CARTHAGO NOVA - CARTAGENA (Spagna)



RICOSTRUZIONE DEL FORO DI CARTHAGO NOVA
La città di Carthago Nova, oggi Cartagena, era stata fondata dai Cartaginesi, esattamente da Asdrubale (270 - 221 a.c) nel 221 a.c., su una preesistente città iberica (Massia o Mastia), un centro molto importante perchè nei suoi pressi c'erano ricche miniere d’argento.

Ma soprattutto era importante la sua posizione, punto d'appoggio ideale per raggiungere l'Africa. La città era fornita di un grande porto sufficiente per qualunque flotta e forse era l'unico spagnolo che si affacciava sul Mare Mediterraneo.

Mastia venne menzionata dal poeta greco-romano Rufo Festo Avieno (IV secolo) nell'opera denominata: "Ora maritima", una poesia in cui sono descritte le coste del Mediterraneo, che contiene le più antiche notizie conservate sulla penisola iberica.

Essa è citata anche nel secondo trattato romano-cartaginese nel anno 348 a.c. come Mastia Tarseion (Mastia dei Tartessians).

COME APPARIVA IN EPOCA IMPERIALE (INGRANDIBILE)
Carthago sorgeva in un golfo a metà della costa iberica, secondo Polibio profondo venti stadi (uno stadio 177 m), e, all'entrata, largo dieci. All'ingresso di questa insenatura c'era una piccola isola, a protezione del porto.

Dalla profonda insenatura sporgeva una penisola, sulla cui altura sorgeva la città, il cui perimetro, come informa Polibio, era di circa  Km 3,7.
Il lato meridionale della città era protetto direttamente dal mare, quello settentrionale da una ampio stagno, che variava di profondità con le maree.

Una collina larga quasi 250 passi (370 metri) univa la città al continente. Era pertanto una città molto protetta e difficilmente espugnabile.
Polibio descrive la città con una depressione al centro e pianeggiante sul mare, mentre sugli altri lati era circondata da colli, due molto scoscesi, gli altri tre più bassi, ma rocciosi e difficili da scalare.

Il più alto dei colli, a est, si protendeva verso il mare con in cima il tempio di Asclepio.

Il colle a ovest aveva in cima una splendida reggia edificata da Asdrubale, quando voleva farsi re.

La palude a nord era collegata con il mare attraverso un canale su cui venne costruito un ponte, per i trasporti commerciali.




LA COLLINA DEL MOLINETE

La Collina del Molinete, nel cuore di Cartagena, è il più grande parco archeologico urbano d'Europa. Su una delle sue pendici, vicino al Foro, troviamo un gruppo di edifici dove sono conservate le terme e il loro accesso porticato, e un edificio dedicato alla celebrazione di banchetti religiosi, dove le sue pitture murali, le colonne sopraelevate e le ampie sale riportano il visitatore indietro nel tempo.

La collina delle Molinete, una delle cinque menzionate dallo storico Polibio nella s. II a.c. Come sede del Palazzo Asdrúbal, è una delle grandi riserve archeologiche dell'antica Carthago-Nova. 

Tra i reperti archeologici, possiamo evidenziare:

- i resti di un "castellum aquae" nella parte alta,
- i resti del Foro
- il podio del possibile tempio capitolino della città
- la curia della fine del I secolo a.c.,
- vestigia di fortificazioni romane,
- strutture tardo-repubblicane associate a un tempio di una cronologia leggermente precedente, accanto a una cappella della Dea siriana Atargatis.
- l'arena dei bagni romani di Honda Street, che è l'introduzione ai bagni e alla sala da ginnastica. Il pavimento della palestra, magnificamente conservato, è di mattoni a punta.
- La costruzione dell'atrio, dedicata alla celebrazione di banchetti rituali, che aveva due piani.
- Parte del forum, centro politico, economico, legislativo e sociale della città romana.
- Parte di quello che sembra essere un tempio dedicato alle divinità orientali Iside e Serapide
- E, un tratto di strade e strade romane che hanno ancora tracce di macchine che passavano lì nel solito modo.
- un bugnato con un fallo scolpito rovesciato, che aveva un carattere protettivo contro il malocchio e gli spiriti maligni.



LA STORIA

Carthago Nova venne fondata dal generale cartaginese Asdrubale nell'anno 227 a.c. con il nome di Qart Hadash (città nuova) nella zona precedentemente occupata dalla città di Mastia, divenendo la principale città dei cartaginesi in Spagna tanto è vero che Annibale partì da qui per iniziare la Seconda guerra punica.

"- Dopo aver interrogato tutti coloro che conoscevano bene la città di Nova Carthago, venne a sapere che era in pratica l'unica città dell'Iberia a possedere un porto adatto a contenere un'intera flotta; 
- che si trovava in una posizione strategica chiave per i Cartaginesi, i quali dalla Libia potevano fare una traversata diretta per mare; 
- che i Cartaginesi avevano in questa città la maggior parte delle loro ricchezze e tutti i bagagli dei loro soldati, oltre agli ostaggi di tutta l'Iberia sottomessa; 
- ed infine che i soldati che erano stati lasciati a sua difesa erano soltanto un migliaio circa, e che la sua restante popolazione era composta di artigiani, operai e marinai, quasi tutti privi di una qualsiasi esperienza militare."

La città venne espugnata dopo un breve assedio (Assedio di Carthago Nova) dalle truppe romane comandate da Scipione l'Africano che, data la posizione strategica della città e per via delle sue possenti fortificazioni, la prese attaccando dal lato nord della laguna che risultò guadabile a piedi grazie alla marea e al vento di tramontana.

RICOSTRUZIONE DEL PORTO

LE MINIERE D'ARGENTO

"Polibio, quando menziona le miniere d'argento di Cartagena, dice che sono molto grandi, che sono distanti dalla città circa venti stadi, ("circa quattro km") che occupano un'area di quattrocento stadi, ("circa settantacinque km") che quarantamila operai lavoravano lì e che ai loro tempi riportavano al popolo romano 25.000 dracme al giorno. 

E ometto tutto ciò che conta del processo di lavorazione, perché è una lunga storia; ma non quello che si riferisce alla ganga argentina trascinata da una corrente, che, dice, è schiacciata e attraverso i setacci è separata dall'acqua; i sedimenti vengono frantumati ancora e ancora filtrati e, separati dall'acqua, nuovamente schiacciati. 

Quindi, questo quinto sedimento si scioglie e, separato dal piombo, rimane l'argento puro. Attualmente le miniere d'argento sono ancora attive; ma sia qui che altrove, hanno smesso di essere pubblici."

(Strabone - Geografia - libro III)

RICOSTRUZIONE DEL FORO
Con la conquista romana cambiò nome in Carthago Nova e divenne una delle città più importanti della Hispania Citerior. Divenne poi colonia romana con Gaio Giulio Cesare nel 45 a.c. sotto il nome di Colonia Vrbs Iulia Nova Carthago (CVINC), formata da cittadini di diritto romano. Alla nuova colonia venne concesso il privilegio di emettere la propria valuta in valori di assi, semestri e quadranti.

Augusto nel 27 a.c. decise di riorganizzare la Hispania, in modo che la città fosse inclusa nella nuova provincia imperiale della Hispania Tarraconensis. 

Già dal tempo repubblicano esisteva in città un anfiteatro romano, ma fu durante il mandato di Augusto, che la città fu sottoposta ad un ambizioso programma di urbanizzazione e monumentalizzazione, che comprendeva, tra gli altri interventi urbani, la costruzione di un imponente teatro romano e un grande forum.

Più avanti, all'epoca dell'imperatore Diocleziano, divenne capitale dell'omonima provincia romana e gran parte del settore orientale della città venne riqualificato utilizzando materiali provenienti dagli edifici costruiti durante il mandato di Augusto, come è successo con il mercato monumentale costruito sui resti del teatro romano sfruttando in parte i suoi materiali.

L'attività commerciale della città venne riorientata alla produzione di garum, salsa di pasta di pesce fermentata, da cui sono stati trovati numerosi resti di sfruttamenti lungo la costa. Un esempio del cambiamento nell'attività economica dall'estrazione mineraria alla fabbricazione del garum si verifica nella villa romana di Paturro.

LA VILLA ROMANA DI PATURRO

VILLA ROMANA DI PATURRO

La villa romana di Paturro è un sito archeologico di una grande villa romana situata nell'estesa Sierra de Cartagena-La Union, vicino alla città di Portman nella regione di Murcia.

Scoperto nel 1969 ha subito numerose campagne di ricerca archeologica che hanno evidenziato, in settori terrazzati, due parti differenziate: una abitativa, decorata con materiali di grande lusso, un'altra industriale che si occupava della produzione del garum su vasta scala.

La villa fu legata in era repubblicana allo sfruttamento di argento, piombo e altri metalli dalle miniere di Carthago Nova, una volta chiuse le miniere si dedicò alla produzione del garum nel I e II secolo d.c.

Ma proprio all'età di Diocleziano, nel IV secolo, la città dette segni di decadenza, nonostante fosse la capitale della provincia di Cartagine. Dopo essere stato saccheggiato dai vandali intorno al 425 e dopo la caduta dell'Impero Romano d'Occidente nel 476, la città divenne una potenza visigota, pur mantenendo una popolazione fortemente romanizzata.

Nell'ambito delle guerre civili visigote, verso la metà del VI secolo una fazione chiese l'aiuto dell'imperatore bizantino Giustiniano I (483 - 565), che, dopo una breve campagna, conquistò una parte importante della Spagna meridionale e convertì la città nella capitale della provincia di Spania con il nome di Carthago Spartaria, e il vescovato di Cartagena diventa la sede metropolitana.

Con la caduta dell'Impero romano d'Occidente la città peggiorò notevolmente e, dopo aver fatto parte dell'Impero Bizantino, venne conquistata dai visigoti, comandati dal re Sisebuto, che la distrussero definitivamente.

RICOSTRUZIONE DEL TEATRO (balawat.com)

IL TEATRO

Il teatro è stato scoperto per caso; il versante settentrionale della collina della Concezione ha facilitato il suo tempo a costruire gli stand. Per le iscrizioni commemorative è noto che la costruzione è iniziata alla fine del I sec. a.c., in coincidenza con il periodo di maggior splendore urbano della colonia romana.

Dopo la demolizione del Palazzo della Contessa, del 1990, vennero scoperti i primi resti di questo straordinario teatro,  che è rimasto ben conservato appunto perchè coperto da altri edifici successivi.
IL TEATRO
Le iscrizioni dedicatorie del teatro a Gaio e Lucio Cesare, nipoti di Augusto designati alla successione, e la menzione di Gaio come console designato in uno degli altari rinvenuti nell'area della scena, permettono di collocare cronologicamente l'inaugurazione dell'edificio negli anni tra il 5 e l'1 a.c.

Nel III secolo sopra il teatro e riutilizzandone i materiali fu costruito un mercato colonnato, con uno spazio semicircolare scoperto che riprendeva la forma dell'orchestra. Il mercato venne probabilmente abbandonato dopo un incendio per il saccheggio dei Vandali nel 425. Un quartiere commerciale bizantino si installò nell'area nel VI sec.
Vi sono state rinvenute delle sculture per onorare l'imperatore tra cui: un'aquila, un pavone, donne che danzano, un gufo e molti testi dedicati a Caio e Lucio. Venne collocato sul Monte Concezione, poiché sui suoi fianchi era più facile ricavare la costruzione, dato che la maggior parte del colle venne scavata nella pietra naturale della collina. Poi, l'intera opera venne coperta da conci di calcare.

IL TEATRO
Solo i sedili della media cavea e una parte della summa cavea avevano una propria struttura parallela alla facciata esterna. In quest'area vennero aperte le porte (vomitorium) che davano l'accesso all'interno del teatro.
La cavea era divisa n tre aree orizzontali: ima, media e summa cavea. Verticalmente essa era divisa da gradini radiali in quattro sezioni a cuneo, alla ima ed alla media cavea; mentre era divisa in sette sezioni in summa cavea. Il suo raggio è lungo 44 m.

Il podium edificato come opus caementicium è coperto di calce grigia. Esso è lungo 46 m. , largo 7,50 m. e alto 2 m. Invece il fronte-scena è lungo 44 m. e largo quasi 8 m. e alto 16 m., con una pianta composta da tre esedre curve che delimitano il proscaenium dove sono aperte tre porte per entrare nella scena - la valva regia e le valvae hospitales -. Ai lati c'era la parascaenia, stanze rettangolari comunicanti con la cavea.

Il suo prospetto mostra le doppie basi attiche in marmo bianco che sostengono colonne in marmo rosa con capitelli corinzi dello stesso materiale delle basi. A questa si sovrappone una struttura simile, formando una facciata armonica ed equilibrata. Questo prospetto può aver fatto da modello per l'età di Augusto. È probabile che questi elementi costruttivi: capitelli, basi e colonne provenissero da un'officina romana.

Sotto questa struttura fluisce un canale per l'evacuazione delle acque pluvie, che disponevano di tre uscire poste nelle esedre. Infine, il raggio dell'orchestra è lungo 6,5 m. ed è circondato da posti riservati alle persone rilevanti della città, i "proceres". 

Il teatro divenne un luogo di negozi e di mercato, essendo diviso in due e utilizzando i suoi elementi costruttivi, come capitelli, architravi e colonne, per i nuovi seminterrati. 
Per questo motivo, gli storici attuali hanno potuto recuperare questi elementi e ricostruire la maggior parte del Teatro.

L'ANFITEATRO PRIMA DEI LAVORI

L'ANFITEATRO

L'anfiteatro fu costruito nel periodo Flavio, intorno alla seconda metà del I secolo a.c. L'imponente edificio è lungo 96,60 metri per 77,80 metri di larghezza, ed è di forma ellittica. Attualmente è ancora in parte interrato.

Sembra avesse una capacità di circa 11000 spettatori. Esso si trova ancora interrato sotto la Plaza de Toros (1854) e attualmente si stanno effettuando dei sondaggi per effettuarne lo scavo nel modo migliore. In figura l'esterno dell'anfiteatro, nel cui interno si effettuano gli scavi.

L'ANFITEATRO DURANTE I LAVORI

AUGUSTEUM

L'Augusteum è un complesso archeologico, risalente al I secolo a.c., costituito dai resti di due edifici pubblici di epoca romana nell'area foranea di Cartago Nova. Questo è l'edificio romano meglio conservato, e potrebbe essere interpretato come uno dei primi edifici scolastici dedicati al culto degli imperatori conosciuti nel mondo romano. Dispone di una sala espositiva dedicata al foro romano.

RESTI DELL'AUGUSTEUM, IL TEMPIO IN ONORE DI AUGUSTO
Lo splendore romano della città di Cartago Nova si basava fondamentalmente sullo sfruttamento delle miniere di argento, piombo, zinco e altri minerali della sierra mineraria di Cartagena-La Unión, una formazione montuosa che si estende da est a ovest lungo 26 km di costa dalla città di Cartagena fino al Capo di Palos, passando per il comune di La Unión, nel Regione di Murcia.

Nelle vicinanze di Cartagena e Mazarrón l' estrazione mineraria era stata estratta fin dai Fenici, e Roma continuò con lo sfruttamento delle miniere che estraevano grandi quantità di minerale, facendo lavorare in esse un certo numero di schiavi il cui numero oscillava intorno ai 40.000.

"Con l'argento delle miniere di Cartagena pagarono i loro mercenari e, quando lo presero (i romani) nel 209 a. c. Carthago perse questi tesori, Annibale non fu più in grado di resistere ai Romani, così che anche la presa di Cartagena decise la guerra di Annibale."

(Adolf Schulten - Fontes Hispaniae Antiquae)




IL QUARTIERE DEL FORO ROMANO

La città subì un intenso processo di rinnovamento urbano nel I secolo a.c. e furono costruiti importanti edifici pubblici come il Teatro e il Foro. Qui è possibile visitare alcuni elementi dell'epoca romana, come le strade, i bagni termali o l'edificio dell'Atrium.

D'altra parte, a circa cinque minuti dal Foro Romano, è possibile visitare la Casa de la Fortuna, i resti di una casa romana, che risale al I secolo a.c. e le diverse posizioni della casa, per capire meglio il modo di vivere dei romani in quel momento.

LE TERME

LE TERME ROMANE

Le terme romane di Carthago Nova risalgono all'inizio del I secolo d.c., e sono state utilizzate fino alla V secolo d.c. Si trovano a circa 150 metri dal Foro Romano. Erano praticamente in una delle strade principali della città. I primi scavi furono effettuati nel 1968 tra Plaza de los Tres Reyes, Via Honda e Via Jara.

Le terme romane cominciarono a diventare popolari nel I secolo d.c., anche se dal IV secolo a.c. i Greci adottarono bagni pubblici dove poter ricevere massaggi con oli o fare bagni in piscine a temperature diverse.

RICOSTRUZIONE DELLE TERME (INGRANDIBILE)
Le stanze più importanti erano:

Palestra - per gli esercizi ginnici.
Apodyterium - il guardaroba.
Natatio - la piscina, di solito situata all'aperto.
Frigidarium - vasca di acqua fredda
Tepidarium - vasca di acqua tiepida
Caldarium - vasca di acqua calda
Laconicum o sudatio - la sauna.

Le Terme si trovano nella strada Arco de la Caridad 8, 10 e 12 di Cartagena, situate all'epoca tra la curia e la sede degli Augustales, con una estensione di circa 1.200 mq.

La fondazione e la costruzione dell'edificio avvenne nel I secolo d.c.. Successivamente, nel II secolo d.c. venne aggiunto il frigidarium e vi fu un abbellimento con statue e marmi,.

Gli scavi del 1968, hanno portato alla luce stanza con pavimenti differenti e talvolta rifatti, ma senza cambiamenti negli edifici perché non v'è molto materiale riutilizzato vicino al forum e bagni.
Nel 1972 il Museo Archeologico Municipale di Cartagena effettuò nuovi scavi, che permisero di interpretare meglio i resti rinvenuti.

Le stanze che sono state identificate nelle terme di Carthago Nova sono, da nord a sud:
- Il frigidarium , pavimentato con lastre di marmo bianco con venature rosse, e la cui piscina è pavimentata allo stesso modo.
- Il caldarium o il tepidarium.
- Le sospensure, con colonne di mattoni e arenaria.
Altre stanze sono il praefurnium, ad est del caldarium e un'altra stanza, adiacente al frigidarium, che potrebbe essere usata come sudatio o laconicum .

A metà del III secolo d.c. ci potrebbe essere stato un incendio che ha causò il suo successivo progressivo abbandono. Ma sappiamo bene che il cristianesimo proibì tutto ciò che rientrava nella cura e nel corpo o nei divertimenti, a parte le corse dei cavalli. Da allora, e fino al Vii secolo, divenne oggetto di spolio per nuovi edifici.





0 comment:

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero