LA SCULTURA





I Romani furono insuperati architetti e ingegneri, ma nella scultura non raggiunsero quella ricerca del significato, dell'idealizzazione che alimentò la bellissima statuaria greca.

Il Romano aveva una grande concretezza e nulla faceva se non per uno scopo pratico. Per questo nella scultura eccelsero nei ritratti, estremamente suggestivi e somiglianti, con nessuna indulgenza o abbellimento della persona. Fosse pure un imperatore, il ritratto ne evidenziava i difetti e il carattere, anche nei tratti peggiori.

Nella scultura nutrirono grande ammirazione per le statue elleniche si che molte di quelle portroppo andate distrutte, si conoscono attraverso le copie eseguire dai Romani.

I Romani furono creatori di bellissime ville di cui ogni dominus fu l'improvvisato architetto, con gusti e bravura straordinari, e questo li portò ad attingere liberamente stili e linguaggi diversi. Lo stesso avvenne nelle opere pubbliche. Il famoso eclettismo dei Romani.


Ciò deriva da due ragioni fondamentali:
  1. i Romani erano nati dalla fusione di vari popoli e quindi abituati a fondere usi ed estetica, estendendo l'eclettismo ai ai popoli successivi, di cui presero liberamente ciò che affascinava, senza il vincolo di dover seguire uno stile.
  2. Per l'alta considerazione che i Romani avevano di sè come popolo, data la grande capacità di conquista e l'elevata civiltà rispetto ai popoli assoggettati, si ritenevano superiori a qualsiasi vincolo nell'arte, attingendo liberamente a ciò che vedevano. Non a caso Adriano, grande costruttore e stupendo ingegnere e architetto, copiò liberamente da tutti i capolavori dell'arte antica di ogni dove, occidentale e orientale.
I Romani furono grandi nei bassorilievi e negli altorilievi, con movimenti, prospettive e rilievi diversi.

L'esempio più spettacolare, a parte gli archi di trionfo e gli splendidi sarcofaghi, è la Colonna Antonina, una lunghissima sequenza di figure su una linea curva convessa come nella processione dove a sinistra le figure sono viste di tre quarti e di faccia, e all'estrema destra di dorso mentre entrano sotto l'Arco di Trionfo.

In questa e in tante altre opere la scultura si distaccò dalla matrice ellenistica trovando un suo stile e nuove tecniche.

Fece parte del carattere dei Romani dedicare scultura e architettura all'utilità e alla celebrazione, che aveva anch'essa un'utilità.

Non ebbe l'idealizzazione e la ricerca dell'estetica e dell'equilibrio dell'arte greca, in quanto i valori dei Romani non erano d'evasione filosofica ma di trovare il meglio nella vita quotidiana, pur mantenendo in questi un equilibrio di continenza e di moralità, sganciata da obblighi religiosi, ma relativa alla dignità dell'individuo e ai suoi doveri rispetto alla patria e alla società. In questo i Romani furono stoici ed epicurei insieme.




ARTICOLI CORRELATI



0 comment:

Posta un commento

Post più popolari

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero