ALERIA (Francia)



ALERIA (by Jean Claude Golvin)
Aleria, antica città romana di Alalia, è oggi un comune francese situato nel dipartimento dell'Alta Corsica, nell'isola della Corsica. È il centro maggiore della parte centrale della costa orientale dell'isola, posto a metà strada tra Bastia e Porto Vecchio (in epoca romana Portus Syracusanus), in una zona pianeggiante alla foce del fiume Tavignano, il secondo fiume della Corsica.

Focea era una città greca della Ionia, fondata sul sito della odierna città di Foça (o Eskifoça) in Turchia, a circa 60 km a nord-ovest di Smirne. A causa dell'invasione della Lidia e della Ionia da parte di Ciro il Grande (590 a.c. - 530 a.c.), i focei scapparono salpando sulle loro navi per cercare nuovi territori dove vivere liberi.

Così nel 565 a.c. i coloni greci focei fondarono nel luogo un emporio col nome di Alalia (Ἀλαλίη in greco antico) e dal 546 a.c.,  l'emporio venne incrementato dall'arrivo dei Focei profughi dalla città ionica. Come narra Erodoto, la città entrò in contrasto con gli Etruschi ed i Cartaginesi che si confederarono per conquistarla.


La guerra sfociò nella Battaglia di Alalia svoltasi, tra il 541 a.c. e il 535 a.c., nelle acque della città e nella quale la flotta focea, con le loro 60 pentecontere (nave a propulsione mista essendo sospinta sia dalla vela che dalla voga di 50 marinai), fronteggiarono una flotta di dimensioni doppie.
Nella battaglia navale i Focei riuscirono a respingere i nemici subendo però gravi perdite: quaranta delle loro navi erano distrutte. Le rimanenti, danneggiate nei rostri, quindi erano inservibili per la guerra.
L'esito dello scontro li convinse ad abbandonare la città per dirigersi verso l'Italia meridionale, dove fondarono Elea (poi Velia romana).
Da quel momento la Corsica passò sotto il controllo cartaginese ed etrusco. I tempi che seguirono videro il delinearsi di due distinte sfere d'influenza politica, la greca e la punica, sui mari e sul suolo della penisola italica. All'interno di questi equilibri sarebbe avvenuta la formazione e l'ascesa di un nuovo soggetto politico, la potenza emergente di Roma.


La riconquista dell'egemonia greca sul Tirreno dovrà aspettare più di mezzo secolo: la battaglia navale di Cuma vinta dai siracusani nel 474 a.c., assesterà un duro colpo al dominio navale e alle mire espansionistiche degli Etruschi, indebolendone il controllo su Roma e sulle vie commerciali verso la Campania etrusca.

Nonostante gli eventi successivi, tra cui la sconfitta dei Cartaginesi ad Imera, rimarrà ancora l'attrito tra le due residue sfere d'influenza in Sicilia e nel Mediterraneo occidentale: la greca e la punica. Toccherà a Roma il compito di annientare l'ingerenza cartaginese, affermandosi regina dei mari e quindi dei commerci. Al termine delle guerre puniche quel mare da sempre conteso, diventerà il Mare Nostrum romano.
Nel 259 a.c., durante la prima guerra punica, una guerra lunga ben 20 anni, Alalia venne occupata dai Romani e cambiò il proprio nome in Aleria. Sotto Augusto venne ricostruita con splendidi monumenti e divenne capoluogo dell'isola arrivando ad avere circa 20.000 abitanti. La Corsica rimase una provincia dell’impero romano per oltre 500 anni di relativa stabilità.

RESTI DELLE STRADE ROMANE DI ALERIA

SANTA DEVOTA

Il cristianesimo vi arrivò intorno al 60 d.c. e qui venne martirizzata Santa Devota, morta durante una persecuzione a Mariana (Corsica) nel 304. La persecuzione di Diocleziano che andò dal 303 al 311.
Si dice fosse stata imprigionata e torturata a morte. 

Il governatore romano pare avesse ordinato di bruciarne il corpo, che venne invece nottetempo trafugato da due devoti per dare una sepoltura cristiana alla giovane martire. Diretti in Africa, a causa di una tempesta furono dirottati a Les Gaumates, (oggi Principato di Monaco), e secondo la tradizione dal corpo della santa uscì una colomba che indicò la via ai due uomini.

Quando l'imbarcazione con il corpo della santa approdò, nel 312, fu trovato un inusuale roseto fiorito e, poco distante, il corpo di Devota che nel frattempo (erano passati ben otto anni) non solo non si era decomposto, ma si era volatilizzato dalla barca per riapparire tra le rose.

All'epoca le spoglie dei santi procuravano grandi benefici alla chiesa perchè i fedeli facevano senza riserve doni alla sacra spoglia di denari e di ori e argenti per ottenere le grazie. Nello stesso luogo fu costruita poi una cappella che, rifatta e ampliata, esiste ancora oggi.



LA DECADENZA

L'occupazione vandala fu l'inizio del decadimento di Aleria finché la barbarie dei Saraceni non la distrusse completamente. Ma il peggio avvenne con l'impaludamento del porto e l'arrivo della malaria che costrinse gli abitanti a migrare verso l'interno. 

Intorno al 1240 Aleria fu assoggettata alla Repubblica Marinara di Pisa, finché non fu conquistata dai genovesi che nel 1572 costruirono un forte, detto poi "di Matra", a presidio della foce del Tavignano e vi insediarono abitanti del luogo. 



GLI SCAVI

Nel 1840 fu lo scrittore francese Prosper Mérimée a scoprire i resti dell'antica città, ma solo nel 1920 incominciarono i primi scavi veri e propri.

Attualmente è possibile visitare le rovine dell'antica città e il forte di Matra, costruito nel XIV secolo e che ospita il museo archeologico di Aleria. Classificato come monumento storico il 18 dicembre 1990, il sito archeologico è gestito dal Dipartimento di Archeologia della Collettività Territoriale della Corsica che garantisce il mantenimento, la protezione e il recupero.


VASI GRECO-ROMANI

DESCRIZIONE

Individuato da Prosper Mérimée nel 1840, il sito archeologico di Aléria si trova su un altopiano tabulare che domina la pianura orientale della Corsica. Ma solo nella metà del XX secolo, gli scavi hanno portato alla luce il foro e gran parte della città romana che è attualmente visibile.

Nella parte superiore del promontorio, i resti architettonici corrispondono al centro della città romana, dove due templi e un pretorio incorniciano a est e ovest un foro fiancheggiato da passerelle.

Mentre il nord e l'ovest dell'altopiano sono naturalmente protetti da una forte pendenza del terreno, il limite meridionale della città è segnato da una successione di due, anche tre bastioni sovrapposti di cui due pre-romani mentre l'ultimo è Epoca romana.
Oggi è molto visitato anche il sito archeologico che riunisce un tratto di mura dell’epoca greca, una necropoli pre-romana, e le vestigia della città e di alcune ville romane.

LO STAGNO DI DIANA

LO STAGNO DI DIANA

"A pochi chilometri da Alalia, lo stagno di Diana doveva proteggere una flotta commerciale e prestarsi alle evoluzioni di una flotta di guerra. Iniziò così a emergere un impero greco nel Mediterraneo occidentale " .
(Tacito, Storie , L. II.).

In epoca romana lo stagno di Diana era il "porto di Diana", dove prestava servizio la flotta di Miseno la cui base navale romana era situata vicino a Napoli. I romani già all'epoca apprezzarono le ostriche dello stagno.

"Buoni cavalieri e buona fanteria, i corsici erano anche eccellenti marinai. La flotta di Misene aveva due stazioni sull'isola, una ad Aleria e l'altra a Mariana. Il comando della flotta è stata esercitata da un trierarca galee
(Tacito, Storie , L. II.).

Il Museo dipartimentale di archeologia Girolamo Carcopino di Aleria è attualmente in fase di ristrutturazione e comprende diverse sale che raccontano più di dieci secoli di storia di Aleria e Corsica, dal X secolo a.c. al V secolo d.c..
Nella prima sala sono esposti reperti e resti di epoca romana, in particolare tutto ciò che riguarda attività economiche, vita quotidiana, ma anche religione o riti funebri (un busto in marmo che rappresenta Giove Hammon, o il diploma militare presente nelle vetrine sono tutti elementi emblematici di questo periodo).





0 comment:

Posta un commento

 

Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero