NUMERAZIONE ROMANA



I romani rappresentavano i numeri con alcune lettere maiuscole dell'alfabeto. Ma lo zero era per loro sconosciuto. Le lettere erano sette in tutto, articolate in modo da formare qualsiasi cifra, in cui il numero rappresentato è dato dalla somma delle lettere che erano:

I = uno, V = cinque, X = dieci, L = cinquanta, C = cento, D = cinquecento, M = mille.

La numerazione procedeva così::
Una lettera posta a destra di una lettera più grande si sommava:
es: II: 2 - III: 3 - oppure XX: 20 - XXX: 30 - oppure 36: XXXVI (30+5+1)

una lettera a sinistra minore della lettera seguente si sottraeva, ma solo per I X C:
es: 4 (5-1= IV) - 9 (10-1= IX) - 149 (100+50-1= CIL) - 199 (100+100-1=CIC) -
da cui 29: XXIX (10+10-1+10) - 39: XXXIX - 49: XLIX - 59: LIX - 69: LXIX -

Per cui la numerazione procedeva così:
1: I - 2: II - 3: III - 4: IV - 5: V - 6: VI - 7: VII - 8: VIII - 9: IX - 10: X -

pertanto:
20: XX - 21: XXI - 22: XXII - 23: XXIII - 24: XXIV - 25: XXV - 26: XXVI - 27: XXVII - 28: XXVIII - 29: XXIX - 30: XXX -

il tutto si ripeteva con:
30: XXX - 40: XL - 50: L - 60: LX - 70: LXX - 80: LXXX - 90: XC - 100: C -

le centinaia diventavano:
100: C - 200: CC - 300: CCC - 400: CD - 500: D 600: DC - 700: DCC - 800: DCCC - 900: CM

le migliaia pertanto diventavano: 1000: M ma dopo M non c'erano altri simboli. Per indicare più migliaia si poneva un trattino sopra la lettera:
  • V = 5.000
  • X = 10.000
  • L = 50.000
  • C = 100.000

Per cui il numero 1550 sarà MDL, il numero 1549 sarà invece: MDIX e 1554 sarà: MDLIV.

Bordando invece una lettera con due linee verticali ai lati ed una orizzontale sopra, viene moltiplicata per 100.000:

  • V = 500.000
  • X = 1.000.000
  • L = 5.000.000
  • C = 10.000.000
  • D = 50.000.000
  • M = 100.000.000
Questo sistema fu utilizzato soprattutto nel tardo Impero, perchè nell'antica Roma, i numeri venivano solo aggiunti e mai sottratti, Quindi 4: IIII - 9: VIIII -

Infatti spesso si insegna che i numeri romani erano scritti così: IV per 4, IX per 9, XC per 90 ecc. Però IIII, VIIII, LXXXX, etc. erano più comuni. Inoltre i Romani avevano vari modi di esprimere D, M, e numeri più grandi. Un altro modo era questo:
D = I@
M = CI@
decem milia = CCI@@
centum milia = CCCI@@@
millies mille = CCCCI@@@@



Il calcolo

Per fare i calcoli i Romani non usavano la numerazione scritta, ma sassolini, che in latino si chiamavano "calcoli", che venivano infilati nelle scanalature di un abaco.

Le prime lettere dell'alfabeto furono disegnate su tavolette ricoperte di sabbia; solo successivamente la sabbia venne sostituita dalla cera e le lettere venivano incise con un legno o con un ferro appuntito chiamato "stilo".

Gli antichi romani non conoscevano i "milioni" né i "miliardi" e per indicare "un milione" dicevano "dieci centinaia di migliaia".
I numeri romani si usano oggi solo per indicare sequenze con qualche decina di componenti (pagine, secoli, mesi, ore, regnanti, papi, epigrafi ...).


I NUMERI IN LATINO
  • I - unus
  • II - duo
  • III - tres
  • IV - quattor
  • V - quinque
  • VI - sex
  • VII - septem
  • VIII - octo
  • IX - novem
  • X - decem
  • C - centum
  • M - mille (plurale milia da cui il termine miglia)



ARTICOLI CORRELATI



0 comment:

Posta un commento

Post più popolari

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero