DIPLOMA MILITARE ROMANO




Il diploma militare romano è il documento che conferma soldati ausiliari e membri di altri rami di servizio nell'impero romano, concedendo loro la cittadinanza romana e / o il diritto di sposarsi. Questo "Diplomata" viene rilasciato dopo un servizio militare onorevole di 25 anni; I soldati della flotta invece devono il loro servizio per 26 o 27 anni, e a volte anche più a lungo. Il documento è una copia certificata dell'editto originariamente pubblicato a Roma.

Il diploma militare consisteva in due tavolette di bronzo unite nella forma di un dittico (libro incerato in due parti), contenente all'esterno e all'interno due copie identiche di un editto imperiale, che era stato già pubblicato a Roma tramite editto pubblico. Tutti i diplomi venivano stilati e sigillati a Roma.

Poichè il diploma in bronzo aveva un certo valore, si suppone che ricevessero il diploma in bronzo solo i soldati che lo pagassero a parte; tanto è vero che in tempi di crisi, come sotto Marco Aurelio, le copie di metallo vennero eliminate, evidentemente ne consegnavano di legno incerate. La possibilità che il testo potesse venire manipolato dall'esterno è paragonabile alla contraffazione dell'iscrizione di un sigillo, secondo l'opinione legale romana, il testo interno era l'effettiva copia certificata.

Nel documento, l'imperatore concedeva a un soldato nominato il diritto civile e / o il diritto esclusivo a un matrimonio legale (il conio), perché i soldati non potevano sposarsi ufficialmente fino al tempo della dinastia severa, ma fino ad allora si tollerava che avessero compagne di vita (concubinato), Spesso diversi soldati ricevevano lo stesso diploma, a volte intere unità. Il premio inizialmente si estendeva ai potenziali bambini, che venivano spesso citati per nome prima dell'anno 140.

La concubina veniva anche nominata per nome sul diploma prima del 140 - se ce n'era una - ma non ricevevano la cittadinanza. Dopo l'anno 140, la pratica legale cambiò e le famiglie vennero citate solo in casi eccezionali. Ad esempio, se il soldato era sposato o aveva figli prima dell'inizio del suo servizio militare. Da quel momento, i diritti civili di solito non venivano più dati ai bambini del soldato nati prima della sua liberazione.

DIPLOMA AD AUSILIARIO DELL'ESERCITO ROMANO DATO DALL'IMP. ADRIANO
Oltre ai soldati ausiliari, furono assegnati anche diplomi militari a membri della flotta romana e ai Pretoriani e alle Cohortes urbanae, che ricevettero solo il conubium poiché avevano già i diritti civili, e a forze speciali come gli Equites singulares reclutati dagli Auxiliares. I soldati di una legione invece dovevano avere la cittadinanza romana prima del reclutamento.

Tuttavia, diversi anni dopo la guerra civile nell'anno dei quattro imperatori (68-69), si sono ritrovati diplomi per la Legio I Adiutrix sotto Galba e per la Legio II Adiutrix sotto Vespasiano. Evidentemente queste legioni furono reclutate da non cittadini (probabilmente soldati della flotta), che furono poi naturalizzate retroattivamente.

Attualmente sono documentati oltre 900 diplomi militari tra il regno dell'imperatore Claudio (41-54) e l'inizio del IV secolo. Dal 210 circa, tuttavia, non risultano diplomi di ausiliari, evidentemente per la concessione dei diritti civili a tutti gli abitanti dell'impero da parte dell'imperatore Caracalla nell'anno 212.

Molto prezioso per la ricerca storica è l'elenco di tutte le unità militari di una provincia in cui i soldati erano di stanza e che ricevettero i diritti civili, così come la nomina dell'attuale governatore, i due consoli e il comandante dell'unità, con elencati sette testimoni che hanno certificato la copia a Roma. I diplomi sono datati fornendo così importanti informazioni sulla cronologia (regni e titolari degli imperatori, datazione dei governatori) e sulla storia sociale e militare. 

Però il numero di diplomi conosciuti è abbastanza grande da consentire delle statistiche: ad esempio, l'accumulo relativo ai diplomi, rilasciati nel 92 o nel 158, indicano un reclutamento particolarmente ampio, connesso rispettivamente con le due guerre ebraiche (66-73 e 132-135). L'Esercito Imperiale dovette recuperare le perdite, e i soldati dell'Ausiliario e della Flotta appena aggiunti vennero rilasciati 25 anni dopo.

A Pompejanum di Aschaffenburg, dal luglio 2014, viene mostrato il diploma militare ben conservato di Ottaviano delle Cohors I Cantabrorum, preso in prestito dallo Staatliche Antikensammlungen di Monaco. La coorte era di stanza nell'anno 78, nella provincia romana della Mesia, attuali Bulgaria e Romania.


Diploma di fine servizio

Nel 1930 fu rinvenuta una lapide in bronzo al campo di Pannon Brigetio, che conteneva un decreto degli imperatori Costantino (306-337) e Licinio (308-324) del 311, che tra l'altro segnano la fine della pratica dei diplomi militari. 


Ricerca e pubblicazione 

I diplomi sono annoverati tra le iscrizioni, quindi nel campo dell'epigrafia latina che ammontano a circa 1955 copie, raccolti nel Volume XVI del Corpus Inscriptionum Latinarum (CIL); i diplomi pubblicati dalla fine degli anni 50 sono stati raccolti nei cinque volumi dei Diplomi Militari Romani (RMD) di Margaret M. Roxan e Paul Holder. La maggior parte dei diplomi militari provengono dalle province balcaniche dell'impero, che nell'Alto Impero erano il più importante reclutamento dell'esercito romano.

Molti diplomi (o frammenti) entrano nel mercato dell'arte senza essere trattati scientificamente. Il numero di diplomi noti e di frammenti di diploma è aumentato notevolmente, specialmente dagli anni 80, principalmente a causa dei metal detector utilizzati da cacciatori di tesori privati.

DIPLOMA DI AURELIUS BITHUS - ALA I ULPIA CONTARIORUM GORDIANAE


RITROVAMENTI

I DIPLOMATA MILITARE

Brucia 100; CIL XVI.65; datato: 17 luglio 122 A.D.

In ottimo stato, questo certificato di dimissione fu rinvenuto nel 1930 a Brigetio in Pannonia, ora noto come O-Szöny sul Danubio nell'ovest dell'Ungheria; evidentemente il soldato a cui apparteneva tornò a casa dopo il servizio militare nella Ala Primae Pannoniorum Tampianae in Gran Bretagna. Questo importante documento è stato successivamente acquistato dal British Museum.

Esso contiene 13 nomi di alae di cavalleria e 37 di fanteria e cohortes miste, il più grande numero registrato su qualsiasi diploma in tutto l'impero romano. Si pensa che questa lista rappresenti l'intera forza ausiliaria assegnata al governatore Aulo Platorius Nepos con il quale doveva presidiare il nord della Britannia mentre le sue truppe legionarie avevano lavorato costruendo i forti, i mulini a vento, le torrette e il varo del Vallo di Adriano.



IMP CAESAR DIVI TRAIANI PARTHICI DIVI NERVAE NEPOS TRA
IANVS HADRIANVS AVGVSTVS PONTIFEX MAXIMVS TRIBV
NIC POTESTAT • VI • COS • III • PROCOS
EQVITIB ET PEDITIB QVI MILITAVERVNT IN ALIS DECEM ET TRIB ET COH
TIB TRIGINTA ET SEPTEM QVAE APPELLANTVR I PANNONIOR SABINIAN
ET I PANNON TAMPIAN ET I HISPAN ASTVR ET I TVNGROR ET II ASTVR
ET GALLOR PICENTIAN ET GALLO ET THRAC CLASSIANA CR ET GALLO
PETRIANA ∞ CR ET GALLO SEBODIANA ET VETTON HISPAN CR ET
AGRIPPIANA MINIATA ET AVG GALLO ET AVG VOCONTIOR CR ET I
NERVIA TEDESCO CR ET I CELTIBEROR ET I TRAC ET I AFROR CR ET I
LINGON ET I FID VARDVLLOR ∞ CR ET I FRISIAVON ET I VANGION
∞ ET I HAMIOR SAGITT ET I DELMAT ET I AQVITAN ET I VLPIA TRAIA
NA CVGERN CR ET I MORIN ET I MANAPIOR ET I SVNVCOR ET I BETA
SIOR ET I BATAVOR ET I TVNGROR ET I HISPAN ET II GALLOR ET II
VASCON CR ET II THRAC ET II LINGON ET II ASTUR ET II DELMATAR
ET II NERVIOR ET III NERVIOR III BRACAROR ET III LINGON
• •
ET IV GALLOR ET IV BREVCOR ET IV DELMATAR ET V RAETOR
ET V GALLOR ET VI NERVIOR ET VII THRAC QVAE SVNT IN BRITAN
NIA SVB A PLATORIO NEPOTE QVINQVE ET VIGINTI STIPENDIS
EMERITIS DIMISSIS HONESTA MISSIONE PER POMPEIVM
FALCONEM • QVORM • NOMINA SVBSCRIPTA SVNT IPSIS LIBE
RIS POSTERISQ EORVM CIVITATEM DEDIT ET CONVM ET VXO
RIB QVAS TVNC HABVISSENT CVM EST CIVITAS IIS DATA
AVT SI QVI CAELIBES ESSENTE CVM IIS QVAS POSTEA DVXIS
INVIATO DVMTAXAT SINGVLI SINGVLAS AD XIV K AVG
TI IVLIO CAPITONE ET L VITRASIO FLAMININO COS

ALAE Ho PANNONIOR TAMPIANAE CVI Præst
FABIVS SABINVS
EX SESQVIPLICARIO
GEMELLO BREVCI F PANNON
DESCRIPTUM ET RECOGNITVM • EX • TABVLA • AENEA QVAE FIXA EST
ROMAE IN MVRO POST TEMPLVM DIVI AVG AD MINERVAM

TI • CLAVDI
A • FVLVI
TI • IVLI
L • PVLLI
L • NONI
Q • LOLLI
L • PVLLI•

•MENANDRI
IVSTI
VRBANI
DAPHNI
VICTORIS
FEST [I
ANT [

"L'Imperatore Cesare Traiano Adriano Augusto, figlio del divino Traiano Partico, nipote del divino Nerva, Sommo Sacerdote, detentore del potere tribunale per la sesta volta, tre volte console, proconsole. Per i cavalieri e i soldati a piedi che hanno servito nelle tredici ali di cavalleria e trentasette coorti che prendono il nome
Ala I Pannoniorum Sabiniana [ Halton Chesters? ]
Ala I Pannoniorum Tampiana
Ala I Hispanorum Asturum [ Benwell? ]
Ala I Tungrorum
Ala II Asturum [ Ribchester? RIB 586]
Ala Gallorum Picentiana [ Malton? ]
Ala Gallorum et Thracum Classiana civium Romanorum
Ala Gallorum Petriana milliaria civium Romanorum [ Stanwix ]
Ala Gallorum Sebosiana [ Carlisle? ]
Ala Vettonum Hispanorum civium Romanorum [ Brecon Gaer? RIB 403]
Ala Agrippiana Miniata [ Brucia 100 ]
Ala Augusta Gallorum [ Brucia 100 ]
Ala Augusta Vocontiorum civium Romanorum [ Newstead? RIB 2121]

- Cohors I Nervia Germanorum civium Romanorum [ Burgh di Sands? RIB2041] -
- Cohors I Celtiberorum - Cohors I Thracum - Cohors I Afrorum civium Romanorum [ Brucia 100 ]
- Cohors I Lingonum - Cohors I Fida Vardullorum milliaria civium Romanorum
- Cohors I Frisiavonum - Cohors I Vangionum milliaria - Cohors I Hamiorum sagittaria
-Cohors I Delmatarum - Cohors I Aquitanorum - Cohors I Ulpia Traiana Cugernorum civium Romanorum - Cohors I Morinorum - Cohors I Menapiorum - Cohors I Sunicorum
- Cohors I Betasiorum - Cohors I Batavorum - Cohors I Tungrorum - Cohors I Hispanorum
- Cohors II Gallorum - Cohors II Vasconorum civium Romanorum - Cohors II Thracum 
- Coon II Lingonum - Cohors II Asturum - Cohors II Delmatarum - Cohors II Nerviorum
- Cohors III Nerviorum - Cohors III Bracaraugustanorum - Coonus III Lingonum 
-Cohors IV gallorum - Cohors IV Lingonum - Cohors IV Breucorum - Cohors IV Delmatarum
-Cohors V Raetorum - Cohors V Gallorum - Cohors VI Nerviorum - Cohors VII Thracum
che sono in Gran Bretagna sotto Aulo Platorius Nepos. 

I soldati veterani che hanno servito per venticinque anni e hanno ricevuto un diploma onorevole da Pompeo Falco, hanno qui sotto iscritti i loro nomi. A loro e ai loro figli futuri è stata concessa la cittadinanza. Anche le loro mogli legittime che già hanno, ricevono la cittadinanza, o, se non erano sposati, coloro con cui in seguito si sposano, a condizione che sia solo una donna per un uomo, riceveranno la cittadinanza.
 
Datato quattordici giorni prima delle calende di agosto nel consolato di Tiberio Giulio Capitonio e Lucio Vitrasio Flaminino (17 luglio 122).
La prima ala tampiana dei Pannoni, sotto il comando di Fabio Sabino, verso Gemello, figlio di Breuce, un Pannonico.
Copiato e controllato sulla tavoletta di bronzo che si trova a Roma sul muro dietro il tempio del Divino Augusto e accanto a quello di Minerva.
[Testimoniato da]
- Tiberio Claudio Menandro - Aulo Fulvio Giusto - Tiberio Giulio - Urbano Lucio Pullio Daphnus
- Lucio Nonio Victor - Quinto Lollius Festus - Lucius Pullius Antoninus

Estratto dall'iscrizione sul diploma militare  AE 2010, 1853 ): [..] coorte I Cantabrorum cui prae (e)st / C(aius) Cammicus G (ai) f (ilius) Fab (ia) Sabinus / pediti / Octavio Daphni filio Lingoni.

DIPLOMA MUSEO DI CARNUNTUM

II DIPLOMATA MILITARE


parte anteriore

Provincia: Provincia incerta
Imp (erator) Caesar Vespasianus Augustus /
pontifex maximus tribunic (ia) potestat (e) /
VIIII imp (erator) XVIIII p (ater) p (atriae) censore co (n) s (ul) VIII /
peditibus et equitibus qui militante in co /
hortibus octo I Cantabrorum I Thracum /
Syriaca I Sygambrorum tironum II Lu /
censium III et VIII Gallorum Cilicum Mat /
tiacorum quae sunt in Moesia sub Sex (to) Veterinario /
tuleno Ceriale qui quina et vicena sti /
pendia aut plura meruerunt quorum /
nomina subscripta sunt ipsis liberis pos /
terisque eorum civitatem dedit et conu /
bium cum uxoribus quas tunc habuissent /

cum est civitas iis dati si qui caelibes / 
essent cum iis quas postea duxissent dum /
taxat singuli singulas a (nte) d (iem) VII Idus Febr (uarias) /
L (ucio) Ceionio Commodo D (ecimo) Novio Prisco co (n) s (ulibus) /
coorte I Cantabrorum cui prae est /
Caius Cammicus Cai filius Fabia Sabinus /
pediti /
Octavio Daphni filio Lingoni /
descriptum et recognitum ex tabula /
aenea quae fixa est Romae in Capito /
lio post piscinam in tribunali deorum /


parte posteriore

Sex (ti) Priverni Celeris / P (ubli) Atini Rufi / Cn (aei) Pompei Maximi / M (arci) Veturi Montani /
M (arci) Stlacci Iuvenalis / L (uci) Naevi Vestalis / M (arci) Lolli Rufi // 

Imp (erator) Caesar Vespasianus Augustus /
pontifex maximus tribunicia potestatis /
VIIII imp (erator) XVIIII p (ater) p (atriae) censore co (n) s ( ul. VIII /
peditibus et equitibus qui militante in co /
hortibus octo I Cantabrorum I Thra / cum Syriaca Sygambrorum tironum Lucensium III et VIII Gallorum Cilicum / Mattiacorum quae sunt in Moesia sub / Sesso (a) Vettuleno Ceriale qui quina et vice / na stipendia aut plura meruerunt quo / rum nomina subscripta sunt ipsis liberis / posterisque eorum civitatem dedit et co / nubium cum uxoribus quas tunc habu / issent cum est civitas iis dati si qui / caelibes essent cum iis quas postea duxis / inviato dumtaxat singuli singulas / a (nte) d (iem) VII Idus Febr (uarias) / L (ucio) Ceionio Commodo D (ecimo) Novio Prisco co (n) s (ulibus) / coorte (è) I Cantabrorum cui prae (e) st / C (aius) Cammicus G (ai) f (ilius) Fab (ia) Sabinus / pediti / Octavio Daphni f (ilio) Lingon (i) / descriptum et recognitum ex tabula ae / nea quae fixa est Romae in Capitolio.

DIPLOMA RITROVATO A SLAVONSKY BROD, CROAZIA

HONESTA MISSIO

Honesta missio era il congedo rilasciato per il servizio reso con virtù e onestà, se il militare si fosse comportato con disonore non avrebbe avuto alcun premio o riconoscimento.

Da Augusto in poi, veniva rilasciato ai militari, sia legionari che ausiliari, oltre al diploma che ne sanciva per legge la fine del servizio, un'indennità in denaro (nummaria missio) o in beni (in genere un appezzamento di terra con deduzione di colonie romane = agraria missio, una forma di pensione dei giorni nostri, inoltre ad alcuni era concesso il diritto di cittadinanza romana (ausiliari) con la possibilità di contrarre così un matrimonio legittimo (Ius connubii). 

Ma questi premi venivano concessi anche ai legionari congedati in anticipo sui tempi a causa di ferite o malattie (causaria missio) o i congedati per volere del comandante come ricompensa dell'ottimo ed eroico comportamento in battaglia (gratiosa missio). La perdita dei benefici avveniva con il congedo disonorevole (ignominiosa missio).

I militari ormai in congedo erano chiamati, veterani ed in caso di necessità, essi potevano offrirsi o essere richiamati alla bisogna. Se erano stati richiamati in servizio attivo, erano nominati evocati ed ottenevano un'ottima paga.



1 comment:

aldoamico on 6 novembre 2019 21:36 ha detto...

Roma sapeva ricompensare i suoi combattenti.

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero