COLONIA ULPIA TRAIANA - XANTEN (Limes Retico)




La "Colonia Ulpia Traiana", ovvero la "Colonia Agrippina Ulpia Traiana" (abbreviato CUT), o "Castra Vetera" , era una città romana nella zona dell'attuale Xanten, una città della Renania Settentrionale -Vestfalia, locata nel distretto di Wesel, in Germania.

La Colonia Agrippina Ulpia Traiana fu fondata dall'imperatore Traiano (57 - 117), da cui prende il suo nome. Era una delle circa 150 città dell'Impero Romano che aveva lo status giuridico di Colonia Agrippina romana ed erano considerate "immagini di Roma".

PLANIMETRIA DELLA COLONIA (INGRANDIBILE)
Ulpia Traiana era la terza principale città romana a nord delle Alpi nella Germania inferiore, dopo di Claudia Ara Agrippinensium (l'odierna Colonia) e Augusta Treverorum (l'odierna Treviri). I loro edifici pubblici rappresentano lo stato elevato della città, che costituiva il centro di un'ampia area circostante.

Le rovine di Colonia Ulpia Traiana sono tra le poche nel nord Europa. I visitatori possono vedere i resti dell'anfiteatro di 12.000 persone, il bagno, un tempio e alcuni edifici e fortificazioni ricostruiti. Le rovine si trovano nel cosiddetto Parco archeologico (Archäologischer Park in tedesco).

Fondata oltre 2000 anni fa, Xanten (Castra Vetera, Colonia Ulpia Traiana o Tricensimae in latino) è una delle città più antiche della Germania. Secondo la leggenda, Xanten era il luogo di nascita dell'eroe mitologico germanico Siegfried, l'uccisore dei draghi nel Tesoro dei Nibelungi.



CASTRA VETERA I

Castra Vetera era il nome dell'antica fortezza legionaria della provincia romana della Germania inferiore, fortezza che si trovava nei pressi dell'odierna città tedesca di Xanten. Era posizionata lungo il fiume Reno, di fronte alle tribù germaniche dei Sigambri e degli Usipeti, a sud di Noviomagus Batavorum ed a nord di Novaesium.

L'area fu abitata da varie tribù celtico-germaniche almeno dal 2000 a.c. Nel 15 a.c., sotto l'imperatore Augusto, i romani costruirono un accampamento sulla cima di una collina, che chiamarono "Castra Vetera". 

Era la base principale della Classis germanica (marina romana per la Germania), che occupava da 8.000 a 10.000 legionari.

Castra Vetera fu distrutta durante la rivolta dei Bataviani nel 70 d.c.., e fu costruito un secondo campo su Bislicher Insel (cioè un'isola sul Reno). "Castra Vetera II" divenne il campo base della Legio VI Victrix ("Vittoriosa").

La protezione e le opportunità economiche offerte dal campo romano hanno portato allo sviluppo di un insediamento nelle vicinanze. 

RESTI DEL TEMPIO DEL PORTO DI COLONIA

CASTRA VETERA II

Il primo castra legionario semi-permanente dovrebbe essere stato di poco successivo al 20 a.c., quando Augusto ed il futuro imperatore Tiberio, si recarono in Gallia nel 16 a.c.. Questo primo accampamento, costruito in legno e terra, fu fondato sul Fürstenberg vicino alla moderna Birten, e rimase attivo fino alla distruzione avvenuta in occasione della Rivolta batava del 70.

Arrivò ad ospitare fino a 10.000 legionari, fungendo anche da base per la Classis Germanica. La posizione strategica dell'accampamento, costruito su di una altura, permetteva il controllo della confluenza del Reno e del Lippe.


Venne fondata attorno al 16-13 a.c. da Druso Maggiore (38 a.c. - 9 a.c.) come accampamento (castrum) per l'esercito romano assoldato nella campagna di conquista della Germania. Nel 110, aveva raggiunto una popolazione da 10.000 a 15.000 abitanti, e gli furono dati i diritti di una Colonia dall'imperatore Marco Ulpio Traiano, che ribattezzò la città "Colonia Ulpia Traiana".

Divenne il secondo posto commerciale più importante nella provincia della Germania inferiore, solo da Colonia Agrippinensis (moderna Colonia). Nel 122, la "Vetera II" divenne il campo della Legio Ulpia XXX Victrix, che sostituì la VI Victrix, che era stata inviata in Britannia.

Le tribù germaniche (principalmente i Franchi) fecero irruzione nell'area molto frequentemente a partire dal III secolo e riuscirono a distruggere la colonia nel 275. Una nuova città, chiamata "Tricensimae", fu allora ricostruita, più piccola ma meglio fortificata e più facile da difendere. I Franchi continuarono le loro incursioni, alla fine conquistarono la città all'inizio del V secolo e si insediarono nell'area.

RESTI DELL'ANFITEATRO IN PARTE RICOSTRUITO

TRICENSIMAE

Tricensimae era il nome di una grande fortezza romana di tarda antichità a Xanten sul Basso Reno. Il suo nome potrebbe essere legato all'esistenza della Legio XXX Ulpia Victrix, una legione romana arruolata dall'imperatore Traiano nel 105 in occasione delle sue campagne in Dacia, almeno secondo le notizie che abbiamo fino ad ora.

Il campo fu costruito tra il 306 e il 311 d.c., probabilmente sotto l'imperatore Costantino sulle nove insulae centrali della Colonia Ulpia Traiana. Le sue dimensioni erano di 400x400 metri, aveva pareti spesse 4 metri con 48 torri ed era circondato da due fossati. 

Il materiale da costruzione non proveniva, come nella costruzione di Colonia, da molto lontano. C'erano, infatti, pietre appena fuori dai cancelli. Inoltre, la pulizia del terreno antistante aveva anche uno scopo militare. 

Ogni rudere era un'ostruzione visiva per i difensori e anche un potenziale nascondiglio per gli aggressori. Il motivo dell'intensificazione delle fortificazioni proveniva dal pericolo del saccheggio dei Germani.

Nel 352 d.c., Tricensimae fu prima conquistata dai Franchi e poi ricostruita nel 359 d.c.. Nella prima metà del V secolo d.c., l'insediamento fu infine abbandonato. Probabilmente non era più sicuro nonostante le spesse mura.

RICOSTRUZIONE DELLA PORTA DI ENTRATA AD ULPIA TRAIANA

SAN VITTORIO CRISTIANO

Victor Christian (Vittorio Cristiano) di Xanten fu al seguito di San Maurizio, uno dei membri più influenti della Legione nel 363 vicino all'attuale città di Birten. Il nome cristiano gli deve essere stato aggiunto poi, perchè nessuno avrebbe arruolato un cristiano nell'esercito romano.

Vittorio di Xanten disubbidì non solo come civile ma anche come soldato, perchè la sua religione cristiana gli impediva di uccidere. In qualità di insubordinato, fu giustiziato, divenne martire, come tutta la sua leggendaria legione tebana ed i suoi leggendari compagni di fede, fatto rapidamente santo dalla Chiesa cattolica.

Nella seconda metà dell'VIII secolo, fu costruita una chiesa sul presunto luogo di sepoltura di Viktor nel vecchio cimitero romano, e chiamato Sanctos super Rhenum ("San sul Reno"). Conosciuto anche come Ad Sanctum, i Franchi chiamarono il luogo di Santen, che alla fine si è evoluto in "Xanten". Questa prima chiesa è dove ora sorge la Cattedrale di San Viktor.





0 comment:

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero - Info - Privacy e Cookies