VILLA DI NOHEDA (Spagna)




La villa romana di Noheda è un sito archeologico che si trova in Spagna, vicino alla città di Cuenca. Il complesso è costituito dai resti di un'antica fattoria agricola di epoca tardo romana, che si distingue soprattutto per la sontuosità della casa principale, i cui pavimenti sono decorati con ricchi mosaici che sono stati conservati in uno stato eccellente fino ad oggi.

"Il giacimento della Villa Romana di noheda, grande protagonista al numero 167 della prestigiosa rivista Historia National Geographic. Il post dedica sei pagine a tutto colore con il titolo 'la meraviglia del bacino romano : il mosaico di noheda', dove si può ammirare il magnifico mosaico di 291 mq. "

Sebbene sia stata scoperta durante il lavoro agricolo nella zona negli anni ottanta, la villa romana di Noheda non è stata scavata correttamente e sistematicamente fino al 2005, quando iniziò la prima campagna di studio del sito. Da allora, e tenendo conto della ricchezza dei mosaici che contiene, le varie amministrazioni si sono poste l'obiettivo di proteggere il monumento e renderlo visitabile per i turisti.

(INGRANDIBILE)
Tuttavia, all'inizio del 2016 questi mosaici sono ancora nascosti alla vista. La ragione non è altro che il confronto tra le diverse amministrazioni per vedere chi è responsabile del finanziamento della loro conservazione e assumersi la responsabilità delle loro cure. 

I capi del Consiglio provinciale di Cuenca dichiarano di aver fatto tutto ciò che è in loro potere, avendo completato la costruzione dell'edificio che coprirà e proteggerà i mosaici del tempo inclemente, e accusa il Consiglio di Castilla La Mancha di aver bloccato la apertura del sito al pubblico. 

Come affermano dalla Diputación, stanno aspettando che il Consiglio dia loro il permesso di iniziare un corso di restauro che permetta di recuperare parte del deposito, qualcosa che il Board nega in modo categorico. Il governo regionale, nega a sua volta. 

Chi è responsabile? Indipendentemente da chi è la colpa di questo ritardo, la verità è che nel caso dei mosaici di Noheda ci troviamo di fronte a un confronto tra due amministrazioni controllate da due partiti politici di diverso segno che usano la cultura come parte della sua campagna per screditare del rivale. Mentre questo accade, i mosaici languiscono senza che gli amanti della cultura classica possano godersi la loro contemplazione.



CASTILLA - LA MANCHA APRIRA'

Castilla-La Mancha aprirà al pubblico la tenuta di un immensa villa che comprende il più grande mosaico figurativo del mondo e una collezione di 500 pezzi di marmo.

C'era una volta un uomo immensamente ricco, così ricco che nel IV secolo si faceva portare il vino dalla Siria, a 50000 km di distanza, perché i vini della terra in cui viveva non erano di suo gradimento. Era così potente che il villaggio in cui viveva e faceva affari (un insieme di edifici) occupava circa 10 ettari. Solo il salotto della sua casa ( triclinium ) misurava quasi 300 mq ed era decorato con mosaici degni del palazzo di un imperatore.

"Quell'uomo esisteva", spiega Miguel Ángel Valero, professore di storia antica all'Università di Castilla-La Mancha. Non si sa ancora come è stato chiamato, ma prima o poi lo sapremo", dice Valero, che ha scavato le sue impressionanti proprietà per un decennio - lo ha già fatto nel 5% del totale - nell'attuale provincia di Cuenca, che sarà presto visitata.

(INGRANDIBILE)
Qualcosa più di un decennio fa, un trattore ha colpito un terreno molto duro (noto da sempre come El Pedregal o Cuesta de los Herreros) a Villar de Domingo García. Quella parte del comune ricevette quei nomi perché i vicini non smisero di trovare grandi conci di pietra e oggetti metallici di cui non conoscevano la provenienza.

Ora il Consiglio delle Comunità di Castilla-La Mancha aprirà il sito, chiamato Villa de Noheda, nella città di Villar de Domingo García di 218 abitanti, e renderà pubblici gli spettacolari risultati della ricerca: il più grande set scultoreo in marmo della Hispania romana, con mezzo migliaio di grandi frammenti e il più grande mosaico figurativo dell'Impero.

Il sindaco della città, Javier Parrilla (PP), vuole che la sua apertura coincida con i nuovi lavori archeologici estivi, dove è previsto, tra le altre attività, di iniziare lo scavo della sala di ricevimento (auditorium) del villa, "normalmente più grande del triclinio " , spiega Valero. Naturalmente, quest'area nasconde anche il proprio mosaico e centinaia di segreti.

"Quando l'aratro aprì la terra, centinaia di piccole pietre colorate tornarono alla luce. Facevano parte delle tessere che componevano i mosaici. I servizi archeologici iniziarono gli scavi poiché in una mappa di Alonso de la Cruz (1554), che è conservata nel monastero dell'Escorial, si chiama il luogo Villar de la Vila e nel 1897 Francisco de Coello già descrisse l'esistenza di alcune rovine Romane, con tessere, nella frazione di Noheda ".

La realtà ha però superato l'immaginazione. Noheda mostra il tentativo di trasmettere un messaggio di alto valore ideologico e propagandistico: il potere di un proprietario terriero ( dominus ) che garantiva stabilità economica e sociale alla comunità (ci è riuscito a tutt'oggi, tutto il mondo ha il fiato sospeso su questa villa.)


Ha costruito un gigantesco complesso residenziale che combinava i concetti di "tempo libero e affari" in una vasta area di terra (fondo). Infatti, "questi gruppi di sfruttamento agricolo sono chiamati città a rure (città in campagna)", ricorda il professore.

Il fondo - che occupava 80 kmq - consisteva in terreni agricoli (ager), pascoli per il bestiame (saltus) e una zona montuosa (silva) da cui si otteneva il legno. Il villaggio era situato in un punto strategico  con sufficienti risorse idriche, riparato dai venti del nord e vicino a un canale di comunicazione. Nel caso di Noheda, era sufficientemente lontana dalla strada romana per evitare di essere scoperta da visite indesiderate o aggredita da legioni affamate.

(INGRANDIBILE)
I quadri che decorano le pareti delle ville romane, i mosaici dei pavimenti, le sculture e altri elementi che decorano questi spazi hanno un senso. In Noheda intendono il possesso della massima ricchezza. Gli specialisti non trovano una risposta a come tale accumulo di opulenza sia stato possibile: sono stati rilevati più di 30 tipi di marmi portati da tutto il mondo conosciuto all'epoca.

La costruzione occupava 10 ettari e solo il triclinium dell'edificio, 291 mq.

"Potrebbe essere che il dominus era imparentato con l'imperatore, a quel tempo Teodosio, ma ancora non lo sappiamo, ma ciò che è chiaro è che apparteneva all'alta aristocrazia", ​​spiega Valero.

Le dimensioni sono tali che il mosaico del triclinio è il più grande tipo di mosaico figurativo finora conosciuto. Le misure di questa stanza sono superate solo da quella di Cercadilla (Córdoba), anche se questa manca di mosaico. 

È paragonabile - sebbene il Noheda sia più grande di 20 mq - alla famosa villa siciliana del Casale, in Piazza Armerina (270 metri quadri). Il pavimento era composto da un'area centrale, divisa in sei pannelli con scene di tema mitologico e allegorico, in cui sono esposte figure enormi, come Athena, che misura 2,18 m. Il numero di tessere usato è "non numerabile". 


In ogni quadrato di 25 per 25 centimetri veniva utilizzata una media di 1.243 di questi piccoli pezzi, alcuni di millimetri per arrivare a dare movimento o ombre alle figure.

Gli archeologi considerano, in virtù della differenza nel numero di pezzi usati in ogni parte del mosaico, che non c'era un "solus pictor imaginarius", ma diversi. Hanno anche scoperto che sotto alcune aree del grande mosaico è nascosto un altro con motivi diversi. 

"È come se al proprietario della villa non piacesse un primo risultato e ne ordinasse uno diverso da completare. Il denaro non sarebbe stato un problema ", scherza Miguel Ángel Valero e, al centro della stanza, una fontana ornamentale le cui canalizzazioni sono preservate.

E cosa rappresentano le scene? Gli specialisti elencano il mito di Enómao, Pélope e Hipodamia, due Pantomima e il Rapimento di Elena, il corteggiamento dionisiaco e Thiasos marino.

Di tutta la superficie costruita è stata scavata solo una parte minima.
"In quello spazio, oltre all'incredibile mosaico, abbiamo trovato oltre 550 grandi frammenti di sculture, tutti realizzati in marmo importato da Oriente e Carrara [Italia]. È il più grande gruppo scultoreo di tutta la Spagna, comprese figure di Dioniso, Venere o Dioscuri."


E perché è scomparso ed è stato dimenticato? Con la caduta dell'impero romano, tutta la Hispania subì una rapida cristianizzazione. I nuovi abitanti usavano le stanze del villaggio come luogo in cui vivere. Le sculture pagane furono distrutte e gettate in una discarica. Alcuni di questi erano usati per fare polvere di marmo.

Ma molti sono sopravvissuti. Alcuni sono già stati recuperati e nella mostra Noheda è possibile vedere l'immagine del potere, nella capitale della provincia.

"Ora dobbiamo essere in grado di mostrare questo deposito", afferma il sindaco di Villar de Domingo García. "Tutto è quasi pronto per l'apertura. L'idea è che i visitatori possano godere di questo, mentre vedono come lavorano gli archeologi ", aggiunge Javier Parrilla.

Infatti, uno degli obiettivi dell'inaugurazione è quello di far visitare oltre alla villa romana anche il comune a cui appartiene e di non spostarsi nella vicina e sempre attraente Cuenca.
Il Consiglio comunale e gli specialisti che lavorano nello scavo hanno dato corsi e svolto attività con i vicini per coinvolgerli in quella che potrebbe essere la loro grande attrazione turistica e culturale. 


"Vorremmo averli per tutto, anche per insegnare", dice Valero, anche se Parrilla ammette che l'assunzione "è molto difficile a causa di problemi amministrativi". 
"Mi piacerebbe", lamenta il sindaco, "ma la legislazione ...".

Fonti del governo regionale hanno confermato a EL PAÍS che l'apertura "sarà il più presto possibile". "È qualcosa di unico al mondo. Quando mostro le immagini nei congressi internazionali [ha tenuto conferenze in tutto il mondo], gli specialisti di altri paesi sono sbalorditi. E che il meglio deve ancora venire, perché abbiamo solo scavato una piccola parte ", conclude Miguel Ángel Valero.

Le Fonti del governo regionale, commentiamo noi, non sono chiare: cosa vuol dire che l'apertura "sarà il più presto possibile?" Finora il più presto possibile ha significato MAI. Noi italiani conosciamo bene questa "Corruptissima re publica plurimae leges" che significa "moltissime sono le leggi quando lo Stato è corrotto" ( Tacito - Annales, Libro III, 27) e ci dispiace davvero per i nostri fratelli spagnoli. Si sa che questa marea di leggi sono dovute non al bene comune ma agli interessi dei singoli, le leggi "ad personam", che creano alla fine un invalicabile immobilismo.

Sul fatto che il mosaico sia più grande di quello della villa del Casale, teniamo a precisare che il paragone è su una stanza, perchè la Villa del Casale occupa oltre 3500 mq di mosaici, Noheda non è ancora stato stimato con certezza. Resta comunque un importantissimo capolavoro.





0 comment:

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero