CALIGOLA (37 - 41)




Nome completo: Gaius Iulius Caesar Germanicus
Altri titoli: Pontifex Maximus, Pater Patriae
Nascita: Anzio 31 agosto 12
Morte: Roma 24 gennaio 41
Predecessore: Tiberio
Successore: Claudio
Coniuge: Giunia Claudia (33-37), Livia Orestilla (37-38)
Lollia Paolina (38-39), Milonia Cesonia (39-41)
Figli: Giulia Drusilla
Dinastia: Giulio-claudia
Padre: Gaio Giulio Cesare Claudiano Germanico
Madre: Agrippina maggiore








Alla morte di Tiberio, Macrone, prefetto del pretorio, e marito dell'amante di Caligola, fece acclamare Caio Giulio Caligola imperatore dai pretoriani. Due giorni dopo il Senato lo confermava imperatore, all'età di 25 anni.



ANTECEDENTI

Il padre di Caligola, Germanico, era morto a 33 anni, forse avvelenato da Tiberio, quando Caligola aveva 7 anni. Nel 27 Tiberio esiliò Agrippina maggiore, madre di Caligola, a Pandataria, moderna Ventotene, dove si lasciò morire di fame, e Nerone, il fratello maggiore, a Ponza, anche lui apparentemente suicida. Il quindicenne Caligola venne affidato a Livia, moglie di Augusto, che però morì nel 29 e venne affidato alla nonna paterna Antonia Minore.

La casa di Antonia Minore, sorellastra di Selene Cleopatra, figlia di Cleopatra e moglie di Giuba II di Mauretania, era frequentata da numerosi monarchi orientali. Antonia era amica dei familiari di Erode il Grande. Forse Caligola risentì di questa atmosfera e questo sfarzo.

Tiberio intanto fece arrestare Druso, l'altro fratello di Caligola, e lo fece rinchiudere in un sotterraneo della residenza imperiale sul Palatino, dove morì.

Chiamato nel 31, a diciannove anni, a Capri da Tiberio, vestì la toga e si lasciò crescere la barba senza alcuno degli onori toccati ai fratelli. A Capri visse umile e sottomesso; invano si era cercato di fargli dir male di Tiberio. Concepibile dopo gli eccidi della sua famiglia.
Stornò abilmente i sospetti di Tiberio, non mostrando nemmeno dolore per la morte della madre e dei fratelli. Fu talmente sottomesso a Tiberio che si disse di lui "non essere mai stato né miglior servitore né peggior padrone."

Svetonio lo racconta come crudele e sregolato fin da giovane: - Uno dei suoi divertimenti preferiti era quello di assistere ai supplizi di quelli che venivano torturati. Di notte andava per le taverne e i postriboli, truccato con una parrucca ed una lunga zazzera; la più grande delle sue passioni era la musica e la danza nei teatri e Tiberio sopportava tutto questo sperando che il gusto della danza e della musica potesse mitigare il carattere feroce del nipote. L'intelligente vecchio lo conosceva così bene che spesso diceva : « Cajo vive per la rovina sua e di tutti; io educo un serpente per il popolo romano, un Fetonte per il mondo».

Famoso il motto di Caligola: - Lasciate che ci odino, purché ci temano. -

A Capri Caligola divenne molto amico di Marco Giulio Agrippa, nipote di Erode il Grande, affidato dalla madre Berenice, sorella della famosa Salomè ad Antonia Minore. Agrippa divenne poi Erode Agrippa I, re di Giudea.

Ancor giovanissimo Caligola sposò Giunia Claudia, figlia di Marco Silano. Poi, caduto in disgrazia Seiano, fu nominato da Tiberio augure e poi pontefice. Perduta la moglie di parto, Caligola divenne l'amante di Ennia Nevia, moglie del capo dei pretoriani. Morto Tiberio, fu lui che assicurò al nuovo imperatore la fedeltà delle coorti pretorie.



L'IMPERATORE

La fine del vecchio imperatore era stata accolta con gioia da tutti; l'elezione di Caligola veniva considerata come una nuova era. Segnava il trionfo del partito di Germanico, ponendo a capo dello Stato il figlio dello sfortunato eroe, che per via materna discendeva da Augusto.

Il testamento di Tiberio, che insieme con Caligola istituiva erede Tiberio Gemello, venne annullato; ma Caligola pagò i legati dell'estinto e quelli dell'imperatrice Livia, nonchè le somme promesse nel vestire la toga virile ed elargì due volte trecento sesterzi ad ogni povero della città.

Il popolo lo amò per questo e perchè Caligola, amante dei giochi circensi, ne istituì moltissimi, richiamando gli istrioni a recitare e molti gladiatori nelle arene. La città divenne un palcoscenico di luci, giochi e cacce alla belve negli intermezzi.
Si dice che sull'arena si spargessero polvere d'oro e di minio e che a volte i gladiatori venissero sostituiti dai senatori colpevoli di reati o di lesa maestà.


Politica orientale

Agrippa ebbe il tetrarcato della Giudea settentrionale e il titolo di re.
Antioco, figlio dell'ex re della Commagene, riebbe i territori paterni.
Lucio Vitellio, governatore della Siria, raggiunse un accordo col re dei Parti. Suo figlio Dario venne dato in ostaggio ai Romani. Mitridate, re filoromano dell'Armenia venne rimosso e imprigionato.


Politica interna

Caligola abolì il reato di lesa maestà sospendendone i processi in atto, e graziò tutti gli esiliati bruciò tutti i documenti e dei persecutori dei suoi familiari.
Sospese i processi per lesa maestà e graziò i condannati all'esilio.
Rimise in circolazione i libelli censurati per ordine del senato.
Restituì libertà di giudizio ai magistrati, rimise la consuetudine di passare in rivista i cavalieri ed abolì l'imposta sulle vendite.

Caligola divenne console, insieme allo zio Claudio, il 1° luglio del 37. Lasciò la carica il 1° settembre.
Il senato annullò il testamento di Tiberio che lasciava l'eredità a Caligola e a Tiberio Gemello. Unico erede divenne Caligola, che però adottò Tiberio Gemello.

Fece l'elogio funebre di Tiberio, ne adottò il figlio e lo nominò principe della gioventù. Onorò la sua famiglia nella memoria dei morti e ricoprendo di onori i vivi. Recatosi a Pandataria e a Ponza, raccolse le ceneri della madre e del fratello che mise in urne preziose riponendole in un Mausoleo. In loro onore furono decretati sacrifici annui e in memoria di Agrippina giochi circensi con la sua immagine su un carro.

In onore del padre diede il nome di Germanico al mese di settembre, fece conferire alla nonna Antonia tutti gli onori ch'erano stati dati alla madre di Tiberio e prese come collega nel consolato suo zio Claudio. Alle sorelle non decretò onori ma ordinò che i cittadini, giurando, dicessero: - Non amerò me stesso ne i miei figli più di quanto, amo Caligola e le sue sorelle - il che già dava segno del suo squilibrio, e i consoli, dovevano scrivere nei rapporti: - Salute e felicità a Caio Cesare e alle sue sorelle. -

Nell'autunno del 37 Caligola si ammalò gravemente e nominò sua sorella Drusilla erede dei beni e del potere e Marco Emilio Lepido, marito di Drusilla, divenne consigliere di Caligola. Il popolo dispiaciuto fece voti per la salute dell'imperatore, facendo veglie e voti davanti al palazzo.
Anche Artabano, re dei Parti, che aveva sempre odiato Tiberio, cercò l'amicizia di Caligola, ebbe un convegno con lui ed amò Roma e i suoi cesari.

COME DOVEVA APPARIRE CALIGOLA GIOVINETTO
Ma Caligola si riprese e alla fine del 37 Tiberio Gemello, sospettato di aver tramato contro Caligola durante la sua malattia, si suicidò e così pure Silano, il suocero di Caligola, sospettato di complicità con Tiberio Gemello. Quest'ultimo fu sepolto nel mausoleo di Augusto.
Nel 38 si suicidò anche Macrone, il prefetto del pretorio, anch'egli sospettato di congiura.
Sempre nel 38 Flacco, prefetto dell'Egitto, sospettato di essere stato partigiano di Tiberio Gemello, fu arrestato e condannato all'esilio. Marco Emilio Lepido che intercedette per lui fu a sua volta esiliato e poi ucciso ucciso nel 39.

Nel 39 Caligola era divenuto console per la seconda volta, e dopo 30si dimise, accusando i senatori di attribuire colpe a Tiberio solo per compiacere lui. Ma ora che decretavano onori a Caligola, lo facevano per camuffare il loro odio per lui. Caligola cadde preda di manie di persecuzione, e i senatori obbedienti reintrodussero il reato di lesa maestà decretando per ironia della sorte cerimonie annuali per celebrarare la Clementia di Caligola.



PAZZIE E CRUDELTÀ DI GALIGOLA

Così dopo otto mesi di buon governo Caligola si trasformò in un pazzo e un mostro di crudeltà. Si addebitò alla gravissima malattia, ma già in gioventù era stato spietato. La sua bonomia doveva essere dettata solo dalla paura, finita la quale lasciò luogo alla malvagità.

Più libidinoso del precedente imperatore, obbligò all'incesto le sorelle Giulia ed Agrippina, obbligando Drusilla a sposare Cassio Longino, ma poi la richiese, considerandola sua moglie. Quando Drusilla morì, ordinò un lutto pubblico, decretando che i giuramenti fossero fatti in suo nome, la divinizzò col nome di Pantea e le fece innalzare statue.

Invaghitosi poi di Livia Orestilla, durante il banchetto di nozze col senatore Calpurnio Pisone, la tolse allo sposo e ne fece sua moglie, ripudiandola dopo pochi giorni. Lo stesso destino alla bella Lollia Paulina, strappata al marito, sposata e ripudiata. Sua ultima moglie fu Cesonia, molto lussuriosa, che gli ispirò una passione morbosa. Infatti la vestì di clamide, con casco e scudo, conducendola tra i soldati e mostrandola nuda agli amici.
Ebbe numerosi rapporti omosessuali, partecipò ad orge sessuali in compagnia di Pirallide, notissima prostituta. Invitò a banchetto le matrone più illustri di Roma per strapparle ai mariti ed abusarne, per poi lodarne i corpi ai consorti.

Si credette un Dio, facendo sostituire a statue greche di divinità la propria testa; fece ingrandire la sua casa fino al Foro congiungendola al tempio dei Dioscuri, fra i quali sedette e si fece adorare.
Prese da Giove il titolo di Ottimo Massimo e di Giove Latino; nel suo tempio fece porre la sua statua d'oro. Invitò la luna a congiungersi con lui e parlò con Giove.

Perseguitò le opere di Omero, Livio e Virgilio per non essere oscurato da loro. Per superare Serse che aveva passato l'Ellesponto fece costruire tra Baia e Pozzuoli un lunghissimo ponte su navi ricoperto di terrapieno passandoci per due giorni a cavallo e su carro, con in capo una corona di quercia, la clamide dorata, lo scudo gallico, scure e spada, con un ostaggio dei Parti, coi pretoriani e i suoi amici.
Programmò di ricostruire a Samo la reggia di Policrate, di fondare una città sulle Alpi e di tagliare l'istmo di Corinto.
Per muovere guerra ai Germani apprestò un esercito di duecentomila uomini sul Reno, fece nascondere in un bosco un certo numero di germanici della sua guardia, finse di assalirli e tornò al campo trionfante.
Per una spedizione in Britannia, condusse le sue truppe sulla Manica e fatto dare il segnale d'assalto, ordinò ai soldati di raccogliere conchiglie per ornare il Campidoglio.

Per il trionfo di queste due false spedizioni travestì numerosi Galli da prigionieri; licenziò diversi senatori convocandoli di notte, e fece eleggere senatore il suo cavallo.

Svetonio racconta che Caligola - Volle che molti senatori, che già avevano ricoperte le più alte cariche, corressero a piedi e in toga davanti al suo cocchio per parecchie miglia e rimanessero ritti vicino la sua tavola o ai suoi piedi portando, come gli schiavi, un grembiule; altri senatori fece morire segretamente e per un certo tempo continuò a chiamarli come se fossero ancora vivi; poi fece credere che si fossero suicidati.

Destituì i consoli perché avevano dimenticato di annunziare con un editto l'anniversario della sua nascita, e per tre giorni lo Stato rimase senza i supremi magistrati.
Fece battere con le verghe il suo questore, lo denudò e lo gettò sotto i piedi dei suoi soldati per esser battuto più fortemente solo perché il nome di lui era stato pronunziato in una congiura. Con pari arroganza e crudeltà trattò gli altri ordini.
Disturbato dal chiasso prodotto da coloro che di notte si affrettavano ad occupare nel Circo i posti gratuiti, li fece scacciare a colpi di bastone; nel tumulto che ne seguì perirono più di venti cavalieri romani, altrettante matrone e un gran numero di plebei.
Per far sorgere liti tra l'ordine equestre e la plebe, faceva cominciare i giuochi prima dell'ora stabilita affinché i posti destinati ai cavalieri fossero occupati dai primi arrivati
. -

Per non spendere troppo comprando gli animali per il pasto delle fiere, ordinò che venissero loro dati i detenuti. Condannò ai lavori forzati dopo averli fatti bollare con un ferro rovente o fece mettere in gabbie strettissime molti cittadini colpevoli di non aver giurato in nome suo o insoddisfatti di uno spettacolo.

Secondo alcuni si divertiva a colpire con un pugnale da lancio gli schiavi mentre servivano, pretendendo dai cortigiani complimenti per la sua mira.
Obbligava i genitori ad assistere al supplizio dei loro figli e uno di essi fu costretto a sedere alla mensa imperiale e a stare allegro.
Assistendo ai sacrifici uccise il sacerdote; a un cavaliere, condannato alle fiere, che si proclamava innocente fece tagliare la lingua.
Sospettando che gli esiliati gli augurassero la morte, fece trucidare dai sicari tutti coloro che erano stati deportati nelle isole; voleva supplizi prolungati e ogni dieci giorni compilava l'elenco dei cittadini da giustiziare.

Avendo una volta i due consoli che pranzavano con lui chiesto perché ridesse, rispose : « Rido perché penso che con un sol cenno potrei farvi scannare entrambi - e tutte le volte che baciava il collo di una donna diceva : - Questa bella testa cadrà quando io vorrò. -

Sempre Svetonio, lo accusa di essere un dissipatore: - Inventò nuovi modi di bagni, di cibi e di banchetti; si lavava con essenze odorose, inghiottiva perle e pietre preziose con aceto, offriva ai commensali pane e altri cibi d'oro, dicendo; «o si è uomini frugali o si è Cesari ». Al popolo, per parecchi giorni consecutivi dall'alto della basilica Giulia, gettò monete di molto valore.
Fece costruire navi liburniche di cedro con le poppe ingemmate e vele di tela dipinta, in cui erano bagni, gallerie e ampie sale da pranzo, viti e alberi da frutto d'ogni specie.
Su queste navi egli costeggiava la Campania, seduto a mensa, tra musiche e danze.
Nel costruire ville e palazzi eccedeva ogni misura, e gli piaceva fare tutto quello che gli altri stimavano impossibile a farsi. Gettò dighe in un mare profondo e tempestoso, fece tagliare le più dure rocce, spianare montagne in pianure, mutar pianure in alture, con incredibile celerità perché considerava delitto capitale ogni lentezza nei lavori.
E per non enumerare ad uno ad uno gli sperperi chiudiamo dicendo che in meno di un anno consumò immense ricchezze e la somma di ventisei milioni di sesterzi che Tiberio aveva accumulato.
-

Avendo svuotato le casse dello stato Caligola condannò i più ricchi cittadini per confiscarne i beni, fece mettere il suo nome tra gli eredi nei testamenti facendone morire molti per ereditare.
Eseguì vendite pubbliche, obbligando i cittadini a comprare gli oggetti al prezzo da lui stabilito.
Nelle Gallie, vendette gioielli, mobili, schiavi e liberti delle sorelle, mettendo all'asta le vecchie suppellettili della corte.
Impose poi nuovi tributi: sui viveri, sulle spese giudiziarie, sui facchini e le meretrici.
Nel suo stesso palazzo istituì un postribolo e inviando i servi a invitare la gente.
Essendogli nata una figlia, pretese che fosse mantenuta e dotata dalla cittadinanza ed egli stesso si mise nel vestibolo del palazzo per ricevere i doni che la folla gli recava.

Tra le perversioni di Caligola, ancora Svetonio  Cal. 41. 1 cita il fatto che l’imperatore imbrogliava i Romani facendo affiggere il  regolamento delle nuove imposte in lettere così piccole e in luoghi così stretti, che nessuno poteva prenderne conoscenza e trascriverlo.



LA MORTE

Tre congiure furono ordite contro Caligola. Solo la terza riuscì. Capo ne era Cassio Cherea, tribuno dei pretoriani, che l'imperatore soleva continuamente schernire ed oltraggiare.
Alle feste augustali, mentre l'imperatore passava in un corridoio, per assistere a una recita, gli si fece incontro Cassio Cherea col pretesto di chiedergli la parola d'ordine.

Caligola rispose schernendolo, ma l'altro lo colpì alla testa con la spada; seguirono a quello una trentina di colpi dai congiurati che uccisero anche la moglie Cesonia e la figlioletta Drusilla.

La scorta germanica accorse e uccise immediatamente alcuni cospiratori. I pretoriani arrestarono il senatore Annio Viniciano conducendolo dal prefetto del pretorio. Ma questi, che aveva aderito alla congiura, lo fece fuggire. Il medico Alcione, un altro congiurato, fece fuggire molti dei ricercati con la scusa di mandarli a prendere l'occorrente per curare i feriti.
Caligola morì a ventinove anni, dopo quasi quattro anni di governo. Il cadavere venne segretamente portato nei giardini di Lamia, semibruciato su un rogo e sepolto. Quando le sorelle tornarono dall'esilio, fu dissepolto, arso e sepolto di nuovo.

Quando i congiurati ebbero finito l'opera, uscirono per le strade di Roma gridando "Roma libera!".
Tutti appresero la notizia in silenzio, convinti che lo stesso Caligola avesse fatto divulgare apposta la notizia per poi colpire chi festeggiava la sua morte. Ma ci fu chi lo pianse e reclamò la morte dei suoi assassini.



IL SEGUITO

I consoli convocarono il senato. I senatori approvarono un decreto in cui si accusava Caligola di una serie di crimini.
I pretoriani decisero di nominare imperatore Claudio, lo zio di Caligola, scampato al massacro e trasferito sotto scorta a nord del Germalo.
I senatori, riuniti sul Campidoglio, fraintesero il senso della scorta e si contesero la successione, sicuri che la sorte di Claudio fosse segnata. Invece i pretoriani portarono Claudio in salvo ed Erode Agrippa informò Claudio della debolezza e divisione che c'era nel senato invitandolo a prendere il potere.
Il popolo circondò il senato invocando Claudio imperatore.
Quinto Pomponio Secondo, uno dei consoli, passò dalla parte di Claudio, che salì al Palatino.
I senatori compresero di aver perduto e, per salvarsi, decisero immediatamente di condannare Cassio Cherea, che si suicidò.

Claudio venne eletto imperatore.



SVETONIO: VITA DI CALIGOLA

8 C. Cesare nacque il giorno prima delle calende di settembre, quando erano consoli suo padre e C. Fonteio Capitone. Il luogo della nascita è incerto per la discordanza delle fonti. Cn. Lentulo Getulico dice che è nato a Tivoli, Plinio Secondo che è nato a Treviri, nel villaggio di Ambitarvio, oltre Coblenza, e aggiunge anche, a titolo di prova, che si mostra in quel luogo un altare con l'iscrizione: «In onore del parto di Agrippina». Questi versi, ricorrenti più tardi tra il pubblico, quando già era imperatore, indicano che fu messo al mondo nei quartieri invernali delle legioni:
«Nato nell'accampamento, allevato tra le truppe di suo padre, già era destinato all'Impero

A me risulta, dagli atti ufficiali, che è nato ad Anzio. Getulico fu confutato da Plinio che lo accusa di aver mentito per adulazione, per aggiungere ancora qualcosa all'elogio di un principe giovane e assetato di gloria, facendolo nascere in una città consacrata ad Ercole, e di aver insistito ancor più spudoratamente nella menzogna perché un anno prima era nato a Tivoli un altro figlio di Germanico, anche lui di nome C. Cesare, del quale già abbiamo ricordato la grazia infantile e la morte prematura.

Plinio, però ha contro di sé le date, perchè tutti gli storici di Augusto sono concordi nel dire che Germanico fu mandato in Gallia allo scadere del suo consolato, dopo la nascita di Gaio. Quanto all'iscrizione sull'altare, essa non aiuta la tesi di Plinio, perché Agrippina mise al mondo due figlie in quel paese e il nome di «puerperio» si applica a tutti i parti, senza nessuna distinzione di sesso, perché gli antichi chiamavano indifferentemente «puerae» le fanciulle e «puelli» i fanciulli. Abbiamo anche una lettera di Augusto, scritta qualche mese prima della morte e indirizzata a sua nipote Agrippina, nella quale si parla appunto di Gaio, e non poteva essere che il futuro imperatore, dal momento che a quella data non vi era nessun altro fanciullo di quel nome: «Quindici giorni prima delle calende di giugno, se gli dei vorranno, Talario e Asilio condurranno il piccolo Gaio: io mi sono accordato con loro ieri. Insieme con lui mando anche un medico della mia casa e ho scritto a Germanico di trattenerlo pure, se vuole. Cerca di star bene, mia cara Agrippina, e di arrivare dal tuo Germanico in buona salute.» 
Penso sia chiaro che Gaio non poteva essere nato in Germania, dal momento che, all'età di circa due anni, vi fu condotto da Roma. Tali argomenti tolgono ogni credibilità anche ai versi citati, tanto più che sono anonimi. Ci si deve dunque attenere alla unica testimonianza autorevole che proviene da un documento ufficiale, soprattutto se si considera che Anzio fu sempre il luogo e il ritiro preferito fra tutti da Gaio che lo amò come la terra natia. Si dice anche che, disgustato di Roma, avesse avuto intenzione di trasferirvi il centro e la sede dell'Impero.

9 Prese il soprannome di Caligola da una facezia militare, perché era stato allevato in mezzo ai soldati e portava il loro costume. Questo genere di educazione gli procurò inoltre un enorme potere sul loro cuore: lo si vide soprattutto quando, in occasione della morte di Augusto, con la sua sola apparizione, non vi è dubbio, riportò alla calma le truppe tumultuanti fino all'esagerazione. Non si quietarono, infatti, se non quando si resero conto che era pronto ad andarsene a causa del pericolo determinato dalla loro rivolta e ad affidarsi alla città più vicina; allora soltanto, presi dal rimorso, afferrarono la sua vettura e la trattennero, pregandolo di risparmiar loro questo affronto.

10 Accompagnò suo padre anche nella spedizione in Siria. Al ritorno in un primo tempo abitò con sua madre, poi, quando essa fu relegata, andò a stare con la bisavola Livia Augusta. Alla morte di questa pronunciò, dall'alto dei rostri, l'elogio funebre, quando ancora portava la pretesta. In seguito visse con la nonna Antonia, poi, all'età di diciannove anni, chiamato a Capri da Tiberio, in un solo giorno prese la toga e si fece radere la barba, senza ricevere nessuno degli onori che avevano avuto i suoi fratelli al loro debutto nel mondo. A Capri, nonostante tutti i tranelli che gli venivano tesi, non diede mai nessun appiglio a coloro che cercavano di provocare le sue reazioni, perché sembrava aver completamente dimenticato le sventure dei suoi come se non fosse successo niente a nessuno e sopportava inoltre gli affronti che gli venivano fatti con una simulazione incredibile e mostrava tanta sottomissione nei confronti di Tiberio e della sua corte che si poté dire di lui, non senza ragione: «Non vi fu servo migliore e padrone peggiore

11 Tuttavia neanche a quel tempo potè frenare la sua natura crudele e viziosa: assisteva con il più vivo piacere alle esecuzioni e ai supplizi dei condannati, passava le notti tra taverne e adulteri, mascherato con una parrucca e un lungo mantello e si appassionava per le arti della scena, per la danza e per il canto; Tiberio tollerava ben volentieri questa sua condotta, sperando che questi divertimenti umanizzassero un poco il suo carattere feroce, perché il vecchio perspicace lo aveva talmente capito che parecchie volte disse chiaramente che Gaio viveva per la sua rovina e per quella di tutti e che allevava una vipera per il popolo romano, un Fetonte per l'universo.

12 Non molto dopo sposò Giunia Claudilla, figlia di M. Silano, uno dei personaggi più nobili. In seguito destinato come augure al posto di suo fratello Druso, fu elevato al pontificato, prima di entrare nelle sue funzioni, testimonianza insigne resa alla sua pietà filiale e al suo carattere; quando la corte imperiale si trovò spopolata e priva degli altri suoi membri e Seiano era già sospetto e prossimo alla caduta, cominciò a nutrire a poco a poco qualche speranza di successione. 
Per meglio assicurarsela, quando Giunia gli morì di parto, sedusse Ennia Nevia, la moglie di Macrone, allora prefetto delle coorti pretoriane, promettendole anche di sposarla se si fosse impadronito del potere, promessa che garantì sia con un giuramento, sia con uno scritto autografo. Per mezzo di Ennia si guadagnò l'amicizia di Macrone e, come credono alcuni, fece avvelenare Tiberio, poi, quando ancora respirava, diede l'ordine di togliergli l'anello. Poiché però Tiberio aveva l'aria di volerlo trattenere, gli fece gettare sul viso un cuscino e arrivò perfino a strozzarlo con le sue mani: un liberto che per l'atrocità del delitto non aveva potuto fare a meno di gridare, fu subito messo in croce. Questa versione non ha niente di inverosimile, perché secondo alcuni autori lui stesso confessò in seguito di aver, se non eseguito, certo meditato un tempo questo parricidio; egli continuamente infatti si fece vantò, esaltando il suo amore filiale, di essere penetrato, con un pugnale in mano, nella camera dove dormiva Tiberio, per vendicare l'assassinio di sua madre e dei suoi fratelli, e di essersi ritirato, gettando l'arma, per un senso di pietà. L'imperatore si sarebbe accorto di ciò, ma non avrebbe osato condurre la minima inchiesta e nemmeno punirlo.

13 Divenuto così padrone dell'Impero, egli appagò i voti del popolo romano, o, per meglio dire, dell'intera umanità, perché era il principe sognato dalla maggior parte dei provinciali e dei soldati, dei quali molti lo avevano conosciuto fanciullo, ma anche da tutta la plebe di Roma che conservava il ricordo di suo padre Germanico e provava un senso di pietà per questa famiglia quasi annientata. E così, quando partì da Miseno, quantunque, vestito a lutto, stesse seguendo il funerale di Tiberio, tuttavia procedette tra gli altari, le vittime e le fiaccole accese, mentre una folla compatta e molto festosa, senza accontentarsi dei nomi di felice presagio, lo chiamava ancora «sua stella, suo piccino, suo pupo, suo bambino».

14 E come fu entrato in Roma, il Senato, d'accordo con la folla che aveva fatto irruzione nella curia, annullò la disposizione testamentaria di Tiberio che aveva dato a Caligola come coerede un altro suo nipote, che ancora indossava la pretesta, e rimise tutto il potere nelle sue mani. La contentezza del popolo fu così grande che nei tre mesi seguenti, e forse anche meno, furono immolate, stando a quanto si dice, oltre centosessantamila vittime. Quando poi, alcuni giorni dopo si imbarcò per le isole vicine alla Campania, furono innalzate preghiere per il suo ritorno, nulla tralasciando, nemmeno la più piccola occasione, per testimoniargli la sollecitudine e l'interesse che si nutriva per la sua incolumità. Quando cadde ammalato tutti i cittadini passarono la notte intorno al Palatino e non mancarono quelli che fecero il voto di combattere come gladiatori ed altri che offrirono solennemente la propria vita per la sua guarigione. A questo affetto dei cittadini si aggiungeva la notevole simpatia degli stranieri. Così Artabano, che proclamava sempre il suo odio e il suo disprezzo per Tiberio, sollecitò spontaneamente l'amicizia di Caligola, ebbe un colloquio con i luogotenenti consolari e, attraversato l'Eufrate, rese omaggio alle insegne romane e ai ritratti dei Cesari.

15 Lui stesso infiammava i cuori con ogni genere di gesti graditi al popolo. Come ebbe pronunciato davanti all'assemblea, con lacrime abbondanti, l'elogio di Tiberio, al quale tributò magnifiche esequie, subito si affrettò verso Pandataria e Ponzia per rilevarvi le ceneri di sua madre e di suo fratello: e tutto ciò con un tempo minaccioso, per meglio far risaltare la sua pietà filiale, poi con l'atteggiamento più rispettoso possibile si accostò e con le sue stesse mani ripose le ceneri nelle urne; e con non minore apparato scenico le riportò su una bireme che sventolava a poppa un pavese fino ad Ostia e di qui, risalendo il corso del Tevere, a Roma, dove i membri più ragguardevoli dell'ordine equestre, a metà del giorno, in piena animazione, le trasportarono nel Mausoleo, su due carri; ed egli istituì ufficialmente in loro onore un sacrificio annuale, aggiungendo, per sua madre, anche giochi di circo, con una vettura per trasportare la sua immagine nella processione. In ricordo di suo padre, diede al mese di settembre il nome di Germanico. 
Fece inoltre assegnare a sua nonna Antonia, con un solo decreto del Senato e tutti in una volta, gli onori che Livia Augusta aveva ricevuto in fasi successive. Quanto a suo zio paterno Claudio, rimasto fino a quel tempo cavaliere romano, lo prese come collega nel consolato; adottò il cugino Tiberio nel giorno stesso in cui prese la toga virile e lo nominò principe della gioventù. Per rendere onore alle sue sorelle. prescrisse che a tutti i giuramenti si aggiungesse: «Non amerò me stesso e i miei figli più di quanto ami Gaio e, dopo di lui, le sue sorelle.» Anche nei rapporti dei consoli si doveva aggiungere: «Per la felicità e la prosperità di C. Cesare e delle sue sorelle!» 
Sempre per il desiderio di far piacere al popolo procedette alla riabilitazione dei condannati e degli esiliati; tutte le accuse che datavano dal principato precedente, furono annullate; allo scopo di tranquillizzare completamente per l'avvenire sia i delatori sia i testimoni che erano implicati con i processi di sua madre e dei suoi fratelli, fece ammassare nel foro tutti gli incartamenti che li riguardavano, poi, dopo aver dichiarato ad alta voce, invocando la testimonianza degli dei, di non averli né toccati, né letti, li bruciò. Quando gli fu presentato un biglietto che interessava la sua vita, si rifiutò di prenderlo, obiettando di non aver fatto niente che potesse renderlo odioso a qualcuno e dicendo di non avere orecchi per i delatori.

16 Per quanto riguarda i pervertiti sessuali, consentendo a fatica a non gettarli in fondo al mare, li allontanò da Roma. Permise di ricercare gli scritti di Tito Labieno, di Cremuzio Cordo e di Cassio Severo, che un decreto del Senato aveva ordinato di distruggere, poi autorizzò la loro diffusione e la loro lettura, perché ci teneva molto che i posteri fossero informati di tutto. Riprese la pubblicazione delle statistiche imperiali, che avveniva regolarmente con Augusto, ma era stata interrotta con Tiberio. Concesse ai magistrati il diritto di giudicare inappellabilmente e senza ricorso all'imperatore. 
Passò in rassegna i cavalieri romani con rigore inquisitorio, ma non senza una certa moderazione, perché coloro che si erano coperti di obbrobrio e di infamia furono privati del loro cavallo pubblicamente, mentre si limitò a chiamare per appello i nomi di quelli che si erano macchiati di colpe minori. 
Per alleggerire il lavoro dei giudici, alle quattro già esistenti, aggiunse una quinta decuria. Si provò anche, restaurando l'antica usanza dei comizi, di restituire al popolo il diritto di voto. Fece pagare in contanti, con lealtà e senza cavilli legali, i lasciti testamentari di Tiberio, benché il suo testamento fosse stato annullato, e provvide anche al pagamento dei lasciti di Giulia Augusta, il cui testamento era stato eliminato da Tiberio. Esentò l'Italia dall'imposta del duecentesimo sulle vendite all'incanto; risarcì molte persone danneggiate dagli incendi; quando rimise alcuni re sui loro troni, restituì anche gli interessi che le loro imposte e il loro patrimonio personale avevano fruttato nel tempo intermedio: ad Antioco, per esempio, al re di Cammagene, versò cento milioni di sesterzi che erano stati confiscati. Per dimostrare più concretamente che incoraggiava sempre la virtù, donò ottocentomila sesterzi ad una schiava affrancata che, nonostante le più crudeli torture, si rifiutò di rivelare i crimini del suo padrone. In riconoscenza per questi atti, gli si decretò, tra gli altri onori, uno scudo d'oro che, tutti gli anni, ad una data stabilita, i collegi dei sacerdoti dovevano portare in Campidoglio, seguiti dal Senato e dai giovani nobili dei due sessi, cantando in coro le lodi delle sue virtù. Si decise inoltre che il giorno in cui aveva preso il potere fosse chiamato «Parilia», come se si trattasse di una nuova fondazione della città.

17 Caligola fu console quattro volte: la prima dalle calende di luglio, per due mesi, la seconda dalle calende di gennaio, per trenta giorni, la terza fino alle idi di gennaio, ha quarta fino al settimo giorno prima delle stesse idi. I suoi due ultimi consolati furono consecutivi. Inaugurò il terzo consolato da solo, a Lione, e non già, come alcuni credono, per superbia o per negligenza, ma perché, essendo lontano da Roma non aveva potuto sapere che il suo collega era morto proprio verso le calende di gennaio. Due volte, a titolo di elargizione, distribuì al popolo trecento sesterzi a testa e fece imbandire per i senatori e per i cavalieri due banchetti sontuosi, ai quali furono invitati anche le loro mogli e i loro figli; in occasione del secondo, inoltre, fece distribuire agli uomini vesti eleganti e alle donne e ai fanciulli bende di porpora. Per prolungare all'infinito l'esultanza pubblica, aggiunse infine un giorno ai «Saturnali» e lo chiamò «giorno della giovinezza»

18 Diede più volte combattimenti di gladiatori, sia nell'anfiteatro del Toro, sia nei recinti delle elezioni, e vi aggiunse gruppi di lottatori scelti fra i più abili dell'Africa e della Campania. Non sempre presiedeva personalmente i giochi, ma talvolta affidava il ruolo sia ai magistrati, sia a qualcuno dei suoi amici. Offriva spesso rappresentazioni teatrali di generi differenti e in luoghi diversi, una volta anche di notte, facendo illuminare tutta la città. Lanciò tra la folla doni di vario tipo e distribuì al popolo panieri contenenti viveri; durante un banchetto di questo genere, vedendo un cavaliere romano che mangiava con molta allegria e con buon appetito, gli mandò anche le sue porzioni e ad un senatore, per lo stesso motivo, fece pervenire una lettera di nomina che lo designava pretore straordinario. Inoltre organizzò spesso giochi nel circo, che duravano dal mattino fino a sera, con due intervalli consistenti sia in una caccia di bestie africane, sia in una parata troiana; per certi giochi eccezionali, disseminato il circo di vermiglio e di pietre preziose, concesse di condurre i carri soltanto ai membri dell'ordine senatoriale Diede anche giochi improvvisati, perché una volta, mentre dall'alto della casa di Gelo stava esaminando le strutture del circo, alcune persone affacciate ai balconi vicini gliene chiesero.

19 Escogitò anche un genere di spettacolo assolutamente nuovo e senza precedenti. Fece costruire tra Baia e la diga di Pozzuoli, che separava uno spazio di circa tremila e seicento passi, un ponte formato da navi da carico, riunite da tutte le parti e collocate all'ancora su due file; poi le si ricoprì di terra dando a tutto l'insieme l'aspetto della via Appia. Per due giorni di seguito non la smise di andare e venire su questo ponte: il primo giorno si fece vedere su un cavallo riccamente bardato, con una corona di quercia, una cetra, una spada e una veste broccata d'oro, il giorno dopo, vestito come un cocchiere di quadriga, guidava un carro tirato da due cavalli celebri, che erano preceduti dal giovane Dario, uno degli ostaggi dei Parti, e seguiti da una schiera di pretoriani e di veicoli con a bordo un gruppo di amici. So che Gaio aveva ideato un ponte di tal genere secondo alcuni per rivaleggiare con Serse che, non senza stupore, ne gettò uno sull'Ellesponto, anche se più modesto, e secondo altri, per spaventare, con la risonanza di qualche opera gigantesca, Germani e Bretoni che lo minacciavano di guerra. Ma durante la mia infanzia, ho sentito raccontare da mio nonno che, secondo le confidenze di persone addentro ai segreti del suo cuore, la ragione di questa impresa si trova nella dichiarazione dell'astrologo Trasilo a Tiberio che si tormentava a proposito del suo successore e si orientava verso il proprio nipote: «Gaio ha tante possibilità di diventare imperatore quante ne ha di attraversare a cavallo il golfo di Baia.»

20 Allestì spettacoli anche fuori di Roma: in Sicilia, a Siracusa, giochi urbani, e in Gallia, a Lione, giochi misti; ma a Lione organizzò pure un concorso di eloquenza greca e latina, durante il quale si dice che i premi ai vincitori siano stati consegnati dai vinti che inoltre furono costretti a comporre per loro un panegirico. Quanto ai concorrenti che avevano particolarmente deluso, pare che siano stati obbligati a cancellare i loro scritti con una spugna e con la lingua, a meno che non avessero preferito essere battuti con bastoni e gettati nel fiume vicino.

21 Portò a termine i monumenti incominciati sotto Tiberio: il tempio di Augusto e il teatro di Pompeo. D'altra parte fece cominciare un acquedotto nella zona di Tivoli e un anfiteatro pressò il recinto delle elezioni: la prima di queste opere fu portata a termine dal suo successore Claudio, la seconda fu abbandonata. A Siracusa fece ricostruire le mura e i templi degli dei che il tempo aveva distrutto. Aveva anche progettato di restaurare il palazzo di Policrate a Samo, di terminare il tempio di Apollo Didimo a Mileto, di fondare una città sull'arco alpino, ma prima di tutto di tagliare l'istmo in Acaia e già era stato mandato sul luogo un primipilo per prendere le misure di questo lavoro.

22 Fino qui abbiamo parlato del principe, ora non ci resta che parlare del mostro. Non contento di aver preso moltissimi soprannomi (infatti lo si chiamava «pio», «figlio dell'accampamento», «padre degli eserciti» e «il migliore e il più grande dei Cesari»), quando un giorno sentì alcuni re, venuti a Roma per rendergli omaggio, discutere a tavola, davanti a lui, sulla nobiltà delle loro origini, gridò:
«Ci sia un solo capo, un solo re»
e poco mancò che prendesse subito la corona e sostituisse con il reame la funzione del principato. Dal momento in cui gli fecero capire che egli si era posto al di sopra dei re e dei principi, si arrogò la maestà degli dei; dato l'incarico di andare a cercare in Grecia le statue più venerate e più belle degli dei, tra le quali quella di Giove Olimpico, per sostituire la loro testa con la sua, fece prolungare fino al foro un'ala del Palatino e, trasformato in vestibolo il tempio di Castore e Polluce, se ne stava spesso in mezzo agli dei suoi fratelli e, mescolato con loro, si offriva all'adorazione dei visitatori. Alcuni arrivarono a salutarlo con il nome di Giove Laziale.

 Egli dedicò anche, alla sua divinità, un tempio speciale, un collegio di sacerdoti e vittime rarissime. In questo tempio si ergeva la sua statua d'oro, in grandezza naturale, che ogni giorno veniva rivestita con l'abito uguale a quello che lui stesso indossava. La dignità del sacerdozio veniva ottenuta di volta in volta, a forza di brogli e di offerte sempre più elevate, dai cittadini più ricchi. Le vittime erano fenicotteri, pavoni, galli cedroni, polli di Numidia, galline faraone, fagiani, e ogni giorno, nel sacrificio, si cambiava la specie. E inoltre nelle notti in cui splendeva la luna piena, egli la invitava spesso a venire ad abbracciarlo e a dividere il letto con lui, mentre durante il giorno si consultava segretamente con Giove Capitolino, ora parlando a bassa voce e tendendo a sua volta l'orecchio, ora gridando e non senza vituperi. Infatti una volta si udì la sua voce che minacciava:
«o mi innalzi, o sarò io ad innalzare te,»
finché, dicendo che il dio lo aveva supplicato e lo aveva invitato a dimorare con lui, congiunse il Palatino con il Campidoglio per mezzo di un ponte che scavalcava il tempio del Divino Augusto. Più tardi, per essere più vicino, gettò le fondamenta di una nuova casa sull'area del Campidoglio.


23 Non permetteva che lo si credesse e lo si dicesse nipote di Agrippa a causa dell'umiltà delle sue origini e si arrabbiava se qualcuno nelle opere in prosa o in versi lo citava tra gli antenati dei Cesari. Proclamava invece che sua madre era nata da un incesto di Augusto con sua figlia Giulia. Non contento di infangare in questo modo la memoria di Augusto, con il pretesto che le vittorie di Azio e di Sicilia erano state disastrose e funeste per il popolo romano, vietò di celebrarle con le feste tradizionali.
Quanto a Livia Augusta, sua bisavola, la chiamava spesso «un Ulisse in gonnella» e osò perfino rimproverarle, in una lettera al Senato, la bassezza delle sue origini, sostenendo che aveva avuto per nonno materno un decurione di Fondi, quantunque sia accertato da documenti ufficiali che Aufidio Lurco abbia esercitato magistrature a Roma. 
Quando sua nonna Antonia gli chiese un'udienza privata, non volle riceverla che in presenza del prefetto Macrone, e fu proprio per affronti e insulti di questo genere che egli provocò la sua morte; alcuni poi ritengono che l'abbia affrettata con il veleno. Quando morì non le accordò nessun onore e, standosene a tavola, contemplò da lontano le fiamme del suo rogo.
Suo cugino Tiberio fu ucciso all'improvviso da un tribuno militare, che gli aveva inviato tutto ad un tratto. Obbligò ad uccidersi anche suo suocero Silano, tagliandosi la gola con un rasoio: gli rimproverava di non averlo accompagnato un giorno che si imbarcava quando il mare era in tempesta e di essere rimasto a Roma nella speranza di diventarne padrone.
A Tiberio non perdonò di aver scoperto dal suo alito che aveva ingerito un antidoto come se volesse premunirsi contro i suoi veleni. In realtà Silano aveva voluto evitare il mal di mare e le fatiche della navigazione e Tiberio aveva preso una medicina per curarsi una tosse ostinata che si aggravava. Quanto allo zio paterno Claudio se ne ricordava solo per farsene beffe.

24 Intrattenne relazioni incestuose con tutte le sue sorelle e davanti a tutti, a tavola, le collocava a turno sotto di sé, mentre la moglie stava sopra. Per quanto riguarda Drusilla si crede che la deflorasse quando ancora portava la pretesta e che un giorno fu perfino sorpreso tra le sue braccia dalla nonna Antonia, presso la quale tutti e due venivano allevati; più tardi la portò via all'ex console Lucio Cassio, che l'aveva sposata, e la trattò pubblicamente come sua legittima moglie; ammalatosi, la nominò erede del suo patrimonio e dell'Impero. Quando Drusilla morì ordinò una sospensione generale di tutti gli affari e per tutto questo periodo fu considerato un reato, punibile con la morte, aver riso, aver fatto il bagno, aver cenato con i parenti, la moglie ed i figli. 
Poi, sconvolto dal dolore, improvvisamente una notte fuggì da Roma, attraversò la Campania e arrivò a Siracusa da dove ritornò, precipitosamente, con la barba e i capelli lunghi. Da allora, in tutte le circostanze, anche le più importanti, sia nell'assemblea del popolo, sia davanti ai soldati, non giurò più se non per la divinità di Drusilla. Non amò le altre sorelle né con tanta passione, né con tanti riguardi, perché spesso le prostituì ai suoi ignobili capricci. Gli fu più facile così, in occasione del processo di Emilio Lepido, farle condannare come adultere e come complici della congiura che costui aveva ordito contro di lui. E non si limitò a pubblicare le lettere autografe di tutte le sue sorelle, che si era procurato con l'inganno e con le sue basse voglie, ma fece anche consacrare a Marte Vendicatore tre spade preparate contro di lui, aggiungendovi un'iscrizione.

25 Quanto ai matrimoni non è facile stabilire se ci mise più sfrontatezza a contrarli, a romperli o a farli durare. Quando Livia Orestilla sposò C. Pisone, recatosi personalmente alla cerimonia per fare gli auguri, diede ordine di condurla a casa sua, poi, nel giro di pochi giorni la ripudiò, e due anni più tardi la mandò in esilio perché sembrava che, nell'intervallo di tempo, aveva ripreso la vita in comune con il suo primo marito. Secondo altri, mentre partecipava ad un banchetto nuziale, mandò a dire a Pisone, che sedeva di fronte a lui: «Non toccare mia moglie» poi, lasciando immediatamente la tavola, condusse Orestilla con sé e il giorno dopo proclamò in un editto che «aveva scoperto un tipo di matrimonio sull'esempio di Romolo e di Augusto». Lollia Paolina era sposata con l'ex console C. Memmio, comandante di armate. Caligola, avendo sentito parlare di sua nonna come di una delle più belle donne del passato, la fece subito ritornare dalla provincia, se la fece cedere da suo marito per sposarla lui stesso e ben presto la rimandò indietro, vietandole per sempre di aver rapporti carnali con chicchessia. Cesonia non era di particolare bellezza e nemmeno nel fiore degli anni, per di più aveva già avuto tre figli da un altro marito, ma era corrotta e viziosa. Provò per lei una passione ardente e duratura a tal punto che spesso la mostrò ai suoi soldati mentre cavalcava al suo fianco con mantello, scudo ed elmo; agli amici la fece vedere anche nuda. La onorò con il titolo di sposa; quando ebbe partorito, in un solo e medesimo giorno si proclamò suo marito e padre della bambina che aveva messo al mondo. Chiamata la bambina Giulia Drusilla la portò nei templi di tutte le dee e la posò nel grembo di Minerva che pregò di nutrirla e allevarla. Il segno più evidente dal quale la si riconosceva come sua figlia era la crudeltà già notevole in lei a tal punto che cercava di far male con le dita al viso e agli occhi dei fanciulli che giocavano con lei.

26 A questo punto potrebbe sembrare freddo e senza interesse esporre come trattava i parenti e gli amici, ad esempio Tolomeo, figlio del re Giuba, suo cugino (era infatti nipote di M. Antonio per via della figlia Selene che era sua madre) e, sopra tutti, lo stesso Macrone e la stessa Ennia, che lo avevano aiutato a conquistare il potere. Tutti, come prezzo della loro parentela e come ringraziamento per i loro servigi, morirono di morte cruenta. Non fu meno irrispettoso e crudele verso i senatori: lasciò che alcuni di loro, che avevano esercitato le più alte magistrature, corressero con la toga, per lunghissimi tratti di strada, accanto al suo carro, e che restassero in piedi mentre cenava, ora alla testiera, ora al fondo del suo letto, con una salvietta attorno alla vita. Alcuni furono giustiziati in segreto e ciò nonostante continuò a chiamare i loro nomi, come se vivessero ancora, poi, nel giro di pochi giorni, disse, mentendo, che si erano suicidati. Certi consoli che avevano dimenticato di pubblicare un proclama per l'anniversario della sua nascita furono privati del loro incarico e per tre giorni lo Stato rimase senza la sua suprema magistratura. Poiché un suo questore era stato indicato come membro di quella congiura, ordinò di flagellarlo, dopo avergli tolto i vestiti che i soldati misero sotto i propri piedi, per ben assestare i loro colpi. Con uguale superbia e pari brutalità trattò tutti gli altri ordini. Svegliato nel sonno dal rumore di coloro che, a mezzanotte, si sistemavano nei posti gratuiti del circo, li fece cacciare tutti a colpi di bastone; durante lo scompiglio rimasero contusi più di venti cavalieri romani, altrettante matrone, senza contare una turba incalcolabile di altri spettatori. In occasione delle rappresentazioni teatrali, per provocare risse tra la plebe e i cavalieri, faceva distribuire le decime prima del tempo, in modo che i seggi riservati all'ordine equestre fossero occupati dalla feccia del popolo. Qualche volta, durante un combattimento di gladiatori, faceva ripiegare il velo protettivo, mentre il sole picchiava implacabile, poi vietava a tutti di uscire e, allontanati dall'arena i campioni abituali, li sostituiva con bestie malandate, con gladiatori di scarto, sfiniti dalla vecchiaia e, come schermidori, con padri di famiglia conosciuti, ma afflitti da qualche infermità di corpo. Per di più arrivò spesso a chiudere i granai pubblici e ad annunciare al popolo una carestia.

27 La ferocità della sua natura si manifestò soprattutto da questi fatti. Poiché era troppo costoso procurarsi il cibo per sfamare gli animali selvaggi destinati ai giochi, designò un certo numero di condannati perché venissero divorati e, passando in rivista le varie prigioni, senza consultare nessun registro, si pose semplicemente in mezzo al portico e ordinò di portarli tutti indistintamente alle belve. Poiché un uomo aveva fatto voto di battersi come gladiatore se lui fosse guarito da una malattia, lo obbligò ad esibirsi, stette a guardarlo mentre combatteva con la spada e non lo lasciò andare se non dopo molte preghiere e solo quando risultò vincitore. Un altro, che per lo stesso motivo, si era votato alla morte, esitava ad ammazzarsi, allora lo affidò ai fanciulli e raccomandò loro di condurlo in giro per i diversi quartieri, tutto inghirlandato di verbena come una vittima, ricordandogli la promessa, fin tanto che non si fosse gettato dal terrazzo delle esecuzioni. Molte persone di rango onorevole furono prima marchiate con il ferro e poi condannate alle miniere, ai lavori stradali o ad essere divorati dalle belve, oppure costrette a tenersi a quattro zampe in una gabbia, come animali, oppure furono tagliate a metà con una sega; e questo avveniva non per gravi motivi, ma semplicemente per aver criticato uno dei suoi spettacoli o perché qualcuno non aveva giurato per il suo genio. Costringeva i parenti ad assistere all'esecuzione dei loro figli: quando uno di loro si scusò perché era ammalato, gli mandò la sua lettiga. Invitò un altro che ritornava proprio dall'esecuzione alla sua tavola e impiegò tutto il suo buon umore per farlo ridere e scherzare. Per più giorni consecutivi un intendente dei giochi e delle cacce fu flagellato con catene in sua presenza e lo fece uccidere solo quando si sentì infastidito dall'odore del cervello in putrefazione. Un autore di atellana, solo per un verso che conteneva una battuta a doppio senso, fu bruciato nell'anfiteatro, in mezzo all'arena. Quando un cavaliere romano, condannato ad essere divorato dalle belve, proclamò la propria innocenza, diede ordine di portarlo indietro, di tagliargli la lingua e di riportarlo al supplizio.

28 Chiese ad un esiliato di un tempo, che lui stesso aveva richiamato in patria, che cosa fosse solito fare durante l'esilio e quello, con l'intenzione di adularlo, rispose: «Ho sempre pregato gli dei di ciò che è poi accaduto: far morire Tiberio e dare a te l'Impero.» Pensò allora che gli esiliati da lui pregassero per la sua morte e mandò esecutori nelle isole per ucciderli tutti. Desiderando fare a pezzi un senatore aizzò alcuni suoi colleghi che, tutto ad un tratto, quando lo videro entrare in curia, lo aggredirono come se fosse un nemico pubblico, lo trafissero con i loro stili e lo lasciarono agli altri perché venisse fatto a brani. Caligola fu sazio solo quando vide le sue membra e le sue interiora trascinate per la strada e gettate davanti a lui.

29 Ma rendeva più gravi i delitti più mostruosi con l'atrocità delle parole. Ciò che ammirava e apprezzava di più nel suo carattere, diceva, era, tanto per usare proprio la sua espressione, l'inverecondia. Quando sua nonna Antonia gli inviò una rimostranza, le rispose, come se fosse poco non obbedirgli: «Ricordati che a me è lecito tutto e nei confronti di tutti.» Sul punto di far sgozzare suo cugino, sospettava che, per timore di essere avvelenato, questi si premunisse con antidoti e allora disse: «Come? Un antidoto contro Cesare?» Alle sorelle esiliate diceva, con tono dì minaccia che «egli non solo aveva isole ma anche spade». Poiché un anziano pretore dal suo ritiro di Anticira ove si era rifugiato per motivi di salute, gli chiedeva di prolungargli più spesso il congedo, mandò l'ordine di ucciderlo e aggiunse che quel pretore aveva bisogno di un salasso dal momento che, dopo tanto tempo non era stato guarito dall'elleboro. Ogni nove giorni firmava la lista dei prigionieri da giustiziare e diceva che liquidava i suoi conti. Poiché in una volta sola aveva condannato numerosi galli e greci, si vantava di «aver sottomesso la Gallo-Grecia».

30 Non ammise, per così dire, che si uccidesse qualcuno se non con piccole e insistenti ferite e d'altra parte era ben conosciuta la sua continua raccomandazione: «Venga ferito in modo che si accorga di morire.» Quando, per un errore di nome, fu ucciso un condannato diverso da quello designato, egli disse che l'uno e l'altro avevano meritato la stessa pena. Ripeteva spesso questi versi di una tragedia: «Provino pure odio per me, purché mi temano.» Si accanì spesso contro tutti i senatori, quasi fossero tutti clienti di Seiano e delatori di sua madre e dei suoi fratelli, producendo tutti i documenti di accusa che aveva finto di bruciare, e giustificò la crudeltà di Tiberio che non poteva fare a meno di credere a tanti accusatori. 
Diffamò incessantemente l'ordine equestre, attribuendogli una passione esclusiva per gli spettacoli teatrali e i giochi dell'arena. Furioso di vedere che la folla aveva simpatie diverse dalle sue, esclamò: «Almeno il popolo romano avesse una testa sola!» Un giorno che il popolo reclamava per l'arena il bandito Tetrinio, dichiarò: «che anche quelli che lo reclamavano erano banditi come Tetrinio.» Quando cinque reziari, vestiti della sola tunica, si fecero sconfiggere, senza opporre nessuna resistenza, da un ugual numero di avversari, la folla impose che fossero uccisi, ma allora uno di essi riprese il suo tridente e ammazzò i cinque vincitori. Caligola non solo deplorò con un editto quel massacro che definiva abominevole, ma coprì di insulti coloro che ne avevano sopportato lo spettacolo.

31 Di norma si lamentava anche apertamente della sventura della sua epoca, perché non era caratterizzata da nessuna disgrazia pubblica, mentre il principato di Augusto era stato reso famoso dal disastro di Varo e quello di Tiberio dal crollo dell'anfiteatro di Fidene. Il suo invece sarebbe stato condannato all'oblio a causa della sua prosperità. Così si augurava ogni momento un massacro delle sue armate, una carestia, una pestilenza, qualche incendio, un cataclisma qualsiasi.

32 Anche nei momenti di svago, quando si dava al gioco e ai banchetti, si ritrovava non poca crudeltà sia nelle sue parole, sia nei suoi atti. Spesso mentre mangiava o era immerso nelle orgie, si tenevano seri processi con relative torture e un soldato, specialista in questo genere di attività, tagliava la testa a prigionieri estratti a sorte dal carcere. A Pozzuoli, quando inaugurò il ponte che aveva ideato di costruire, come già abbiamo detto, chiamò presso di sé una folla numerosa che si era assiepata sulla spiaggia, poi improvvisamente la fece gettare in mare e poiché alcuni si aggrappavano ai timoni, ordinò di allontanarli a colpi di remi e di pertiche. 
A Roma, durante un banchetto pubblico, poiché un servo aveva staccato da un divano una lamina d'argento, gli fece tagliare subito le mani dal carnefice, gliele fece appendere al collo, penzolanti sul petto, e lo costrinse a circolare tra i vari gruppi di convitati, preceduto da un cartello che spiegava il motivo della sua punizione. Un mirmillone, di una scuola di gladiatori, mentre si esercitava con lui con i bastoni, si lasciò cadere a terra volontariamente, ma lui lo uccise con un pugnale di ferro e si mise a correre in tutte le direzioni, tenendo in mano una palma, alla maniera dei vincitori. 
Un giorno, mentre la vittima era già presso l'altare, egli, con la toga arrotolata fino alla cintura, in abito di ministro dei sacrifici, sollevò bene in alto il maglio e immolò il sacrificatore. Durante un sontuoso banchetto, tutto ad un tratto si mise a ridere sguaiatamente e poiché i consoli che stavano seduti accanto a lui gli chiesero pacatamente per quale ragione ridesse, rispose: «Perché penso che, con un solo gesto della mano vi potrei far sgozzare tutti e due, all'istante

33 Ed ecco alcuni esempi delle sue facezie. Mettendosi a fianco di una statua di Giove chiese all'attore tragico Apelle quale dei due gli sembrasse più grande e poiché quello esitava a rispondere lo fece flagellare, lodando a più riprese la sua voce supplicante che trovava particolarmente dolce perfino nei lamenti. Ogni volta che baciava il collo di sua moglie o di una sua amante, aggiungeva: «Questa testa affascinante potrebbe cadere, solo che io lo ordinassi.» Peggio ancora, ripeteva spesso che «sarebbe ricorso anche alla tortura per sapere dalla sua diletta Cesonia perché lo amava tanto».

34 Con livore e cattiveria, non inferiori alla superbia e alla crudeltà, se la prese con quasi tutti gli uomini del suo tempo. Le statue dei personaggi illustri, che Augusto aveva fatto trasportare dalla piazza del Campidoglio, divenuta ormai troppo stretta, al Campo di Marte, furono abbattute per suo ordine e fatte a pezzi in modo che, più tardi non fu più possibile restaurarle con le loro iscrizioni intere; per il futuro vietò di erigere, in un luogo qualsiasi, la statua o l'immagine di chiunque fosse ancora vivo, senza il suo parere e il suo ordine. Pensò perfino di distruggere i poemi di Omero dicendo: «Perché non potrei fare come Platone che li ha banditi dalla sua repubblica?» Ma poco mancò che facesse togliere da tutte le biblioteche gli scritti e i ritratti di Virgilio e di Tito Livio, perché rimproverava a uno di non avere nessun ingegno e di essere ignorante, all'altro di essere uno storico prolisso e inesatto. Se la prese anche con i giuristi, quasi avesse l'intenzione di abolire la loro scienza e spesso affermò: «Per Ercole, farò in modo che non possano dare nessuna risposta a prescindere da me

35 Tolse ai più nobili cittadini le antiche distinzioni delle loro famiglie, a Torquato la collana, a Cincinnato la capigliatura, a Cn. Pompeo, che apparteneva a questa antica stirpe, il soprannome di Grande. Quanto a Tolomeo, del quale già ho parlato, lo fece venire dal suo regno, lo accolse con onore e poi, improvvisamente, lo condannò a morte solo perché si era accorto che, entrando nell'anfiteatro dove lui stesso dava uno spettacolo, aveva attirato gli sguardi di tutti per lo splendore del suo manto di porpora. Tutte le volte che incontrava qualcuno che aveva una bella chioma, gli faceva radere la testa sul di dietro per deturparlo. Viveva allora un certo Esio Proculo, figlio di un primipilo, che per la sua figura e la sua bellezza straordinaria era stato soprannominato «Colosserote»; durante un giorno di spettacolo Caligola lo fece prelevare dal suo posto, trascinare nell'arena e mettere alle prese prima con un tracio, poi con un gladiatore dotato di armi pesanti, ma, poiché era uscito due volte vincitore, ordinò di legarlo senza indugio, di condurlo per tutti i quartieri della città coperto di stracci, di mostrarlo alle donne e poi di sgozzarlo. Non vi fu insomma nessuno, anche della condizione più disgraziata e della sorte più umile, del quale non invidiasse i vantaggi. Al gran sacerdote di Diana, da lungo tempo in possesso della carica, oppose un concorrente più robusto. Un giorno di spettacolo, Porio, gladiatore che combatteva sul carro, si era fatto calorosamente applaudire perché, dopo una vittoria, aveva dato la libertà ad un suo schiavo: Caligola si slanciò così precipitosamente fuori dell'anfiteatro che inciampò nell'orlo della sua toga e cadde a testa in giù nel mezzo dei gradini, gridando la sua indignazione contro il popolo padrone delle genti che, per il motivo più futile, accordava maggior onore ad un gladiatore piuttosto che agli imperatori divinizzati o a lui stesso, presente in quel momento.

36 Non ebbe riguardi né per il suo pudore, né per quello degli altri. Si dice che M. Lepido, Mnestero il pantomimo e alcuni ostaggi furono oggetto della sua passione e che tenne con loro ignobili rapporti. Valerio Catullo, giovane di una famiglia di ex consoli, arrivò perfino a gridare che Caligola lo aveva violentato e che aveva i fianchi sfiniti per i suoi rapporti con l'imperatore. Oltre alle relazioni incestuose con le sorelle e alla ben nota passione per la prostituta Pirallide, non rispettò nessuna donna, fra quelle di illustre condizione. Generalmente le invitava a cena con i loro mariti, poi, quando passavano davanti a lui, le esaminava attentamente, con calma, alla maniera dei mercanti di schiavi, sollevando loro la testa con le mani, se per vergogna la tenevano abbassata; poi usciva dalla sala da pranzo tutte le volte che ne aveva voglia, conducendo con sé la donna che aveva le sue preferenze e quando poco dopo vi ritornava, con i segni evidenti della voglia appena soddisfatta, lodava o criticava apertamente, punto per punto, ciò che aveva trovato sgradevole o difettoso nel corpo di ciascuna e nei suoi rapporti con lei. Ad alcune notificò lui stesso il divorzio a nome del marito assente, e ordinò che il documento fosse trascritto negli atti ufficiali.

37 Le sue prodigalità superarono tutte quelle immaginate fino a lui: inventò un nuovo genere di bagni, costosissimi tipi di cibi e di pasti, sia immergendosi in essenze calde e fredde, sia sorbendo perle preziosissime liquefatte nell'aceto e facendo servire ai suoi commensali pani e alimenti d'oro, perché ripeteva continuamente che doveva essere o un uomo frugale o un Cesare. Per di più stanziò una somma considerevole da far cadere, per più giorni, dall'alto della basilica Giulia sul popolo. Fece anche costruire navi liburniche a dieci ordini di remi, con le poppe ornate di pietre preziose, le vele a colori cangianti, sulle quali si trovavano terme, portici, ampie sale da pranzo e perfino diverse qualità di vigne e di piante fruttifere: con queste navi, sedendo a banchetto, in pieno giorno, tra danze e concerti, veleggiava lungo le coste della Campania. Quando si faceva costruire palazzi o case di campagna ciò che in lui superava ogni altra considerazione era il desiderio di vedere eseguito quello che veniva considerato irrealizzabile. Così furono gettate dighe in un mare pericoloso e profondo, furono tagliate rocce di pietra durissima, furono innalzate pianure, con terra di riporto, all'altezza dei monti e, mediante scavi, furono livellate le cime delle montagne, tutto con una rapidità incredibile, perché ogni ritardo veniva punito con la morte. Insomma, senza scendere nei particolari, in meno di un anno, sperperò somme enormi e tutto il famoso patrimonio di Tiberio che ammontava a due miliardi e settecento milioni di sesterzi.

38 Alla fine, esausto e senza risorse, si diede alle rapine, inventando le forme più diverse e più ingegnose, di vendite all'asta e di imposte. Rifiutò di riconoscere il diritto di cittadinanza romana ai discendenti di coloro che lo avevano ottenuto per sé e per la propria posterità, a meno che non si trattasse dei loro figli, perché voleva che la parola «posterità» si intendesse riferita soltanto alla prima generazione. Quando gli venivano presentati diplomi di cittadinanza accordati dal divino Giulio o dal divino Augusto, li buttava via considerandoli troppo vecchi e superati. Incriminava anche, per dichiarazione inesatta, coloro il cui patrimonio si era accresciuto dopo l'ultimo censimento, poco importava per quale motivo e in che proporzione. Annullò, con il pretesto dell'ingratitudine, i testamenti dei centurioni primipili, morti dopo l'inizio del principato di Tiberio, che non avevano lasciato niente né a quell'imperatore né a lui; allo stesso modo, con il pretesto della nullità, rese inefficaci i testamenti di altri cittadini che, secondo la dichiarazione di una persona qualsiasi, avevano avuto l'intenzione di morire lasciando Cesare loro erede. 

Gettato in questo modo il panico, persone sconosciute si misero a dichiararlo pubblicamente erede alla pari con i loro amici, i loro parenti e i loro figli, ma lui li trattava da beffeggiatori, perché, dopo una simile dichiarazione, si ostinavano a vivere e a molti mandò manicaretti avvelenati. Istruiva personalmente processi di questo genere e, fissando fin dall'inizio la somma che voleva ricavarne, non toglieva la seduta finché non l'aveva ottenuta. Incapace di sopportare anche il più piccolo ritardo, un giorno, con una sola sentenza, condannò più di quaranta persone accusate di crimini diversi e, quando Cesonia si svegliò, si vantò con lei dell'enorme mole di lavoro che aveva sbrigato mentre essa riposava. Annunciata un'asta, espose e mise in vendita i resti di tutti gli spettacoli, fissando lui stesso il prezzo e alzando a tal punto le offerte che alcune persone, costrette ad acquistare alcuni lotti con una spesa esorbitante, spogliati di tutti i loro averi, si aprirono le vene. Tutti conoscono il caso di Aponio Saturnino: mentre dormicchiava su un banco, Gaio avvertì il banditore di non dimenticare quel vecchio pretore che, con frequenti segni della testa accettava le sue offerte e non pose fine alla vendita se non dopo avergli aggiudicato, a sua insaputa, tredici gladiatori al prezzo di nove milioni di sesterzi.

39 Per di più, poiché aveva venduto in Gallia, a prezzi spropositati, gli ornamenti, il mobilio, gli schiavi e perfino i liberti delle sue sorelle, dopo la loro condanna, allettato dalla possibilità di guadagno, fece venire da Roma tutto il materiale dell'antica corte, requisendo per il trasporto le vetture da noleggio e i cavalli da mulino. Roma in tal modo fu spesso priva di pane e molti di coloro che erano implicati in un processo, non potendo comparire in tribunale il giorno stabilito, persero la causa, in quanto assenti. Per disfarsi di tutto questo materiale, Caligola si servì di ogni tranello e di ogni raggiro, ora rimproverando a tutti di essere avari e di non vergognarsi di essere più ricchi di lui, ora fingendosi rammaricato di offrire materiale da principi a semplici cittadini. Era venuto a sapere che un ricco provinciale aveva versato duecentomila sesterzi ai suoi maggiordomi per essere ammesso con l'inganno ad una sua cena, e non trovò sconveniente che così alto si pagasse l'onore di sedere alla sua tavola: il giorno dopo, vedendo questo personaggio assistere ad un'asta, gli fece aggiudicare una cosa da niente per duecentomila sesterzi e gli mandò a dire che avrebbe cenato con Cesare, su suo invito personale.

40 Fece riscuotere imposte di tipo completamente nuovo, inizialmente dai consueti esattori, poi, dal momento che la rendita era enorme, dai centurioni e dai tribuni delle coorti pretoriane, perché non vi era nessuna categoria di oggetti o di persone che non fosse colpita da una tassa. Sui commestibili venduti in tutte le città venivano riscossi diritti rigorosamente determinati; sui processi e sulle cause, in qualsiasi luogo intentati, si prelevava la quarantesima parte della somma in questione e si comminava una sanzione contro chiunque, prove alla mano, avesse concluso un affare o vi avesse rinunciato. I facchini dovevano versare l'ottava parte dei guadagni giornalieri, le prostitute ciò che guadagnavano da una visita e al relativo articolo della legge si aggiunse un emendamento per il quale erano tenuti a pagare la tassa sia le prostitute, sia i lenoni e anche chi aveva contratto matrimonio.

41 Poiché le imposte di questo genere erano state annunciate, ma non rese pubbliche, vi furono molte infrazioni alla legge, perché se ne ignorava il testo, tanto che, dietro le insistenze del popolo, Caligola la fece pubblicare, ma in lettere così piccole e in uno spazio così ristretto che nessuno poté farne una copia. E non volendo poi trascurare nessun tipo di ruberia, installò sul Palatino una casa di piacere, dove, in numerose celle separate le une dalle altre e arredate secondo la dignità del luogo, vi fossero donne e giovani ragazzi, quindi mandò i suoi nomenclatori a percorrere le piazze e le basiliche per invitare agli spassi i giovani e i vecchi; concesse prestiti contro interesse ai visitatori, appositi agenti notavano pubblicamente i loro nomi, perché essi contribuivano ad aumentare i redditi dell'imperatore. Nemmeno lasciò perdere i profitti del gioco, ma vi guadagnò soprattutto con la menzogna e con lo spergiuro; un giorno, dato l'incarico a un vicino di giocare al suo posto, si diresse verso l'atrio del palazzo e vide passare due cavalieri romani; ordinò immediatamente di arrestarli e di confiscare i loro beni, poi ritornò tutto soddisfatto, vantandosi di non aver mai avuto più fortuna ai dadi.

42 Quando gli nacque una figlia, si lamentò di essere povero, di avere ormai, oltre al peso delle responsabilità imperiali, anche quelle di padre e raccolse offerte per il mantenimento e la dote della fanciulla. Con un editto annunciò perfino che avrebbe accettato strenne all'inizio dell'anno e, per le calende di gennaio, se ne stette nel vestibolo del suo palazzo, allo scopo di ricevere l'argento che persone di tutte le classi versavano davanti a lui a piene mani e a piena toga. Infine, acceso dal desiderio di essere in contatto con l'oro, spesso passeggiava a piedi nudi su enormi mucchi di pezzi dorati e vi si voltolava con tutto il corpo per lungo tempo.

43 Solo una volta si cacciò in guerra e in imprese militari, e non in seguito ad una decisione ponderata, ma perché un giorno in cui era arrivato fino a Mevania, per vedere il bosco e il fiume del Clitumno, avvertendolo che bisognava completare l'effettivo della sua guardia batava, gli venne l'idea di intraprendere una spedizione contro i Germani. Senza por tempo in mezzo fece venire da tutte le parti le legioni e i corpi ausiliari, promosse reclutamenti in tutto l'Impero, con il massimo rigore, e ammassò approvvigionamenti di tutti i generi, tali che non se ne erano mai visti, poi Si mise in viaggio; la sua marcia talvolta era così rapida e affrettata che le coorti pretoriane, per poterlo seguire, dovevano caricare le loro insegne sulle bestie da soma, contrariamente all'usanza; tal altra diveniva così lenta e molle che viaggiava in una lettiga mossa da otto portatori e faceva spazzare e bagnare le strade dalla plebe delle città vicine per evitare la polvere.

44 Dopo il suo arrivo al campo, per darsi le arie di capo vigile e rigoroso, congedò, degradandoli, alcuni luogotenenti che avevano condotto in ritardo gli ausiliari dai differenti paesi; poi, passando in rivista l'esercito, eliminò, con il pretesto della vecchiaia e della debolezza, la maggior parte dei centurioni primipili, ufficiali già maturi, alcuni dei quali avevano ancora soltanto pochi giorni di servizio da compiere. Quanto agli altri, accusandoli di avidità, ridusse a seicentomila sesterzi il loro premio di collocamento a riposo. Poi tutta la sua impresa si ridusse a ricevere la sottomissione di Adminio, il figlio di Cinobellino, re dei Britanni, che, scacciato dal padre, si era rifugiato presso di lui con un'esile scorta, tuttavia scrisse a Roma una lettera pomposa come se avesse conquistato tutta quanta l'isola e raccomandò ai suoi corrieri di non scendere dalla vettura se non quando fossero giunti nel foro e davanti alla curia, e di consegnare il messaggio ai consoli soltanto nel tempio di Marte, alla presenza dei senatori riuniti in gran numero.

45 In seguito, non sapendo contro chi battersi, ordinò ad alcuni Germani della sua guardia di attraversare il Reno e di nascondersi, poi diede disposizione perché, con il più vivo allarme, gli si venisse ad annunciare, dopo pranzo, che il nemico si avvicinava. Ricevuta la notizia, si precipitò nella selva vicina, seguito dagli amici e da una parte della cavalleria pretoriana, ordinò di abbattere alcuni alberi e di disporli in forma di trofeo, quindi, ritornato indietro al lume delle torce, trattò da poltroni e da ignavi coloro che non lo avevano seguito, mentre assegnò ai suoi compagni e a tutti i partecipi della sua vittoria, corone di specie e di denominazione assolutamente nuove, ornate di sole, di luna e di stelle, che egli chiamò «corone esploratorie». Un'altra volta fece partire di nascosto alcuni ostaggi presi da una scuola elementare e poi, lasciato improvvisamente il banchetto, li inseguì con la cavalleria, come se fossero dei fuggitivi, li arrestò e li riportò indietro tutti incatenati; in questa farsa andò oltre ogni limite, perché, una volta tornato alla cena, quando i suoi ufficiali vennero a dirgli che le truppe erano riunite, egli li pregò di mangiare insieme con lui, così come stavano, con le corazze, e li esortò, citando il notissimo verso di Virgilio, «a perseverare e a conservarsi per i giorni felici». Nel mezzo di queste contraffazioni indirizzò al Senato lontano e al popolo un severissimo editto, nel quale rimproverava loro «di banchettare a ore impossibili, di andare al circo, a teatro e nei ritrovi graditi, mentre Cesare combatteva e si esponeva a terribili pericoli».

46 Alla fine, come se si accingesse a por termine alla guerra, fece schierare le truppe, disporre le baliste e le macchine sulla riva dell'Oceano, senza che nessuno sapesse o intuisse le sue intenzioni, poi tutto ad un tratto ordinò di raccogliere le conchiglie e di riempirne gli elmi e le vesti, dicendo che quelle erano le spoglie dell'Oceano dovute al Campidoglio e al Palatino. In ricordo della sua vittoria fece costruire una torre molto alta, dove i fuochi dovevano brillare tutte le notti, come sulla cella del Faro, per illuminare la rotta delle navi; dopo aver annunciato ai soldati una ricompensa di cento denari a testa, disse loro, come se avesse dato prova di una generosità senza paragoni: «Andate, andate, lieti e ricchi

47 Da allora si occupò del suo trionfo: oltre ai prigionieri e ai transfughi barbari, egli fece anche scegliere tra i Galli e riservare per il corteo tutti gli uomini più alti e, come egli stesso diceva, «i più degni di un trionfo», dei quali alcuni appartenevano alla nobiltà e li obbligò non soltanto a tingere in rosso e a lasciar cadere i capelli, ma anche a studiare la lingua dei Germani e a prendere dei nomi barbari. Diede anche disposizioni perché le triremi che aveva condotto sull'Oceano, fossero trasportate a Roma, fin dove possibile, per via di terra. Per di più scrisse agli intendenti del fisco «di preparargli il trionfo meno costoso, e tuttavia il più splendido che si fosse mai visto, poiché poteva disporre dei beni di tutti».

48 Prima di lasciare la provincia elaborò un progetto di una atrocità terribile, quello di massacrare le legioni che un tempo si erano ribellate, dopo la morte di Augusto, perché esse avevano assediato sia suo padre Germanico, che le comandava, sia lui stesso, che era ancora fanciullo; con molta fatica fu trattenuto da una simile follia, ma in nessun modo si poté impedire che continuasse ad esigere la decimazione. Lì fece dunque venire all'assemblea senza armi e anche senza spada, poi li circondò con la cavalleria armata. Quando però si accorse che la maggior parte dei soldati, sospettando le sue intenzioni, sfuggiva per andarsele a riprendere, allo scopo di difendersi in caso di violenza, se ne andò dall'assemblea e si diresse immediatamente verso Roma, scaricando tutto il suo furore sul Senato, che minacciava apertamente, per creare una diversione a dicerie così vergognose; tra l'altro si lamentò di essere stato defraudato di un trionfo completo, quantunque egli stesso, poco tempo prima, sotto pena di morte, avesse vietato ogni deliberazione relativa agli onori da decretargli.

49 Così, ricevendo durante il viaggio i delegati del Senato che lo pregavano di affrettare il suo ritorno, gridò con quanto fiato aveva in gola: «Verrò, verrò, e questo con me,» battendo più volte il manico del pugnale che portava alla cintura. Inoltre per mezzo di un editto proclamò che «tornava, ma soltanto per coloro che lo desideravano, per l'ordine equestre e per il popolo, giacché ormai per il Senato non sarebbe stato più né un cittadino né un principe». Non volle che nessuno dei senatori gli venisse incontro e, rinunciando al trionfo, o rinviandolo, entrò in Roma con gli onori dell'ovazione il giorno del suo compleanno. Morì meno di quattro mesi dopo, meditando crimini ancora più efferati di quelli di cui aveva avuto il coraggio di rendersi colpevole, perché aveva deciso di trasferirsi prima ad Anzio, poi ad Alessandria, dopo aver messo a morte tutti i membri più eminenti dei due ordini. Perché nessuno abbia dubbi, diremo che tra le sue carte segrete furono trovati due libretti intitolati diversamente: uno recava l'intestazione «spada», l'altro «pugnale»; tutti e due contenevano i nomi e le colpe dei destinati a morte. Si scoprì anche una grande cassa piena di vari veleni e quando Claudio la fece gettare in mare si dice che questo ne fu inquinato e che i flutti buttarono pesci morti sulla spiaggia.

50 Caligola aveva la statura alta, il colore livido, il corpo mal proporzionato, il collo e le gambe estremamente gracili, gli occhi infossati e le tempie scavate, la fronte larga e torva, i capelli radi e mancanti alla sommità della testa, il resto del corpo villoso. Per queste ragioni, quando passava, era un delitto, punibile con la morte, guardarlo da lontano o dall'alto o semplicemente pronunciare, per un motivo qualsiasi, la parola capre. Quanto al volto, per natura orribile e ripugnante, si sforzava di renderlo ancora più brutto studiando davanti allo specchio tutti gli atteggiamenti della fisionomia capaci di ispirare terrore e paura. La sua salute non fu ben equilibrata né fisicamente né psichicamente. Soggetto ad attacchi di epilessia durante la sua infanzia, divenuto adolescente, era abbastanza resistente alle fatiche, ma qualche volta, colto da un'improvvisa debolezza, poteva a mala pena camminare, stare in piedi, riprendersi e sostenersi. Lui stesso si era accorto del suo disordine mentale e più di una volta progettò di ritirarsi per snebbiarsi il cervello. Si crede che sua moglie Cesonia gli fece bere un filtro d'amore, ma che ciò lo rese pazzo. Soffriva soprattutto di insonnia e non riusciva a dormire più di tre ore per notte e nemmeno in tranquillità, perché era turbato da visioni strane. Una volta, tra le altre, gli sembrò di trovarsi a colloquio con lo spettro del mare. Così, generalmente, per buona parte della notte, stanco di vegliare o di stare sdraiato, ora si metteva seduto sul suo letto, ora vagava per gli immensi portici, attendendo e invocando il giorno.

51 Si potrebbe giustamente attribuire al suo disordine mentale il fatto che in lui si unissero due vizi completamente opposti, da urla parte un'estrema insolenza e dall'altra una paura eccessiva. Infatti, proprio lui che aveva per gli dei il più profondo disprezzo, sbarrava gli occhi e si copriva la testa al minimo accenno di tuoni e fulmini, e se si facevano più violenti, saltava subito dal suo giaciglio e si nascondeva sotto il letto. Durante un viaggio in Sicilia, dopo essersi beffato ben bene delle superstizioni dell'isola, se ne fuggì improvvisamente da Messina, in piena notte, spaventato dal fumo e dai boati che uscivano dalla sommità dell'Etna. Ancora, a dispetto di tutte le smargiassate rivolte all'indirizzo dei barbari, un giorno che attraversava con un carro, al di là del Reno, una postazione dove le truppe si ammassavano in poco spazio, qualcuno si arrischiò a dire che un'improvvisa apparizione del nemico avrebbe provocato una rotta spaventosa, e lui montò subito a cavallo, ritornò in tutta fretta verso i ponti, ma trovandoli ingombri di portabagagli e di carri da trasporto, nella sua insofferenza di aspettare si fece portare a braccia, sopra le teste, all'altra sponda. Più tardi, perfino alla notizia che la Germania si stava ribellando, si disponeva a fuggire e teneva pronte le navi, consolandosi solamente al pensiero che gli sarebbero rimaste sicuramente le province d'oltremare, qualora, una volta vincitori, i Germani avessero occupato le cime delle Alpi, come già avevano fatto i Cimbri, o la stessa Roma, come i Senoni. Così, credo, sia venuta più tardi, ai suoi assassini, l'idea di far credere ai soldati, già pronti ad una rivolta, che egli, atterrito alla notizia di una disfatta, si era ucciso con le sue stesse mani.

52 Le sue vesti, le sue calzature, il suo portamento in generale non furono mai degni di un romano, di un cittadino e nemmeno del suo sesso e, per concludere, neanche di un essere umano. Spesso apparve in pubblico indossando mantelli ricamati, tempestati di pietre preziose, una tunica con larghe maniche e braccialetti vari; qualche altra volta invece vestito di seta, con una lunga veste bordata d'oro; ai piedi portava ora dei sandali o dei coturni, ora scarpe da esploratore, qualche volta calzature femminili. Spesso lo si vide con la barba dorata, mentre teneva in mano gli attributi degli dei, il fulmine, il tridente o il caduceo, e perfino vestito da Venere. Per quanto concerne le insegne del trionfo, le portò normalmente anche prima della sua spedizione e qualche volta indossò perfino la corazza di Alessandro Magno che aveva fatto togliere dal suo sepolcro.

53 Quanto agli studi liberali, aveva poca cultura, ma si applicò più seriamente all'eloquenza, sebben avesse la parola facile e pronta, soprattutto quando doveva discutere contro qualcuno. La collera gli forniva le parole e le dee, condizionava la sua pronuncia e perfino la sua voce in modo che nella foga del discorso non poteva star fermo nello stesso posto e si faceva intendere anche dalle persone più lontane. Prima di cominciare un discorso, dichiarava in tono minaccioso che «avrebbe brandito il dardo delle sue meditazioni notturne» disprezzando a tal punto lo stile ricercato e ornato che rinfacciava alle opere di Seneca, l'autore allora più ammirato, «di essere semplici tirate teatrali» e «sabbia senza calcina». Soleva anche comporre risposte ai discorsi degli oratori che avevano avuto successo e di preparare l'accusa e la difesa dei personaggi importanti, incriminati davanti al Senato, poi, secondo il rendimento della sua penna, di parlare in favore o contro di loro, e in queste occasioni invitava con un editto tutti i cavalieri a venire ad ascoltarlo.

54 Inoltre si dedicò pure con passione a tutti gli altri generi di arti, le più diverse tra loro. Di volta in volta gladiatore tracio, e cocchiere, ballerino e cantante, si esercitava con armi di combattimento o conduceva i carri nei circhi edificati in vari luoghi. Provava un tal piacere nel canto e nella danza che, anche durante spettacoli pubblici non poteva fare a meno di accompagnare la voce dell'attore tragico e di ripetere davanti a tutti i gesti dell'istrione, come per approvarli o correggerli. Sembra che soltanto per questo motivo abbia ordinato una veglia il giorno prima della sua morte, per fare cioè il suo debutto sulla scena con il favore della notte. Spesso danzava anche di notte; una volta, nel corso della seconda vigilia convocò al Palatino tre ex consoli e quando essi giunsero pieni delle più terribili apprensioni li fece salire su un palco quindi, improvvisamente, con un gran fracasso di flauti e di fischietti, saltò fuori indossando un mantello e una tunica lunga, eseguì una danza accompagnata dal canto e scomparve. Eppure lui che imparava così facilmente tutto, non seppe mai nuotare.

55 Quando aveva della simpatia per qualcuno, lo favoriva sino alla follia. Abbracciava il pantomimo Mnestero, anche in pieno spettacolo e se qualcuno si permetteva il minimo brusio mentre danzava, lo faceva tirar su dal suo posto e lo flagellava con le sue mani. Per mezzo di un centurione ordinò ad un cavaliere romano che aveva fatto baccano di partire immediatamente per Ostia e di portare a Ptolomeo, re della Mauritania, un suo biglietto che diceva così: «Non fare né del bene, né del male a costui che ti mando.» Mise alcuni gladiatori traci alla testa della sua guardia germanica; ridusse l'armatura dei mirmilloni e a un certo Colombo, che quantunque vincitore, era stato leggermente ferito, fece mettere un po' di veleno nella piaga, che, per questo motivo, chiamò «veleno Colombo». Con questa etichetta, scritta di suo pugno, fu almeno trovato tra gli altri veleni. Era talmente tifoso della squadra dei cocchieri verdi che mangiava e soggiornava continuamente nelle loro scuderie e un giorno, durante un'orgia, arrivò perfino a dare due milioni di sesterzi, come dono d'addio, a uno di loro, chiamato Eutico. A proposito del suo cavallo Incitato, il giorno che precedeva i giochi del circo, aveva preso l'abitudine di far sonare il silenzio dai soldati nelle vicinanze in modo che il suo riposo non fosse turbato; e non solo gli assegnò una stalla di marmo, una greppia d'avorio, coperte di porpora e finimenti tempestati di pietre preziose, ma gli regalò anche un palazzo, alcuni schiavi e un arredamento per ricevere più splendidamente le persone invitate a suo nome; si dice anche che progettò di nominarlo console.

56 Tali stravaganze e tali delitti non mancarono di suggerire a molte persone l'idea di ucciderlo, ma poiché una o due cospirazioni erano già state scoperte e le altre non prendevano una decisione per mancanza di occasioni, due cittadini si misero d'accordo e passarono all'esecuzione del piano, con la complicità dei più potenti liberti e dei prefetti del pretorio. Gli uni e gli altri, infatti, si erano visti indicati, sebbene senza motivo, come facenti parte di una congiura e per questo caduti in sospetto e odiosi a Caligola. In realtà, non contento di averli chiamati in disparte per dir loro, spada alla mano (cosa che scatenò il loro odio più profondo), che «era pronto ad uccidersi se anche loro lo giudicavano degno di morte», non la smise da quel momento di mettere in cattiva luce gli uni agli altri, seminando tra loro la discordia. Si decise di assalirlo in occasione dei giochi palatini a mezzogiorno, proprio quando avrebbe lasciato lo spettacolo, e la parte principale dell'azione fu reclamata da Casio Cherea, il tribuno di una coorte pretoriana che Gaio, senza nessun riguardo per la sua età avanzata, aveva l'abitudine di insultare, come uomo molle ed effeminato: ora, quando gli chiedeva la parola d'ordine, Caligola rispondeva «Priapo» o «Venere», ora, quando, per un motivo qualsiasi, gli tendeva la mano da baciare, gli faceva un gesto o un movimento osceno.

57 La morte imminente di Caligola fu annunciata da molti prodigi. Ad Olimpia la statua di Giove, che Caligola aveva dato ordine di smontare e portare a Roma, mandò tutto ad un tratto uno scoppio di riso così violento che tutte le impalcature crollarono e gli operai si diedero alla fuga. Subito dopo sopraggiunse un certo Cassio, che sosteneva di aver ricevuto in sogno l'ordine di immolare un toro. Il Campidoglio di Capua fu colpito da un fulmine il giorno delle idi di marzo, e la stessa cosa avvenne a Roma per il santuario di Apollo Palatino, guardiano dell'atrio. Non mancarono naturalmente quelli che congetturarono che uno dei prodigi annunciava all'imperatore un danno proveniente dalle sue guardie, mentre l'altro un assassinio famoso, come quello che era stato commesso un tempo alla stessa data. Inoltre l'astrologo Silla, che Caligola consultava su un suo oroscopo, gli disse categoricamente che era prossimo alla morte. 
Dal canto loro le Fortune di Anzio lo avvertirono di guardarsi da Cassio; per questo fece uccidere Cassio Longino, allora proconsole in Asia, non ricordandosi più che anche Cherea si chiamava Cassio. Il giorno prima della morte sognò di trovarsi in cielo presso il trono di Giove e che quello, spingendolo con l'alluce del suo piede destro, lo aveva precipitato sulla terra. Ai prodigi si aggiunsero anche incidenti fortuiti, che si verificarono il giorno stesso della morte poco prima dell'assassinio. Nel corso di un sacrificio Caligola fu investito dal sangue di un fenicottero. Il pantomimo Mnestero recitò la stessa tragedia già rappresentata da Neottolemo ai giochi in cui fu assassinato il re Filippo di Macedonia. Durante la rappresentazione di un mimo intitolato «Laureolo», in cui un attore lanciandosi da un edificio che crolla a terra, vomita sangue, molti attori di minore importanza si prodigarono a dare una prova del loro talento e la scena si riempì di sangue. Si stava allestendo uno spettacolo anche per la notte, durante il quale le scene ispirate agli inferi dovevano essere recitate da Egiziani ed Etiopi.

58 Il nono giorno prima delle calende di febbraio, verso la settima ora, poiché esitava a lasciare il suo posto per andare a mangiare, in quanto il suo stomaco era ancora appesantito dal pasto del giorno precedente, alcuni amici, con i loro consigli, gli fecero prendere la decisione di uscire. In un ridotto, per il quale doveva passare, si stavano preparando alcuni ragazzi nobili che erano stati fatti venire dall'Asia per esibirsi sulla scena. Egli si fermo per vederli e per incoraggiarli e se il capo della compagnia non si fosse lamentato di aver freddo sarebbe tornato indietro e li avrebbe fatti esibire subito. A questo punto si hanno due versioni. Secondo alcuni, mentre egli si intratteneva con questi ragazzi, Cherea lo ferì gravemente al collo, colpendolo alle spalle con il taglio della spada e gridando: «Fa' questo!» poi il tribuno Cornelio Sabino, un altro congiurato, assalendolo di fronte, gli trafisse il petto; secondo altri Sabino, fatta allontanare la folla dei centurioni che erano al corrente del complotto, domandò a Caligola la parola d'ordine, secondo l'usanza militare, e questi rispose «Giove»; allora Cherea gridò: «Prendilo per valido!» e mentre l'imperatore si voltava verso di lui, con un colpo gli fracassò la mascella. Steso per terra, le membra raccolte su se stesso, egli continuava a gridare che viveva ancora, ma gli altri congiurati lo finirono con trenta colpi, giacché il grido di tutti era: «Insisti!» Alcuni gli immersero il ferro anche negli organi genitali. Al primo tumulto, accorsero in suo aiuto i portatori della lettiga, armati di bastoni, poi i Germani della sua guardia che uccisero alcuni dei suoi assassini e anche qualche senatore estraneo al delitto.

59 Caligola visse ventinove anni e fu imperatore per tre anni, dieci mesi e otto giorni. Il suo cadavere, trasportato in segreto nei giardini di Lamia vi fu semibruciato su un rogo di fortuna e ricoperto con un leggero strato di zolla erbosa, ma più tardi, quando le sue sorelle ritornarono dall'esilio, esse lo esumarono, lo cremarono e gli diedero sepoltura. È accertato che, prima che ciò avvenisse, i guardiani di questi giardini furono turbati da spettri e che nella casa in cui giacque disteso, tutte le notti furono caratterizzate da qualche manifestazione terrificante fino al giorno in cui la casa stessa fu distrutta da un incendio. Nello stesso momento in cui veniva ucciso, morivano anche sua moglie Cesonia, che un centurione trapassò, con la spada, e sua figlia, che fu fracassata contro il muro.

60 Chiunque, sulla base di quanto segue, può farsi un'idea delle condizioni di quei tempi. Quando si diffuse la notizia della sua morte, all'inizio non vi si volle credere e si sospettò che lo stesso Gaio avesse messo in giro questa falsa voce, allo scopo di scoprire, con questo espediente, quali fossero i sentimenti di tutti nei suoi confronti. D'altra parte i congiurati non assegnarono l'Impero a nessuno. Per di più il Senato fu così deciso a ristabilire la libertà che come primo atto, convocarono i consoli non della curia, perché essa portava il nome di Giulio, ma in Campidoglio; e alcuni di loro, con un giro di parole, proposero di far sparire il ricordo dei Cesari e di distruggere i loro templi. Per altro si osservò e si notò in modo particolare che tutti i Cesari con il prenome di Gaio morirono assassinati, a cominciare da quello che fu ucciso all'epoca di Cinna.



OGGI

La scoperta sul lago di Nemi, vicino a Roma. Il tesoro era nascosto in un Tir Per gli esperti la grande statua di Caligola recuperata dalle Fiamme gialle ha un valore che supera il milione di euro

"I finanzieri del Gruppo tutela patrimonio archeologico hanno trovato i pezzi della statua di marmo di Paros, alta più di due metri e trenta, senza testa e sezionata a metà, in un tir diretto a Ostia. La statua è stata trovata da un tombarolo in un terreno privato su una collinetta a ridosso di Nemi. Il tombarolo ha poi interrato la scultura per nasconderla prima di collocarla sul mercato estero.
La scultura è stata riconosciuta dalla caliga, la calzatura dei legionari, che Gaio Giulio Cesare Germanico, al potere tra il 37 e il 41 d.C., era solito indossare fin da bambino e che gli valse nell’antichità il soprannome con cui l’imperatore è noto. Il trono sul quale la figura è seduta è decorato con i simboli imperiali.
L’importanza del recupero da parte delle Fiamme Gialle va oltre il valore della scultura. A Nemi si era sempre immaginata l’esistenza di una dimora fatta costruire dall’imperatore ma non se ne erano mai trovate le tracce. Si pensa che la villa fosse stata fatta costruire sul lago vulcanico di Nemi, lo Specchio di Diana, sfiorato dalla via consolare Appia. La scoperta della statua, che si ipotizza ritragga l’imperatore Caligola seduto su un trono nelle vesti di Zeus, conferma l’ipotesi del luogo dove sorgeva la villa imperiale.
Sempre a Nemi Caligola aveva fatto costruire e ormeggiare due gigantesche navi lunghe settanta metri e larghe una ventina. Palazzi galleggianti, con pavimenti in mosaico e colonne di marmo, attrezzati per i baccanali della sua corte. Recuperate tra il 1928 e il ’32, furono esposte a Nemi in un museo e distrutte dal fuoco nel 1944."


"Ti prudono le mani, a sapere che il tombarolo che avrebbe trovato la villa sui colli di Caligola non ha fatto un minuto di galera. Ti prudono a sapere che stava per vendere all' estero la statua dell' imperatore e han dovuto, obbedendo riluttanti alla legge, rilasciarlo. Ti prudono a sapere che forse ha spaccato altre sculture per venderle a pezzi. Perchè quello che è successo a Nemi non è un episodio: è lo specchio dell'Italia. L' hanno riconosciuto da un calzare. Al piede sinistro la statua ha la «caliga», la scarpa dei legionari che Gaio Giulio Cesare Germanico era solito indossare fin da fanciullo. Un vezzo che gli era valso il soprannome con il quale sarebbe stato tramandato ai posteri, diventato sinonimo di crudeltà , violenza e dissolutezza: Caligola.
Ma anche senza quel marchio inconfondibile ci sarebbero stati ben pochi dubbi. Il trono è decorato con i simboli imperiali. E poi il materiale di cui è fatta la scultura, marmo di Paros, considerato un tempo il più pregiato del mondo. I finanzieri del Gruppo tutela patrimonio archeologico, guidato dal maggiore Massimo Rossi, hanno trovato i pezzi della gigantesca statua di Caligola, alta più di due m e trenta, giovedì mattina in un Tir che li stava portando a Ostia, dove con ogni probabilità sarebbe stata imballata per essere spedita all' estero. Destinazione pressochè certa: la Svizzera. Accogliente rifugio per opere d' arte e beni archeologici trafugati illegalmente. Un saccheggio ignobile, nel quale sono impegnati tombaroli, insospettabili mercati d' arte, ma anche case d' aste e perfino i musei più importanti del mondo. L' Interpol specifica che l' Italia è in testa alla lista delle nazioni più colpite. In due anni le Fiamme gialle hanno recuperato circa 11 mila reperti scavati illegalmente e finiti nelle mani dei trafficanti. La statua, di cui è stata recuperata metà , come fosse stata tagliata per la sua altezza e fratturata in due parti, è senza testa: si presume che ritraesse Caligola seduto su un trono nelle vesti di Zeus. A conferma di quello che raccontava lo storico Svetonio nelle Vite dei Cesari: che il terzo imperatore romano, non pago di aver nominato senatore il proprio cavallo Incitatus, fosse arrivato al punto da farsi adorare come un dio. Ma la statua trovata dal tombarolo che l' ha scavata, quindi interrata di nuovo per nasconderla prima di piazzarla all' intermediario che doveva trafugarla in Svizzera, stava in un terreno privato su una collinetta a ridosso di Nemi. Proprio in quel paesino a due passi da Roma si era sempre immaginata l' esistenza di una dimora fatta costruire dallo stravagante nipote di Tiberio, magari con un mausoleo. Ma non se ne erano mai trovate le tracce. Tanto meno decisive come una statua dello stesso imperatore: ragion per cui gli esperti sono quasi certi che villa fosse là, affacciata sul piccolo lago vulcanico, in un punto spettacolare, da cui si vede il mare fino ad Anzio, dove Caligola era nato. Anzi, potrebbero essere là anche i suoi resti. Quel laghetto vulcanico, lo Specchio di Diana, sfiorato dalla via consolare Appia e sul quale si affacciano Nemi e Genzano, era il posto preferito del giovane mostro, come lo definì Svetonio. L'aveva fatto costruire e ormeggiare due gigantesche navi lunghe settanta m e larghe una ventina. Palazzi galleggianti, con i pavimenti di mosaico e le colonne di marmo, attrezzati per i baccanali suoi e della sua corte.

Ucciso a 29 anni dalle sue stesse guardie del corpo, il sanguinario imperatore era così odiato che alla sua morte gli scafi furono affondati. Riemersero alla fine degli anni Venti, quasi intatti: la fanghiglia aveva perfettamente conservato il fasciame. Fu una scoperta straordinaria: insieme alle navi vennero trovati oggetti che testimoniavano l' incredibile livello tecnologico di quelle enormi imbarcazioni. I tubi di piombo dell' impianto idraulico con stampigliato il nome dell' imperatore, le ancore, una pompa di sentina in metallo perfettamente funzionante. Gli unici pezzi tuttora rimasti. Negli anni Trenta le due enormi chiglie vennero collocate in un museo fatto costruire dal regime fascista. Ma nel giugno del 1944 furono completamente distrutti da un incendio. Le fiamme sarebbero state appiccate dalle truppe tedesche d'occupazione, in fuga da Roma verso la linea gotica. Uno sfregio. Non solo all' Italia ma all' intera umanità . Oggi il museo delle navi di Nemi contiene, oltre ai pochi pezzi risparmiati dall' incendio, due modellini in scala. Nel 2009 ha incassato 12.317 euro: i visitatori paganti sono stati 6.547, neppure 18 al giorno. Anche la residenza di Caligola, dopo l' uccisione dell' imperatore, potrebbe aver subito lo stesso trattamento delle navi. E le condizioni in cui è stata trovata la statua (le fratture sono antiche) ne sarebbero la dimostrazione. Ma se quello è il posto, gli archeologi si potrebbero trovare di fronte a un sito straordinario. E' una gara, adesso. Drammatica. Arriveranno prima gli archeologi o i razziatori, i quali dei divieti se ne fottono e distruggono le tracce che aiutano a ricostruire la storia e sanno che dieci mesi fa i saccheggiatori dei parchi archeologici di Crustumerium e di Veio che si erano impossessati di un ben di Dio di orecchini, anelli, anfore, vasi, piatti, spille, collane, statue e affreschi se la cavarono con una condanna a 16 anni in sei."
Sergio Rizzo Gian Antonio Stella

Osservazioni:
Non solo i tombaroli scavano ma i furti avvengono direttamente nei musei, trafugando statue da 4 m, pesanti varie tonnellate (vedi quella di Vibia) per il trasporto delle quali occorrono ditte altamente specializzate. Invece sono uscite così oops, come se se fossero messe sotto braccio. Ma a chi vogliono darla ad intendere?














ARTICOLI CORRELATI



0 comment:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Link amici

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero