo in origine uno spessore di 1,40 m e un'altezza di quasi 4 m.

Vi era un'unica porta d'ingresso e si apriva nel mezzo della parete est del recinto. Il portale, con un portone dotato di cardini, si apriva su un corridoio lungo 7 m che poi era chiuso nel mezzo da una porta a doppia anta.
Questa a sua volta dava accesso a un cortile sul quale si aprivano 20 stanze poggianti sul muro esterno. In ogni angolo del forte e sui lati est e ovest, le scale davano accesso alle terrazze sopra le camere da letto e ad una passerella sopra il muro di cinta.
Nel mezzo del cortile sorgeva un cubicolo di 12,60 m x 7,40 m, le cui pietre angolari erano costruite in pietra bugnata, composto da alcune stanze (forse per magazzino) e da una cappella di Giove con statua della divinità.

INTERNI DEL FORTE
LA STRAORDINARIA FUNZIONALITA' ROMANA

La sezione tunisina delle frontiere dell'Impero romano è un esempio di trasposizione in un ambiente desertico sahariano di un sistema difensivo del territorio e di un'architettura militare e di un centro politico come vennero ideati nella penisola italica, tenendo però conto che dovettero trasferirla in un ambiente molto diverso per clima, terreno, popolo, cibo e animali.
Essa è un vero e proprio incontro di economia e cultura, che si occupa e preoccupa tanto della messa in campo agricolo per assicurare l'approvvigionamento dei legionari, tanto dell'artigianato per la produzione di pentole, vasi, mobili e tende, quanto della produzione delle armi e armature dell'esercito, ma pure per la produzione degli emblemi militari e religiosi delle legioni.
I romani erano in grado di edificare e organizzare una città e un presidio ovunque, con uno spirito di versatilità, creatività e insieme di adattamento mai superato.


BIBLIO

- Antonio Ibba, Giusto Traina - L'Afrique romaine. De l'Atlantique à la Tripolitaine - Editions Bréal - Paris - 2006 -
- René Cagnat - L'armée romaine d'Afrique et l'occupation militaire de l'Afrique sous les empereurs. Imprimerie nationale - Paris - 1912 -
- René Cagnat - La frontière militaire de la Tripolitaine X l'époque romaine - In: Mémoires de l'Institut national de France. Académie des Inscriptions et Belles-Lettres - Paris - 1914 -



0 comment:

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero - Info - Privacy e Cookies