AEDES MEFITIS



TESTE DI MEFITE
L'aedes Mefitis si sovrappose al Lucus Mefitis, cioè al bosco sacro della Dea Mefite, soprattutto per la ragione dell'estendersi dell'area abitativa che pian piano invase i vari boschi, sacri e non.

Varrone menziona il bosco di Mefite prima di quello di Giunone Lucina: ora siccome quest'ultimo bosco deve certamente collocarsi sul Cispio dopo il lucus Poetelius, cosi è molto probabile che il bosco di Mefite stesse tra il Poetelio ed il lucus di Giunone Lucina, precisamente dove ora comincia la via Urbana.

La Dea Mefite era un antichissimo culto legato alla Dea delle acque sulfuree, soprattutto venerata nell'Italia centrale, dove rappresentava il lato mortifero della Dea, come colei che fa nascere, nutre e fa morire.

Spesso le acque solfuree con i loro densi vapori e l'assenza di vegetazione all'intorno, venivano considerate l'ingresso al mondo dei morti, pertanto la Mefite era Dea della morte e dell'oltretomba, anche come protettrice del viaggio nel mondo degli inferi. Si suppone fosse un bosco di mirto perchè sovente era consacrato alla Dea Venere ma pure a Mefitis, uno degli antichi lati mortiferi della Dea.

IN ROSSO L'AREA IN CUI RISIEDEVA PRESUMIBILMENTE L'AEDES MEFITIS
L'Aedes Mefitis era dunque l'Aedes del Tempio di Mefite sul Cispian, ovvero sul Mons Cispius che domina il Vicus Patricius (Festus 476: aedis Mefitis; Varro, Ling. 5.49: lacus Mefitis). Si pensa fosse locata sull'altura del lato Sud del Vicus Patricius, dove la valle è più profonda (Richardson), piuttosto che più a nord sul terreno più pianeggiante vicino a Piazzale Esquilino (Rodríguez Almeida).

Coarelli suggerisce che una domus appartenente ai Papirii sorgesse ancora in questa zona, sul sito di Vigna Santarelli (per ubicazione, vedi Lanciani, FUR 23), e che questo potrebbe essere appartenuto a un ramo repubblicano della famiglia, o Papirii Cursore o Papirii Carbones. Sostiene altresì anche che un membro di questa famiglia avesse fondato il culto di Mefitis. La teoria di Coarelli è plausibile ma non ancora accertata.

In origine Mefitis era una Dea italica ctonia protettrice delle sorgenti, ma anche degli armenti che del resto alle sorgenti si abbeveravano, ma pure dei campi e della fecondità, anche questi favoriti dalle acque irrigue.

MEFITE
Proprio in quanto divinità agreste la sua influenza si estendeva alla protezione e prosperità anche del mercato e dello scambio, detta pertanto La Mediatrice, e proprio nell'aedes dei suoi santuari, luogo di incontro  tra venerazione e commercio degli armenti e delle mercanzie.

In seguito Mefite assicurò pure i benefici derivanti dall'utilizzo delle acque termali e quindi solforose connesse alla valenza di "sanatio", dal momento che le acque ed i fanghi solforosi, per il loro alto contenuto di zolfo, potevano essere adoperati per la cura di malattie umane ed animali.

Servio, il commentatore di Virgilio che nell'Eneide ne parla a proposito della Valle
d'Ansanto sostiene che: "Mefite è propriamente il puzzo della terra che esala dalle acque solforose e
nei boschi è reso più pungente per la densità delle selve... "

Sempre Servio racconta che le vittime sacrificali dedicate alla divinità non venivano immolate ma uccise espondendole abbastanza a lungo all'odore soffocante:
"Ideo autem ibi aditus esse dicitur inferorum, quod gravis odor iuxta 
accedentes necat, adeo ut victimae circa hunc /
ocum non immolarentur, sed odore perirent ad aquam adp/
icatae, et hoc erat genus litationis"

(SERV., Ad Aen., VII, 563 ss.)

"La situazione del tempio di Minerva Medica, sull'altura es luilina dell'Oppio, viene in certo modo a ribattere il luco e tempio di MeJite che erano sul Cispio; luoghi anticamente riguardati zone insalubri, per la prossitnità dei puticuli che funestavano molta parte dell'Esquilino. "
(Topografia di Roma antica - Luigi Borsari)

La localizzazione dei due edifici religiosi non è conosciuta, ma sappiamo dalle fonti che il tempio di Mefite sorgeva in una zona bassa del versante del Cispio rivolta verso il vicus Patricius, individuato nell'attuale via Urbana, che lo divideva dall'altura del Viminale (eam partem Esqui/iarum, quae iacer ad vicum Patricium versus, in qua regione est aedis Mefitis; Fest. 476 L). 

TESTA DI MEFITE
Anche il tempio di luno Lucina fu eretto sulle pendici del Cispio considerando la testimonianza di Ovidio riguardante il bosco sacro (monte sub Esquilio), ma non sappiamo se in posizione più elevata rispetto al tempio di Mefite. 

La presenza però di un'iscrizione menzionante l'esistenza di un murus costruito nel 41 a.c. ad opera 
del questore Q. Pedius (C.I.L. VI 358- I.L.S. 3102 - I.LL.R.P 160) ha fatto pensare alla sua funzione quale semplice recinzione per il bosco e il tempio, ma anche che facesse da sostruzione a una platea artificiale evidentemente costruita per la pendenza del terreno sulla quale fu costruito il tempio, in una posizione quindi più alta rispetto a quello di Mefite. 

Viene citata però Giunone Dea del Fetore, o Giunone Mefite, adorata e supplicata dallo stesso re Servio Tullio affinchè risparmiasse la città da tale fetore mortifero. Come Venere aveva il suo lato oscuro così doveva averne la regina Giunone. Alcuni hanno così sostenuto che l'aedes Mefitis e quello Iunonis fossero la stessa area. 

Comunque l'aedes era una zona recintata, a volte con steccati di legno o con muretti a secco di pietra, al cui centro c'era un altare a volte istoriato e in genere con un'iscrizione che riportava la dedica alla statua della divinità riposta sul piedistallo. Ai suoi piedi i sacerdoti compivano i sacrifici rituali e i cittadini assistevano spesso bruciando rami dell'albero sacro alla Dea, in questo caso, il mirto, recitando preghiere rituali.





0 comment:

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero