BUSTUM AUGUSTI - USTRINUM DOMUS AUGUSTAE


0 comment
LA CREMAZIONE DI AUGUSTO
"L'ustrinum, o crematorio, appartenente al mausoleo di Augusto nel campus Marzio, chiamato Bustum Augusti o Ustrinum Domus Augustae, o Ustrinum della Casa di Augusto, è descritto da Strabone (V.3.9, p.236) come un recinto di travertino con una griglia metallica, presumibilmente in cima al muro, e piantato all'interno con pioppi neri."
(Topographical Dictionary of Ancient Rome di Platner e Ashby)

LA FRECCIA ROSSA INDICA LA POSIZIONE DELL'USTRINUM

IL RITO DELLA CREMAZIONE

Il rito della cremazione (crematio) si svolgeva così. Gettati fiori o corone sulla catasta lignea (rogus), le si dava fuoco fra nenie di lamento e si versavano sulle fiamme vino o profumi. Spente le brace, si raccoglievano fra le ceneri le ossa combuste del morto; che talvolta si aspergevano con vino o con miele. 

Accuratamente asciugate, si racchiudevano nell'olla o nell'urna, che veniva deposta nel sepolcro con alcuni vasetti di olio o di unguenti. Eccezionalmente si costruirono entro Roma, a parte l'Ustrinum imperiale presso il mausoleo di Augusto (Augusteum) nel Campo Marzio, il Bustum Adrianum e il grandioso Ustrinum Antoninorum, anch'esso nel Campo Marzio, identificato nel 1703 dall'architetto Francesco Bianchini, nei pressi della piazza di Montecitorio e precisamente dove sorgeva la chiesa e la casa dei Missionarii.

Un altro ustrinum imperiale fu messo in luce, vicino al precedente, nel 1910 durante i lavori di fondazione del nuovo braccio del palazzo di Montecitorio, dove ora sorge l'aula parlamentare. Questi ustrina erano formati da un recinto quadrato a pilastri di travertino con inferriata, di circa m. 30 di lato (100 piedi romani). Seguiva un secondo recinto di 23 m. di lato; nel mezzo vi era una base quadrata di 13 m. di lato (cfr. Herodian, IV, 1). 



L'USTRINO DI AUGUSTO

Il sito della pira funeraria dell'imperatore Augusto, l'ustrino della casa di Augusto, era situato nel Campo Marzio, vicino al Mausoleo di Augusto, e il suo ustrinum era invece che quadrato, di forma circolare (Strab., V, 3, 8).

Anche le colonne rostrate erette presso l'ustrino di Augusto, cosi come di quelle di Antonino Pio e di Marco Aurelio, significativamente vicine agli ustrini imperiali, hanno un significato funebre. II ruolo di elevare un uomo sopra gli altri, riconosciuto dagli autori antichi alle colonne onorarie, si adatta del resto perfettamente alla concezione imperiale della morte del principe come apoteosi, evocata nel noto rilievo della base della Colonna di Antonino Pio.


I CIPPI

Gli scavi del 1777 all'angolo tra il Corso e via degli Otto Cantonia portarono alla luce sei grandi cippi rettangolari di travertino, con iscrizioni di vari membri della domus Augusta, dei tre figli di Germanico, di sua figlia, di Tiberio figlio di Druso e di un certo Vespasiano (CIL VI.888-893) e di una bella urna di alabastro (HF 213).

È molto probabile che questi cippi, o comunque i primi tre, che terminano tutti con la formula "hic crematus est", appartenessero all'ustrinum, e che questo giacesse sul lato est del mausoleo (HJ 620); mentre il quarto e il quinto, che portano la formula "hic situs (o sita) est", possano essere appartenuti al mausoleo. Hirschfeld, tuttavia, esclude questa possibilità, soprattutto per il materiale e la forma dei cippi (Berl. Sitz. Ber. 1886, 1155-1156 = Kleine Schriften, 458-459).

Questi cippi avevano iscrizioni di vari membri della famiglia imperiale, i tre figli e una figlia di Germanico, Tiberio figlio di Druso, e un certo Vespasiano non meglio identificato. È molto probabile che questi cippi, o comunque i primi tre, che terminano tutti con la formula "hic crematus est", appartenessero all'ustrinum. Ciò collocherebbe l'ustrino sul lato est del mausoleo.

Se questa ipotesi è realistica, il quarto e il quinto cippi, che portano la formula "hic situs (o sita) est", potrebbero essere appartenuti al mausoleo. L'archeologo tedesco Otto Hirschfeld, tuttavia, esclude questa possibilità, soprattutto a causa del materiale e della forma dei cippi.

Il governo di Mussolini scelse l'area intorno al Mausoleo di Augusto come sede della ricostituita Ara Pacis. Diversi isolati della città furono quindi rielaborati per l'occasione, ed è per questo che la Piazza degli Otto Cantoni fu ribattezzata Piazza di Augusto Imperatore.

Vedi anche: MAUSOLEO DI AUGUSTO


BIBLIO

- F. Carlos Noreña - Locating the "Ustrinum" of Augustus - Memoirs of the American Academy in Rome - Vol. 58 - University of Michigan Press -  2013 -
- Sesto Aurelio Vittore - De Caesaribus -
- Gaio Svetonio Tranquillo - Vite dei Cesari -
- Santo Mazzarino - L'Impero romano - Roma-Bari - Laterza - 1973 -
- Howard Hayes Scullard - Festivals and ceremonies of the Roman republic - 1981 -


 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero - Info - Privacy e Cookies