VILLA OLMEDA (Spagna)




La villa romana La Olmeda è posta nel comune spagnolo di Pedrosa de la Vega, in provincia di Palencia, nella Castilla y León. Il sito è stato dichiarato patrimonio di interesse culturale il 3 aprile 1996, e la rivista National Geographic lo considera (2016) una delle dodici principali scoperte dell'archeologia moderna.

La villa o domus romana si trova nella pianura fluviale del fiume Carrión, a circa 888 m slm, in un'area attraversata da diversi corsi d'acqua in direzione nord-sud, tra la valle del Carrión e il Páramos de las Rañas.

La villa è divisa in due parti, una edificata nel I sec. secolo che durò fino alla fine del III sec., e l' altra ricostruita sulla precedente nel IV sec. in un periodo di ripresa tra i governi di Costantino e Teodosio il Grande, finchè fu distrutto e abbandonato nel VI sec..

La villa venne scoperta nel 1968, durante alcuni lavori sul terreno di proprietà di Javier Cortes, che iniziò il suo scavo privatamente. Nel 1980 il sito richiedeva più di quanto il proprietario potesse permettersi, per cui si accordò con il Consiglio Provinciale di Palencia creando una Fondazione a due, che perdura a tutt'oggi. Nell'aprile 1984 vene realizzata una copertura sui resti della villa per la sua conservazione.

Una selezione dei materiali trovati negli scavi è esposta nel museo monografico di La Olmeda, che nel 1984 è stato installato nella chiesa di San Pedro de Saldaña . L'accesso ai archeologico viene eseguita attraverso una deviazione al chilometro 55 della strada regionale CL-615 ( Palencia - Riaño), fino alla città Gañinas de la Vega.



LE VICENDE STORICHE

Nel III sec. le lotte continue per il potere, le incursioni di tribù germaniche sul Reno e del Danubio, la guerra in l' Oriente o l'epidemia di peste ha causato una crisi del romano sia politica che militare, sociale ed economica.

A causa della scarsità di materie prime e di disastri politici, la popolazione è diminuita, influenzando le attività produttive. Ciò ha comportato un minor reddito per lo stato, i cui tentativi di compensarlo, aumentando le tasse, hanno ulteriormente aggravato la crisi.

Il risultato di tutto ciò fu la scomparsa del commercio internazionale che esisteva fino ad allora; le rotte con l'Oriente erano influenzate dai Persiani e dalle rotte europee dai movimenti dei Germani. Anche il commercio interno ha risentito di questa mancanza di sicurezza, di un'elevata tassazione e di una perdita di fiducia nello Stato.

Nell'era sub-imperiale furono intraprese una serie di riforme per affrontare i problemi precedenti e quindi, sotto Diocleziano , il sistema fiscale venne riorganizzato in vista di un aumento della raccolta finale, a causa del costo del numero crescente di truppe e funzionari necessari per garantire l'amministrazione dell'impero.

Allo stesso modo, l'editto di pretiis rerum venalium, del 301, mirava a stabilire prezzi massimi per i beni come misura contro l' inflazione e l'aumento dei prezzi. Regolamentato il prezzo dei prodotti agricoli, artigianale e le tasse da ricevere per ciascuna delle attività professionali. si è trasformato in scambi basati sul baratto e l'economia ha subito una ruralizzazione, tornando a prendere la terra come l'unico valore sicuro della ricchezza.

PLASTICO DELLA VILLA
I raccolti agricoli crollarono a causa dei disordini sociali esistenti e il commercio fu ridotto esclusivamente agli oggetti di lusso acquistati dai grandi proprietari.
Le città subirono un significativo declino demografico e della vita civile e i curiales e l'aristocrazia municipale preferirono andare a vivere nei loro villaggi nel campo in cui avevano grandi proprietà agricole e laboratori per le proprie esigenze, cioè diventavano autosufficienti nella produzione e nel consumo.

L'interno della Hispania era una delle zone più favorevoli per questi latifondi. Da un lato, c'era un villaggio che durò dal I al III secolo, e dall'altra, la ricostruzione della città, una nuova pianta e in un luogo diverso, durante il secolo IV , che dura fino alla metà del V secolo , distrutto e forse abbandonato nel VI secolo .

Questa seconda fase è inserita nel contesto della ripresa iniziata nel tempo di Diocleziano e del suo sistema di Tetrarchia , che ha vissuto al meglio durante il governo di Costantino I e i suoi figli, all'inizio del IV secolo, e sotto il governo di Teodosio I , alla fine dello stesso secolo. In questo momento costantiniano-teodosiano appartiene il più grande splendore della città.

Non si conosce il nome dei diversi proprietari che si succedettero l'un l'altro durante il IV e V secolo, ma si è supposto il generale Asturio, duca di Tarraconense tra il 441 e il 443. Tuttavia, nonostante le iscrizioni trovate, l'anonimato della città continua.



GLI SCAVI

L'Olmeda fu scoperto nell'estate del 1968, nel corso di alcuni lavori per ridurre una collinetta in un terreno di proprietà di Javier Cortes, rinvenendo i resti di una serie di edifici e scavando fino a 65 piedi di profondità dove si è raggiunta la pavimentazione a mosaico.

Prima della sua scoperta, venne pianificato uno scavo archeologico privato ma con la direzione di un archeologo professionista, professore di archeologia all'Università di Valladolid, Pedro de Palole.

Nei primi anni si pensò al consolidamento dei mosaici e lo stesso Javier Cortes realizzò la costruzione dei primi edifici e delle visite protettive. Nel 1980, l'estensione del sito ha travolto le possibilità del proprietario del sito per cui questi ha raggiunto un accordo con la Delegazione Provinciale di Palencia, creando una Fondazione che, da quel momento, è responsabile della gestione e del finanziamento delle opere.

Tra il 1981 e il 1984, anno di inaugurazione della Villa, sono stati effettuati lavori di costruzione su una copertura per il sito e una passerella che ha permesso la visita, mentre il futuro sito del museo era in restauro.

Questo, all'inizio fu locato nella casa dello scopritore, per mettere a disposizione dei ricercatori i materiali trovati, ma, quando fu creata la Fondazione, venne trasferito nella vecchia chiesa di San Pedro, a Saldaña, dove è rimasto dal 1984. Nel 1988, José Antonio Abásolo Álvarez, professore all'Università di Valladolid, e Miguel Nozal, archeologo di Saldaña, assunsero la direzione degli scavi, espandendo sia il recinto che la passerella.

Nel 2004, le terme sono state aperte al pubblico con gara d'appalto vinta dagli architetti Paredes e Pedrosa. Il 3 nell'aprile di 2009 Dopo quasi quattro anni di costruzione, la Villa è stata riaperta al pubblico con il nuovo edificio.
Accanto alla villa si conservano anche le terme e tre cimiteri di cui sono stati portati alla luce solo due. In essi sono stati rinvenuti resti di corredi funebri e utensili romani.

(Pedro de Palol Salellas - La villa romana de La Olmeda de Pedrosa de la Vega (Palencia) - Guía de las excavaciones - 1982)

LE TERME

DESCRIZIONE

L'edificio principale della villa ha una pianta quadrata con quattro torri angolari, ottagonali sulla facciata sud e quadrate a nord. La domus è edificata intorno a un cortile, cioè un patio che in origine era un peristilio, le cui colonne sul lato sud sono state sostituite da un porticato in mattoni e i lati rimanenti sono stati chiusi da mura.

Il cortile è munito di quattro gallerie decorate con mosaici. Due di queste danno accesso alla villa attraverso porte fiancheggiate da colonne in marmo bianco. Delle 27 camere 12 sono dotate di ipocausto (sistema di riscaldamento sotterraneo). All'esterno spicca un grande portico di ingresso.

Lo spazio dell'intero complesso archeologico è così articolato attorno ad un asse nord-sud, di circa 1700 m di lunghezza, il cui nucleo centrale è costituito dalla villa basso-imperiale composta da residenza, i bagni e due corpi laterali come ali. L'estremità meridionale si troverebbe in un edificio situato nel cosiddetto Alto del Caballo e nella parte settentrionale della necropoli settentrionale.


La villa era costituita da due parti indipendenti ma unite tramite un corridoio:

- la villa residenziale (la parte scavata), utilizzata come abitazione dai proprietari, di quasi 3000 mq, regolare e simmetrica attorno ad un asse nord-sud. Questo asse nord sud, su cui si snodava una strada, collegava le diverse aree del complesso e pure la rete di strade secondarie necessarie per l'agricoltura. Il territorio sotto l' influenza della villa è stata determinata dopo le indagini condotte tra il 1986 e il 1991, in cui un certo numero di campi, di diversi tipi, sono stati trovati  vicino alle città di:

- Saldaña,
- Relea de la Loma,
- Villarmienzo,
- Velillas di Duke,
- Quintanilla de Onsoña,
- Villaproviano,
- La Serna,
- Villamoronta,
- Villarrobejo
- Villapún.

La parte residenziale ha una pianta quadrata con un grande patio centrale circondato da gallerie che accedono alle diverse stanze e d'altra parte, a ovest, i bagni. La costruzione dei bagni, collegati alla casa attraverso un corridoio, ha due aree: da una parte una grande stanza circolare, il cui uso è sconosciuto, e dall'altra l' armadio, attraverso il quale accesso alle diverse sale da bagno: frigidarium, tepidarium e caldarium.

- la villa rustica, residenza dei lavoratori, sia schiavi che i coloni, come pure magazzini e stalle. Questa seconda parte non si trova e potrebbe già essere distrutta a causa della precarietà della sua costruzione. Socialmente, era un nucleo aristocratico che costituiva una dinastia di proprietari terrieri, i cui ritratti sono osservati nel mosaico principale.




LA PARTE RESIDENZIALE

L'edificio principale presentava, sia sulle facciate nord e sud, un portico alle cui estremità erano erette torri, ottagonali sulla facciata sud e quadrate a nord. Il portico meridionale potrebbe essere a colonne o di muro su cui si innalzerebbero le colonne nella pianta alta dell'edificio.

Questo schema, a pianta quadrata con torri angolari, è comune nell'architettura rurale di quel tempo, soprattutto in Gallia e in Germania. Il cortile centrale era originariamente un peristilio con colonne su tutti e quattro i lati che separavano l'area del giardino dalle gallerie che lo circondavano. Successivamente le colonne sul lato sud sono state sostituite da archi in mattoni e i lati rimanenti sono stati chiusi con pareti in cui sono state aperte le finestre.

L'accesso principale all'interno dell'edificio era attraverso il portico sud, attraverso una stanza sullo sfondo della quale si ergevano due colonne che segnavano il passaggio dal vestibolo alla galleria del peristilio. Questi, quattro in totale, ordinarono la circolazione dell'edificio, e quelli del nord e del sud erano più ampi di quelli dell'est e dell'ovest.

La galleria sud appariva in cattive condizioni a causa di un fossato che distrusse parte della galleria ovest, la galleria sud e diverse stanze sul lato est. Fu realizzato prima della distruzione del complesso e divenne un cassonetto dove furono trovati una moltitudine di materiali come corna di cervo, ceramiche del V e VI sec. o contenitori di metallo.




Le stanze

- n° 24 - Sul lato sud, accanto all'ingresso, c'è la stanza 24, con pavimento in oro e platino e quattro fori uniti da canali che fungevano da sede per vasi , quindi è interpretata come una dispensa.

- n° 23 - La stanza attigua è identificata come una cucina e sul suo muro esterno sono stati trovati resti di pittura , come in altre stanze della casa, soprattutto sul lato nord. Costeggiando è l'inizio di una scala che portava al piano superiore. Questo esisteva sia su questo lato sud che sul lato nord, con le ali est e ovest del piano terra.

- n° 21 - All'estremità orientale della galleria sud si trova la stanza n. 21, lastricata di opus signinum e che fa da anticamera alla stanza n. 20,

- n° 20 - un'alcova che presenta uno dei mosaici geometrici più straordinari della città.

- n° 13 -  Sul lato est, e partendo da sud, c'è prima una piccola stanza con l' opus signinum, che funge da anticamera del n. 14-15, pavimentata con mosaico e considerata una delle sale da pranzo o triclinios della casa.

MOSAICO DELL'OECUS

- n°3 - A contatto con il lato nord è una stanza absidale, n. 3, dalla quale è possibile accedere ad altre due stanze
- n° 2 - 4 - poste su entrambi i lati (n. 2 e 4). Tutti e tre erano pavimentati con mosaici e avevano un ipocausto o un riscaldamento sotterraneo.

Sul lato nord, le camere hanno pavimenti in opus signinum,
- n° 7 - 8 - ad eccezione delle stanze 7 e 8, che hanno pavimenti battuti.
- n° 7 - Tranne che per il n. 7, che è l'entrata nord dell'edificio,
- n° 9 - e il n. 9, che è il buco di un'altra scala per il piano superiore, non si sa quale uso abbiano avuto.
- n° 10 - 11 - 12 - Nell'estremità occidentale, e simmetriche a quelle sul lato est, ci sono tre stanze (n. 10, 11 e 12), anch'esse pavimentate a mosaico ma senza ipocausto.

LE TERME

- n° 30 - Sul lato ovest, c'è il corridoio che collega l'area delle terme (n. 30)
- n° 29 - 31 - 32 - e pure un insieme di stanze (n. 29, 31 e 32) che forse costituiscono il triclinio o la sala da pranzo principale della casa. Questo, il n. 29, era inizialmente più piccolo, ma subì una riforma che allargò la stanza e rese l'abside della stanza fuori centro rispetto all'asse della stanza.
- n° 32 - Sia la sala da pranzo che la sua hall (n. 32), avevano pavimenti a mosaico.
- n° 31 - la stanza n. 31, che serviva per la sala da pranzo, aveva un pavimento in opus signinum.
I MAGAZZINI (26)
- n* 27 - 28 - 33 - Di nuovo in contatto con il lato sud, c'è un piccolo corridoio (n. 28) che fungeva da uscita dall'edificio ad ovest e permetteva l'accesso alle stanze n. 27 e 33, pavimentate con opus signinum e terra battuta rispettivamente.
- n° 26 - La camera n. 26, anch'essa con pavimento battuto, e in cui appariva un gran numero di resti di anfore - alcune delle quali di origine orientale come Gaza o Cartagine - che permettevano di identificarlo come magazzino.

- Infine, il giardino del peristilio aveva al centro una fontana, di cui non sono stati trovati resti, circondato da un mosaico.

- Dalla stessa parte, in direzione nord, uno scarico di mattoni che si riversava in un ruscello e scompariva.

- Le due porte del giardino, situate nelle gallerie est e ovest, erano unite da una pergola con otto archi, i cui fori di supporto sono stati trovati durante gli scavi.

TERME E IPOCAUSTO
- L'edificio delle terme si trova a ovest della casa, a cui è collegato da un corridoio (n ° 30). Questo le divide in due parti: il sud è una camera circolare 170 mq, il cui uso è sconosciuto, con pavimentazione cocciopesto con un mosaico sovrapposto. Aveva un ipocausto e subì un saccheggio che distrusse la maggior parte del terreno alla ricerca dei mattoni che coprivano i condotti sotto il mosaico.

- Quattro piccole sale pavimentate a mosaico si aprono a ovest di questa stanza circolare.

- A Nord del corridoio, camera fronte circolare è l'apodyterium o vestibolo, che aveva una corsa sulla sua panchina parete est e una piccola vasca ovale, con gradini, all'angolo nord-ovest e una pavimentazione cocciopesto sovrapposto ad un altro mosaico.

- A sud-est della stanza c'è una stanza identificata come laetrinae, con pavimenti in piastrelle e pavé di fango, diversa dal resto della villa.

- Dal spogliatoio centro si accede tramite una scala, un frigidarium così lobate, con pavimentazione di cocciopesto e ad ovest erano le camere del caldarium e tepidarium, con un'abside e pavimentazione a mosaico.

- Infine, all'estremità occidentale del muro dei bagni si trova il propnigeum, dove è stato conservato il combustibile e il forno è stato posizionato per riscaldare i bagni; è un'aggiunta all'edificio principale dei bagni termali e ha le stesse misure delle latrine.



I MOSAICI

Forse l'attrazione principale della città è l'insieme di mosaici che pavimentano i loro pavimenti, considerato uno dei più importanti in Spagna.

- Partendo all'ingresso sud della casa, pavimentata con un mosaico in piazze e alternati ottagoni ed è delimitato da un fregio di cerchi intersecanti, le quattro gallerie del peristilio sono pavimentate; nord e sud del design è semplice, di carattere geometrico, e quindi nello spazio corridoio settentrionale è suddivisa in frame o cassoni in cui motivi alternati come nodi di Salomone, svastiche o croci circondato da un bordo di motivi floreali, mentre nel corridoio sud, molto distrutto a causa del fossato, appaiono cerchi secanti con bordo di triangoli incatenati (guiloches).

- D'altra parte, a est e a ovest, lo stesso tema è ripetuto con coppie di esagoni irregolari che, quando tagliati, lasciano un ottagono al centro e, quando si uniscono ad altre coppie di esagoni, formano quadrati e diamanti.

- n° 20 - Nell'angolo sud è su l' un lato, camera  20, che ha uno dei disegni geometrici più importanti della villa: un ottagono centrale cui lati sono posti piazze, e tra questi apparire diamanti allungate, tutti È circondato da un bordo a treccia e una linea a zig-zag.

- n° 14 - 15 - Su l' altra parte, il triclinio che rendono fino le camere  14 e 15 ha, nella sua abside, nodi di Solomone nei circoli mentre il resto della camera include un alloro al centro e circa otto rettangoli entro cui Hanno cerchi con fiori a otto petali. Sia nell'angolo nord-est che nord-ovest, le camere tripartite presentano pavimenti a mosaico.

- Nord-est, la cabina principale, con un disegno di esagoni alternati a quadrato, presenta immagini separate da corde e entro quattro peltas alternativamente rosso e nero, e la 4 Ha un design basato su quadrati ed esagoni, separati da corde, all'interno dei quali ci sono motivi geometrici e floreali, e tutti con due bordi, uno di fiori con tre petali e un altro di fiori a quattro petali.


- n° 11 - D'altra parte, a nord-ovest, la stanza absidale (nº 11) ha un disegno di ottagoni e quadrati, con fiori di otto petali e croci all'interno, il tutto bordato da un bordo di tulipani nell'abside e con triangoli incatenati (guiloches) nella parte inferiore.

- n° 10 - Adiacente, la stanza n. 10 ha un centro di quattro fiori separati da corde e attorno a pannelli di diverse dimensioni.

- n° 12 - Il mosaico della stanza n. 12 mostra un disegno di cerchi di asciugatura e un bordo di triangoli isosceli. 

Nell'angolo sud-ovest, il triclinio principale della casa e la sua lobby hanno anche pavimenti a mosaico. Il mosaico della parte più antica della sala da pranzo mostra un disegno di fiori legati dai loro steli su cui si uniscono cerchi ed è circondato da un bordo di ghirlande. Da parte sua, il mosaico della zona allargata ha linee rette su cui ci sono cerchi con fiori all'interno e un bordo di merli.

- n° 32 - La sua hall, sala 32, offre una decorazione di ciocche di capelli separate da corde. Per quanto riguarda la costruzione dei bagni, molte delle stanze sono pavimentate con mosaici. Così, la grande stanza circolare presenta un disegno simile a quello delle gallerie est e ovest del peristilio, con un quadrato al centro in cui due bordi di ghirlande circondano una stella a otto punte.

Nelle quattro sale adiacenti, le due a sud hanno un design di cassettoni con motivi cruciformi all'interno, e le due a nord, uno presenta un disegno di quadrati ed esagoni,

- n° 4 - Un disegno simile a quadrati ed esagoni è quello della stanza n. 4 e alle altre coppie di scale frontali o doppi assi.

Infine, il pavimento del camerino presentava un disegno di quadrati, ottagoni e croci, con bordo di cerchi di asciugatura, che fu poi ricoperto di opus signinum.

- n° 15 - Il pavimento più eccezionale della villa è quello situato nell'oecum (stanza nº 15), il salone principale della casa, di 175 mq, dove si trova l'unico mosaico figurativo conservato. Si compone di una scena figurativa centrale circondata da un bordo che ha un disegno simile a quello della galleria orientale del peristilio con corone di alloro sovrapposte e accanto al muro un altro bordo di nastri ondulati che circondano i tulipani.


La parte figurativa centrale è composta da tre temi diversi: L'area più vicina all'ingresso della stanza rappresenta sette scene di caccia, in cinque delle quali diversi animali combattono con i cacciatori a piedi o a cavallo, armati di lancia o giavellotto.

Un'altra scena mostra un leone dell'Atlante (specie già scomparsa) ferito e un altro l'attacco di un leone a diverse antilopi africane. Al centro della stanza è rappresentato un tema mitologico molto comune nell'antichità, sia nel mondo greco e romano, sia nel Rinascimento. Si tratta della leggenda della scoperta di Achille da parte di Ulisse, quando Achille era nascosto nell'abito di una donna sull'isola di Skyros, nel palazzo del re Licomede.

Nella scena, Ulisse indica ad Aquiles la direzione di Troia e le principesse, figlie del re, cercano di impedire la sua marcia sapendo che morirà in guerra. I personaggi rappresentati, ad una dimensione superiore a quella naturale, sono i seguenti: Achille, nudo e con orecchini femminili. Ulisse, brandendo una spada con la testa di un'aquila. Rea, Regina di Skyros, con cintura diadema e mantello.

Sei principesse, tra cui l'amante di Achille, Deidamia. Albina, l'amante di Deidamia, che offre a Rea un fuso che indica che la scena si svolge nel gineceo del palazzo. Agirtes e Diomede, che accompagnano Ulisse e suonano le trombe facendo scoprire ad Achille se stesso prendendo le armi con cui ha cercato di difendersi. Per le dimensioni si tenga conto che le figure sono alte più di 2 m.

Il terzo tema figurativo, il più eccezionale per la sua unicità, è il confine che circonda la scena di Achille e Ulisse. È composto da numerosi medaglioni ovali appesi alle ali di anatre, che si fissano con le cime di anfore che poggiano sulle piante, la cui coda finisce trasformandosi in un delfino. In ogni medaglione appare un volto, alternando maschile e femminile, di personaggi la maggior parte giovani, realizzati con tessere di piccole dimensioni che si alternano con pasta vitrea.

- Dei diciotto ritratti originali, quattordici sono conservati e la loro interpretazione è complicata. Tra le varie teorie proposte, Dimas Fernández-Galiano ha identificato i medaglioni come strumenti liturgici legati a qualche tipo di culto pagano, mentre altri postulano che sono ritratti di famiglia.
Nei quattro angoli del mantovano sono rappresentate le quattro stagioni, di cui tutte sono conservate tranne l'estate, elaborate in modo classico: primavera con fiori, autunno con uva e inverno con velo. La forma di rappresentazione degli occhi, grande e con certa inespressività, è comune nell'Impero Basso e nell'era bizantina.

LA STRUTTURA CHE CONTIENE LA VILLA

Necropolis - Materiali dalla necropoli

Tra i reperti rimanenti, vale la pena menzionare le tre necropoli ritrovate, che hanno fornito più di 700 tombe appartenenti a periodi diversi e materiale archeologico abbondante grazie ai corredi .

Sono stati identificati tre diversi complessi funerari intorno alla villa:
- 40 tombe della necropoli settentrionale, scoperte nella primavera del 1974 a circa 700 m a nord della casa, per il primo periodo della villa (tra secoli I e III ) e che ha continuato sepolture dal IV sec. Le sepolture sono sia incenerimento che sepoltura. In totale fornì 111 sepolture di cui  il 70% erano fornite di corredi funebri, tra cui vasi di terra sigillata ispanica e ceramica comune, piccoli vasi in bronzo, fibbie per cinture, strumenti di ferro e collane e bracciali di ambra e vetro.
- Tra il 1986 e il 1990 si scavarono 100 sepolture con vetro, terra sigillata ispanica, bracieri di rame, utensili in ferro e oggetti di ornamento personale.

La necropoli meridionale è la più grande e la più importante di quelle trovate finora. Si trovava a circa 400 metri a sud del villaggio, occupando un'area di 5000 mq. Scoperto nel 1972 e scavato nel suo complesso, sono stati trovati 526 tombe, di cui 59 aree di incinerazione con ceramica artigianale fin dal VI sec. a.c..

C'erano tre tipi di tombe:

- I gruppo, una cassa di legno in una fossa, senza copertura, il gruppo più abbondante e con i più ricchi corredi, in totale 451 sepolture.

- Il secondo gruppo, di  54 tombe, una tomba coperta di muri di mattoni e ricoperta di falsa volta a mattoni, nel cui interno sarebbe presente una cassa di legno.

- III gruppo, mattoni o tegole ricoperte con tetto a due falde,  21 tombe con  meno abbondante corredo funerario.

Nei corredi maschili: coltelli in metallo, borchie di cintura o bottoni, nelle donne: collane di perle di vetro o pasta di vetro, bracciali in bronzo o argento, orecchini, osculatorios e bicchieri e bottiglie di vetro.





0 comment:

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero