CULTO DI VERITAS





"Il vero è l'affermazione di ciò che è veramente congiunto e
la negazione di ciò che è realmente diviso" (Aristotele)

VERITAS
Veritas era un'antica Dea romana della verità, che si nascondeva di solito in fondo ai pozzi.

Di lei si sa poco, se non che era figlia di Saturno e madre della giustizia e della virtù.

Dunque era sorella di Giove, il che fa pensare a un a potente divinità preromana, una Dea chiamata madre della giustizia come lo era la Dea Temi, e della Virtù come lo era la Dea Virtus.

Che fosse madre di giustizia collima con la sua capacità profetica e oracolare, quando spettava al giudizio degli Dei stabilire innocenza o colpa, e naturalmente ai suoi sacerdoti.



I RESPONSI

Si tramanda che la Dea fosse servita da sacerdotesse che attingevano l'acqua dal pozzo sacro con un secchio. anch'esso sacro, di puro argento, con una preghiera e un rituale preciso.

Dopo aver bevuto di quell'acqua andavano a dormire aspettando il sogno rivelatore.

Il sogno era il responso perchè Veritas era una Dea oracolare. Per altri l'acqua sacra era anche capace di guarigioni, almeno finchè c'era acqua nel pozzo.

La Dea aveva vari attributi, tra cui l'orcio o il secchiello con l'acqua, la cornucopia come Fortuna e Opi. ma pure la luna e una ghirlanda di rami di ulivo tra i capelli.

Spesso poi recava in mano una torcia, che all'inizio dell'anno, che in antico era in primavera, veniva immersa nell'acqua e con questa acqua si lustrava l'altare e gli utensili sacri.

Inoltre la Dea era correlata alla luna che si rispecchia nel pozzo, che era come la verità irraggiungibile, come irraggiungibile era la Dea, tanto è vero che nel linguaggio popolare si dice cercare la luna nel pozzo per chi insegue illusioni.

POZZO ROMANO
Anticamente esprimeva invece che la verità si può scoprire solo partendo dal mondo notturno, cioè il nostro cuore, e non possiamo cercarla dagli altri, cioè all'esterno.
La torcia era la luce notturna con cui la Dea indicava il sentiero.
Il rito di spegnere la torcia nell'acqua in primavera è un rito che fu adottato dalla Chiesa cattolica che usava spegnere il cero pasquale in bacile d'acqua a Pasqua, cioè in primavera.

Il suo simbolismo è ignoto, forse come si spegneva il fuoco di Vesta in primavera e poi si riaccendeva (anticamente l'anno iniziava in primavera), o per altri significati. Sembra poi che i pozzi sacri venissero all'inizio scavati in boschi sacri, una volta trovata l'acqua si costruiva il tempio e il tiaso, cioè il monastero.




ARTICOLI CORRELATI



1 comment:

scioc on 23 marzo 2016 11:00 ha detto...

riferimenti bibliografici?

Posta un commento

Post più popolari

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero