VERULAMIUM (Inghilterra)



AFFRESCO MURALE

Posta anticamente sulla strada tra Londinium (Londra) ed Eboracum (York), Verulamium, oggi detta pure Old Verulam (Vecchia Verulam), fu la città principale dei Cautieuclanis (detti pure Catuvellauni ) e la probabile residenza di Cassivelaune. L'attuale abbazia fu costruita con le pietre della Vecchia Verulam.

L'INSEDIAMENTO PREROMANO

L'INSEDIAMENTO PREROMANO

L'insediamento risulta in epoca pre-romana di Tasciovano, un principe celtico o re, conosciuto attraverso le sue monete. Probabilmente è stato il capo della Catuvellauni. Anticamente il suo nome era Verlamion, nome che i romani si erano accontentati di latinizzare. Il nome significava "i l posto sopra la palude", perchè in effetti il luogo era paludoso, e furono poi i romani a bonificarlo.

Nelle sue monete troviamo la nota VIR, il che significa che sono state coniate a Verulamium, evidentemente la capitale del suo regno.

L'INSEDIAMENTO ROMANO

L'INSEDIAMENTO ROMANO

Verulamium si trova a sud-ovest della città attuale di St Albans in Hertfordshire. Di essa sono stati esplorati solo otto ettari degli ottantuno compresi entro l'ultima cinta muraria, quella in pietra del 265-270 d.c.
L'insediamento romano era situato sul Watling Street, già occupato a suo tempo da Giulio Cesare, ricevette nel 50 d.c. il rango di municipium, che dava ai residenti gli stessi diritti civili dei romani. Successivamente, l'insediamento crebbe divenendo una grande città.

Secondo le fonti romane, nel 61 d.c..durante la rivolta di Boudicca con le tribù celtiche degli Iceni e dei Trinovanti, la città venne da questi saccheggiata e distrutta. Questa distruzione risulterebbe anche archeologicamente per lo strato di cenere che la ricopre. Sia nel 155 che intorno all'anno 250, la città è stata distrutta da un incendio e poi per lo più ricostruita in pietra.

LE MURA ESTERNE
Nei primi anni del III secolo la città aveva una pianta a scacchiera, con le mura, un profondo fossato, un forum, una basilica, un teatro, le terme e diversi templi, per circa 50 ettari. Nel III e IV secoli, inoltre, erano state costruite molte ville di campagna, le ville rustiche, con peristili, mosaici e ipocausti, molto diverse dalle precedenti ville per lo più piccoli edifici residenziali in legno e pietra. Tra il 450 e il 500 è conclusa l'occupazione romana e la città decadde.

Nel Medioevo, infine, i resti emersi a nord-est, probabilmente del cimitero, furono legati alla tradizione del martirio di S. Albano del 314, a cui venne consacrata la cattedrale di St Albans, la cui creazione derivò dalla spoliazione delle rovine romane usate come una cava, tanto che oggi solo una parte delle mura della città, un ipocausto e il teatro sono ancora visibili.

Nella zona circostante sono diverse ville, come la Villa Rustica in Gorhambury dove i cittadini benestanti della città hanno vissuto e fornito la città con i loro prodotti agricoli.

MOSAICO DEL DIO OCEANO

IL FORUM

Il Forum è stato il centro dello schema a scacchiera della città ed è stato con le sue dimensioni di m 161 x 117 il secondo forum in ordine di grandezza per la Gran Bretagna. Secondo una iscrizione del governatore Gneo Giulio Agricola il teatro venne iniziato nel 79 d.c. ma si concluse solo in età flavia.

IL FORO DI VERULAMIUM
Il suo aspetto esatto non è chiaro, nonostante i numerosi scavi. Quello che è certo è che il forum venne ricostruito più volte, anche se è difficile separare le fasi.

Il lato nord-est del fabbricato consisteva in una serie di spazi aperti presumibilmente verso l'esterno, che vennero probabilmente utilizzati come negozi. Dietro c'era una seconda serie di camere, che probabilmente si aprivano all'interno del forum.

Segue la grande basilica, oltre al Forum vero e proprio, una grande piazza di m 62 x 94, i cui ingressi erano situati sul lato sud-est e il lato nord-ovest. Nel sud-ovest ci sono altri tre edifici di cui uno era la Curia.

Sotto al foro del 79 vi sono strutture in muratura che possono indicare l'esistenza, in questa zona, di edifici pubblici pre-flavi, forse di un foro più antico.



IL MACELLUM

A nord ovest del Foro sorgeva il Macellum, costituito da due file di negozi. Al centro c'era un cortile con una fontana che portava l'acqua dal vicino fiume. 
Nei pressi del macellum sono state rinvenute molte ossa di animali, i ricercatori hanno concluso che, così come per altri Macella, questo vendeva anche carne di animali.



LE TERME

Finora, sono stati scavati nel sito di Verulamium i resti di tre terme. Nella XIX Insula sono stati trovati negli scavi una parte dell'edificio e resti di colonne e affreschi di alta qualità.Secondo i risultati, era un edificio pubblico ed è stato utilizzato fino alla fine del secolo.

Anche durante gli scavi sud dell'insula III sono stati trovati resti di edifici, che probabilmente appartenevano ad un bagno termale, che è stato costruito alla fine del primo secolo e distrutto nel grande incendio del 150. Tuttavia, solo tre camere del palazzo sono state scavate, una delle quali aveva un ipocausto. A causa della struttura dell'edificio e il numero di oggetti trovati, è abbastanza certo che fosse un bagno pubblico.

Altri grandi terme sono state trovate durante gli scavi nord-est della città romana accanto a un grande recinto templare, è per questo che potrebbe essere stato utilizzato principalmente per scopi rituali. Un complesso extraurbano di ambienti termali, costruito verso la metà del II sec., è stato invece scavato a Branch Road, 275 m oltre la porta di nord est.

IL TEATRO

IL TEATRO

Nonostante le imposizioni dei vincitori, le tribù britanne si integrarono pian piano con i cittadini romani presenti nell’isola e i loro costumi, alcuni dei quali molto gradevoli, come la passione per i giochi gladiatori, a cui seguì la costruzione del grande numero di anfiteatri della provincia.

Il teatro di Verulamium è uno dei pochi edifici che si possono ancora vedere oggi. L'edificio, che si compone di una sala e un'area semicircolare destinata all'orchestra ha un diametro di 24,3 m. Era di tipo romano gallico ed è stato inserito in parte nel terreno.
E 'stato ricostruito più volte ed aveva un boccascena con un ordine corinzio. Con molta probabilità il teatro era collegato con il quartiere vicino al tempio, in modo che nel teatro si potessero celebrare anche eventi religiosi.

IL TEATRO

I TEMPLI

La città aveva numerosi templi. Nel forum probabilmente erano due templi di tipo classico. Altri templi della città appartengono al tipo gallo-romano ma solo due templi sono stati scavati. Degli altri templi abbiamo solo individuato la base attraverso le fotografie aeree.

Nell' Insula XVI, accanto al teatro e al forum, c'era un grande edificio eretto alla fine del I sec. a.c., che l'intera insula aveva successivamente occupato. Questo era circondato da mura e situato a nord del teatro, con cui era in contatto. Nel centro del quartiere c'era il vero tempio con una cella centrale, un maneggio e due estensioni allungate non ancora identificate.

Nel sud della città, esattamente di fronte ad una delle porte della città, è stato scavato un piccolo tempio, stranamente di forma triangolare, forse a causa del poco spazio che aveva a disposizione. Era stato eretto alla fine del I sec. a.c, successivamente occupato da una piccola insula.



LE CHIESE

Dal IV sec. d.c., il cristianesimo era la religione di stato nell'impero romano, tuttavia non sono stati rinvenuti oggetti con simboli cristiani, almeno fino ad oggi, in Verulanum. Una prova scritta dell'esistenza di una chiesa nella città la offre il monastero anglosassone benedettino, attraverso il teologo e storico Beda. Dov'era la chiesa non è chiaro. Tuttavia, in letteratura tre edifici sono discussi come potenziali chiese, ma nessun edificio si è dimostrato essere stato una chiesa.

Uno degli edifici è nel quartiere del Tempio dell' Insula XVI, sin dal suo ingresso nord-ovest, che secondo la ricostruzione, potrebbe essere stato una chiesa chiusa. Un edificio di 15,8 m di lunghezza e 12,5 m di larghezza dell' insula IX, o forse una basilica, è stato preso in considerazione per la pianta per una chiesa. Una prova di tale interpretazione tuttavia non esiste.

Nel 1966 di fuori della ex città, circondata da un terreno di sepoltura, di almeno 6 m di lunghezza e 3 m di larghezza c'era un edificio con abside che per la forma e la posizione si è supposta essere stata una chiesa cimiteriale, ma neanche qui vi è alcuna prova che se ne facesse un uso ecclesiastico.


LE MURA

Dalla metà alla fine degli anni 40 d.c. sul sito sorgeva un forte con poderose mura. Il più antico sistema di difesa della città, un terrapieno con fossato che racchiudeva un'area di 47,6 ha, risale più o meno al 60 d.c. Però non si sa se esso risalga a prima o dopo il saccheggio della città da parte della regina Boudicca nel 61.

Un bastione in legno e terra iniziato nel tardo II sec., che racchiudeva un'area di 93,6 ha, non fu mai terminato; il muro di cinta in pietra, invece, che comprende un'area di 81,3 ha, appartiene al periodo che va dal 265 al 270 d.c.., anche se non tutta l'area interna alle mura era edificata. Di questa cinta restano notevoli tratti.

LE MURA

LE TOMBE

Una tomba del 50 d.c. venne scoperta nel 1991-92, posta entro un'area rituale di circa 2 ha di estensione a Folly Lane, fuori della città romana, che sembra essere la sepoltura di un membro dell'aristocrazia dei Catuvellauni, forse un «re cliente» insediatosi poco dopo la conquista romana.

Essa faceva parte di una necropoli del King Harry Lane, la più importante della tarda Età del Ferro, che ospitava ben 472 sepolture, a seguito di una lunga continuità di sepolture, tanto è vero che alcune tombe avevano un corredo di oggetti importati del mondo romano, e sicuramente molte erano proprio della conquista romana.



IL MUSEO DI VERULAMIUM

Nel centro di St Albans, fondato da Mortimer e Tessa Wheeler nel 1930. c'è il museo Verulamium. Si spiega sia la storia del luogo nell'Età del Ferro, sia in epoca romana.

Inoltre, mostra gli importanti reperti archeologici, tra cui una delle migliori collezioni di pavimenti mosaici d'Inghilterra, tra cui la Conchiglia Mosaico a scagliola, la Venere di Verulamium, figurina in bronzo, e molti altri manufatti.



1 comment:

Giannino Tirapelle on 26 luglio 2017 22:21 ha detto...

OK molto ok

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero