Quale forma religiosa di origine romana manterreste oggi?

CULTO DI ERECURA




DEA AERICURA SCOPERTA NEL CANNSTATT


LE ORIGINI DEL NOME

Le origini del suo nome non sono chiare. Venne connessa con i latino aes, aeris 'rame, bronzo, moneta, ricchezza', era detta 'La Signora' e in greco corrispondeva alla Dea Hera. Molte forme latinizzate di nomi di Dee si rifanno ad essa:

- Aeraecura a Perugia (Italia);
- Aerecura a Mainz (Francia), Xanten (germania), Aquileia (Italia) e Roşia Montană (Romania);
- Aericura a Sulzbach, Malsch (Germania),
- Eracura a Mautern, Austria,
- Ercura a Fliehburg (Germania),
- Erecura a Cannstatt, Tongeren (Belgio) e Belley in Aube (Francia);
- Heracura a Stockstadt am Rhein (Germania),
- Herecura at Cannstatt (Germania), Freinsheim e Rottenburg am Neckar (Germania), dove è stata anche trovata la forma Herequra.

L'alternanza tra la H iniziale e la A iniziale può essere dovuta a forma simile alle lettere usate nelle iscrizioni epigrafiche dell'impero romano, in particolare dal momento che i membri meno alfabetizzati della comunità dell'Impero, a volte fraintesero il valore fonemico di una data lettera. A nome del modulo * / airekura / * / (h) eːrekura o / sembra essere alla base delle alternanze Aeraecura ~ ~ Aerecura Aericura ~ ~ Eracura Ercura ~ ~ aera cura Heracura ~ ~ Herecura Herequra.



LE ORIGINI DEL CULTO


Lo studioso Xavier Delamarre ritiene che Erecura sia di origine Celtica e si propone di scomposizione come * ERI-Cura, 'Vento del West'.

Lo studioso Garrett Olmsted è interessato alla scomposizione, e asserisce che il primo elemento del suo nome "eri" potrebbe essere un prefisso intensivo ' di andare al di là ', mentre il secondo elemento "cura" potrebbe venire dal termine "kueru", nel significato di "macinare, mulino, farina". Secondo lui, Ericura significherebbe 'Prima del pane', quindi una Dea della panificazione, una specie di Dea Furrina.

Tuttavia, il fatto che il suo culto sia concentrato in Germania meridionale e nel Nord-Ovest dei Balcani tenderebbe a dimostrare che la Dea sia di origine germanica. Ella è infatti citata nelle iscrizioni provenienti da:

- Mainz, Sulzbach, Stockstadt, Monterberg, Xanten, Iversheim, Cannstatt, Mautern, (Germania),
- Beetgum e Holledorn (Paesi Bassi),
- Langres (Haute-Marne), Belley (Ain), (Francia)
- Roma, Aquileia e Perugia (Italia),
- Verespatak (Romania)
- Announa (Tibili) in Numidia (oggi Algeria), che era una provincia romana.

Erecura o Aerecura (nominata anche come Herecura o Eracura) è sicuramente una Dea venerata in tempi molto antichi, spesso creduta di origine celtica, per lo più rappresentata con gli attributi di Proserpina e associata con il sottosuolo del Dio romano Dis Pater, come trovato menzionato su un altare da Sulzbach.

Appare con Dis Pater in una statua trovata a Oberseebach, in Svizzera, e pure in diversi testi magici reperiti in Austria, poi compare una volta in compagnia di Cerberus e una volta con Ogmios (od Ogma). Un'ulteriore iscrizione a lei dedicata è stata trovata nei pressi di Stoccarda, in Germania.

Oltre che con i suoi simboli ctonii, Erecura è spesso raffigurata con attributi di fertilità come cestini ricolmi, la cornucopia e la mela. Viene di solito raffigurata in postura seduta, come una Mater Matuta, indossa una veste che la copre fino ai piedi e tiene vassoi e cesti di frutta. Sovente porta dei calzari., che certamente sono un'aggiunta successiva del culto.

Nelle raffigurazioni di Cannstatt e Sulzbach, Miranda Verde chiama Aericura una "gallica Ecuba", Ora Ecuba era la moglie di priamo nell'Iliade, ma in un mito precedente fu senz'altro una Dea tanto che venne ritenuta figlia del fiume Sangario e della ninfa Evagora. Il fatto che diede alla luce 50 figli (altri miti danno versioni diverse) corrobora il suo ruolo di Dea Madre Terra.

Anche Noémie Beck la caratterizza come una "Dea Terra" condividendone entrambi gli aspetti dell'Ade e di fertilità con il Dis Pater. Del resto ogni Dea Tellus aveva tre aspetti, in qualità di coeli che dà la vita, che nutre, e che dà la morte. Quest'ultimo aspetto riguarda pertanto l'aspetto infero, mentre gli altri due sono collegati alla fertilità del suolo e degli animali.

Rappresentazioni di Aera Cura si trovano pure nella zona danubiana della Germania meridionale e la Slovenia, ma si sono reperite anche in Italia, Gran Bretagna e Francia. Le sue iscrizioni sono concentrate a Stoccarda e lungo il Reno. Diversi monumenti in onore di Aera Cura sono stati rinvenuti nei cimiteri o in altri contesti funerari, per il suo aspetto ctonio.


LE MATRES
Jona Lendering nota la somiglianza tra la sua iconografia e quella di Nehalennia, venerata nella Germania Inferiore, mentre Beck non vede alcuna differenza significativa tra i suoi attributi e quelli delle Matres e Matronae, che in effetti richiama molto.

Geograficamente, le aree in cui sono state adorati Aera Cura e Dis Pater, sembrano essere in distribuzione complementare con quelle in cui è attestato il culto di Sucellos e Nantosuelta, ed Emile Beck suggerisce che questi culti erano funzionalmente simili, anche se iconograficamente distinti.

Una divinità maschile chiamato Arecurius o Aericurus prende il nome su un altare in pietra nel Northumberland, in Inghilterra, anche se Beck avverte che "questa iscrizione è abbastanza incerta, e potrebbe essere una lettura errata del nome Mercurio".ipotesi sicuramente da condividere.

Anche se la Dea può essere di origine celtica, il che non è ancora provato, la questione aperta è se il nome è di origine celtica o addirittura indo-europea. Jona Lendering considera il suo culto invece di origine illirica, con diffusione da Aquileia per poi raggiungere le regioni di confine del Danubio e del Reno attraverso le truppe romane schierate lì. Lo studioso Patrice Beck ritiene invece che il nome sia di origine germanica


DIS PATER

Comunque il Dis Pater, che nella foto sopra compare come Dio degli animali, un po' la controparte della Ptonia Theron, La Signora delle Belve, ha oltre agli animali l'attributo del serpente che lo riconduce direttamente alle Dee.Terra, tutte fornite da sempre di questo attributo.

Gli studiosi a volte riferiscono di un Dio Arecurius, onorato in una iscrizione da Corbridge (Northumbria, GB): ovvero Deo Arecurio. Si deve tuttavia tener presente che questa iscrizione è abbastanza incerta, e potrebbe essere facilmente una lettura errata della Mercurio.

Due delle iscrizioni di Cannstatt riportano una rappresentazione della Dea. Il primo la ritrae con una veste drappeggiata, seduta e in possesso di un cesto di frutta. L'iscrizione, incisa ai suoi piedi, si legge:

- [Lei] ecur (a) e SIG (num) Val (erius) [...] VSLM  -

L'altro rilievo è mutilato e ne rimane solo la parte inferiore, per quel vezzo distruttivo del monoteismo di devastare ogni opera d'arte riferentesi al politeismo. L'iscrizione è incisa sotto una Dea seduta, che indossa vestito e scarpe e tiene un cesto di frutta in ginocchio:
- Herecur (a) e Cottus G [...] i (filius) ex voto suscepto posuit v (otum) s (olvit) l (Ibens) l (aetus) m (erito) -

Aericura non mostra tutti insieme tutti gli attributi distintivi che le sono propri. E 'raffigurata solo con gli attributi di fertilità e non si fa distinguere nella iconografia della Matres e Matronae. Molti altri rilievi dello stesso tipo, che rappresentano una Dea seduta simile con le scarpe e un cesto di frutta, sono stati scoperti in zona. Questo tipo potrebbe essere una figurazione di Aericura, ma potrebbe ugualmente essere una rappresentazione di una qualsiasi Dea Madre.

Su un altare mutilato da Sulzbach, vicino Carlsruhe (Germania), scoperta nel 1813 in una grotta, Aericura è rappresentata seduta accanto al Dio Dis Pater, come indica l'iscrizione incisa sulla zoccolo:

- I (n) h (onorem) d (omus ) d (ivinae) d (EAE) s (anctae) Aericur (AE) et Diti Pat (ri) Veter (ius) Paternus et Adie (CTIA) Pater (nA) -
Le loro teste sono ormai scomparse. Il Dio indossa una tunica e detiene un oggetto nelle sue mani, forse un libro aperto, mentre la Dea ha una lunga veste e un vassoio di frutta in grembo. Come mostra il nome, il Dis Pater era in origine un Dio della fertilità e dell'agricoltura. In seguito è stato riferito al regno dei morti ed è diventato il Dio romano degli inferi.

Egli è identico al Dio romano Pluto e corrisponde alla Hades greca. Emile Linckenheld e Vredeman De Vries dimostrano che la distribuzione del culto di Aericura e Dis Pater è complementare alla distribuzione del culto della Dea Nantosuelta insieme al Dio Sucellos. Praticamente le coppie di divinità si equivalgono.

SUCELLOS
Emile Lickenheld sostiene che le due coppie divine debbano essere emanazioni l'un l'altro, perché possiedono la stessa funzione agraria, ctonia e funeraria. Per quanto lo riguarda, Ericura e Nantosuelta hanno lo stesso carattere divino, come Sucellos e Dis Pater sono praticamente la stessa figura.

Quando Cesare nel De Bello Gallico scrisse del Dis Pater gallico, doveva riferirsi al « Dio col mazzuolo », che i Galli chiamano Sucellos, « il buon battitore » o « colui che ben colpisce ».

Il culto di Sucellos ha il centro in Gallia Narbonense, nella valle del Rodanoe della Sauconna, dove è venerato dalle tribù dei Vocontii, degli Allobroges e dei Sequani. 

Da qui il suo culto si spinse verso nord; Sucellos è ben conosciuto e venerato nella Gallia Belgica e nella Germania Superior. Tracce di un suo culto si trovano persino nella lontana Britannia.

Auguste Allmer e Vredeman De Vries rifiutano questa visione e sostengono in modo convincente che Dis Pater non può essere considerato come l'equivalente di Sucellos, dal momento che non porta gli stessi attributi, cioè il martello e la olla.

Inoltre, Nantosuelta ha un'iconografia specifica che la distingue nettamente da Aericura. Tuttavia, probabilmente condividono funzioni simili di prosperità e di benevolenza.
Da ciò ne consegue che la fede in una Dea che incarna la terra è di tradizione antichissima. Secondo i luoghi e tradizioni, ha preso vari nomi che si riferiscono alla terra, alla pianura o ad un campo. 
Sul continente, vi è evidenza di:
-  Dee Litavi ( 'Terra'), 
- le Matres Mageiae ( 'le Dee madri del campo?'), 
- Il Magiseniae ( 'i campi antichi') 
- Nantosuelta ( 'Winding Brook' o ' Meadows '?)
- In Irlanda di Ériu (' Terra '), Tailtiu (' Terra 'o' normale ') e Macha (' Field '). 

La personificazione della terra è, inoltre, ben illustrato nella letteratura medievale irlandese, che a volte mostra come il corpo di una Dea dà forma al paesaggio. Inoltre, alcune leggende sottolineano chiaramente le funzioni agrarie  delle Dee ancorate alla terra, gli esempi più rilevanti che sono  quelli della Dea Mórrígain che ara il suo pezzo di terra o di Tailtiu che muore di stanchezza dopo aver eliminato le foreste e scavata la piana di Brega.

Gli attributi agrari nell'iconografia di Aericura ne 
illustrano chiaramente il ruolo di Dea-Terra. La sua associazione con Dis Pater la conferma, tanto che questo Dio è stato originariamente venerato come un fornitore di ricchezza. Come Dis Pater era anche il signore del regno dei morti, Aericura potrebbe essere stata collegata alla morte e dotata di un aspetto funerario. 

Questi diversi elementi sono  da confrontare con la Dea romana dei morti Ecate, che in origine era una Dea erogatrice della fertilità del suolo, della fortuna e della vittoria. Hanno anche il suo parallelo con la Dea Persefone greca, l'equivalente della Dea romana Proserpina, che in primo luogo ha presieduto le colture e la germinazione delle piante, prima di sposare Plutone e regnare sul mondo dei morti 

Questi esempi mostrano che le Dee ctonie erano strettamente legati a morte. Ciò può essere spiegato dal ciclo eterno della natura che consiste di nascita, morte e rinnovo. Infine, la dimensione funeraria di Aericura potrebbe essere evidenziato dal fatto che i suoi rilievi e le sue iscrizioni sono state scoperte nei cimiteri, come ad esempio in Cannstatt, o associata con pietre funerarie, per esempio a Rottenburg.


IL COMPENDIO

DEA CELTICA
Erecura fu Dea adoratissima di tutta la zona est dell'impero romano, fino al confine retico, nonchè delle zone del nord europa, sempre incluse nell'impero romano. 

Come sempre molti legionari adottarono queste divinità, a volte assimilandole a quelle romane, infatti Erecura venne spesso assimilata a Ecate.

Ma spesso la Dea veniva anche adottata com'era, e così accettata in quanto aveva bene o male protetto il paese che ne ospitava il culto.

Stranamente il fatto che la zona fosse stata occupata dai romani non veniva vista dai legionari come una sconfitta per il nemico, ma come una benevola opportunità che gli Dei concedevano a quella terra, di essere governata e civilizzata dai romani. 

In effetti la dominazione romana era in genere un salto di qualità per la prosperità, i commerci e l'arte del popolo occupato, anche se toglieva potere ai capi e ai dirigenti sottoponendoli alla legge romana.

Per quanto il codice civile e penale romano poco s'intrometteva nelle consuetudini locali, di certo non consentiva ai capi tribù di uccidere chi volesse sfidarli, nè ai padri di famiglia di uccidere a piacimento mogli e figli. Di certo i romani portarono civiltà e cultura tra i barbari.




ARTICOLI CORRELATI



0 comment:

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero